Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa straniera  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Eggers Dave - Il cerchio

Il cerchio TitoloIl cerchio
AutoreEggers Dave
Prezzo € 20,00
Dati2014, 391 p., brossura
TraduttoreMantovani V.
EditoreMondadori  (collana Scrittori italiani e stranieri)
  
 Disponibile in eBook a € 7,99

Attualmente non disponibile su IBS
Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ti avviseremo quando il libro tornerà disponibile (Informativa sulla privacy)

12 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri

Descrizione

Nuova edizione Oscar disponibile Clicca qui


"Questo non è un romanzo sul potere di Google sulle nostre vite, ma su quello che rimane delle nostre vite nell'era di Google".

Mae Holland crede di aver fatto il colpo della vita quando viene assunta al Cerchio, la più influente azienda nella gestione di informazioni web (un incrocio tra Facebook e Google). Il Cerchio si occupa di intrecciare tra loro i dati provenienti dalle mail, i social network, i conti bancari, in una società dove la trasparenza è sempre più una parola d'ordine a discapito della privacy. Inizialmente Mae è eccitata da tutto quanto riguarda il suo nuovo lavoro: gli open space avvenieristici, le palestre e le piscine distruibuite ai piani, la zona riposo con i materassi per chi si trovasse a passare la notte al lavoro, le feste organizzate e le gare sportive, i club e perfino un acquario con rarissimi pesci tropicali... Mae continua a considerarsi fortunata anche quando la vita al di fuori del Cerchio non è più altro che un miraggio lontano, anche quando un ex collega la incontra per farla riflettere su qualche operazione di cui le sfuggiva il senso, anche quando la sua stessa vita inizia a diventare sempre più pubblica, trasparente al mondo esterno. Presto quella che sembrava la storia delle idealiste ambizioni di una donna, diventa una storia di suspense, un'interrogazione a tutto campo sulle questioni della memoria, della privacy, della democrazia e dei limiti (valicabili o meno) per la conoscenza umana.

La voce della critica


  Tutto è scintillante e impeccabile al Cerchio, azienda che monopolizza il mercato tecnologico e digitale di un'America futuristica ma non troppo. Ma è proprio questa ostentata perfezione che rende il futuro descritto nel penultimo romanzo di Dave Eggers agghiacciante. Scrittore da sempre engagé e sensibile a tematiche sociali, con Il Cerchio Eggers volge l'attenzione verso il fenomeno della digitalizzazione e i suoi aspetti più controversi: la sorveglianza globale, i monopoli tecnologici, una socialità perlopiù apparente. La narrazione si apre con il primo giorno di lavoro di Mae Holland, ventiquattrenne fresca di laurea, nella società dei suoi sogni in California, il Cerchio appunto. Il campus, con i suoi palazzi di vetro immersi nel verde, le piscine, i cinema, i minigolf, le cascate e gli anfiteatri, è una versione iperbolica delle sedi delle tante aziende hi-tech che popolano la Silicon Valley. Il Cerchio è una società giovane che in poco meno di sei anni è riuscita ad assorbire Facebook, Twitter e Google e a creare una piattaforma per la gestione unificata dei nostri vari profili social, account di posta elettronica e metodi di pagamento. Al vertice troviamo tre personaggi simbolo di altrettante distinte anime americane: Ty, la giovane mente creativa che tanto ricorda Mark Zuckerberg; Bailey, il volto pubblico dell'azienda, tipico midwestern sornione e divertente, collezionista di quegli oggetti ormai obsoleti che sono i libri; e Stenton, lo spregiudicato amministratore delegato sempre pronto a trarre profitto dalle numerose innovazioni tecnologiche che si susseguiranno rapidamente in un delirio di utopistica onniscienza. Ben presto, infatti, la libertà individuale verrà sacrificata in nome del progresso tecnologico e la privacy diventerà furto, come dirà Mae in uno slogan di orwelliana memoria. Nel dipanarsi della storia, il lettore dovrà abbandonare la speranza di incontrare un qualsiasi tipo di levatura intellettuale, né in Mae né negli altri circler. La loro caratterizzazione è appena abbozzata, il loro agire è come assopito, e in maniera quasi automatizzata (o de-umanizzata, se vogliamo) lavorano a ritmi incessanti, perché "tutto quello che succede deve essere conosciuto". Se la narrazione è didascalica, anche i dettagli tecnologici dei nuovi prodotti sono approssimativi, nebulosi. Ne Il Cerchio non c'è spazio per una riflessione profonda, né per una presa di coscienza da parte di Mae, la quale diventa ambasciatrice di un vero e proprio incubo totalitario. E se questa superficialità è ciò che non consente al lettore di entrare veramente nel mondo narrativo de Il Cerchio, è anche ciò che permette a Eggers di creare un senso di straniamento verso un mondo digitale in cui siamo tutti sempre più immersi. Eggers è guidato da un unico intento comunicativo: mettere il lettore in guardia verso un uso acritico di internet e dei social media; uso che potrebbe renderci tutti più instupiditi, come Mae Holland. La componente etica del romanzo ne esce quindi indubbiamente vincitrice: Eggers si interroga, e fa interrogare il lettore, sulla nostra concezione di umanità nell'era digitale. In un crescendo di isteria social, Mae sarà sempre più connessa e avrà un seguito digitale sempre più ampio, ma sarà anche sempre più sola. Unica voce fuori dal coro è Mercer, ex fidanzato di Mae che resta nel paese natale dell'entroterra californiano per produrre artigianalmente lampadari. A lui viene affidata la domanda centrale del libro: è ancora possibile comunicare direttamente, senza il filtro di strumenti che creano un'identità inevitabilmente distorta e frammentata? Ed è in questa necessità di una comunicazione più profonda, comunicazione che nel romanzo viene in tutti i modi negata, che in ultima analisi si coglie il fulcro della critica al "totalitarismo cibernetico" di internet (come è stato definito da Jaron Lanier, pioniere della realtà virtuale). Famoso per i suoi numerosi esperimenti paratestuali, Eggers si fa ancora una volta ambasciatore di un mezzo la cui fine è già stata annunciata più volte dall'avvento del digitale. Perché tra i vari, più o meno espliciti, substrati metaforici de Il Cerchio, c'è anche quello della scomparsa del libro. Attraverso la domanda di Mercer, Eggers sembra infatti ammiccare a un altro scrittore americano che ha più volte espresso scetticismo nei confronti dei nuovi media, Jonathan Franzen, il quale in una recente intervista sul "Guardian" si chiede: "Se la parola scritta è il luogo dove avviene una comunicazione più profonda, cosa succede se questo luogo scompare?" Il Cerchio sembra volerci fornire una risposta, e non è rassicurante.   Virginia Pignagnoli

I vostri commenti
12 recensioni presenti.  Media Voto: 3.91 / 5 | Invia recensione

Emanuele (26-08-2016)
Un mondo costantemente connesso, dove la privacy rischia di scomparire per sempre (considerata alla stregua di un reato) e la vita non è tale se non hai "followers", se non "tagghi" e non "posti". E' questo il tema de IL CERCHIO, un bel mix tra le inquietanti immagini di film come The Social Network, Gattaca e The Truman Show, senza dimenticare l'influenza dell'immortale romanzo di George Orwell, 1984. Davvero consigliato. Buona l'edizione italiana, nonostante qualche macchinosità nella traduzione, che rimane comunque di buon livello, considerata una certa complessità dell'opera.
Voto: 4 / 5
Cristina (27-02-2016)
peccato per la pessima traduzione: povera e spesso scorretta, a volte addirittura sgrammaticata
Voto: 4 / 5
Paola (10-01-2016)
Ciò che descrive Eggers è la realtà, nessuna esagerazione. Sta accadendo tutto quello che viene descritto nel libro. Non è catastrofismo. Abbassiamo un po' i numeri, rimane il progetto dei grandi network mediatici (a cui i governi mondiali fanno riferimento continuo) di controllare le nostre opinioni, di trasformare in reputazione tutto ciò che siamo e pensiamo. Se ci sei conti, se non ci sei scompari. Il libro è scritto bene, ha ritmo, non contiene giudizi, è scritto all'interno del cerchio in modo acritico, cinico, freddo. Condivisione è prendersi cura. E' la frase che più mi ha colpita. Dopo "Erano solo ragazzi in cammino" una conferma della capacità di scrittura di Eggers.
Voto: 5 / 5
Piero (07-09-2015)
Il libro merita la lettura solo per l'idea alla base della storia. La prosa è piatta, dialoghi irrealistici e descrizioni superficiali. I personaggi sono odiosi e di poco spessore, le loro azioni sono dettate da necessità di trama e non da loro caratteristiche intrinseche, facendo risultare il tutto un po' finto e comunque poco credibile.
Voto: 2 / 5
Mirko (10-08-2015)
Inquietante e spaventoso, Eggers ci regala un romanzo, tra realtà e finzione che delinea un futuro agghiacciante, in cui la tecnologizzazione arriva a pervadere ogni aspetto della vita, sino al punto da cancellare ogni concezione possibile del "privato". Un libro assolutamente da leggere, forse con alcune esagerazioni, forse con una ambigua costruzione della protagonista (la spietata, cinica e folle Mae), ma che non annoia mai e che offre al lettore (al netto degli aspetti esasperati) buoni spunti di riflessione.
Voto: 4 / 5
Filippo (15-05-2015)
Un libro affascinante e opprimente. Analisi lungimirante della deriva della comunicazione digitale nel nostro tempo, e dell'esiziale connessione tra gli squali del capitalismo e le utopie libertarie della West Coast. Eccessi narrativi, ma perfettamente coerenti con lo scenario cupo disegnato dall'autore: la società in cui cancellare immagini o video diffamatori equivale a uccidere un bambino in fasce.
Voto: 5 / 5
lorenzo bagnasco (19-03-2015)
Da leggere assolutamente. Un giallo. Una previsione sul futuro. Importante per la nostra vita.
Voto: 5 / 5
Lomax (29-01-2015)
Volutamente esagerato (anche se meno efficace del solito), il buon Eggers fotografa "l'ansia di condivisione" che anima questi nostri tempi moderni, lasciando al lettore ogni giudizio. Buona la prosa, come sempre (d'altronde il Nostro è scrittore di razza), attuale il messaggio ma, a mio giudizio, siamo 1000 Km lontani da Orwell.
Voto: 2 / 5
Ale (12-01-2015)
Il libro raggiunge il suo scopo: fa riflettere su una possibile deriva (lontana ma non troppo) legata all'uso della tecnologia e dei social network; tiene alta l'attenzione del lettore con una trama ben costruita e uno stile essenziale. Sicuramente c'è qualche eccesso poco credibile, ma credo sia funzionale al racconto e al messaggio. Nel complesso decisamente un buon romanzo.
Voto: 4 / 5
Alessandro (30-12-2014)
compratelo e divoratelo. Bella l'idea e l'argomento trattato. Io sono un divoratore di Palahniuk, Welsh e del buon vecchio Buk, quindi apparentemente questo libro nn dovrebbe rientrare nei miei gusti, invece mi é piaciuto molto e lo consiglio vivamente. É una specie di "grande fratello" adattato ai nostri gg. Ciá.
Voto: 4 / 5
roberto (10-12-2014)
L'azienda descritta nel libro e' una terrificante miscela di Facebook Google all'ennesima potenza. Peccato che, come spesso accade per chi vuole assolutamente presentare un problema schierandosi chiaramente pro o contro (in questo caso contro), si arrivi ad esagerare i toni all'eccesso, rischiando addirittura di non essere credibili. Personaggi e situazioni troppo caricate fanno prendere questo libro come una delle tante distopie fantascentifiche mentre la miscela di social network big data ha un potenziale di rischio che ha e sta producendo, giustificatamente, molte analisi serie.
Voto: 3 / 5
enrico.s (05-12-2014)
Più angosciante di Orwell; più inquietante di Huxley; più opprimente di Kundera... Il futuro digitale preconizzato da Eggers mette i brividi... il pugno di ferro del politicamente corretto nel guanto di velluto dei social network, tanto inclusivi da prendersi l'anima dei suoi utilizzatori, svuotati come gusci di noce e ridotti a credere che "La privacy è un furto". Libro da leggere e meditare se ce n'è uno. Regalatelo, prestatelo, fatelo circolare, sperando serva da contravveleno alla possibile, se non probabile, deriva tecnologica che aspetta dietro l'angolo.
Voto: 5 / 5

Ricerca Ricerca avanzata
Benvenuto in IBS.it, la prima libreria online dove potrai acquistare migliaia di libri, ebook, film, DVD, Blu Ray, CD, Vinili, giochi, videogiochi, cartoleria, gadget e tante idee regalo a prezzi eccezionali. Qui troverai inoltre tutti libri Italiani, libri autografati, libri in Inglese, ebook gratis e testi universitari con spedizione gratis sulle novità in prenotazione e per ogni ordini oltre i 25€. Fare i tuoi acquisti on-line non è mai stato così facile e conveniente. Scegli tra le ultime novità libri, film, musica, leggi le recensioni degli utenti, risparmia con le offerte outlet e consulta le classifiche dei libri più venduti di tutte le case editrici. IBS è la grande libreria italiana online.
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di consegna
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla risoluzione alternativa controversie consumatori – ADR/ODR
Informativa sulla privacy
Informativa sulla garanzia legale di conformità
Informativa sul diritto di recesso
Informativa sul RAEE
Informativa sui cookie
Codice di Autoregolamentazione Netcomm

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso a TradeDoubler
Accesso a Zanox

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2016 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS