Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Libri per ragazzi   Narrativa e storie vere  Narrativa classica 

Saint-Exupéry Antoine de - Il Piccolo Principe

Il Piccolo Principe TitoloIl Piccolo Principe
AutoreSaint-Exupéry Antoine de
Prezzo € 6,72
(Prezzo di copertina € 7,90)
Dati2000, 121 p., ill.
TraduttoreBompiani Bregoli N.
EditoreBompiani  (collana Tascabili ragazzi)
Età di  letturada 8 anni
 
Disponibile anche usato a € 4,89 su Libraccio.it
 Disponibile in eBook a € 6,49

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 7 punti Nectar.
Per saperne di più
120 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Età di lettura: da 8 anni.

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 120 recensioni presenti.  Media Voto: 4.4 / 5 | Invia recensione

rino (13-06-2014)
Pappetta pseudo metafisica, raccolta di clichè new age elementari quanto banali, pensierini della sera adatti ad un pubblico di dodicenni.
Voto: 1 / 5
lois (21-05-2014)
Questo non è un semplice romanzo per bambini,ma una storia, a tratti quasi commovente, di un uomo che, disgustato dalle atrocità del mondo degli adulti, sogna di tornare bambino. Secondo me è libro molto profondo da leggere almeno una volta nella vita!
Voto: 5 / 5
Giorgio_Spada (09-03-2014)
un aviatore che scrive un libro è un po' come la gente che oggi giorno fa politica in Italia ... un romanzo così sopravvalutato da diventare fenomeno senza una storia dietro. chi è il piccolo principe? su cosa si fonda la storia? dopo una introduzione che faceva ben sperare, ecco che inizia la favoletta dove un uomo smarrito e con desiderio di sopravvivenza incontra un bambino, nel quale si rispecchia. a metà il bambino di "mamma ho perso l'aereo" e "pinocchio" subito viene mostrata la sua sfrontatezza, irriverenza, presunzione, boriosità senza fine. critica i grandi, il rapporto che ha con loro e che esistono nel mondo, crede di avere la saggezza infusa, stile dibattito della domenica. la domanda sorge spontanea: ma se questo bambino critica gli adulti perché credono di sapere tutto, volere tutto, categorizzare tutto, lui non diventerà adulto a sua volta? lui non si guarda dall'esterno, con un briciolo di umiltà, ammettendo di non essere infallibile? Decisamente un flop letterario mutato in successo grazie alla massa che come lettura più impegnata prima di questo libro ha letto topolino o novella 2000
Voto: 1 / 5
Cristina (19-06-2013)
sinceramente? non saprei dare un giudizio. è un libro profondo, ma credo di non aver colto il significato vero della storia. e mi dispiace perchè le persone che conosco che l'hanno letto, hanno capito a pieno. e ognuna ha ricevuto un messaggio diverso. profondo ma diverso. mi è piaciuto, è bello vedere il mondo con gli occhi di un bambino... ma non voleva dire solo questo. lo rileggerò, e pubblicherò più avanti un'altra recensione.
Voto: 3 / 5
Vale (13-06-2013)
Mi viene da pensare che chi dà un giudizio addirittura adorante su questo libro in realtà non legga chissà quanti altri libri o per lo meno che questo sia il libro impegnativo che abbia mai letto. Certo può anche piacere ma non mi sembra poi il caso letterario che se ne vuole fare. A me sembra fin troppo sopravvalutato : a tratti è onirico e d'interpretazione abbastanza aleatoria, come accade per i racconti de "Lo specchio nello specchio" di Michael Ende (pur non essendo così macabro) e su tutto aleggia la scarsa fiducia negli esseri umani e negli adulti in particolare?una scarsa fiducia che ha la pretesa di trapelare attraverso gli occhi e le esperienze del piccolo principe ma che secondo me è solo il punto di vista dell'autore. Allora preferisco leggere la misantropia di Swift ne "I viaggi di Gulliver" almeno mi godo anche un po' le sue avventure... Riguardo poi agli spunti più chiari che qs libro dà su cui riflettere mi sembrano piuttosto sciapi e già riscoperti in altre letture. Ci sono tantissimi altri libri che fanno riflettere, su tanti argomenti , come "Novecento" di Baricco o anche sugli adulti e sui bambini, non ultimo "La Storia Infinita" di Michael Ende. Aggiungo solo che non farei leggere questo libro ad un bambino :almeno nella sua infanzia lasciamogli l'illusione che il mondo in cui vive sia meglio di quello che incontrerà inevitabilmente crescendo, sennò si suiciderà prima di arrivare all'adolescenza!
Voto: 1 / 5
Giuliana pirricoca@libero.it (30-05-2013)
Ho letto incuriosita dal fatto che questo libro è secondo solo alla Bibbia per traduzioni al mondo. Sono una persona che ha mantenuto il bambino in sè e credo che quel bambino non avrebbe capito niente della storia e l'adulto che sono non ne è rimasto affascinato quanto credeva. Onirico al limite del comprensibile. Nemmeno originale, senz'altro meno dei Vangeli.
Voto: 1 / 5
migliettaser (04-05-2013)
E' per chi sa sognare, per chi , anche avanti negli anni ,ha ancora il bisogno di scoprire mondi nuovi e il desiderio di imparare, è il libro ideale per chi ha saputo conservare l'innocenza nei suoi pensieri più belli. Una medicina che aiuta lo spirito ed insegna il sorriso.
Voto: 5 / 5
Sophie (30-01-2013)
Letto molti anni fa e ancora nella mia memoria tra i capolavori. Bellissimo.
Voto: 5 / 5
Se una notte d'inverno un lettore seunanottedinvernounlettore@yahoo.it (22-01-2013)
«I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta». Questo romanzo esprime il rapporto tra il mondo dei bambini e quello degli adulti: l'incontro tra questi due mondi così diversi si rivederà formativo per l'io narrante che, venendo a contatto con la complessa psicologia del Piccolo Principe, acquisirà una nuova Weltanschauung incentrata sulla ricerca di una chiave di lettura della realtà. In questo senso il romanzo può essere definito un Bildungsroman in cui il personaggio che andrà incontro ad un'evoluzione è anche l'adulto. Palese è la differenza tra le due visioni del mondo dell'io narrante e del Piccolo Principe: se il primo è molto più pragmatico e legato alle contingenze («Mi occupo di cose serie io!»), per il secondo la ricerca dell'essenza delle cose si sostituisce alla ricerca di una finalità pratica, terrena («E non è una cosa seria cercare di capire perché i fiori si danno tanto da fare per fabbricarsi delle spine che non servono a niente? Non è importante la guerra fra le pecore e i fiori? Non è più serio e più importante delle addizioni di un grosso signore rosso?»). La curiosità e l'ingenuità del Piccolo Principe emergono anche dagli incontri con gli abitanti dei sei pianeti visitati. La scelta degli abitanti non è casuale; si allude alla semplificazione di sei modelli di comportamento negativo dell'uomo, per indirizzare la critica alla società moderna: la sete di potere, la vanità, il tentativo di dimenticare la precarietà della vita umana, la distrazione dall'essenza delle cose, la ripetitività, la conoscenza mediata dai libri, e poi la Terra. «L'essenziale è invisibile agli occhi»: questa è la chiave di lettura proposta dalla rosa. Un testo da leggere per quello che è, senza aspettarsi un capolavoro: nasce come libro per bambini, ma dopo il successo che ha avuto questo libro è entrato a pieno titolo nell'opinione collettiva, quindi molti aspetti potrebbero risultare banali e già sentiti.
Voto: 3 / 5
anna (08-01-2013)
Se questo è uno dei libri più venduti al mondo: ci sarà un motivo! E' un libro magico perché riesce a capirlo solo chi ha un animo predisposto e sensibile. Io dopo averlo letto ho pianto,mi ha commossa. Molti non lo capiscono e danno opinioni che si sa: possono essere contraddette! Leggetelo più volte e con umiltà. Anche le metafore sono chiare almeno per chi conosce la vita... E' ben fatto, dall'inizio alla fine e con logicità. E' un libro da conservare e rileggere, io ogni anno faccio così (l'ho letto dieci volte!!!), perché lo trovo un esempio di umanità autentico: "Non si conosce bene se non col cuore; l'essenziale è invisibile agli occhi: sono queste due verità assolute che non si possono contraddire! Dunque buona lettura: L'autore è stato geniale, magari ce ne fossero come lui!
Voto: 5 / 5
LUCA (12-12-2012)
Non mi è piaciuto per niente: è una storia senza capo nè coda, priva di un senso e di un filo logico, sopravvalutato a mio parere.
Voto: 2 / 5
Enrico (02-09-2012)
Libro di profonda meditazione. Consigliatissimo!
Voto: 5 / 5
francesca (03-08-2012)
letto e riletto più volte, un libro fantastico, che ti lascia veramente con quel qualcosa in più ogni volta che lo leggi.
Voto: 5 / 5
OskarSchell (25-07-2012)
Un capolavoro (sì, proprio così) che va riletto regolarmente... L'essenza della vita e della nostra serenità è racchiusa in poche pagine, ma sa toccare il cuore degli animi sensibili.
Voto: 5 / 5
Michelle94 (21-07-2012)
Un bambino probabilmente ci vedrà soltanto una bella storia e niente più. Un adulto, se lo legge con il cuore, coglie il vero significato di un piccolo tesoro che si legge in un attimo ma che ti resta nel cuore per sempre.
Voto: 5 / 5
Louis the_stroke82@yahoo.it (26-04-2012)
Racconto breve e profondo. Una meravigliosa parabola sul senso della vita, sul significato dell'amore, dell'amicizia e sull'importanza di cogliere le semplici sfumature della vita solo guardando col cuore. Al di la di tute le interpretazioni allegoriche che si possono dare della storia, essa rappresenta sopratutto un'esortazione a non far morire la parte bambina di noi anche quando nel "mondo dei grandi" si è costretti a prestare attenzione alle cose frenetiche e materiali . Magari basta semplicemente guardare le stelle in cielo per ricordarci, con un pizzico di nostalgia e di malinconia, di esser stati bambini una volta e che il nostro piccolo principe resterà sempre dentro di noi...
Voto: 5 / 5
Pino (21-02-2012)
....semplicemente straordinario. Sconsigliata la lettura solo a chi ha il cuore indurito dalla vita o una mente troppo razionale per coglierne le sfumature. Non è certo un capolavoro della letteratura ma letto con la mente sgombra e senza pregiudizi/aspettative sa essere molto di più.
Voto: 5 / 5
Lady Libro (09-04-2011)
Non mi è piaciuto per niente: è una storia senza capo nè coda, priva di un senso e di un filo logico, e non ci si capisce praticamente nulla (e poi dicono che è un libro per bambini? Ma come si fa?). Sono le troppe metafore e i racconti sconclusionati, scritti qua e là senza una precisa corrispondenza, che rendono questo libro incomprensibile. Mi domando come mai venga considerato un capolavoro.
Voto: 1 / 5
anna (25-03-2011)
Il piccolo principe è un grande presuntuoso che pensa di avere in sé l'assoluto. Preferisco il principe azzurro di Cenerentola in cerca dell'amore vero.
Voto: 1 / 5
Mixy (17-07-2010)
Sono contenta di averlo letto solo da grande: non l'avrei capito e probabilmente l'avrei odiato. Invece è un capolavoro! Un libro che ogni adulto dovrebbe leggere... magari i rapporti umani inizierebbero a funzionare come si deve!
Voto: 5 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
Recensioni 81 - 100 Recensioni 101 - 120

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS