Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa italiana  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Di Paolo Paolo - Mandami tanta vita

Mandami tanta vita
riLeggo
TitoloMandami tanta vita
AutoreDi Paolo Paolo
Prezzo
Sconto -15%
€ 11,05
(Prezzo di copertina € 13,00)
Dati2013, 158 p., brossura
EditoreFeltrinelli  (collana I narratori)
 
Disponibile anche usato a € 6,50 su Libraccio.it
 Disponibile in eBook a € 8,99 (riLeggo € 2,99)

Nella promozione Feltrinelli fino al 27 ottobre

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 11 punti Nectar.
Per saperne di più
10 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Moraldo, arrivato a Torino per una sessione d'esami, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia e disegna caricature, coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato riviste, una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Sono i giorni di carnevale del 1926. Moraldo spia Piero, vorrebbe incontrarlo, imitarlo, farselo amico, ma ogni tentativo fallisce. Nel frattempo ritrova la valigia smarrita, ed è conquistato da Carlotta, una fotografa di strada disinvolta e imprendibile in partenza per Parigi. Anche Piero è partito per Parigi, lasciando a Torino il grande amore, Ada, e il loro bambino nato da un mese. Nel gelo della città straniera, mosso da una febbrile ansia di progetti, di libertà, di rivoluzione, Piero si ammala. E Moraldo? Anche lui, inseguendo Carlotta, sta per raggiungere Parigi. L'amore, le aspirazioni, la tensione verso il futuro: tutto si leva in volo come le mongolfiere sopra la Senna. Che risposte deve aspettarsi? Sono Carlotta e Piero, le sue risposte? O tutto è solo un'illusione della giovinezza? Paolo Di Paolo, evocando un protagonista del nostro Novecento, scrive un romanzo appassionato e commosso sull'incanto, la fatica, il rischio di essere giovani.

La recensione di IBS
Finalista Premio Strega 2013. Dopo Dove eravate tutti, Paolo Di Paolo torna a interrogarsi sulla giovinezza e sul presente. Stavolta lo fa immergendosi negli ultimi giorni di vita di una grande figura del nostro passato recente, Piero Gobetti, intellettuale e politico antifascista, morto giovanissimo a venticinque anni a causa di una salute precaria aggravata dalle persecuzioni fasciste.
Nel nuovo romanzo di Paolo Di Paolo due giovinezze si intrecciano tra Torino e Parigi all'inizio del 1926: quella di Moraldo e quella di Piero. Moraldo è appena arrivato a Torino per una sessione di esami e giunto alla pensione familiare in cui alloggia si accorge di aver scambiato la valigia con quella di uno sconosciuto. All'interno c'è una macchina fotografica, una copia de l'Illustrazione italiana, una boccetta di profumo. Grazie a un annuncio sul giornale, riesce a ritrovare la valigia smarrita e subito si infatua della proprietaria della valigia scambiata, Carlotta, una fotografa intraprendente che sta per partire per Parigi.
Intanto Moraldo segue Piero, un coetaneo che a venticinque anni ha già fondato riviste, una casa editrice e scrive con passione contro il fascismo, espressione di tutti i mali dell'Italia, invocando una rivoluzione liberale che liberi il Paese. Moraldo ammira questo giovane e vorrebbe incontrarlo, ma tutti i tentativi che fa per avvicinarlo falliscono. In realtà Piero non è più a Torino. È già partito alla volta di Parigi, intenzionato a portare avanti il lavoro che in Italia gli è impedito. Ma a Parigi si ammalerà di nuovo e vi morirà a metà febbraio, lasciando in Italia la moglie tanto amata e il figlioletto di pochi mesi. Allo stesso tempo anche Moraldo sta per raggiungere la capitale francese sulle tracce di Carlotta...
Mandami tanta vita è un omaggio a un passato di grandi ideali e una riflessione profonda sul presente. Attraverso la figura di Piero Gobetti, la cui passione ardeva nonostante un destino ingrato, Paolo Di Paolo interroga se stesso, il suo rapporto con il presente, e sembra volerci ricordare che la forza per reagire ce la portiamo dentro. Vale la pena ricordare quello che Gobetti aveva scritto pochi mesi prima di morire, dopo essere stato picchiato nuovamente dagli squadristi: "le nostre malattie e le nostre crisi di coscienza non possiamo curarle che noi. Dobbiamo trovare da soli la nostra giustizia". Seguendo l'esempio di Gobetti, oggi Paolo Di Paolo si chiede e ci chiede se è ancora possibile l'impegno, se si può essere liberi senza andarsene. La risposta a tutte le domande di cui è pieno questo suo ultimo romanzo forse la troviamo già all'inizio, affidata ai pensieri di Ada, la moglie di Piero: "Basta volerle le cose, no? Basta infinitamente volerle".

A cura di Wuz.it

I vostri commenti
10 recensioni presenti.  Media Voto: 3.4 / 5 | Invia recensione

Lea leaman@outlook.it (10-02-2014)
il solito mid-cult presentato come letteratura (uff...), aggravato da personaggi poco credibili e di notevole antipatia. abbandonato a metà circa.
Voto: 1 / 5
Massimo F. (16-11-2013)
Per carità, l'intento è sicuramente da lodare. La storia e gli ambienti descritti hanno il fascino del tempo perduto e le emozioni affiorano via via. Però lo stile - pur irreprensibile - ha un che di "vecchi merletti" cosicché l'insieme non funziona ed il percorso narrativo spesso e volentieri si perde un po' nella noia.
Voto: 2 / 5
Alinuccia80 (08-10-2013)
Un libro scritto chiaramente da un laureato in lettere! Tra le pagine si sente il "profumo" del corridoio di italianistica della facoltà.
Voto: 4 / 5
manu1958 (19-09-2013)
noiosissimo, scrittura pretenziosa e difficile da leggere , personaggi antipatici. Da lasciare a meta'? . Forse e' scritto solo per alte menti e non per i poveri mortali e i lettori comuni...
Voto: 1 / 5
Pietro (08-08-2013)
Di una scrittura invidiabile, affabile, lodabile.
Voto: 5 / 5
Serena (20-07-2013)
La storia resta in bilico, è un insieme di "promesse non mantenute" e la primavera di bellezza è un lampo che fugge veloce, neanche il tempo di goderne..veloce come la scrittura, quel flusso di coscienza che attrae il lettore in un turbine fino all'ultima pagina. Bellissime le riflessioni.
Voto: 5 / 5
Umberto Mottola mottolau.buggiano@gmail.com (19-07-2013)
Ringrazio l'autore per avermi fatto riscoprire un intellettuale italiano, Piero Gobetti, morto ad appena 25 anni, lontano dall'Italia e dalla sua famiglia. Il romanzo è attraversato da una grande tristezza, tuttavia l'impegno di Gobetti è oggi più che mai attuale. Molto bella la sequenza di quando Piero sta per partire per Parigi. Bello anche il personaggio di Moraldo, che ammira Gobetti e vorrebbe collaborare con lui; e non riesce a conquistare la giovane fotografa Carlotta.
Voto: 4 / 5
Ianì Valastro (02-06-2013)
Moraldo e Piero, uno stima l'altro, che inconsapevole di tutto porta avanti il suo grande progetto. Un romanzo bello bello,personaggi veri e reali, Paolo scrive veramente bene, avrei voluto fosse di 1000 pagine! Consigliatissimo.
Voto: 5 / 5
Barone (02-05-2013)
Libro ben scritto, ma insopportabilmente pedante, in armonia con la linea veltroniana della Feltrinelli più recente, a base di personaggi palpitanti (e purtroppo poco simpatici) che sfiorano una Storia sempre parecchio "a cartolina" (ultimo precedente: Tutti i colori del mondo). Abbandonato a 3/4.
Voto: 2 / 5
Mario (09-04-2013)
Dopo un incontro a Roma su Tabucchi, con la presenza di Paolo Di Paolo, sono rimasto particolarmente stimolato dalla capacità espositiva e di sintesi, non lo conoscevo, ho acquistato i suoi libri, e il primo che ho letto:"MANDATEMI TANTA VITA" è uno dei più belli che ho letto nel panorama della narrativa italiana. Una scrittura stimolante, poetica, essenziale, un ritmo narrativo incalzante e profondo.
Voto: 5 / 5

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS