Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa straniera  Di ambientazione storica 

Ghosh Amitav - Il fiume dell'oppio

Il fiume dell'oppio TitoloIl fiume dell'oppio
AutoreGhosh Amitav
Prezzo
Sconto 15%
€ 15,72
(Prezzo di copertina € 18,50 Risparmio € 2,78)
Dati2011, 586 p., brossura
TraduttoreNadotti A.; Gobetti N.
EditoreNeri Pozza  (collana Le tavole d'oro)
 
Disponibile anche usato a € 9,25 su Libraccio.it
 Disponibile in eBook a € 6,99

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 16 punti Nectar.
Per saperne di più
10 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
È il settembre del 1838 quando una terribile burrasca si abbatte sulla Ibis, la goletta a due alberi in viaggio verso Mauritius con il suo carico di "coolie", di "delinquenti". Come un uccello mitologico in balia del vento, con il bompresso come un grande becco e le vele come due enormi ali spiegate, la Ibis resiste miracolosamente alla furia dell'uragano. Nel fracasso della tempesta, tuttavia, tra lampi, tuoni e marosi, una scialuppa si allontana lestamente dalla goletta. E una barca di fuggitivi e a bordo reca due lascari, i leggendari marinai che parlano una lingua tutta loro, e tre coolie che dovrebbero scontare la loro pena a Mauritius: Kalua l'ex lottatore strappato ai campi di papaveri indiani, Ah Fatt, il figlio di un ricco mercante di Bombay e di una donna cinese, Neel, il raja di Raskhali che ha sperperato la sua ricchezza, indebitandosi con i mercanti inglesi e finendo galeotto nella stiva della nave inglese. Qualche giorno dopo attracca a Mauritius un brigantino anch'esso male in arnese dopo una traversata segnata da disgrazie e tragedia: il Redruth di Fitcher Penrose, il cacciatore di piante. A Port Louis, però, Fitcher ha di che rallegrarsi. Nel porto di Mauritius fa, infatti, bella mostra di sé uno dei più venerati orti botanici del mondo in cui hanno prestato la loro opera lo scopritore della buganvillea e quello del pepe nero. Secondo volume della trilogia della Ibis.

La recensione di IBS
Tra il porto cosmopolita di Canton e le acque agitate dell’Oceano indiano, il nuovo romanzo di Amitav Ghosh è ambientato nell’Oriente del XIX secolo alla vigilia della Prima guerra dell’oppio: un mondo affascinante, misterioso e proibito, teatro delle imprese di spregiudicati mercanti e temerari pionieri.
Dopo Mare di papaveri, il primo romanzo della cosiddetta “Trilogia della Ibis”, l’avventura riprende a scorrere impetuosa nel Fiume dell’oppio. L’azione ricomincia laddove si era interrotta nel volume precedente, ma questo nuovo libro si può leggere anche come un romanzo a sé stante che ci regala una storia di ampio respiro degna dei grandi romanzi d’avventura ottocenteschi. Una storia con cui Amitav Ghosh ricostruisce e documenta sapientemente l’incrocio di culture diverse, cinese, indiana e europea, e ci racconta le guerre, i naufragi, i traffici leciti e illeciti, i conflitti d’interessi e le ipocrisie che hanno gettato le basi del mondo odierno e globalizzato. In primo luogo le Guerre dell’oppio che sancirono la definitiva espansione dell’Impero britannico in Cina e nei mercati orientali: avvenimenti in cui Ghosh individua uno spartiacque epocale e l’origine misconosciuta dei fermenti che hanno creato il XXI secolo.
Sullo sfondo della Storia reale, ricostruita con attenzione e dovizia di particolari, si snodano le vite romanzate di mercanti, soldati della Compagnia delle Indie orientali, marinai di etnie e lingue diverse, artisti e nobiluomini decaduti. Tra questi Bahram Modi, il mercante parsi partito da Bombay alla volta di Canton con il suo vascello Anahita, completamente pieno di oppio. A meno di cento miglia dalla meta, un fortunale ha sorpreso la nave e l'intero carico di oppio si è sganciato. Buona parte del prezioso carico è andata perduta proprio quando Bahram contava di arrivare presto a Fanqui-town per poterlo vendere e ripagare i debiti che lo assillano. Qui il destino di Bahram si incrocia con quello di Neel, il raja in rovina fuggito al naufragio della Ibis, che diventa spettatore privilegiato degli avvenimenti che sconvolgeranno la comunità dei mercanti stranieri di stanza a Canton. I venti di guerra già soffiano alla bocca del Fiume delle Perle dove stanno per finire i tempi in cui gli uomini della Compagnia delle Indie facevano affari d’oro smerciando l’oppio con la connivenza di mandarini corrotti e compiacenti. Un nuovo commissario è stato inviato dall’imperatore cinese: è determinato, astuto e incorruttibile ed è fermamente deciso a stroncare il mercato illegale di droga che sta corrodendo l’anima e il corpo dell’impero celeste.
Romanzo dei destini incrociati, epopea di popoli, lotte e riscatti, Il fiume d’oppio è una storia corale, ricca di personaggi affascinanti e avvenimenti sorprendenti, un libro definito dal Daily Mail “ipnotico come un sogno indotto dall’oppio”, capace di restituire il piacere della lettura anche i lettori più consumati.

http://giotto.ibs.it/cop/copj170.asp?f=9788854502215 Il fiume dell'oppio È il settembre del 1838 quando una terribile burrasca si abbatte sulla Ibis, la goletta a due alberi in viaggio verso Mauritius con il suo carico di "coolie", di "delinquenti". Come un uccello mitologico in balia del vento, con il bompresso come un grande becco e le vele come due enormi ali spiegate, la Ibis resiste miracolosamente alla furia dell'uragano. Nel fracasso della tempesta, tuttavia, tra lampi, tuoni e marosi, una scialuppa si allontana lestamente dalla goletta. E una barca di fuggitivi e a bordo reca due lascari, i leggendari marinai che parlano una lingua tutta loro, e tre coolie che dovrebbero scontare la loro pena a Mauritius: Kalua l'ex lottatore strappato ai campi di papaveri indiani, Ah Fatt, il figlio di un ricco mercante di Bombay e di una donna cinese, Neel, il raja di Raskhali che ha sperperato la sua ricchezza, indebitandosi con i mercanti inglesi e finendo galeotto nella stiva della nave inglese. Qualche giorno dopo attracca a Mauritius un brigantino anch'esso male in arnese dopo una traversata segnata da disgrazie e tragedia: il Redruth di Fitcher Penrose, il cacciatore di piante. A Port Louis, però, Fitcher ha di che rallegrarsi. Nel porto di Mauritius fa, infatti, bella mostra di sé uno dei più venerati orti botanici del mondo in cui hanno prestato la loro opera lo scopritore della buganvillea e quello del pepe nero. Secondo volume della trilogia della Ibis. 15,72 new EUR in_stock
I vostri commenti
10 recensioni presenti.  Media Voto: 3.4 / 5 | Invia recensione

leonardo de chanaz (20-05-2013)
Stupenda epopea! vale come Il mare di Papaveri! Aspetto il terzo. Ogni personaggio è descritto e sentito con cura, tutti protagonisti, contorni nitidi. Bravissimo, da anni non ero stato tanto magnetizzato. Anche i miei amici lo hanno amato moltissimo. Da consigliare.
Voto: 4 / 5
Giovanni (02-05-2013)
Mi mancano circa 200 pagine per finirlo e devo dire che mi piace quasi come"mare di papaveri"mi riservo di scriverne di più fino a quando non l'ho finito.Scusate il terzo libro della trilogia deve ancora uscire?
Voto: 4 / 5
Rossella Righetti (30-01-2013)
Francamente un pò delusa, soprattutto dopo lo stupendo "Mare di papaveri" che ho letto d'un fiato. Confesso che su questo secondo romanzo di Gosh mi sono addormentata più di una sera. La storia va lentamente, appesantita anche dalla noiosa e farraginosa corrispondenza del pittore gay con Paulette (ogni volta chiamata con un appellatvo diverso: perchè non pubblicare in fondo un glossario????) per narrare quello che succede a Canton, ma con lettere troppo lunghe.... Anche i personaggi di questo secondo romanzo sono molto meno affascinanti del primo. Spero nel terzo libro, per concludere degnamente la trilogia dell'IBIS... NB. Indispensabile, come suggerito anche da altri, il GLOSSARIO dei termini stranieri: se no si capisce davvero poco, e magari anche un glossario dei personaggi, complicati da rintracciare in libri-fiume come questi.
Voto: 2 / 5
Alex alexswall@yahoo.it (12-12-2012)
Deluso si decisamente in effetti era difficile ripetersi dopo il bellissimo "Un mare di papaveri" che dire ho perso il filo per la prima metà poi la storia smette di ondeggiare e si stabilizza fino ad un discreto finale ma è poco troppo poco per le attese suscitate dal primo libro e il terzo maledizione come sarà il terzo???
Voto: 3 / 5
Sandra (03-08-2012)
Ho aspettato tanto l'uscita di questo libro e purtroppo si è rivelato una delusione cocente,una Babele di lingue e personaggi senza filo conduttore, del tutto privi del fascino narrativo di Mare di papaveri.Personaggi e storie naufragano tragicamente nelle oltre 580 interminabili pagine di questo polpettone, per il terzo passo..o se non altro rigorosamente in edizione economica.
Voto: 1 / 5
Morena (06-05-2012)
Ho scelto di leggere questo libro di amitav ghosh perché ero in partenza per hong kong, senza sapere nulla di questa città pazzesca: confermo, la lettura è ottima anche senza conoscere il primo episodio della trilogia. La storia é ambientata tra India e Cina cantonese nella prima metà del 1800. Raccontando la vita dei protagonisti - con un intreccio e una narrazione piacevoli - l'autore descrive molto bene la nascita della colonia inglese di hong kong e il ruolo dell'Inghilterra nella I guerra dell'oppio. Consigliato, anche ai non appassionati del genere "orientale".
Voto: 4 / 5
Massimo (22-02-2012)
Sinceramente la seconda parte della Trilogia della Ibis mi ha un pò deluso. Mare dei papaveri mi è piaciuto molto per lo spessore e il fascino di personaggi - sullo sfondo di un'india pre-moderna - che si sfiorano e si incrociano giungendo all'apice nell'epico finale. Non che fosse indispensabile riprendere ogni singolo personaggio anche nel Fiume dell'oppio, solo che se ne poteva anche fare un romanzo a sè, incentrato su una fase molto crudele dei rapporti commerciali fra Occidenrte ed Oriente. Il romanzo è anche interessante, ma solo a tratti emozionante come Mare di papaveri. A mio personalissimo parere è stata una lettura che avrei evitato a piè pari, se non fosse stato per il traino del primo volume; volendo se ne può tranquillamente fare a meno. Nota per i curatori: se si vuole infarcire il testo di tanti termini in lingua originale (cinese, indiano, bengalese, parsi e quant'altro), è bene allestire una sezione "Glossario"!!
Voto: 3 / 5
ales brk985@yahoo.it (09-02-2012)
un gran bel pezzo di storia di un paese molto interessante, complimenti ad Amitav, non è un vero e proprio seguito perchè del primo riporta solo alcuni personaggi, la storia è completamente nuova e si sposta su altri nuovi protagonisti che comunque soddisfano appieno la lettura. Da leggere assolutamente!
Voto: 5 / 5
Alessandro (19-12-2011)
Più che il seguito delle avventure dei personaggi del primo romanzo, un vero e proprio saggio romanzato degli avvenimenti che hanno portato alla guerra dell'oppio tra Cina e Inghilterra nel 1839. Avrei preferito ritrovare tutti i protagonisti del primo libro e leggere il seguito delle loro storie. Le qualità narrative di Gosh comunque non si smentiscono e già aspetto con curiosità il terzo e ultimo libro.
Voto: 4 / 5
Daniela (12-12-2011)
Il secondo capitolo della trilogia di Amitav Ghosh non delude! Sono rimasta conquistata esattamente come dal primo volume! La capacità narrativa dello scrittore indiano è, come al solito, intrigante e scorrevole. L'intreccio è accattivante e i lettori non faranno fatica ad affezionarsi ai tanti nuovi personaggi. Lo scenario del romanzo (se non il protagonista) è la città di Canton a metà '800, la porta della Cina all'Occidente: luogo ove potevano convivere in un clima di apparente tolleranza culture molto diverse, unite dal neo-ideale del libero mercato, la cui massima espressione era paradossalmente il commercio dell'oppio.
Voto: 4 / 5

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS