Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Società, politica e comunicazione   Argomenti d'interesse generale  Studi culturali  Cibo e società 
Società, politica e comunicazione   Argomenti d'interesse generale  Problemi e controversie etiche 

Foer Jonathan S. - Se niente importa. Perché mangiamo gli animali?

Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? TitoloSe niente importa. Perché mangiamo gli animali?
AutoreFoer Jonathan S.
Prezzo
Sconto -15%
€ 15,30
(Prezzo di copertina € 18,00)
Dati2010, 363 p., brossura
TraduttorePiccinini I. A.
EditoreGuanda  (collana Biblioteca della Fenice)
  
 Disponibile in eBook a € 4,99

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
PremiumQuesto prodotto dà diritto a 15 punti Premium.
Per saperne di più
30 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Jonathan Safran Foer, da piccolo, trascorreva il sabato e la domenica con sua nonna. Quando arrivava, lei lo sollevava per aria stringendolo in un forte abbraccio, e lo stesso faceva quando andava via. Ma non era solo affetto, il suo: dietro c'era la preoccupazione costante di sapere che il nipote avesse mangiato a sufficienza. La preoccupazione di chi è quasi morto di fame durante la guerra, ma è stato capace di rifiutare della carne di maiale che l'avrebbe tenuto in vita, perché non era cibo kosher, perché "se niente importa, non c'è niente da salvare". Il cibo per lei non è solo cibo, è "terrore, dignità, gratitudine, vendetta, gioia, umiliazione, religione, storia e, ovviamente, amore". Una volta diventato padre, Foer ripensa a questo insegnamento e inizia a interrogarsi su cosa sia la carne, perché nutrire suo figlio non è come nutrire se stesso, è più importante. Questo libro è il frutto di un'indagine durata quasi tre anni che l'ha portato negli allevamenti intensivi, visitati anche nel cuore della notte, che l'ha spinto a raccontare le violenze sugli animali e i venefici trattamenti a base di farmaci che devono subire, a descrivere come vengono uccisi per diventare il nostro cibo quotidiano.

La voce della critica


Le ultime quindici pagine di Molto forte, incredibilmente vicino (2005; Guanda, 2005), il secondo e per il momento ultimo romanzo di Jonathan Safran Foer, non contengono del testo, ma una serie di istantanee di un corpo in caduta libera dal World Trade Center: una sequenza di fotogrammi che, sfogliati velocemente, riportano il corpo verso l'alto, come un filmato che si riavvolge bloccando le immagini nel tempo, permettendo di contemplarle e nello stesso tempo sconfessandone la natura pressoché insostenibile. Una sorta di onirico happy end visivo con cui l'autore ci inchioda a quanto avvenuto a New York l'11 settembre 2001, ci emoziona e intanto in qualche modo ci anestetizza. In quelle quindici pagine c'è, in tutta la sua controvertibilità, una ben determinata concezione della letteratura.
Foer, si sa, è bravo a suscitare reazioni forti. Molti (sopratutto fra i lettori) lo amano alla follia, alcuni (sopratutto fra i critici) lo disprezzano e non ne fanno mistero. I suoi due romanzi – Ogni cosa è illuminata (2002; Guanda, 2002) e Molto forte, incredibilmente vicino – affrontano temi come le persecuzioni contro gli ebrei e l'attentato alle Torri gemelle con una scrittura carica di humour ma anche di trepidazione, semplice ma anche intricata, leggera ma anche ponderosa, divertente ma anche commovente. Una scrittura che somiglia a un gioco di prestigio, come quel corpo a mezz'aria che invece di cadere verso il basso risale verso l'alto.
In questo suo terzo libro, Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? (azzeccata traduzione del più secco titolo originale Eating Animals), si ritrova quella voce acrobatica e intensa, ma qui la ponderosità ha decisamente la meglio sulla leggerezza. "Non si scherza su questo e non ci si gira dall'altra parte", dice a un certo punto l'autore parlando delle tecniche di macellazione. Non si scherza e non ci si gira dall'altra parte, pare voler dire Foer, perché, diversamente dall'Olocausto o dal terrorismo, gli orrori dell'industria zootecnica non sono ancora sedimentati nella coscienza collettiva. Anche se "sappiamo più di quanto ci interessi ammettere", confiniamo tale consapevolezza "nei recessi più bui e nascosti della nostra memoria". Ogni volta che addentiamo un pezzo di carne abbiamo la vaga sensazione che ci sia qualcosa che non va, ma è una sensazione che per lo più ci affrettiamo a rimuovere, pur di continuare a masticare in pace. Come scrive Derrida citato da Foer, "Gli uomini fanno tutto ciò che possono per nascondere o per nascondersi questa crudeltà, per organizzare su scala mondiale l'oblio o il disconoscimento di tale violenza".
Come contrastare allora tale oblio, tale disconoscimento? Per Foer – reso sensibile all'argomento dalla nascita di un figlio e dal conseguente desiderio di capire nel modo più concreto possibile "che cos'è la carne" prima di decidere se darla o meno da mangiare al suo bambino – si tratta di rendere visibile quel che l'apparato industriale e governativo cerca in ogni modo di mantenere invisibile, si tratta di scavalcare i reticolati di filo spinato che isolano gli allevamenti dal mondo circostante, forzare le porte chiuse a chiave dei macelli, raccontare le cose come stanno trovando strategie retoriche capaci di scuotere l'indifferenza dei consumatori, nella certezza che "tutte le persone ragionevoli si troverebbero d'accordo, se avessero accesso alla verità".
Forte di questo presupposto, l'autore parte dalla rievocazione della figura della nonna, ebrea di origine ucraina sopravvissuta per un soffio alla persecuzione e poi emigrata in America, descrivendo il suo rapporto con il cibo, il rapporto con il cibo di una persona che nella sua giovinezza aveva patito la fame fin quasi a morirne, ma che durante la fuga dai nazisti, pur avendone avuta l'occasione, si era rifiutata di mangiare carne di maiale, perché "se niente importa, non c'è niente da salvare". Una lezione con cui il nipote scrittore sente di doversi confrontare. Ripensando alla nonna, Foer chiede ai suoi lettori se, vivendo "in una nazione dalla prosperità senza precedenti, una nazione che spende per il cibo una frazione di reddito minore di qualunque altra civiltà della storia umana", paia loro un così gran sacrificio rinunciare alla carne di produzione industriale con tutte le sue innumerevoli controindicazioni, controindicazioni che il libro illustra con passione e con competenza (più di sessanta pagine di note rendono testimonianza alla meticolosità del lavoro di ricerca).
"Noi non facciamo male ai membri della nostra famiglia. Non facciamo male agli amici o agli estranei. Non maltrattiamo neppure i mobili imbottiti", continua Foer, perché allora accettiamo di buon grado che gli animali vengano maltrattati e uccisi con tanta efferata crudeltà? Se noi americani siamo così probi come pensiamo di essere, insiste, perché abbiamo messo in piedi un sistema di produzione del cibo così efferato e pernicioso? E perché non facciamo niente per smantellarlo? Si tratta di un ostinato appello alla ragionevolezza che risuona come una nota di fondo in tutte le pagine del libro, e che si fonda sul presupposto della fondamentale inconciliabilità fra ciò che è e ciò che dovrebbe e potrebbe essere. Non a caso Foer, dopo aver passato in rassegna i molteplici mali dell'allevamento intensivo e aver prospettato le alternative possibili, chiude con un capitolo dedicato alla festa del Ringraziamento, trionfo dei buoni sentimenti e dei valori americani e nello stesso tempo trionfo dell'industria della carne. La proposta dell'autore, ovviamente, è festeggiare il Ringraziamento senza mangiare il tacchino, dal momento che "la scelta di non mangiare il tacchino sarebbe un modo più sentito per celebrare la nostra gratitudine". E, immaginando un mondo postcarnivoro, Foer conclude: "Siamo noi quelli a cui chiederanno a buon diritto: 'Tu che cos'hai fatto quando hai saputo la verità sugli animali che mangiavi?'".
È una domanda che ne riporta alla mente altre, ed è un momento chiave del libro, il momento in cui il retroterra familiare dell'autore, la sua assiduità con la memoria storica dell'Olocausto e la battaglia etica contro l'industria della carne vengono a coincidere nel modo più evidente, benché Foer si guardi bene dall'azzardare un qualunque paragone fra allevamenti intensivi e campi di concentramento.
È significativo che tale indecoroso paragone compaia invece con grande rilevanza in una delle pochissime altre opere letterarie contemporanee che trattino dell'industria della carne, La vita degli animali di J. M. Coetzee (1999; Adelphi, 2000). In queste conferenze in forma di racconto tenute alla Princeton University nel 1997-98 e poi pubblicate in volume, Coetzee attribuisce a un personaggio di finzione, la scrittrice Elizabeth Costello, due discorsi in cui lo sfruttamento degli animali viene definito "un'impresa di degradazione, crudeltà e sterminio che può rivaleggiare con ciò di cui è stato capace il Terzo Reich". Contestata e accusata di antisemitismo, nonché di "bestemmia", la scrittrice non recede dalla propria posizione, arrivando addirittura a spiegare così il proprio disagio nel trovarsi ospite di persone che mangiano carne: "È come se andassi a trovare degli amici, e dopo che ho fatto un'osservazione gentile sulla lampada che hanno in salotto, loro dicessero: 'Sì, è bella vero? È in pelle di ebrea polacca; secondo noi è la migliore, la pelle delle vergini ebree polacche'. Poi vado in bagno e sull'involto di una saponetta c'è scritto: 'Treblinka – 100% stearato umano'. Sto forse sognando?, mi chiedo. Che razza di casa è mai questa?".
Nell'ostinazione alla bestemmia da parte della protagonista di Coetzee c'è un'idea della natura umana radicalmente diversa da quella che emerge dalle considerazioni sempre condivisibili ed equilibrate dell'autore di Se niente importa. Per Coetzee gli esseri umani non sono, alla stregua dei commensali di Foer alla tavola del Ringraziamento, un po' pigri ed egoisti, ma fondamentalmente buoni. Sono invece irredimibili complici di "un crimine di proporzioni stupefacenti", un crimine che nelle sue pagine finisce per identificarsi con la vita stessa.
Così, se Foer – dopo aver denunciato una terribile sfilza di nefandezze e aver fornito dati agghiaccianti – può malgrado tutto rassicurarci con la consolante visione di un mondo futuro redento dalla consapevolezza, Coetzee – dopo aver accuratamente evitato di enumerare "il lungo elenco di orrori che punteggia la vita e la morte" degli animali – ci lascia invece con l'immagine di una Elizabeth Costello incapace di conciliarsi con i suoi simili e in lacrime fra le braccia del figlio: "Lui accosta, spegne il motore, prende sua madre tra le braccia. Inspira l'odore di crema idratante, di pelle vecchia. 'Su, su' le sussurra in un orecchio. 'Su, su. Tra poco passa'".
Tuttavia, l'effetto prodotto da queste due opposte strategie non è affatto scontato. Foer pare non avere dubbi sull'efficacia della sua operazione. È come se dicesse al lettore: io con la mia scrittura ti ho fatto vedere quel che non avevi mai potuto vedere. Ora sai la verità, dunque agirai di conseguenza. Ma il lettore lo farà? Pare lecito dubitarne. Coetzee sembra al contrario alquanto perplesso, come se in fondo non sapesse che farne dei tormenti e delle sfuriate di Elizabeth Costello. Eppure, alla fine, forse è proprio lui a condurci davvero a "seguire fianco a fianco la bestia sospinta lungo la rampa che conduce al suo carnefice".
Norman Gobetti

La recensione di IBS
Potete essere vegetariani convinti o, al contrario, strenui sostenitori del consumo di carne: questo libro avrà comunque molto da dirvi. Non è infatti un manifesto del vegetarianesimo, ma un'indagine dettagliata e rigorosa sulla carne animale, la sua produzione e il suo consumo. Da dove viene la carne che finisce sui nostri piatti? Com'è prodotta? Come sono trattati gli animali e in che misura è importante? Quali effetti ha mangiare gli animali sul piano economico, sociale e ambientale? Jonathan Safran Foer, autore di culto diventato famoso con il suo romanzo d'esordio Ogni cosa è illuminata, parte da queste domande per compiere una riflessione appassionata su un tema che definisce a ragione «spinoso, frustrante e di grande risonanza», perché va a toccare tasti delicati come l'etica personale e dell'intera società, l'economia globale, le tradizioni più antiche, la nostra salute e quella dei nostri figli. Confermando la sua vocazione di narratore, il giovane scrittore americano sceglie di raccontarci tutto in un libro che è frutto di una grande quantità di ricerche e ha l'obiettività di un lavoro giornalistico, ma è anche una storia e come tale è stato concepito e realizzato. Una storia in cui trovano posto i ricordi dell'infanzia (dove la celeberrima madeleine proustiana cede il posto al pollo con le carote cucinato dalla nonna); campeggiano i dubbi e i sentimenti destati dalla recente paternità («Nutrire mio figlio non è come nutrire me stesso: è più importate»); si affollano le riflessioni sul rapporto tra uomini e animali (spassoso il racconto del colpo di fulmine per la bastardina George adottata dall'autore). A questi si alternano i resoconti delle incursioni notturne negli allevamenti intensivi di polli e nei macelli industriali, le indagini sull'inquinamento causato dallo smaltimento delle deiezioni suine e bovine, le inquietanti scoperte sulle massicce dosi di antibiotici e ormoni somministrati agli animali allevati in batteria e le nefaste conseguenze sulla salute dei consumatori.
Il successo della carne prodotta industrialmente è garantito, secondo Foer, dal fatto che nessuno, eccetto gli addetti ai lavori, ha modo di vedere in quali condizioni siano realmente allevati i capi di bestiame. Se coloro che consumano abitualmente il frutto della moderna industria zootecnica potessero constatare con i propri occhi i modi di vita innaturali e disumani a cui sono costretti i loro futuri pasti, difficilmente continuerebbero a consumarli a cuor leggero. La produzione intensiva ha aumentato la disponibilità di cibo, per tutti e a bassi costi, ma siamo davvero certi che questo sia sufficiente a giustificare i maltrattamenti di milioni di polli, vacche e maiali e i rischi alla salute a cui sottoponiamo il nostro fisico? Chi sostiene questo sistema perverso, che fa sì che quasi un terzo delle terre emerse del pianeta sia destinato al bestiame, che la gabbia standard di una gallina ovaiola sia più piccola di un foglio A4, che l'allevamento degli animali sia la causa numero uno del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici, evidentemente ritiene che il fine giustifichi i mezzi. Davvero "niente importa", pur di salvaguardare interessi economici e soddisfazione della gola? Non ci sono alternative possibili? In fondo le statistiche ci dicono che il consumo di carne nei paesi occidentali è sproporzionato rispetto ad altri tipi di alimenti (gli americani scelgono di mangiare meno dello 0,25% del cibo commestibile conosciuto del pianeta) e che anche il ben calibrato consumo di prodotti di origine vegetale fornisce una quantità di proteine sufficiente al nostro fabbisogno. Inoltre come non considerare le implicazioni etiche delle nostre scelte: «Per quanto oscuriamo o ignoriamo questo fatto – ci ricorda Foer, che insieme alla moglie ha sposato la causa vegetariana, – sappiamo che l'allevamento intensivo è inumano nel senso più profondo del termine. E sappiamo che la vita che creiamo per gli esseri viventi più in nostro potere ha un'importanza profonda. La nostra reazione all'allevamento intensivo è in definitiva un test su come reagiamo all'inerme, al più remoto, al senza voce.»
Questo libro, che è insieme racconto, inchiesta e testimonianza, ci invita con determinazione e con passione a riflettere e a non accettare passivamente le regole del mercato. Non ci fornisce una soluzione, ma dati oggettivi e spunti su cui ragionare, per farci un'idea della situazione e affrontarla ciascuno secondo le proprie esigenze, i propri valori e le proprie convinzioni personali.

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 30 recensioni presenti.  Media Voto: 4.43 / 5 | Invia recensione

emanuele ziglioli (16-06-2016)
Alla domanda , " perché non mangi la carne ? " risposta " leggi Foer Jonathan SE niente importa perché mangiamo gli animali? "
Voto: 5 / 5
manuela (09-03-2014)
Ottimi gli spunti di riflessione e le descrizioni dei luoghi dove si "lavorano" gli animali.L'autore, però, appare arrogante e manicheo perciò l' argomento non viene trattato in modo completo. Sufficiente.
Voto: 3 / 5
Fabrizio Porro bugs84@libero.it (03-12-2013)
Un lungo saggio,a metà tra il reportage e la riflessione,sulla violenza che viene perpetrata ogni giorno nei confronti di mucche,polli,maiali e pesci,e sull'ignoranza e l'indifferenza che circondano l'argomento.Lo scrittore americano racconta le motivazioni della propria scelta vegetariana.Il suo rapporto con il cibo come elemento culturale,come abitudine e come fondamento della nostra stessa identità.«E'vero che la carne è buona,a mangiarla è soddisfacente,ma la mia domanda è:possiamo continuare a mangiarla senza interrogarci e preoccuparci?».Il libro è il tentativo di trovare risposte a questa domanda,e in effetti di motivi di preocupazione,oggi più che mai,ne troviamo parecchi,a partire dalla inaudita crudeltà degli allevamenti intensivi e dei macelli,all'impatto degli allevamenti sul riscaldamento globale,alla possibile contaminazione delle carni da parte di agenti patogeni dovuti all'uso indiscriminato di antibiotici sugli animali,il legame tra il rispetto degli animali e la lotta alla fame nel mondo.In Amazzonia l'88% del territorio disboscato è adibito a pascolo per gli animali che verranno esportati e finiranno sulle nostre tavole.Il libro si occupa degli allevamenti intensivi su prospettive diverse:il benessere degli animali,i cambiamenti climatici, i costi economici e sociali elevati dell'alimentazione carnea.« La mia non è una difesa dell'essere vegetariani, ma un invito ad essere informati ed assumersi responsabilità.La mia domanda è: ti interessa o no sapere cosa significa mangiare gli animali? C'è un'enorme ipocrisia e ignoranza a riguardo.Preferiamo non pensare».E infatti il macello degli animali va di pari passo con la loro spersonalizzazione,si massacra un'intera massa di animali senza considerarli individualmente.«Nell'arco della propria vita gli americani mangiano in media l equivalente di 21000,leggi ventunmila,animali».Forse l'aspetto piu inquietante del libro è la constatazione che l'impatto degli allevamenti sul cambiamento del clima è potente
Voto: 5 / 5
Carlo (09-11-2013)
Un pessimo libro, scritto da un autore arrogante e pieno di se. Il libro è pieno di fallace logiche, ovvietà e banalità. Lo sconsiglio.
Voto: 1 / 5
Piermaria (23-05-2013)
E' un testo che difficilmente lascia privi di domande anche inquietanti. Vale la pena decidersi verso un cambiamento radicale verso una migliore consapevolezza di quello che mangiamo. Mi chiedo quale sia la sitazione degli allevamenti intensivi in Italia visto che il saggio di Foer è quasi esclusivamente rivolto a un pubblico statunitense.
Voto: 5 / 5
Antonino (08-10-2012)
Non avevo mai considerato l'ipotesi vegetariana. Dopo questo libro la sto seriamente prendendo in considerazione, anche se non era questo l'intento dell'autore. Consigliato a tutti anche nelle scuole.
Voto: 5 / 5
Fabrizio Porro bugs84@libero.it (27-08-2012)
Condivido pienamente con carlo gustavo draghi che mi ha preceduto nella recensione del libro di Jonathan Safran Foer: non dubito a definirlo un capolavoro.
Voto: 5 / 5
carlo gustavo draghi carlogustavod@gmail.com (04-08-2012)
Da dove viene la carne che mangiamo? Come vivono e muoiono gli animali d'allevamento? Che differenza c'è tra un cane, un maiale e un pesce? Quali sono gli effetti sulla salute della carne rispetto a una dieta esclusivamente vegetariana? Sono alcune delle domande che dovremmo porci e a cui ha tentato di rispondere Safran Foer con un lavoro ben documentato e con uno stile accattivante. Personalmente dopo la lettura di questo libro ho realizzato l'importanza politica delle nostre scelte alimentari e di conseguenza ho rivisto le mie in un senso che potrebbe coincidere con quello qualitativo, ma che è anche etico, ambientalista, salutista, gustativo etc. Un libro che per l'argomento - il cibo - potrebbe interessare anche chi già non mangia la carne, in ultima istanza in tutto e per tutto anche un'opera letteraria, perchè riguarda tutti in quanto esseri senzienti e mangianti. Non dubito a definirlo un capolavoro.
Voto: 5 / 5
farfallina (22-02-2012)
Una lettura cruda, riflessiva e diretta ma non estremista come potrebbe sembrare a prima vista. Lo scrittore riesce a descrivere efficacemente, analizzando puntigliosamente e cercando anche di comprenderla, una realtà aberrante e nascosta intenzionalmente alla maggioranza degli esseri umani, raggiungendo e confermando alla fine il suo punto di vista personale. Ho trovato ammirevole il fatto che abbia iniziato questa ricerca e analisi quando è diventato padre. Libro che andrebbe letto più volte e introdotto OBBLIGATORIAMENTE in tutte le scuole di ordine e grado , come libro di testo.
Voto: 5 / 5
diegoilterra (30-01-2012)
dopo Liberazione Animale di P.Singer, questa è la lettura più consigliata a tutti coloro che voglio togliersi il "prosciutto" dagli occhi (e non solo da quelli)una volta per tutte.... orgoglioso di essere vegano!
Voto: 5 / 5
Maila (28-11-2011)
sono vegetariana da 18 anni,quindi sapevo cio' che ci avrei trovato..eppure,l'indagine svolta e' di cosi' ampio respiro da avermi comunque colpita...certe parti non mi hanno fatto chiudere occhio.e' un libro che dovrebbe diventare testo scolastico:solo obbligando la gente a sapere si potra' cambiare qualcosa!invece il sistema conta proprio sulla "beata ignoranza" delle masse...in questi giorni in televisione e' esploso il caso delle mucche letteralmente trascinate al macello,quindi per chi fosse interessato ad approfondire l'argomento questo e' il testo giusto..e non crediate siano episodi isolati o limitati all'estero...questa e' la realta' ovunque ormai,e accettando tutto cio',mangiando carne,siete complici di questo abominio.
Voto: 5 / 5
MARCO (09-05-2011)
Terminato di leggere il libro di Foer sono diventato orgogliosamente un vegano! Ringrazio l'autore per avermi fatto scoprire che l'acqua calda scotta...
Voto: 5 / 5
michela (30-01-2011)
Foer ha posto, in questo libro, non soltanto la questione cruciale dell'onnipotenza umana sulle specie animali e su tutta la natura, bensì anche quesiti etici che riguardano l'uomo in quanto tale:è uomo colui che perde le sue tradizioni più salde, quelle che lo avvicinavano alla natura e al cibo in maniera più originaria? Il libro trae la propria linfa vitale dalla ritrattazione della nostra modalità inumana di intendere "ciò che ci viene messo a disposizione".I temi che affronta sono complessamente intrecciati, a volte non sempre esaurientemente trattati, eppure a mio avviso sempre efficaci.Credo che di fronte a certe descrizioni raccapriccianti sia molto difficile rimanere insensibili. Eppure tutti sappiamo, pochi (re)agiscono.Ma come dice l'autore "non reagire è una reazione, siamo responsabili di ciò che non facciamo". E ci butta il peso sulla coscienza delle generazioni a venire, quelle per le quali forse varrebbe davvero la pena essere meno frettolosi e più etici.
Voto: 4 / 5
Bernard Dino (30-08-2010)
Lo immaginavamo anche prima, solo che adesso sarà più difficile chiudere gli occhi. L’unica speranza, per me e per quelli come me, che per ignavia, pigrizia e ferocia d’animo, nonostante questa lezione, probabilmente non diventeranno vegetariani, è di dimenticare tutto in fretta. Comunque tranquilli: tra vent’anni questo libro sarà preistoria e gli onnivori saranno estinti, come i fumatori nei bar. Chi l’avrebbe detto, vent’anni fa? E’ strano, ma l’umanità si evolve… “Se niente importa, non c’è niente da salvare”, dice la nonna dell’Autore. Un comandamento che ne vale otto. Più che una nonna, un samurai.
Voto: 4 / 5
Umberto Maffei (07-07-2010)
...F parte da posizioni di ex carnivoro pentito e muove alla difesa di una consapevolezza alimentare nuova,più rispettosa e attenta al benessere degli animali..Le sue idee sono più di rottura nella società americana,dominata da un’industria della carne e del pesce che..segrega in lager,ammassati polli,tacchini,maiali,salmoni(ehm non tutti insieme…almeno questo),li droga,li sottrae alla loro natura,ne altera le specificità genetiche. Il che di certo non manca in Italia,ma forse non(ancora?)nelle proporzioni americane.F.è contro l’allevamento intensivo,contro la violenza sugli animali e riesce ad ammetterne l’uccisione di alcuni per scopi alimentari:purchè siano trattati bene,lasciati liberi di pascolare, di assecondare i loro istinti,di vivere una vita felice e spensierata,non privati di luce,di ozio,di relazione con l’ambiente.Le sue idee–poche-sono semplici e ragionevoli.E lì è il fatto.Comprare un libro così significa voler andare più a fondo:che si vogliono indagare certi nodi etici e bioetici,indagare cos'è un’alimentazione carnivora oggi,quali nervi scoperti la scelta di assumere proteine animali tocca nel consumatore (in quello più consapevole),se ne tocca.Il massimo di sofisticazione intellettuale che lo scrittore introduce,nel corso di300pagine arraffazzonate,ripetitive,un po’noiose,è proprio questo:concede che mangiare gli animali smuove corde molto sensibili,ci fa oscillare tra estremità forti(“diventi un attivista o disprezzi gli attivisti”).Probabilmente sono troppo severo?Il fatto è che questo libro per chi si è già vagamente interessato all’argomento,forse non aggiunge nulla;per chi appena vi si accosta può dare un utile,iniziale approccio alla questione animalista.F ambiva scrivere un manuale di rivoluzione animalista-ecologista,ma le sue elaborazioni etiche sono da peso piuma filosofico.Il lettore curioso,magari disposto a mettere in discussione la sua responsabilità di carnivoro,si rifugi nelle insuperabili 20 pagine di “Considera l’aragosta" di DFW.(estratto di una recensione di Umberto Maffei
Voto: 2 / 5
mari (23-06-2010)
condivido l'opinione di Claudio. Il pericolo più grande da cui questo libro ci mette in guardia è l'ignoranza, il non sapere (e soprattutto non voler sapere) da dove viene la carne che compriamo bella impacchettata al supermercato. Dovrebbero leggerlo tutti, al di là di un'eventuale scelta vegetariana,per porsi in maniera più coscienziosa e responsabile di fronte a temi di questo tipo. Ma,si sa, "occhio non vede..."
Voto: 5 / 5
Luca Mancini (23-06-2010)
stupendo, completo, esaudiente! conferma quello che ormai affermanoi anche l'onu, la fao e altre organizzazioni mondiali: ridurre il consumo di carne per salvare il mondo. e soprattutto, se si ha un cane inc asa che dorme sul divano e lo si lava tutte le settimane, non significa che si amino gli animali! piu' coraggio, nella vita bisogna sempre migliorarsi!
Voto: 5 / 5
Linda (18-06-2010)
Assolutamente da leggere!
Voto: 5 / 5
claudio (15-04-2010)
Che dire dopo un libro del genere? Avevo letto i precedenti due romanzi di Foer e mi erano piaciuti molto e pensavo che anche questo fosse una serie di aneddoti in modo da arrivare ad essere vegetariani. Invece mi sono trovato di fronte ad una accusa enorme, ad un modo di allevare (ma non è la parola giusta) gli animali in modo industriale per avere costi sempre più bassi, senza alcun rispetto prima per gli animali stessi, e poi anche per l'ambiente. Le cifre che Foer ci sforna sono impressionanti: l'unica consolazione, se così possiamo dire, è che sta parlando dell'America: spero che in Italia le cose avvengano un po' più umanamente. La prima reazione sarebbe quella di diventare vegetariano o addirittura vegano; credo però che, mangiando davvero già adesso poca carne durante la settimana, cercherò di limitarla ancor di più e in particolare di acquistare carne, uova e latticini in posti dove se ne conosca la provenienza. Non è impossibile: non possiamo dare all'industria tutto quel potere che si è presa negli ultimi 60 anni. Senza contare l'altra grande industria, quella farmaceutica, con tutte quelle tonnellate di antibiotici e quant'altro che portano montagne di profitto e danni irreparabili all'uomo e all'ambiente.
Voto: 5 / 5
Francesco Pullia (14-04-2010)
Il libro di Foer costituisce una fondamentale testimonianza sui danni inferti al pianeta dagli allevamenti intensivi e sui livelli di follia e crudeltà originati da un sistema nutrizionale indotto dalla politica delle grandi catene alimentari. Se davvero ci stanno a cuore le sorti della Terra, considerati gli effetti devastanti prodotti dagli allevamenti intensivi e la loro rilevante incidenza sul riscaldamento globale, diventa essenziale la scelta di nutrirsi o no con carne o pesce. Nel corso della sua ricerca durata quasi tre anni, l’autore ha potuto verificare con visite dirette, interviste a numerosi addetti ai lavori, rischiose incursioni notturne quale inferno, ai più inimmaginabile, si cela dentro capannoni, mattatoi, stanzoni con macchinari per la confezione di alimenti destinati a finire sulla tavola di chi non vuole aprire gli occhi sugli olocausti perpetrati dall’industria della carne, dei prodotti ittici (si pensi alla tremenda pesca a strascico, a quella con il palangaro o con rete a circuizione), delle uova. È in corso una vera e propria guerra di sterminio che non esita a ricorrere alla manipolazione genetica, alle torture più efferate, all’impiego di antibiotici e dei più diversi tipi di farmaci per nutrire forzatamente e in modo innaturale gli animali in batteria. Stipati, violentati, con i becchi recisi, le code e le zampe mozzate, le branchie tagliate, coperti di sangue e di piaghe, sventrati con i figli ancora in grembo, disidratati, dissezionati senza aspettare che almeno siano morti, ridotti a oggetto, mercificati, massacrati nei campi di concentramento che ovunque pullulano nel mondo, gettati in gigantesche fosse stracolme di sterco e urina, gli animali ci interrogano, chiedono risposte che non si possono eludere.
Voto: 5 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 30

Ricerca Ricerca avanzata
Benvenuto in IBS.it, la prima libreria online dove potrai acquistare migliaia di libri, ebook, film, DVD, Blu Ray, CD, Vinili, giochi, videogiochi, cartoleria, gadget e tante idee regalo a prezzi eccezionali. Qui troverai inoltre tutti libri Italiani, libri autografati, libri in Inglese, ebook gratis e testi universitari con spedizione gratis sulle novità in prenotazione e per ogni ordini oltre i 25€. Fare i tuoi acquisti on-line non è mai stato così facile e conveniente. Scegli tra le ultime novità libri, film, musica, leggi le recensioni degli utenti, risparmia con le offerte outlet e consulta le classifiche dei libri più venduti di tutte le case editrici. IBS è la grande libreria italiana online.
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di consegna
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla risoluzione alternativa controversie consumatori – ADR/ODR
Informativa sulla privacy
Informativa sulla garanzia legale di conformità
Informativa sul diritto di recesso
Informativa sul RAEE
Informativa sui cookie
Codice di Autoregolamentazione Netcomm

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso a TradeDoubler
Accesso a Zanox

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2016 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS