Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa italiana  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Carofiglio Gianrico - Il bordo vertiginoso delle cose

Il bordo vertiginoso delle cose Scarica le prime pagine TitoloIl bordo vertiginoso delle cose
AutoreCarofiglio Gianrico
Prezzo
Sconto -15%
€ 15,72
(Prezzo di copertina € 18,50)
Dati2013, 315 p., rilegato
EditoreRizzoli  (collana Scala italiani)
 
Disponibile anche usato a € 9,25 su Libraccio.it

Nella promozione Fino a 8 euro di sconto con 6 grandi editori fino al 29 ottobre.

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 16 punti Nectar.
Per saperne di più
64 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Un caffè al bar, una notizia di cronaca nera sul giornale, un nome che riaffiora dal passato e toglie il respiro. Enrico Vallesi è un uomo tradito dal successo del suo primo romanzo, intrappolato in un destino paradossale, che ha il sapore amaro delle occasioni mancate. Arriva però il giorno in cui sottrarsi al confronto con la memoria non è più possibile. Enrico decide allora di salire su un treno e tornare nella città dove è cresciuto, e dalla quale è scappato molti anni prima. Comincia in questo modo un avvincente viaggio di riscoperta attraverso i ricordi di un'adolescenza inquieta, in bilico fra rabbia e tenerezza. Un tempo fragile, struggente e violento segnato dall'amore per Celeste, giovane e luminosa supplente di filosofia, e dalla pericolosa attrazione per Salvatore, compagno di classe già adulto ed esperto della vita, anche nei suoi aspetti più feroci. Con una scrittura lieve e tagliente, con un ritmo che non lascia tregua, Gianrico Carofiglio ci guida fra le storie e nella psicologia dei personaggi, indaga le crepe dell'esistenza, evoca, nella banalità del quotidiano, "quel senso di straniamento che ci prende quando viaggiamo per terre sconosciute e lontane". Romanzo di formazione alla vita e alla violenza, racconto sulla passione per le idee e per le parole, storia d'amore, implacabile riflessione sulla natura sfuggente del successo e del fallimento, "Il bordo vertiginoso delle cose" può essere letto in molti modi...

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 64 recensioni presenti.  Media Voto: 3.29 / 5 | Invia recensione

chiara (26-09-2014)
Mi è piaciuto fin dall'inizio per lo stile e l'approccio narrativo. A tratti sicuramente un po' lento, ma nell'insieme un bel libro, da consigliare
Voto: 4 / 5
ALAIN (24-09-2014)
libro senza infamia ne lode molto scorrevole ma non ho capito il finale sembra che ad un certo punto lo scrittore abbia deciso di smettere di scrivere di punto in bianco!! ho preferito di gran lunga i libri di Carofiglio che raccontano le avventure di Guerrieri!!
Voto: 4 / 5
Alessia (09-09-2014)
A tratti ironico, a tratti coinvolgente ma anche troppo nostalgico.....ho letto di meglio!!!
Voto: 3 / 5
Siria (25-08-2014)
Gli opposti partono da molto lontano su due vie paralelle e poi forse si ricongiungeranno: gioventù ed età matura, odio e amore, morte e vita. Il miglior libro di carofiglio fra quelli che ho letto.
Voto: 5 / 5
GIOVANNI giobattabis@hotmail.com (25-08-2014)
Celeste e Salvatore, amore e odio, la gioventù e l'età adulta, la malinconia per le occasioni mancate, le delusioni e gli alibi della vita adulta, una storia che parte su due binari paralleli che forse alla fine si ricongiungeranno. Bellissimo.
Voto: 5 / 5
archipic (14-07-2014)
Come sempre Carofiglio scrive molto bene, la storia, seppur non inedita, si fa seguire con piacere ed i personaggi sono tutti interessanti e ben delineati. Il finale un po improvviso e alcune lungaggini didascaliche non consentono di valutarlo in modo troppo positivo. Nel complesso un buon libro che avrebbe, però, essere potuto migliore.
Voto: 3 / 5
tom tomciuf@outlook.it (19-06-2014)
Chissà se il titolo è un omaggio al poeta inglese o allo scrittore Graham Green che aveva assunto come "motto" questo verso di Browning. Comunque in questo libro il protagonista Enrico(ma non solo lui) è in bilico sul "bordo vertiginoso" che si trova tra bene e male, maturità e immaturità, coraggio e vigliaccheria, violenza e saggezza, amicizia e rivalità, rimpianto e rimorso,successo e fallimento...Sebbene l'idea sia piuttosto banale(il ns che torna nei luoghi natìi e si ritrova a fare i conti col passato) all'inizio il libro mi aveva molto preso: i ricordi dei tempi della scuola, dei primi amori e turbamenti, la passione per la musica, il sogno di fare lo scrittore, le lezioni di filosofia della supplente...felice anche la scelta della 2° persona singolare che evidenzia la scissione del protagonista.Il romanzo xò non si sviluppa pienamente soprattutto sul piano del presente e nell'analisi psicologica dei personaggi, e il finale più che aperto sembra un po' "troncato"
Voto: 3 / 5
giorgio g (04-06-2014)
Più che da un verso di Richard Browning, l'ultima opera di Carofiglio avrebbe potuto prendere un titolo come "Melanconie di un cinquantenne fallito in cerca della propria giovinezza". E infatti vediamo il protagonista aggirarsi per Bari, teatro della maggior parte dei suoi lavori, alla ricerca di persone e luoghi delle sua ahimè lontana gioventù. La storia, con continui salti tra passato e presente - che sembra sia divenuto il leitmotiv di tanta narrativa contemporanea - è spesso intervallata da divagazioni pseudo-filosofiche che non hanno altra giustificazione che non quella di sfoggiare la cultura dell'autore. Qualche personaggio azzeccato come Celeste, la supplente di filosofia di cui il protagonista si era segretamente innamorato. In conclusione, un'opera che si colloca senz'altro al disopra dei deludenti "Né qui né altrove" e "Il silenzio dell'onda" ma che non ci ha soddisfatto come "Le perfezioni provvisorie".
Voto: 3 / 5
Annarita (02-06-2014)
Non una storia particolare bensì il racconto asciutto e allo stesso tempo emozionante di un viaggio inatteso compiuto dal protagonista verso la città delle sue origini e indietro nel tempo della propria vita. Enrico Vallesi alterna il ricordo dei giorni oscuri e complicati della sua adolescenza alla maturazione della scelta di affrontare realmente la verità della sua esistenza, le conseguenze delle sue paure e soprattutto delle sue rinunce. Una notizia sul giornale porta la consapevolezza del fallimento delle sue scelte. I genitori e il fratello "persi", l'amore mancato e poi sempre evitato, la vita idealizzata e non realizzata. La paura e la coscienza di essere sul bordo vertiginoso delle cose!! E' la morte del compagno di classe, all'epoca già adulto e "arrivato", e per questo scelto come guida, a far precipitare tutto e ad imporre la realtà. Enrico Vallesi deve tornare a casa. Niente più storie. Non serve più raccontare. E se finiscono le storie, finiscono le sue risorse e non resta che affrontare il dolore. Rinunciando anche all'anestesia, ad esempio quella che in passato si era procurato attraverso la scelta di formarsi alla violenza. Vallesi non si può più nascondere dietro la personalità di altri. Ora il bordo delle cose è diventato veramente "vertiginoso" ? e perciò molto attraente!
Voto: 3 / 5
Massimo F. (26-05-2014)
Carofiglio abbandona il suo filone penal-tribunalizio (che per me resta ai vertici della narrativa del genere di questi ultimi anni), per avventurarsi in un terreno più intimistico e di riflessione. Il check-up interiore di un cinquantenne in crisi di identità che prova a cercare risposte nel suo passato adolescenziale, in bilico tra ricordi, rimpianti, nostalgie: un continuo passare da "quel che è stato e non me ne sono accorto", a "quel che poteva essere e non è stato". Amicizia, famiglia, scuola, passioni politiche e amorose, timori e speranze: situazioni ben costruite, ma purtroppo solo delineate con mano leggera e mai realmente approfondite. Scritto comunque benissimo e ancora meglio ambientato (la sua Bari): non un capolavoro, ma da leggere.
Voto: 3 / 5
Francesco dF (12-04-2014)
Piatto e scontato. La trama e' banale e noiosa; i continui sprofondamenti nei ricordi di gioventù e le simmetriche astrazioni dal presente risultano artificiali, ripetitivi.
Voto: 1 / 5
chiara (14-03-2014)
noioso... piatto... banale... si parla tanto male dei vari Fabio Volo e Federico Moccia ma non mi pare che in questo romanzo Carofiglio sia poi tanto meglio e dal punto di vista narrativo - uomo che torna nel suo paese d'origine e ritorna al suo passato (la scuola) - né dal punto di vista della scrittura - i dialoghi ambientati nella classe sono piuttosto "elementari" e semplicistici: uno sciorinare di informazioni filosofiche che si trovano in qualsiasi libro scolastico. Personaggi piatti, banali e senza nessuna profondità: Enrico giovane intellettuale, Salvatore "l'amico" cattivo che percorre una brutta strada, Celeste la bella insegnante di cui Enrico, guarda caso, si invaghisce, l'amica gay Tutto troppo stereotipato!!!! Ma perché scrivere un libro così????
Voto: 1 / 5
elisabetta olimpi (27-02-2014)
Non mi ha entusiasmato. Carofiglio mi aveva abituato meglio. stavolta non è fluido, ha momenti di stanca, con momenti leziosi, pedanti. Su stile e scrittura nulla da dire. In assoluto lo consiglio. Lo consiglio un po' meno a chi s'è fatto la bocca buona con i precedenti libri
Voto: 3 / 5
Valentina (26-02-2014)
Il personaggio salta dal presente al passato e descrive un protagonista che torna al Paese di nascita e rievoca i ricordi del suo periodo di scuola superiore e del primo amore adolescenziale. Molto leggero e scorrevole ma non mi ha entusiasmato più di tanto!
Voto: 3 / 5
Aldo (17-02-2014)
Da Carofiglio mi aspettavo sinceramente di più, dopo i brillanti libri che narrano dell'avvocato Guerreri. Non che il libro non sia leggibile, tutt'altro! La prosa è piacevole, una scrittura leggera e scorrevole è la cosa migliore del romanzo. Però la trama è troppo evanescente, a tratti anche scontata, nel suo continuo alternarsi tra presente e passato. In sostanza un autore da rileggere in futuro per vedere se riesce a ritornare ai fasti degli esordi.
Voto: 3 / 5
paola (16-02-2014)
Libro scritto bene ma in alcuni punti un po' noioso e lento. Belle le descrzioni ambientali e dei personaggi
Voto: 3 / 5
ferruccio (12-02-2014)
Un viaggio a ritroso nello spazio e nel tempo; un viaggio introspettivo fatto di riminiscenze, nostalgie, rimorsi e ripianti. Un malcelato desiderio di tornare indietro e affrontare in altro modo gli accadimenti della vita. Nulla è casuale, anche se per fretta e superficialità lo riteniamo tale, e le vicende seguono un filo invisibile che potrebbe condurre al contrario di ogni cosa...e tutto sarebbe ugualmente verosimile.
Voto: 4 / 5
Gianni (10-02-2014)
Da Carofiglio mi aspettavo di più; dopo i primi romanzi dell'avvocato Guerrieri e l'ottimo "Il passato è una terra straniera" a mio parere l'autore ha intrapreso un percorso discendente che lo ha portato a scrivere libri che, seppure leggibili, non hanno davvero nulla di speciale.
Voto: 2 / 5
Alberto Marcolli (10-02-2014)
Sullo stile e sulla accuratezza del testo non si discute. Ma può bastare per scrivere un buon romanzo? E i personaggi? E la storia? Nel tentativo di rimediare a queste gravi lacune l'autore ha inserito delle "lezioncine" di filosofia che centrano come i cavoli a merenda! Di Carofiglio ho letto di meglio, anche se comprendo la difficoltà di sapersi sempre riconfermare a buoni livelli.
Voto: 2 / 5
Simone simointrepido@yahoo.it (09-02-2014)
La prosa è essenziale e molto scorrevole. Il romanzo è coinvolgente e introspettivo. Il protagonista non riesce mai ad essere tale completamente: né ai tempi della scuola né nel suo presente. Protagonista è invece la storia: una storia mai interamente vissuta e forse mai davvero conclusa, a meno che non lo sia, ipoteticamente, a partire dal finale.
Voto: 3 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 64

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS