Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Gialli, horror, noir   Gialli 

Dicker Joël - La verità sul caso Harry Quebert

La verità sul caso Harry Quebert Scarica le prime pagine TitoloLa verità sul caso Harry Quebert
AutoreDicker Joël
Prezzo
Sconto -15%
€ 16,58
(Prezzo di copertina € 19,50)
Dati2013, 779 p., brossura
TraduttoreVega V.
EditoreBompiani  (collana Narratori stranieri)
 
Disponibile anche usato a € 9,75 su Libraccio.it

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
PremiumQuesto prodotto dà diritto a 17 punti Premium.
Per saperne di più
nectarQuesto prodotto dà diritto a 17 punti Nectar.
Per saperne di più
334 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.

La recensione di IBS
Marcus Goldman è stato un esordiente di successo, ha pubblicato un libro che ha conquistato milioni di lettori. La sua vita è cambiata: denaro, feste, un bellissimo appartamento a New York, un flirt con una diva della televisione... Sembrava che tutta l'America avesse nella propria libreria una copia del primo fortunatissimo romanzo di Marcus Goldman.
Ogni giorno nel suo studio arrivavano centinaia di lettere da parte di ammiratrici. Un successo così fulmineo ad arrivare quanto tempestivo a dissolversi. Marcus per rispettare il contratto con l'editore che ha investito su di lui deve consegnare al più presto un nuovo manoscritto.
Prima che il suo nome venga cancellato dalla memoria dei lettori o sostituito da quello di un nuovo enfant prodige della letteratura americana. Ma il cosiddetto blocco dello scrittore si impossessa di lui. Impietosa la pagina bianca non sembra concedergli sconti. Per guarire decide di raggiungere il suo vecchio professore Harry Quebert, affermato letterato, una delle personalità dell'intellighenzia americana.
Un periodo di tranquillità nella cittadina di Aurora, un posto in cui gli abitanti non chiudono mai a chiave la porta di casa e i consigli del suo amico e maestro potrebbero essere le medicine giuste per ritrovare l'ispirazione. Frugando nella biblioteca di Harry, Marcus scopre che il suo professore all’età di trentaquattro anni, nell’estate del 1975, aveva intrattenuto una relazione con una quindicenne, una certa Nola Kellergan, poi scomparsa misteriosamente. Proprio quando stava scrivendo il suo capolavoro Le origini del male.
Marcus giura di mantenere il segreto. Ma la torbida storia della ragazza scomparsa torna di attualità qualche mese più tardi quando nel giardino di Harry Quebert vengono ritrovate ossa umane, probabilmente i resti di Nola Kellergan. È allora che Marcus Goldman, credendo nell’innocenza del vecchio amico che ora rischia seriamente la pena di morte, decide di scoprire la verità sul caso Harry Quebert.
Con una naturalezza disarmante ci ritroviamo trascinati dentro i fatti dopo aver letto poche righe. È non uno slogan da fascetta editoriale o quarta di copertina. Anche se si decide di affrontare il romanzo con piglio prevenuto, si finisce per crollare al tappeto sotto i suoi colpi già dal secondo capitolo. Come dice il personaggio di Harry all’allievo Marcus, «il secondo capitolo deve essere un diretto alla mascella dei lettori». La verità sul caso Harry Quebert, può essere definito un whodunit, (contrazione di Who has done it?), ovvero un giallo deduttivo.
L’autore disegna una scena editoriale americana competitiva, in cui oggi sei un dio in terra e domani rischi di trovarti fallito e citato in giudizio per inadempienze contrattuali. E tu, ormai ex esordiente di successo, hai ceduto la coroncina a una nuova reginetta delle classifiche, e quando passeggi per strada la domanda che più frequentemente ti senti rivolgere è: “quando pubblicherà un nuovo romanzo?”. L’ispirazione tornerà nel trentenne Marcus Goldman quando indagando sull’assassinio di Nola, deciderà di costruirci un romanzo.
L’architettura di questo thriller di Joël Dicker si compone quindi di un gioco di piani sovrapposti in cui la letteratura e la scrittura rimangono sempre al centro. C’è un manoscritto, Le origini del male (il capolavoro di Harry Quebert), legato in qualche modo alla sparizione della quindicenne, uno scrittore (Marcus Goldman) che indaga sul caso e che su questo caso scrive a sua volta un romanzo. Molti hanno visto ne La verità sul caso di Harry Quebert un omaggio a La macchia umana di Philip Roth (amicizia tra due scrittori, riabilitazione del proprio mentore, ambientazione nella provincia americana).
I diritti di traduzione sono stati venduti in tutto il mondo. Il libro ha ricevuto in Francia diversi riconoscimenti. Racchiude al suo interno una sorta di guida per aspiranti scrittori, infatti all’inizio di ogni capitolo Dicker inserisce uno scambio, un botta e risposta tra Harry e Marcus, a proposito dell’arte della scrittura.

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 334 recensioni presenti.  Media Voto: 3.24 / 5 | Invia recensione

alessandra (24-07-2015)
Anche se lungo, si legge molto piacevolmente. E' scorrevole e non ti annoia mai. Non sarà un capolavoro...ma mi è piaciuto! Consigliato!
Voto: 4 / 5
ROBERTA (14-07-2015)
prestato da un'amica un anno fa, con la premessa : "imperdibile". letto questa settimana in pochi giorni, perchè effettivamente "si fa leggere" velocemente e comunque la curiosità la stimola. Finito quindi ieri sera, e oggi mi son presa qualche riflessione; ieri gli avrei dato 4, oggi scendo a 2, per i motivi già da molti elencati, le lettere melense tra i due amanti che sembrano scritte nel 1800, l'antipatia del protagonista a cui tutti, non si sa bene perchè, aprono le porte e le confidenze, e poi un grande immenso dubbio (per non dire castroneria): I Kellergan sono stati 6 anni nella ridente cittadina dove si conoscevano tutti, e il padre era uomo in vista della comunità; nessuno si è mai chiesto chi e dove fosse la moglie, visto che tutti pensavano esistesse? Nola si travestiva per andare in chiesa fingendo di essere la madre? Non ho capito io o questo "trascurabile" dettaglio è stato.. trascurato?
Voto: 2 / 5
Serena (18-06-2015)
Mi ha lasciato il fiato sospeso ogni volta che andavo avanti a leggerlo! Bellissimo!
Voto: 5 / 5
Luì (02-06-2015)
D'accordo, non è un capolavoro, ma non lo stroncherei. A tratti, devo dire che può diventare noioso e prolisso soprattutto se, come è capitato a me, avevo intuito "il colpevole" già dopo un centinaio di pagine. Tutto sommato è ben costruito e scorrevole, diversi sono i colpi di scena e le situazioni inaspettate. Unica cosa: mi sarei risparmiata volentieri almeno 200 pagine, o forse qualcosa di più.
Voto: 3 / 5
marcostraz (29-05-2015)
L'ho trovato un libro un pò ondivago, alcune cose interessanti, altre un pò improbabili e forzate...diciamo che l'autore mi è sembrato bravo a scrivere, ma che ogni tanto gigionegiasse con le proprie qualità...
Voto: 3 / 5
Daniele B. (14-05-2015)
L'unico mattone da 500 e passa pagine a non avermi appesantito. Magari a tratti la trama potrà sembrare un po' sfilacciata e prevedibile, però la scrittura e i personaggi sembrano assai reali.
Voto: 4 / 5
Alessio Rota (26-04-2015)
ahiahiahiiii!!!dialoghi imbarazzanti, prosa da dodicenne e neppure di talento, furbetta tecnica di introdurre in continuazione nuovi elementi per destare curiosità ma portando in realtà solo fastidio e mestizia, potrebbe essere, molto sfrondata, una discreta trama per un episodio di CSI, non un volume di 800 pagine di cui almeno la metà inutili...molto male, soprattutto considerando il successo che ha avuto (D'Orrico, che combini???)
Voto: 1 / 5
papocchio (14-03-2015)
E' la conferma che battage pubblicitario tonitruante in occasione della sua uscita e aggettivi sopra le righe (come quelli adottati dal suo mieloso traduttore) nelle recensioni e/o fascette, sono spesso garanzia di un prodotto mediocre. Diciamo che talvolta è irritante, scontato e ripetitivo, ma è sicuramente un'alternativa più salutare alla sbronza alcoolica in caso di noia.
Voto: 1 / 5
mondodue (06-03-2015)
le regole del decalogo d'oro: se uno scrittore scrive di uno che scrive - allontanarsi di corsa. se poi usa la prima persona, farsi trainare via da un aereo... non ha idee. che cosa voleva fare, una cover di "a sangue freddo"? beh, esecuzione da oratorio di paese. quanta carta ha usato??? secondo me tanta da costare di più del prezzo di vendita. antieconomico.
Voto: 1 / 5
Patrizia Mascaretti (17-02-2015)
Un consiglio? Risparmiate i vostri soldi! Ripetitivo, lungo, scritto forse a più mani, indeciso fino alla fine se puntare su una storia d'amore (nel peggiore stile Harmony) o se spacciarsi per un triller senza riuscirci. L'ho letto puntigliosamente fino all'inconcludente finale per essere sicura di aver preso una solenne fregatura. Posso quindi confermare che non vale da nessun punto di vista. E' anche scritto malissimo.
Voto: 1 / 5
Lorenzo (13-02-2015)
Capolavoro assoluto... Da leggere tutto d'un fiato... Per restarne senza...!!!!
Voto: 5 / 5
Pavel (11-02-2015)
L'unica cosa positiva e' che il libro mi e' stato prestato, per cui non ho buttato via soldi per leggerlo ... Di una banalità irritante. I capolavori sono ben altri.
Voto: 1 / 5
Grazia Simeone (04-02-2015)
Ho comprato il libro dopo averlo visto andare a ruba nella biblioteca in cui lavoro. La delusione è stata grandissima: resisto solamente per scoprire dove l'autore andrà a parare alla fine di un guazzabuglio ripetitivo e melenso. Credo davvero che la casa editrice abbia fatto un'abile campagna pubblicitaria presentando il libro come un capolavoro(anche l'editore di Marcus Goldman appare solo attento all'aspetto economico) e ostentando i numerosi premi ricevuti dall'autore. A proposito, forse anche la traduzione peggiora il tutto: non mancano ripetizioni,strafalcioni e un linguaqgio quasi da "Grand Hotel" o "Confidenze" che, come ha notato un altro lettore, mancano nell'originale francese. Tutto risulta convenzionale: l'amore, l'amicizia tra i due scrittori, la provincia americana perbenista e bacchettona.
Voto: 1 / 5
monica67 (04-02-2015)
Mi è dispiaciuto tanto averlo finito. BELLISSIMO!!!! UN CAPOLAVORO!
Voto: 5 / 5
Andrea (27-01-2015)
Ottimo acquisto. Libro avvincente!
Voto: 4 / 5
Franca (05-01-2015)
Lettura leggera per le pesanti giornate tra natale e capodanno. Vorrei dargli un voto più alto perché si è fatto leggere in pochi giorni ma la ripetizione continua degli stessi fatti, e a volte della stessa frase, e i frequenti errori di battitura, non lo rendono un capolavoro. E i personaggi durante la lettura diventano sempre più antipatici.
Voto: 3 / 5
sofia (14-11-2014)
sono ancora basita dalla banalità di questa storia e dei suoi personaggi, per non parlare dei dialoghi che sono imbarazzanti. in tutta la sua inutile lunghezza mi è sembrato scritto da un dodicenne cretino, che non aveva la vaga idea di dove andare a parare. la storia non è credibile, è solo un marasma di eventi che si confondono tra passato e presente, mentre i personaggi sono tutti delle tristi macchiette che non suscitano neppure simpatia ma al contrario irritazione. la suspense poi che ha tenuto incollati molti lettori io non l'ho provata neanche nelle ultime 100 pagg che avrebbero dovuto essere quelle da divorare. sono riuscita a finirlo solo perché mi sono imposta di verificare se era una colossale bufala fino in fondo oppure no. Ebbene ora posso dirlo: è una colossale bufala.
Voto: 1 / 5
Gio (14-11-2014)
Ci sono cascata un'altra volta! Thriller inesistente, storia d'amore quasi ridicola, letteratura elementare, troppe pagine inutili. Come detto da altri ll romanzo si vivacizza verso la fine ma che confusione: tutti colpevoli, tutti innocenti . Tempo e soldi persi
Voto: 2 / 5
Fabrizio (20-10-2014)
personaggi inverosimili dialoghi ripetuti spesso in capitoli diversi storia avvincente si poteva ridurre almeno di 300 pagine non consigliato
Voto: 1 / 5
Valentina_ (19-10-2014)
Nonostante sia rimasta piacevolmente colpita dal questa lettura, c'è da ammettere la presenza di alcuni elementi inverosimili, come la patetica storia d'amore tra lo scrittore e la ragazzina, o il fatto che, dopo trent'anni, persone del paese vogliano confidare i propri segreti a uno sconosciuto. Nel complesso la lettura è molto scorrevole e avvincente, le quasi settecento pagine volano che è una meraviglia!
Voto: 4 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
Recensioni 81 - 100 Recensioni 101 - 120 Recensioni 121 - 140 Recensioni 141 - 160
Recensioni 161 - 180 Recensioni 181 - 200 Recensioni 201 - 220 Recensioni 221 - 240
Recensioni 241 - 260 Recensioni 261 - 280 Recensioni 281 - 300 Recensioni 301 - 320
Recensioni 321 - 334

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di consegna
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
Informativa sui cookie
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2015 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS