Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa italiana  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Siti Walter - Troppi paradisi

Troppi paradisi TitoloTroppi paradisi
AutoreSiti Walter
Prezzo € 18,50
Dati2006, 425 p., rilegato
EditoreEinaudi  (collana Supercoralli)

Attualmente non disponibile su IBS
Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ti avviseremo quando il libro tornerà disponibile (Informativa sulla privacy)

23 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Si chiama "Walter Siti, come tutti", il protagonista di questo romanzo. Se da giovane era convinto di essere anomalo, adesso, giunto a sessant'anni, ha scoperto di essere tipico. "La mia prima mediocrità, - dice di sé, - è caratteriale, ed epica, volevo dire etica". Per lui è arrivato il momento di acquietarsi, di trovarsi una nicchia e un equilibrio: il lavoro universitario, ormai una sinecura; il rapporto con Sergio, quasi un matrimonio. Così, tra un compromesso e l'altro, la vita potrebbe scorrere tranquilla, placida, completa. Ma un giorno qualcosa si rompe, e in questa pace da sit-com irrompono d'un tratto le antiche passioni, trascinando Walter nei bassifondi del mondo e dell'anima, spingendolo di avventura in avventura, di corpo in corpo. Solo l'amore potrebbe salvarlo, ed è l'amore che lo salverà: per Marcello, angelico culturista di borgata bellissimo e ambiguo, che sembra incarnare come nessun altro lo spirito dei tempi. E cosa importa se per averlo Walter dovrà pagare un prezzo troppo alto? Ogni cosa si compra, ma alle volte le rese dei conti hanno il sapore di una vittoria. Con "Troppi paradisi" Walter Siti - l'autore, non il personaggio; ma dopotutto sia l'autore che il personaggio - ha scritto la sua opera capitale. La vera protagonista del libro è l'aria del tempo: un'aria che scioglie i sentimenti, le cose, i gesti, per trasformarli in immagini mediatiche, riproducibili e commerciabili.

La recensione de L'Indice
Recensione de L'indice
"Je m'appelle Erik Satie, comme tout le monde" (Eirk Satie, Écrits réunis, 1981) è, con il solo nome proprio di persona cambiato, l'incipit del terzo romanzo di Walter Siti: "Mi chiamo Walter Siti, come tutti". Dal curatore dell'opera omnia di Pasolini, oltre che dal raffinato studioso della lingua italiana, ci si aspetterebbe una citazione meno usata. È invece l'introibo adeguato all'opera narrativa più complessa e articolata fra quelle finora prodotte da Siti, ripensamento molto più pratico che teorico degli anteriori Scuola di nudo (cfr. "L'Indice", 1995, n. 3) e Un dolore normale (cfr. "L'Indice", 1999, n. 5). Nel mezzo, ma in realtà solo due anni fa, Siti aveva pubblicato La magnifica merce (cfr. "L'Indice", 2004, n. 12), testo che comprendeva quattro racconti in bilico fra la diction di Kate Hamburger e Gerard Genette e la fictionvera e propria.
Di certo, nei quasi tre lustri da narratore, non ha abbandonato la sigla che accompagna questa parte della sua produzione: autobiografia di fatti non accaduti. Se in Francia tanto gli è valso il plauso dei fautori dell'autofiction (qualunque cosa ciò identifichi, se pure identifica qualcosa), in Italia l'uso ricorrente di autobiografismi, con annessi nomi e cognomi di persone conosciute e, in questo libro, anche famose, gli hanno procurato pagine di rotocalchi e interesse da settimanale di pettegolezzi. Nella società dello spettacolo, teorizzata dai situazionisti francesi e appena intravista dal suo mentore Pasolini, questo è l'ordine delle cose; e Siti, teorico del romanzo e critico della realtà, ne è al corrente. Come dato di fatto, Siti è al corrente di tutto; non soltanto ha letto tutti i libri, ma anche compulsato tutti i quotidiani, sfogliato tutte le riviste e dato almeno un'occhiata a tutti i programmi tivù. La misura che sola gli si confà e il grande, anzi, l'extralarge: il suo è un pensiero che ostenta i modi e il frasario del cinismo più consumato, ma volentieri lo mescola con la commedia e il dramma. Il destino di questo romanzo, e del romanzo da sempre ma ai nostri giorni ancora di più e più scopertamente, è questo: contenere tutto, racchiudere ora svelando, ora dicendo con paradossi la realtà. Per questo, come già evidente in Scuola di nudo, la misura di Siti non può se non essere grande o, come dicono gli americani con espressione intraducibile in italiano, larger than life. In questo senso, ha buon gioco il generoso risvolto di copertina, parlando di "opera mondo" e con ciò apparentando il romanzo del professore romano ai lavori studiati da Franco Moretti nel saggio eponimo (cfr. "L'Indice", 1995, n. 3) – e soprattutto all'Ulisse.
L'ambizione di Siti è, se possibile, anche più alta di quella del romanziere irlandese. Qui non si vuole rappresentare in un libro la vita in una metropoli moderna ma, e ancora con l'ormai antico strumento del romanzo, tutta la contemporaneità. Gli strumenti a disposizione del romanziere sono i consueti: intertestualità spinta, discorso indiretto libero, citazionismo (controllato fin che si vuole, ma presente fin dall'incipit) e altro del genere. Siccome poi Siti non dimentica mai che il romanzo è il suo mestiere e il primo è quello di professore, non manca ed è anzi qui portata a limiti parossistici la sua riflessione sulla molto vexata quaestio dell'autore. Quali siano i rapporti fra l'uomo Walter Siti, l'attante che in questo libro ha lo stesso nome e gli altri due Walter Siti presenti nei romanzi anteriori è questione forse oziosa, che lo scrittore del romanzo fa d'altronde abbastanza per non mettere al centro dell'attenzione. Più interessanti, invece, i riferimenti espliciti a Pasolini, cui questo lavoro è dedicato sine nomine.
La sterminata raccolta di materiale usata per compilare e mai terminare Petrolio è tra le fonti di Altri paradisi: così come da quel testo con buona probabilità nato per non essere mai compiuto deriva lo sguardo non già morale, ma senz'altro moralistico che Siti dà sul reale che lo attornia. Le due vicende d'amore omosessuale che costituiscono il nucleo narrativo forte del romanzo (il circa matrimonio con Sergio, la storia torbida con l'ex culturista cocainomane Marcello) sono raccontate con sarcasmo tragico e partecipe. Se questo libro, più dei due che l'hanno preceduto, ha fatto rumore e suscitato attenzione è perché vi si parla non solo di omosessualità, ma anche di televisione. Gli attori in scena portano nomi assai conosciuti al grande pubblico (su tutti domina curiosamente Raffaella Carrà, campionessa di paleo-tv oggi assai meno in voga di un tempo) e potrebbe sembrare che Siti rediga qui un atto d'accusa contro il continuo peggiorare del maggior mezzo di comunicazione di massa.
Non è così, né può esserlo. La televisione, non meno dell'omoerotismo ostentato di questi anni, sono epifenomeni di una questione più rilevanti ai suoi occhi. La maggiore, e quella cui forse si deve il titolo, è quella della non rappresentabilità del reale attraverso il romanzo. I Troppi paradisi sono quelli che neppure una "straordinaria macchina conoscitiva" come il romanzo (sono parole di Siti stesso, cfr. "L'Indice", 1996, n. 7) riesce più a contenere. Il tentativo di rendere epica una contemporaneità che, con il passare non già degli anni ma delle settimane e dei giorni, si frastaglia e si fa indistinguibile, nasce fallito: in questo senso, l'opera terza del professore romano è la dichiarazione di un fallimento non evitabile. Dalla non rappresentabilità del contemporaneo nasce, per paradosso, la brama di possederlo. Siti ne fa cenno in modo esplicito in clausola di narrazione: "Il possesso, ho l'impressione che gran parte dei pesi della contemporaneità gravi su questo punto dolente; la fiducia che si possano realizzare i sogni possedendo gli oggetti (ma soprattutto le persone) che ossessionavano i sogni stessi". Accentuando come in falsetto la contorsione sintattica che ogni tanto l'autore adopera nel libro, ecco il punto dolente, cioè il rub, l'intoppo di Amleto. Non più essere o non essere, ma dire – e dire tutto – o no?
La risposta è negativa. Il mondo non è può contenersi in un'opera, e di sicuro non in un romanzo: non può più darsi nessuna epica del presente. Walter Siti racconta, nel suo libro più ambizioso, una scommessa che sa in partenza di aver perso. Anche solo per questo, per il suo desiderio di combattere una battaglia tutto fuor che soltanto letteraria, vale la pena di seguirlo.
  Giovanni Chouckadarian  

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 23 recensioni presenti.  Media Voto: 3.95 / 5 | Invia recensione

Mariangela (25-10-2013)
Bella la sezione su "Io sono l'Occidente..."il libro si compone di una prosa limpida, tersa. Alcuni momenti risultano, a mio parere, troppo forti.
Voto: 3 / 5
Daniel (20-06-2011)
1)E' il miglior romanzo che sia mai circolato in Italia per raccontare l'Italia berlusconiana, poichè tutti parlano di berlusconismo ma nessuno non solo sa proporre l'alternativa politica ma raccontarne le sue devastanti innovazioni socioculturali. Walter Siti lo fa. Aggiungiamo in maniera stupefacente. In una maniera tagliente. 2)E' il miglior romanzo di letteratura gay italiana mai scritto dopo Busi, Tondelli e Arbasino, Pasolini, Saba, B.Bianchi. Walter Siti sebbene non apprezzi la prospettiva di critica letteraria anglosassone tematizzante, lo è in ogni suo sketch qui raccontato. In lui camp sontagiano e pop warholiano dimostrano di non essere non solo mai morti, ma di essere i migliori linguaggi artistici per raccontare la saga berlusconiana. 3)E' il miglior omaggio culturale che possa essere mai stato fatto a Pasolini e Davoli, ma anche il miglior romanzo d'amore che un uomo omosessuale Siti possa esprimere verso un altro uomo omosessuale Pasolini 4) E' il miglior romanzo che racconti l'immortalità del valore artistico della letteratura nell'era in cui il realismo ottocentesco e il neorealismo novecentesco ne han dimostrato di aver fallito
Voto: 5 / 5
Pia (08-11-2010)
Non è davvero facile recensire un libro del genere. Di sicuro c'è qualche sprazzo di originalità, ma più che sovente offuscato da pagine e pagine di banalità, scritte, suppongo, al fine di stupire. E che non ottengono lo scopo. In pratica la vita si riduce al sesso: sesso frenetico, compulsivo, ripetitivo, onnipresente, vuoto e, francamente, dopo più di 400 pagine di scene sempre uguali a se stesse, assolutamente ed irrecuperabilmente noioso. Abbastanza interessante l'analisi del mondo che si muove dietro i programmi televisivi, anche se i programmi presi in considerazioni sono i peggiori possibile: dal Grande Fratello in giù. Avrei abbandonato il libro prima di averne letto cento pagine se non fosse che, per abitudine, concedo sempre allo scrittore la possibilità di riscattarsi: e lo avrei abbandonato, per la precisione, quando il Signor Siti si arrischia a fare un neanche troppo velato elogio della pedofilia sostenendo, in primis, di avere un amico dichiaratemente pedofilo, sfruttatore della povertà, della sottocultura e del degrado, senza chiedersi come sia possibile, per una persona sana, avere un "amico" così, e, in secondo luogo, sostenendo, in buona sostanza, che se si ritiene legittimo costringere un bambino a mangiare gli spinaci, di fronte alla sua manifesta non volontà di farlo, con la giustificazione che "gli fanno bene", non si vede perché non si possa ritenere legittimo costringerlo ad un atto sessuale che, secondo lui gli farebbe bene quanto e più degli spinaci. Chi scrive cose del genere o è malato o è perverso. Opto per la seconda ipotesi, del resto ampiamente dimostrata nelle pagine che seguono. La sola cosa che si salva è la lingua: bella, articolata, ricca e variegata. Perlomeno, visto che per 425 pagine dice semptre la stessa cosa, l'uso sapiente della lingua italiana gli consente di dirla diversificando un po' il linguaggio. Supponente, mistificatore, poco onesto e assolutamente noioso.
Voto: 1 / 5
Corra xaver@libero.it (22-07-2010)
Provocatore, scorretto, irriverente, insomma un gran libro.Se devo essere sincero, ci sono delle pagine di troppo, ma dopotutto i personaggi sono talmente brutti da innamorarsi, talmente perdenti da applaudirli.
Voto: 5 / 5
nicola (17-10-2009)
Tremendo, doloroso, rivoltante; un vero pugnale nella piaga che strazia con la forza di una scrittura altissima e estremamente lucida. Da non perdere.
Voto: 5 / 5
Alessio manrico79@gmail.com (15-09-2009)
Quando uno scrive come Siti, può scrivere quello che vuole, anche la lista della spesa; e un libro che ci fa arrabbiare è un libro che ci fa pensare.
Voto: 4 / 5
andy (02-08-2009)
Un libro morboso, angosciante e soprattutto ripetitivo. Se la parte iniziale mi aveva appassionato - x es. come viene descritto quel sottomondo che ruota dietro i programmi televisivi, come pure l'acre ritratto dei genitori dell'autore - da circa metà in poi diviene tutto ripetitivo: Sergio che sta male e lo tradisce, la storia con il culturista che occupa pagine su pagine dove nn accade niente, inutili vicende parallele come quella dell'amico pedofilo con particolari che sinceramente poteva risparmiare. Sembra che la tragedia sia sempre dietro l'angolo e invece no: alla fine tutto rimane a galla, in superficie, con un linguaggio che mano a mano si involgarisce sempre di più come la vita stessa del protagonista, una discesa agli inferi che in realtà rimane sempre orizzontale, nn accade niente di niente e i personaggi nn hanno una evoluzione, come invece accade nella vita reale. E poi: ma che vigliaccheria nn avere il coraggio di nominare Laura Betti (meglio chiamarla la "Catastrofe", sai che carineria verso una che è appena morta), mentre invece la Carrà o la D'Eusanio vengono ampiamente citate: Siti abbia almeno il coraggio di farli tutti i nomi, altrimenti sembra uno stupido gioco intellettuale tra amici.
Voto: 2 / 5
giovanni (19-03-2008)
capolavoro assoluto.
Voto: 5 / 5
ant lomell@libero.it (01-07-2007)
Il libro è indubbiamente corposo e pregno di verità indiscutibili, così come sono fantastiche tante massime contenute all'interno, che mi fanno paragonare quest'autore al miglior Flaiano. Quello che ho trovato sinceramente non condivisibile, sono le pagine di giustificazione nei confronti di un pedofilo amico dello scrittore, mi auguro che sia solo una forzatura per scatenare polemiche, dal riscontro....commerciale!
Voto: 3 / 5
maby (21-11-2006)
Mi sono dato alla sua lettura pieno di buoni propositi. Con l'animo ben disposto, obliato dal suffragio unanime di cui avevo avuto notizia. D'Orrico sul magazine del corriere ne aveva aveva le lodi addirittura in più puntate: "Siti! Siti! Siti! Habemus: e chi dice d'intendersene almeno un poco, allora che si chini a fronte di cotanto genio". Ecco. Allora si vede che io prorpio non me ne intendo. E di chinarmi non ne ho la minima inenzione. E mica lo dico per fare il pecoreccio, mica alludo ai "chinamenti" finemente descritti nella interminabile valanga di pagine benedette dal buon Walter. No, no. Questo libro - a mio evidentemente inutile parere - è orrido, malscritto, faragginoso, prolisso, lungo, freddo, noioso, inane, avulso, egotista... e tanto tanto tanto, ma tanto brutto.
Voto: 1 / 5
federica (11-10-2006)
Non mi considero una persona bigotta ma ho trovato questo libro decisamente eccessivo e un tantino volgare.
Voto: 2 / 5
angelo callegris@yahoo.it (01-10-2006)
Ho letto tutti i romanzi del Prof.Siti.Li considero capolavori,pietre miliari della letteratura,in particolare "Troppi paradisi".Siamo condizionati da sempre a desiderare non una persona ma un'immagine...
Voto: 5 / 5
Valeria (20-09-2006)
E' un libro che ti scava dentro anche quando non vorresti, e lascia il segno, per sempre. Anche le descrizioni erotiche ripetute contribuiscono ad amplificare l'atmosfera ossessiva che lo pervade. Scritto con la pancia e con il cuore.
Voto: 5 / 5
Aidoru (15-09-2006)
La verita'è indivisibile,non puo'dunque conoscere se stessa,chi vuole conoscerla deve essere menzogna...la frase non e' mia ma di F.Kafka, eppure in questa affermazione vi e' tutto il libro di Siti...e' strano, in genere quando ci si appassiona ad una lettura la si finisce in poco tempo,il libro viene divorato, inglobato, attraverso gli occhi dalla mente, che aspetta ansiosa di ricevere notizie,informazioni su come va a finire....qui per me l'esatto contrario,lettura appassionata intensa ....ma poi il distacco,dovevo smettere di leggere, la mente si rifiutava di ricevere ulteriori informazioni (rigurgito del mito dello struzzo?)segno forse di assoluta' identita'con il W.Siti auto-descritto? non so, ma la sua mediocrita'e'sicuramente la mia di accanito consumista....che ha fatto dell'ipermercato il Dio da venerare ....CAPOLAVORO ASSOLUTO.
Voto: 5 / 5
ennio (13-09-2006)
Vorrei trovare un difetto a questo libro, ma non mi viene. Forse, la butto là, le troppe pagine dedicate a Marcello il culturista. L'incedere in romanesco su una vicenda gretta quanto il suo protagonista, è un obbrobrio che solo uno scrittore immenso può permettersi. E Siti lo è. Che dubbio c'era? Forse cercava un modo per scalfirsi da sè prima che lo facessero i critici, chissà. O non si è mai liberato di quel vezzo pasoliniano di mettere omuncoli al centro della scena narrativa. Non sò. Non sono abbastanza intelligente per saperlo.
Voto: 5 / 5
Cesare Zannelli cezanne@infinito.it (09-09-2006)
Pur nella sua sgradevolezza, mai letto nulla di più lucido e in una forma tanto limpida.
Voto: 5 / 5
MAX67 info@baronet.it (30-08-2006)
walter siti scrive benissimo alcuni pezzi del romanzo sono da 10 , il rapporto con i suoi genitori e la descrizione psicologica della fine del sua storia d'amore sono bellissime ,pero' l'autore scennde troppo nei particolari sessuali e soprattutto troppe volte , spesso anche con nessuna attinenza con la storia ,come se volesse dare una valenza erotica pornografica omosessuale ,ad un romanzo che invece ha un significato diverso . peccato poteva essere un grandissimo libro . da leggere comunque.
Voto: 3 / 5
Carlo carlomelina@gmail.com (30-08-2006)
Facciamo anche undici.
Voto: 5 / 5
gianni (29-08-2006)
Chi lo amera' e chi lo detestera'.... non sono ammesse vie di mezzo. Personalmente concordo con il giudizio espresso da Nicola Lagioia
Voto: 5 / 5
Nicola Lagioia (30-07-2006)
Il più importante romanzo italiano degli ultimi dieci anni.
Voto: 5 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 23

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS