Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Narrativa straniera  Moderna e contemporanea (dopo il 1945) 

Strout Elizabeth - Olive Kitteridge

Olive Kitteridge TitoloOlive Kitteridge
AutoreStrout Elizabeth
Prezzo
Sconto -15%
€ 15,72
(Prezzo di copertina € 18,50)
Dati2009, 383 p., brossura
TraduttoreCastoldi S.
EditoreFazi  (collana Le strade)
  
 Disponibile in eBook a € 12,99

Disponibilita immediata

Aggiungi alla lista dei desideri Segnala il libro ad un amico 
PremiumQuesto prodotto dà diritto a 16 punti Premium.
Per saperne di più
59 recensioni|Invia recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri

Descrizione
Premio Pulitzer 2009, Premio Bancarella 2010 e Premio Mondello 2012. In un angolo del continente nordamericano c'è Crosby, nel Maine: un luogo senza importanza che tuttavia, grazie alla sottile lama dello sguardo della Strout, diviene lo specchio di un mondo più ampio. Perché in questo piccolo villaggio affacciato sull'Oceano Atlantico c'è una donna che regge i fili delle storie, e delle vite, di tutti i suoi concittadini. È Olive Kitteridge, un'insegnante in pensione che, con implacabile intelligenza critica, osserva i segni del tempo moltipllcarsi intorno a lei, tanto che poco o nulla le sfugge dell'animo di chi le sta accanto: un vecchio studente che ha smarrito il desiderio di vivere; Christopher, il figlio, tirannizzato dalla sua sensibilità spietata; un marito, Henry, che nella sua stessa fedeltà al matrimonio scopre una benedizione, e una croce. E ancora, le due sorelle Julie e Winnie: la prima, abbandonata sull'altare ma non rassegnata a una vita di rinuncia, sul punto di fuggire ricorderà le parole illuminanti della sua ex insegnante: "Non abbiate paura della vostra fame. Se ne avrete paura, sarete soltanto degli sciocchi qualsiasi". Con dolore, e con disarmante onestà, in Olive Kitteridge si accampano i vari accenti e declinazioni della condizione umana - e i conflitti necessari per fronteggiarli entrambi. E il fragile, sottile miracolo di un'alta pagina di storia della letteratura, regalataci da una delle protagoniste della narrativa americana contemporanea, vincitrice, grazie a questo "romanzo in racconti", del Premio Pulitzer 2009.

I vostri commenti
Recensioni 1 - 20 di 59 recensioni presenti.  Media Voto: 3.89 / 5 | Invia recensione

gabriella '52 (03-02-2016)
Splendido libro e splendido personaggio. Una scrittura limpida, solo apparentemente semplice, che indaga l'animo umano in modo magistrale e profondo, mettendo a nudo le debolezze e le miserie di una piccola cittadina di provincia, dove non accade mai nulla, tranne il fluire della vita stessa. Concepito come una specie di "Spoon River" in prosa o, meglio, la "Piccola città" di Wilder, dove ogni capitolo è l'epitaffio di una storia minimale (incredibilmente bello l'episodio intitolato "Concerto d'inverno" che rimanda al Joyce di "The dead"), Olive K., insegnante della cittadina del Maine (luogo prediletto delle storie di S. King) in cui è ambientato il romanzo, è il fil rouge che collega le vite di tutti, spargendo intorno a sé il suo "liquido nero". Olive è una donna sgraziata, antipatica e durissima con se stessa prima che con gli altri, condannata alla solitudine dalla lucida consapevolezza della propria intelligenza, che non ispira empatia nel lettore, ma reca dentro di sé un carico di emozioni e una forza tali da coinvolgerlo intensamente e da lasciare in lui un'impronta indelebile. Un ritratto tagliente, crudo, concreto, privo di ogni abbellimento. Un personaggio vivo e palpitante che esce dalla carta e non si dimentica facilmente. Meraviglioso è l'epilogo in cui Olive si arrende alla propria umanità e alla consapevolezza dei propri desideri, scoprendosi, inaspettatamente, attaccata alla vita. Un capolavoro di intensità inarrivabile, che non si può fare a meno di leggere e amare, tanto è grande.
Voto: 5 / 5
Loris (12-01-2016)
Olive K. è un personaggio scostante, una figura a prima vista incapace di catturare l'empatia del lettore. Ha modi spicci e non lesina giudizi trancianti sul prossimo, vive accanto al marito senza grandi slanci affettivi e ha una cura apprensiva e soffocante per il figlio. I racconti in cui è protagonista ce la mostrano nella piena maturità, quando anche il ruolo di insegnante ha lasciato il posto alla pensione. Poco alla volta, la corazza di orgogliosa autosufficienza lascia intravedere i traumi del passato, il bisogno di attenzione e amore che è proprio di ogni persona. Olive non si lamenta, non cerca disegni provvidenziali. Soffre ma non scappa, accudisce il marito e si tormenta per l'ostilità rancorosa del figlio. La sola cosa che non tollera è di essere compatita, di essere percepita come vecchia e debole. Attorno a lei, scorrono le vite dei concittadini, col loro corredo di segreti e relazioni clandestine, depressioni e slanci passionali, desideri di morte e impulsi salvifici alla fuga. Su tutto nell'ultimo racconto pare prevalere la forza della vita, il bisogno di relazionarsi e (ri)trovare una quotidianità rassicurante, il proprio posto nel mondo, anche quando questo ha i contorni di una sonnacchiosa città di provincia destinata a non lasciare tracce nella Storia. Per quanto valgono le etichette, si può parlare di racconti minimalisti, giocati sulle sfumature dei sentimenti e sui dettagli, più che sugli eventi, racconti che insieme formano il romanzo di una vita.
Voto: 5 / 5
silvia (05-01-2016)
Romanzo composto da racconti interconnessi che hanno come filo conduttore Olive Kitteridge, bisbetica insegnante di matematica. Stile diretto ed essenziale, proprio come la protagonista che sembra infischiarsene dell'approvazione altrui, mentre il marito è tanto accomodante quanto lei è lapidaria, un placido alter ego con la tendenza a smussare ogni spigolo. Avendo trovato "I Burgess" fin troppo artificioso, non avevo intenzione di leggere altro di questa autrice, a convincermi del contrario ha contribuito la miniserie in tre episodi tratta dal romanzo, uno dei rari casi in cui la trasposizione cinematografica eguaglia, se non addirittura supera, l'opera letteraria a cui è ispirata e, cosa ancor più rara, le modifiche nella trama, funzionali al diverso mezzo espressivo, arricchiscono il film invece di penalizzarlo.
Voto: 4 / 5
ilaria (17-05-2015)
Mi piace molto questa scrittrice ha un modo tutto suo di dipanare i sentimenti senza fronzoli e in modo non troppo colorito scava nell'animo umano e plasma personalita'e personaggi sorprendenti. Come Olive una antieroina profondamente umana piena di difetti e di ferite ,intorno a lei la vita ad episodi degli altri suoi concittadini. Un bell'affresco un bel punto di vista. Mi e' forse piaciuto di più "I ragazzi Burges"ma si parla comunque di grandi libri quando tocchiamo E.Strout
Voto: 4 / 5
armando (11-02-2015)
Le storie dei personaggi non coinvolgono affatto e la lettura, con il passare delle pagine, si fa via via più faticosa. I dialoghi sono lenti, i personaggi incolori. Forse nutrivo aspettative troppo elevate (ma trattandosi di un premio Pulitzer...).
Voto: 2 / 5
LaRighe (13-10-2014)
Olive Kitteridge, donna ruvida, invadente, fredda, antipatica. Eppure fragile, sola, piena di dolore che la sua natura austera le impedisce di esprimere in maniera naturale. Una scrittura semplice, la Strout è capace di descrivere i sentimenti più complessi con poche semplici parole Una meraviglia
Voto: 5 / 5
ziadahlia (29-06-2014)
Ritroviamo in questo romanzo le tematiche caratteristiche dell'autrice: la provincia americana, la paura della solitudine, l'incapacità di essere felici. In aggiunta, alcuni personaggi sono anche travagliati dall'incalzare della vecchiaia e devono fare i conti con la morte. Mi è piaciuto, ma meno di altri romanzi della Strout, forse perché il pessimismo mi è sembrato più opprimente.
Voto: 4 / 5
Francesco (ciccio) (28-09-2013)
Deluso. Forse perché autrice e libro sono stati troppo devantati e allora una si aspetta esplosioni di fantasia. Non è stato così. Certamente ben scritto, e ben tradotto, ma le varie situazioni romanzate utilizzando diversi protagonisti non ha funzionato granché Della serie "basta che uno scriva una volta un grande libro poi glieli se li passa tutti e magari ci appioppa mezzi polpettoni
Voto: 3 / 5
Rita (03-09-2013)
La Strout,a mio parere non si discute e mi permetto di aggiungere che non si può valutare con un solo libro. Personalmente ne ho letti 4 e questo conferma la classe dell'autrice, la capacità di rendere un personaggio ,un ambiente,una atmosfera con poche parole. Ci sono dei racconti-capitoli che sono dei gioielli di vera scrittura, io quando la leggo non mi annoio mai ne mi distraggo. Un Pulizer non si regala, non è come da noi che i premi spesso sono letture da eliminare a priori
Voto: 5 / 5
Roberto (29-08-2013)
Leggo tra i commenti qualcuno che parla di scrittura confusa e disordinata...io credo che la Strout ci ricordi cosa significhi scrivere bene raccontando una storia cruda come solo la vita sa essere. Capolavoro
Voto: 5 / 5
francesca (24-07-2013)
Ho appena finito di leggere questo romanzo tanto applaudito. Le aspettative, probabilmente, erano troppo alte. Ho trovato una scrittura confusa, disordinata: racconti attaccati . Lettura neanche così scorrevole né avvincente. Bella la profondità del messaggio e, lo riconosco, la caratterizzazione psicologica della protagonista. Non credo di leggere altro della stessa autrice.
Voto: 2 / 5
Tiziana (29-08-2012)
personaggi minuziosamente sviscerati con sguardo acuto e introspettivo; scrittura profonda e fluente; ogni storia è coreografata mirabilmente come fosse danza solenne o giocoso balletto; tra boleri, valzer e minuetti di parole scorrono pagine deliziose, imprevedibili, sempre vivacemente proposte. mi è piaciuto
Voto: 4 / 5
massimo (16-04-2012)
I racconti sono ambientati nella provincia USA precisamente a Crosby, sulla costa del Maine, non lontano dal confine canadese. Le storie sono incentrati sulla figura di Olive Kitteridge - burbera, attempata, bizzarra, sgraziata, quasi sempre insopportabile - protagonista di alcune di queste storie e comunque anello di congiunzione delle altre. L'autrice è molto brava nel descrivere con grande sensibilità situazioni familiari e umane vicissitudini; il libro si fa leggere, c'è una profonda introspezione dei personaggi, ritratti con sensibilità e profondità non comuni, alcuni passaggi sono commoventi. Quello che invece mi ha irritato è che in questo libro le storie raccontano in genere di sofferenza, malattia, tradimenti, incomunicabilità, depressione, sconfitta, delusioni, ecc. Ma è solo questa la vita??? Per me questo libro è squilibrato, manca di vitalità, di energia, di gioia, che pure che ci devono essere in questa benedetta provincia americana, altrimenti non avrebbero senso neanche gli opposti, su cui tanto indugia la Strout. Se avete voglia leggetelo per farvi un'idea, ma non lo consiglio.
Voto: 3 / 5
umberto (20-02-2012)
Bellissimo...una sorta di "Spoon River" in prosa
Voto: 5 / 5
claudio (18-01-2012)
Libro bellissimo. La Strout è magistrale nel delineare dei ritratti, accennati o completi, di persone normali attraverso delle pennellate lievi e precise. Alla fine quello che si dispiega davanti a noi è il mosaico compiuto della vita di Olive, ottenuto per accumulo di tasselli più o meno grandi. Al termine del libro, anche se non c'è più nulla da dire, vorresti ancora gustare altra vita, perché di questo si tratta: la Strout è straordinaria nell'immergersi nel flusso vitale e nel portarci pezzi di quella realtà che in altri libri sembra staccata da noi per la presenza di una membrana invalicabile. Lettura intensissima.
Voto: 5 / 5
ilse musilse@libero.it (02-01-2012)
Una donna che si avviasse verso la vecchiaia, a leggerlo potrebbe cadere nella disperazione. Molto intenso e scritto benissimo. Molta tecnica che ogni tanto è troppo evidente: cominciare tutte le storie dal centro della vicenda dando per scontato il già avvenuto, ma lasciando cadere i dettagli passati a piccole dosi e in maniera fintamente casuale, per rendere comprensibili i fatti. Molto simile a Alice Munro. Ma le pagine di Alice Munro hanno qualcosa in più, non saprei che cosa, forse meno tecnica, forse più mistero, forse più sincerità.
Voto: 4 / 5
Mami53 (21-11-2011)
Olive Kitteridge è una donna infelice, pesante, opprimente. Spande a piene mani la sua infelicità intorno a sé, con i suoi giudizi taglienti, con un sarcasmo che spezza le gambe a chiunque pensi o viva diversamente da lei. Più che da una cattiveria che in fondo non le appartiene, il suo atteggiamento sembra scaturire da un atavico rancore che le rende impossibile provare per il suo prossimo sentimenti amichevoli. Tuttavia anche per lei c'è un possibile riscatto. Nel suo ruolo di maestra, il suo carattere forte ha plasmato generazioni di studenti e per alcuni di loro il suo insegnamento è stato fondamentale. Nell'ultimo capitolo, infine, la donna riconosce in se stessa il malessere che ha dominato la sua vita, e nel mettersi finalmente in discussione trova una inaspettata prospettiva di speranza: "Il mondo la confondeva. Non voleva ancora lasciarlo". Le parole scorrono con un bel ritmo e il fatto che si tratti di un romanzo a episodi non ne pregiudica affatto la coerenza artistica; anzi la rafforza.
Voto: 3 / 5
cristina (14-10-2011)
"Non abbiate paura della vostra fame" dice Olive. E dopo il monito di Steve Jobs, "stay hungry stay foolish", suona quasi profetico. L'America descritta in questo romanzo è un po' meno cinica e spietata di quella vista in "American beauty"; vuole forse ancora lasciare intravedere una speranza. Olive attraversa le vite dei diversi personaggi e compare in ogni capitolo/racconto che per la loro struttura potrebbero benissimo reggersi da soli. Ho notato però che a predominare sono storie di rapporti coniugali più o meno falliti o problematici, a volte simili tra loro. In ogni caso un'ottima scrittura, ironica e pungente.
Voto: 3 / 5
mariapia (03-09-2011)
Un bel libro, proprio il tipo di lettura che preferisco: una quotidianità, mirabilmente raccontata, che mi fa sempre provare sincera ammirazione per chi ha questo dono naturale di saperla raccontare in modo non banale. Concordo con una lettrice che ne consiglia la lettura ad un pubblico non giovanissimo: trattasi di riflessioni, a volte, amarissime, ma verissime che possono essere meglio apprezzate da un lettore maturo.
Voto: 5 / 5
Patrizia (09-03-2011)
Troppo rumore per nulla! Un raccontino scritto mediocremente bene, con degli approfondimenti psicologici dei personaggi qualunquistici e quasi irritanti...
Voto: 2 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 59

Ricerca Ricerca avanzata
Benvenuto in IBS.it, la prima libreria online dove potrai acquistare migliaia di libri, ebook, film, DVD, Blu Ray, CD, Vinili, MP3, giochi, videogiochi, cartoleria, gadget e tante idee regalo a prezzi eccezionali. Qui troverai inoltre tutti libri Italiani, libri autografati, libri in Inglese, ebook gratis e testi universitari con spedizione gratis sulle novità in prenotazione e per ogni ordini oltre i 25€. Fare i tuoi acquisti on-line non è mai stato così facile e conveniente. Scegli tra le ultime novità libri, film, musica, leggi le recensioni degli utenti, risparmia con le offerte outlet e consulta le classifiche dei libri più venduti di tutte le case editrici. IBS è la grande libreria italiana online.
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di consegna
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla risoluzione alternativa controversie consumatori – ADR/ODR
Informativa sulla privacy
Informativa sulla garanzia legale di conformità
Informativa sul diritto di recesso
Informativa sul RAEE
Informativa sui cookie
Codice di Autoregolamentazione Netcomm

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso a TradeDoubler
Accesso a Zanox

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2016 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS