Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa straniera  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Haddon Mark - Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte TitoloLo strano caso del cane ucciso a mezzanotte
AutoreHaddon Mark
Prezzo
Sconto -15%
€ 13,60
(Prezzo di copertina € 16,00)
Dati2003, 247 p., ill., rilegato
TraduttoreNovarese P.
EditoreEinaudi  (collana Supercoralli)
 
Disponibile anche usato a € 9,92 su Libraccio.it

Nella promozione Fino a 8 euro di sconto con PIU' BUONI CON I LIBRI! fino al 13 novembre.

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 14 punti Nectar.
Per saperne di più
197 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Christopher è un quindicenne colpito dal morbo di Asperger, una forma di autismo. Ha una mente straordinariamente allenata alla matematica ma assolutamente non avvezza ai rapporti umani: odia il giallo, il marrone e l'essere sfiorato. Ama gli schemi, gli elenchi e la deduzione logica. Non è mai andato più in là del negozio dietro l'angolo, ma quando scopre il cane della vicina trafitto da un forcone capisce di trovarsi di fronte a uno di quei misteri che il suo eroe, Sherlock Holmes, era così bravo a risolvere. Inizia così a indagare...

La recensione de L'Indice
Recensione de L'indice

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, terzo romanzo dell'inglese Mark Haddon, racconta la storia di Christopher, un adolescente autistico, che decide di scoprire chi abbia ucciso con il forcone il cane della vicina. L'indagine di Christopher si trasforma presto in un viaggio nella recente storia della sua famiglia e in una difficoltosa iniziazione al mondo dei cosiddetti "normali", con tanto di descensus ad inferos e fuoriuscita salvifica, a Londra. Lo schema del racconto è semplice, tradizionale al massimo, ma risolto in un abile gioco di variazioni. Haddon è bravo a rappresentare la mente di questo ragazzino speciale - le sue idiosincrasie, la sua geniale predisposizione per i numeri, le sue difficoltà espressive e comunicative, il modello del suo linguaggio. Non si tratta solo di un divertissement, anche se in certi momenti, soprattutto quando si parla di matematica, può sembrare così. Haddon tocca questioni importanti: il rapporto tra padri e figli, l'adolescenza, il difficile tema della verità, per cui Christopher, anche per la sua patologica incapacità di creare metafore, si batte strenuamente. Christopher, con il suo handicap, è l'eroe di un mondo imperfetto e banale, e, in quel mondo, alla fine, si rivela forse il meno sbagliato. Il finale non è privo di retorica, e la bella morale pone a pieno titolo questo romanzo nella tradizione di certa letteratura giovanile (i primi due libri di Haddon sono dichiaratamente libri per ragazzi). Che cosa manca perché questo romanzo sia il grande romanzo che le quarte di copertina predicano? La credibilità - non dico la credibilità empirica, ma la credibilità artistica. L'impressione finale è questa: che l'autore si sia dato tutta una serie di ostacoli e di difficoltà e che il suo lavoro sia consistito principalmente nel superarli. La storia, in effetti, sarebbe di scarso o nullo interesse se il protagonista non fosse un bambino carenziato. Per uno come Christopher anche attraversare la strada può essere un'impresa. Così, molte descrizioni, oggettivamente noiose, ci stanno solo perché non possiamo credere che un ragazzino autistico si muova nello spazio e nel tempo come un qualsiasi ragazzino normale della sua età. Il romanzo allora è un romanzo sull'autismo? Neanche questo. Il romanzo usa l'autismo per essere più romanzesco - ma alla fine non ci riesce. Non si esce dall'orizzonte di Christopher e la cosa assurda è che questo orizzonte è, alla fine, il solo che l'autore ci spacci per buono.

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 197 recensioni presenti.  Media Voto: 3.87 / 5 | Invia recensione

Lettrice Anonima (25-08-2014)
Ho trovato questo libro davvero avvincente. Certo, é un libro che porta a riflessioni profonde che purtroppo non tutti capiranno. La vera trama é infatti quella che illustra le difficoltà di un ragazzo autistico, i problemi di famiglie con figli autistici, e quella del giallo dell'uccisione del cane é solo secondaria. L'autore riesce in un'impresa difficile: Conoscendo una ragazza con "problemi" simili (anche se più "lievi") a mio avviso potrebbe essere un libro scritto tranquillamente da lei, talmente sembra realistico. L'ho letto ora all'età di 14 anni, e credo di averlo compreso, ma vedo che purtroppo non tutti riescono ad apprezzare un libro del genere e capire i messaggi che l'autore invia.
Voto: 5 / 5
faffa (31-05-2014)
Romanzo spesso consigliato come libro di narrativa alle scuole medie superiori. Romanzo che da poco ho finito di leggere e che,incuriosita, ho preso in prestito dalla biblioteca della scuola. "Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte" è un romanzo particolare perché è"particolare" il punto di vista del narratore-protagonista. Christopher è un ragazzino affetto da una sindrome autistica per cui il suo mondo è fatto di numeri, di calcoli all'ennesima potenza, di ordine e precisione e di verità (perché la verità rientra nell'ordine mentale). In nome di questa verità Christopher si impunterà nella soluzione dell'uccisione del cane Wellington, cane appartenente alla sua vicina di casa: ciò che, però, si nasconde dietro la soluzione dello strano caso è, in realtà, la scoperta di una bugia e di un mistero familiare. La lettura del romanzo, se meditata, offre lo spunto per riflettere sui vari aspetti che un malato di autismo e la sua famiglia si possono trovare a vivere: l'ovvio della normalità non è possibile; le metafore non possono essere usate perché non immediatamente comprensibili dalla linearità autistica; i nervosismi familiari possono essere comprensibili e forse talvolta anche le espressioni gergali di rabbia e impotenza possono essere comprese; la voglia di fuggire o la forza di restare possono essere nello stesso tempo la "soluzione" al problema di avere messo al mondo un figlio cui si vuole tantissimo bene, ma non si è -purtroppo- in grado di potere realmente aiutare (anche se il figlio autistico, come Christopher nel caso nell'esame di matematica o della sua esperienza nella metropolitana londinese, è più che in grado di aiutare se stesso).
Voto: 4 / 5
Silvia (08-01-2014)
Bel romanzo profondo. Bravo l'autore che è riuscito a immedesimarsi nella mente di un ragazzino con la sindrome di Asperger.
Voto: 4 / 5
Federico Rosa (04-01-2014)
Un libro stupefacente. Scritto in maniera divina. Con una semplicità, leggerezza, chiarezza impressionanti. Non sono riuscito più a metterlo giù dopo averlo preso in mano, mi era capitato pochissime volte che un libro mi appassionasse cosi. Storia bellissima, scritto davvero bene. Consigliatissimo. E non preoccupatevi, non è un giallo...
Voto: 5 / 5
mimi (03-11-2013)
non concordo assolutamente con i commenti scritti in basso e penso che sia un bel libro. é vero in certi punti è un pochino più lento e attualmente non mi è piaciuto particolarmente. Penso comunque che sia molto originale e ben scritto. Straordinaria la capacità dell'autore di immedesimarsi sia nel personaggio con l'handicap sia nei genitori che si sforzano di seguirlo. Per quanto riguarda le parolacce e le bestemmie sì, in effetti si potevano pure un po' risparmiare ma non sono le parole che rendono brutto o bello un libro ma i concetti che ti trasmette, i quali per esempio: il coraggio di andare oltre le proprie capacità, di raggiungere i propri obbiettivi (lui voleva fare l'esame e alla fine l'ha fatto non l'ha fermato niente e nessuno). come l'ho letto adesso alla misera età di 14 anni il mio voto è di 4 stelle ma può darsi che magari quando lo rilegerò fra 10 anni lo troverò più bello o magari più brutto o condividerò altre cose. é molto importante non etichettare per sempre un libro o un persona o qualsiasi cosa ma lasciare sempre il proprio parere aperto ad un giudizio futuro.
Voto: 4 / 5
Emiliano (22-09-2013)
Incredibile come l'adulto Haddon riesca a calarsi nella mente di un bambino autistico spostando il suo punto di vista su ogni dettaglio della storia. Una lettura divertente, piacevole e spesso entusiasmante. Imperdibile.
Voto: 5 / 5
Alessia (30-09-2012)
Un libro molto bello. Apparantemente può sembrare un giallo, in realtà è un romanzo che racconta la vita di un ragazzino autistico di nome Christopher raccontata attraverso il suo punto di vista. Proprio per renderlo più realistico l'autore inserisce anche alcuni elementi di matematica (passione di Cristopher) che possono essere un po' noiosi e rendere il racconto meno scorrevole. In realtà la storia in sè è bellissima e molto commovente e il finale mi è piaciuto perchè mette in luce la forza di volontà di cristopeher e come abbia acquisito attraverso le sue esperienze una maggiore fiducia in se stesso e nelle sue qualità, nonstante la sua malattia e la sua vita non facile. Un modo intelligente e origimale di mostrare il mondo interiore di un bambino autistico e allo stesso tempo le difficoltà cui va incontro chi deve prendersene cura.
Voto: 5 / 5
Checco (12-02-2012)
Finito di leggere 10 minuti fa. Un libro drammatico e straziante, non per la condizione del protagonista, ma per come si susseguono gli eventi. Il finale allieta un po', ma non basterà a far dimenticare le tante sofferenze patite da questo ragazzo. Una narrazione originalissma, avvincente e anche stimolante in quanto piena di spunti interessanti, non solo di matematica, che mostra come chi sembra del tutto estraniato dal mondo a volte sia più razionale di quanto non si creda. Mi ha molto toccato, ve lo consiglio.
Voto: 5 / 5
Rita (25-01-2012)
Christoper ispira simpatia da subito e il libro è scritto in modo molto scorrevole. Io l'ho letto in lingua originale e l'ho comprato poi anche in italiano. Da leggere.
Voto: 4 / 5
Silviez (31-07-2011)
Lettura assolutamente positiva. Da premiare la scorrevolezza del testo, a volte forse sono troppo precise le descrizioni fisico matematiche delle passioni di Christopher per chi ha scelto il libro come fattispecie di giallo e non di romanzo scientifico ma comunque è una lettura consigliata.
Voto: 4 / 5
Christopher John Francis Boone (24-01-2011)
Niente di speciale come racconto. Mi sono molto stupito della banalità della storia, forse perché mi ero fatto troppe illusioni. E' anche un libro molto volgare: tutte quelle imprecazioni (tra cui anche una bestemmia) e quei "cazzo" presenti praticamente a ogni dialogo potevano essere risparmiati.
Voto: 2 / 5
giorgio65 (31-10-2010)
Un bel libro, una storia commovente, ma parecchio inverosimile.
Voto: 4 / 5
Massimo F. (12-07-2010)
E’ un racconto delizioso. Haddon ci “scodella” una vicenda semplice, ma profonda ed altamente drammatica, che pone un particolare accento sulle difficoltà e sull’impotenza degli adulti nel conciliare le proprie vicende di vita con la cura e l’educazione di un ragazzo “straordinario” sotto tutti i punti di vista. Non so dove l’autore abbia colto l'ispirazione per descrivere con sensibilità, leggerezza ed una fluidità impressionante “il mestiere di vivere” del piccolo protagonista, non so se e quanto il racconto abbia radici scientifiche: so solo che è stata una lettura tanto piacevole, quanto emozionante. Consigliato assai….
Voto: 4 / 5
Francesco1995 (20-06-2010)
Libro commovente ed emozionante. Lo consiglio a tutti quelli che pensano che leggere sia noioso. Peccato non poter dare più di 5!
Voto: 5 / 5
monica (26-10-2009)
L'ho trovato un libro semplice ma nello stesso tempo sono riuscita a leggere un messaggio molto profondo. Chi di noi non ha limiti e non cerca di superarli?
Voto: 4 / 5
Kiara88 (28-08-2009)
Avevo letto la trama del libro e mi aveva molto colpito. E infatti si tratta sicuramente di un libro molto originale! All'autore va riconosciuto il merito di aver provato ad immedesimarsi in una mentalità disturbata! Pecato però non sia riuscito a coinvolgermi più di tanto...Già verso la metà del libro si scopre tutto e non c'é più l'entusiasmo di andare avanti!...Si tratta di una buona idea che poteva essere sviluppata molto meglio!
Voto: 3 / 5
HERMIONE (24-08-2009)
Molto carino e simpatico un giallo diverso dagli altri mi è piaciuto anche per quello che dice sulla logica e sulla matematica anche se certe volte è anche difficile capire i ragionamenti che fa.
Voto: 4 / 5
pepito nicolamarco@libero.it (24-08-2009)
L'ho trovato un libro molto appassionante e interessante per chi, in maniera accattivante dal punto di vista letterario, vuole allargare i propri orizzonti. A mio avviso spiega bene i meccanismi di funzionamento della mente (non solo di quella particolare del protagonista)e ci permette di capire che ciascuno di noi affronta la realtà con i mezzi che possiede, senza per forza essere omologato alle modalità di pensiero dominante. Incuriosisce leggere le poche recensioni più che negative, addirittura di rifiuto formulate da soggetti giovani.
Voto: 5 / 5
gaia98 (28-07-2009)
Questo libro non mi è piaciuto per niente. L'ho trovato molto noiso e ci ho messo più di un mese a leggerlo; me l'ha assegnato la mia prof. di lettere perchè dice che l'ha appassionata molto, il contrario di quello che è successo a me. Io da un libro vorrei imparare cose nuove, ma in questo caso mi è sembrato di non aver imparato proprio niente!!! Inoltre non mi sembra oppurtuno inserire dei problemi di matematica in un libro di letteratura! E per questo NON LO CONSIGLIO A NESSUNO!!!! p.s. Il contenuto del libro è MOLTO diverso dalla trama.
Voto: 2 / 5
Giuseppe Gautiero (18-03-2009)
Credo che chiunque abbia letto questo libro ,anche solo con un minimo di senso empatico, sia riuscito a comprendere a fondo le emozioni di Christopher ed entrare nel suo mondo, particolare ed affascinante. Lo consiglio a tutti!
Voto: 4 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
Recensioni 81 - 100 Recensioni 101 - 120 Recensioni 121 - 140 Recensioni 141 - 160
Recensioni 161 - 180 Recensioni 181 - 197

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS