Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa straniera  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Tsiolkas Christos - Lo schiaffo

Lo schiaffo TitoloLo schiaffo
AutoreTsiolkas Christos
Prezzo € 15,30
(Prezzo di copertina € 18,00)
Dati2011, 537 p., brossura
TraduttoreRossari M.
EditoreNeri Pozza  (collana Bloom)
 Disponibile in eBook a € 10,99

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
nectarQuesto prodotto dà diritto a 15 punti Nectar.
Per saperne di più
18 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
È un delizioso pomeriggio di fine estate a Melbourne, un tempo perfetto per il barbecue di Aisha e Héctor. Affascinante indiana con la carnagione scura liscia e intatta, Aisha si aggira per il giardino di casa dispensando sorrisi. Héctor, suo marito, un quarantenne di origine greca con un po' di grigio sulle tempie, si guarda furtivo in giro. I suoi occhi sono alla disperata ricerca di Connie, una ragazza che lavora nell'ambulatorio di veterinaria di sua moglie. In un angolo del giardino, Bilal, un aborigeno appena convertito all'islam, cerca di rifiutare una birra portatagli da Manoli, padre di Héctor. Harry, il cugino che ha fatto fortuna con le sue imprese, incede invece con aria appagata tra gli ospiti del barbecue. Anouk, la sceneggiatrice di soap presenta tutti il suo ultimo trofeo: Rhys. Rosie deve già badare a Hugo, il suo piccolo di tre anni, bello come un putto, e al marito Gary. Insomma, il barbecue sarebbe un normale barbecue della Melbourne cosmopolita dei nostri giorni se non accadesse l'impensabile. Hugo, il putto tanto bello quanto pestifero, sferra un calcione negli stinchi di Harry. E il cugino Harry platealmente leva in alto il braccio a fendere l'aria e poi a colpire il bambino con uno schiaffo. Da quel momento l'esile equilibrio di quella piccola comunità, fatta di culture e mondi differenti, crolla. E i risentimenti, i pregiudizi sociali e razziali, le differenze di sesso e di età, riaffiorano prepotentemente, a scavare abissi incolmabili.

I vostri commenti
18 recensioni presenti.  Media Voto: 2.88 / 5 | Invia recensione

Franz (14-11-2013)
Ho divorato la prima parte, ma con il passare delle pagine la noia ha preso il sopravvento. Non saprei se consigliarlo oppure no
Voto: 3 / 5
stefano stevenpipini@hotmail.com (20-02-2013)
In pratica e'la sceneggiatura di una soap-opera,i belli,gli sfigati,l'amore,i tradimenti,il sesso (esplicito),si legge anche volentieri,tutto inizia con uno schiaffo durante un barbecue e da lì in un vortice di vicende e capitoli dedicati ai personaggi del romanzo,con le loro storie,si arriva con curiosità alla fine,certamente non un capolavoro ma piacevole
Voto: 3 / 5
Roberta (10-11-2012)
Libro interessante, in cui l'autore dipinge in maniera chiara ed elegante le ipocrisie della societa' in cui vive. Nella sua Melbourne, in un pomeriggio d'estate come tanti, si incontrano amici molto diversi fra loro per cultura, razza, eta', sesso. Con particolare cura e attenzione vengono rilevati i tratti distintivi dei singoli personaggi e cio' che realmente si nasconde dietro la loro immagine, in tutto o in parte costruita e "ricalcata" sul modello di famiglia e di societa' alle quali appartengono. Ma e' sufficiente un episodio all'apparenza banale a far riaffiorare in un solo istante risentimenti e pregiudizi. Romanzo di contraddizioni e incoerenze, in una societa' che si definisce multiculturale e multirazziale...ma che in realta' non e' ancora pronta a infrangere il muro dei pregiudizi e dei preconcetti. La trama e' avvincente, la lettura a tratti rallentata.
Voto: 4 / 5
Massimiliano Ciarrocca (24-09-2012)
E' sicuramente ben scritto, ma, visto il paragone che viene fatto in copertina, non posso non dire che il libro sembra scritto per "somigliare" volutamente a qualcosa. Tipo "la versione di Barney". O a qualcosa di De Lillo. La realtà è che qui tutti i personaggi hanno una loro caratterizzazione eccessivamente caricata, senza un vero motivo. Quello che in De Lillo risulta essere cinismo elegante e intelligente, qui viene solo imitato e quindi sembra piuttosto rabbia e tra l'altro nemmeno sempre giustificata. D'altronde tutto il libro ruota attorno ad uno schiaffo dato da un adulto ad un bambino viziato. Un tantino debole per 537 pagine no? Non ci si immedesima mai o quasi. Ho provato solo noia. Non ve lo raccomando.
Voto: 1 / 5
Lorso57 (01-09-2012)
Concordo innanzitutto sul fatto che - come segnalato da altre recensioni - le ripetute e dettagliate descrizioni di scene di sesso risultino certamente sgradevoli ed esagerate. Per il resto questo romanzo ha comunque una sua validita' in quanto descrive chirurgicamente e senza sconti per nessuno la crisi di una piccola comunita' multietnica, scatenata da un episodio apparentemente banale come uno schiaffo. In effetti i protagonisti del libro vivono a sesso, droga e alcol e si dimostrano spesso aridi e moralmente squilibrati. L'abilita' di Tsiolkas e' in ogni caso quella di indagare dal punto di vista di ognuno e descriverci chiaramente i problemi, i rimpianti, le scelte obbligate che costellano le loro esistenze apparentemente dorate ma effettivamente tormentate. Interessante.
Voto: 3 / 5
marina (27-06-2012)
Il titolo "deciso", l'illustrazione di copertina, la casa editrice e le recensioni sulla quarta di copertina mi hanno tratto in inganno.... Un libro leggibile, ma non meritevole dell'impegno di lettura che richiede, considerato il numero di pagine. La descrizione dei personaggi manca di profondità, i fatti narrati non sostengono la dinamica piatta che si crea fra i personaggi. Oltre a una certa volgarità nella descrizione delle scene di sesso che mi fanno pensare ad un autore che cerca di stupire i lettori ma non ci riesce. Il voto non è del tutto negativo perchè sono riuscita a finirlo e quindi non è stato il peggiore dei libri che ho letto.
Voto: 2 / 5
Tiziana (07-06-2012)
ben costruito e articolato. tipi umani tratteggiati e contestualizzati ad arte. un po' prolisso, ma potente ed efficace.
Voto: 4 / 5
enza (01-06-2012)
Non mi è piaciuto, ho dovuto farmi forza per arrivare alla fine.
Voto: 1 / 5
Isa (16-02-2012)
Nonostante la trama accattivante l'ho trovato un po' dispersivo.
Voto: 3 / 5
mario (14-02-2012)
è un libro che non posso dire mi abbia rapito. non mi sono affezionato ad alcun personaggio in particolare. non sono sicuro lo consiglierei. due cose rendono il mio voto quasi positivo: - la lettura è scorrevole. - è un libro che trovo abbia una sua sostanza. tratta di miserie umane, guardate tanto con gli occhi dell'adolescente, quanto del vecchio. Miserie a cui nessuno di noi può credere di essere immune.
Voto: 3 / 5
Adriana (23-01-2012)
Faccio veramente fatica a trovare le parole per descrivere questa perdita di tempo e di denaro. Forse è sufficiente dire ciò, per mettere in guardia chiunque, come me, fosse tentato di leggere questa robaccia inclassificabile sotto tutti i punti di vista, cedendo, per l'ennesima volta come una pollastra, alle lusinghe di recensioni ed accostamenti osceni (Roth). Statene alla larga!!!
Voto: 1 / 5
Lucio lubongiovanni@yahoo.it (29-12-2011)
Uno schiaffo a un bambino, ovvero l'occasione offerta da un evento banale per rappresentare le miserie di una comunità. Vero: non c'è bisogno che accadano fatti straordinari per raccontare una storia, anche perchè la vita è costituita da fatti quotidiani, ripetitivi e apparentemente banali. Però, nel nostro caso, l'Autore non riesce a far "decollare" il quotidiano, a rendere la storia meritevole di essere raccontata. Il romanzo si perde nella morbosa descrizione di gratuite scene di sesso, nonchè nella narrazione di storie che non riescono a catturare interesse, in personaggi che non assumono alcuna dimensione universale nella quale potersi riconoscere. Perchè scrivere questa storia? E perchè leggerla?
Voto: 2 / 5
massimo r. (23-09-2011)
Per parafrasare Paolo Sorrentino, l'avrei intitolato "Hanno tutti torto",visto che di fronte a un piccolo evento le reazioni sono esagerate, e perciò sbagliate.E costruirci un romanzo di oltre 500 pagine è pretestuoso e perfino un po'noioso. I personaggi sono tutti sufficientemente antipatici,con tare psicologiche e tossicodipendenze varie francamente inverosimili. Anche se T. ha doti di scrittore indiscutibili, per favore, evitiamo paragoni con Philip Roth...
Voto: 2 / 5
Giulia (21-09-2011)
Il libro mi è piaciuto molto..nonostante la mole l'ho divorato. Unica nota negativa sono le scene di sesso troppo esplicite e di cui si potrebbe fare a meno
Voto: 3 / 5
vittorio pisa (13-09-2011)
Ho acquistato questo libro soltanto perché colpito dalla copertina e mi sono convinto nell'acquisto perché l'autore, a me del tutto sconosciuto sinora, era paragonato ai grandi della letteratura contemporanea: Tom Wolfe, Philip Roth, Jonathan Franzen, De Lillo. Il romanzo non delude le pur grandi aspettative che il paragone con tali autori non poteva non suscitare. È un grande romanzo, il tessuto narrativo consente di seguire la trama da molti punti di vista diversi, mai banali. Tutti i personaggi non vivono soltanto in funzione della trama, ma la arricchiscono con le loro storie personali che si intrecciano e danno nuovo significato al filo conduttore del romanzo. La prosa è potente ed espressiva. Tsiolkas, a mio parere, è più vicino a Wolfe che a Roth. Il suo romanzo non racconta una storia, narra la vita e lo fa dannatamente bene. Consigliatissimo.
Voto: 5 / 5
luca (12-09-2011)
Molto bello, grande prova di scrittura. Il libro parla attraverso alcuni personaggi di uno spaccato odierno della borghesia australiana. L'autore mostra con crudezza e realismo i pregi e difetti dei suoi personaggi, facendoli parlare i prima persona e rendendo così la trama molto avvincente. Peccato per il personaggio finale che si rivela la parte più deludente del libro: sembra che anche all'estero il lavoro di editor sia un pò in crisi.
Voto: 4 / 5
Raffaele (27-07-2011)
Un gran bel romanzo, l'Autore parte da un episodio per raccontare in modo esemplare la vita e i sentimenti dei personaggi coinvolti dei quali narra abilmente anche gli episodi più nascosti del loro passato consentendoci di capire fino in fondo la loro intimità. Un romanzo scritto benissimo, molto emotivo e mai banale. Tsiolkas, a mio parere, è un grandissimo narratore e mi auguro di veder pubblicati presto altri suoi libri con l'auspicio che siano dello stesso livello di questo.
Voto: 5 / 5
Alessandro (22-07-2011)
E' un libro sopravvalutato. La scrittura è buona, seppur non penso abbia giocato a suo favore la traduzione, che a volte mi è sembrata zoppicante. La storia c'è, è raccontata in punti di vista multipli. Alcuni di questi sono un po' deboli, manca del conflitto. E alcuni dei personaggi che prendono parola, sono un po' superflui.
Voto: 3 / 5

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS