Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
Economia e management  Economia  Previsioni economiche 
Scienze  Argomenti d'interesse generale  Scienze: finanziamenti e politica 

Greco Pietro; Termini Settimo - Contro il declino. Una (modesta) proposta per un...

Contro il declino. Una (modesta) proposta per un rilancio della competitività economica e dello sviluppo culturale in Italia TitoloContro il declino. Una (modesta) proposta per un rilancio della competitività economica e dello sviluppo culturale in Italia
AutoreGreco Pietro; Termini Settimo
Prezzo € 9,90
Dati2007, 116 p.
EditoreCodice   
 
Disponibile anche usato a € 4,95 su Libraccio.it
 Disponibile in eBook a € 4,99

Attualmente non disponibile su IBS
Inserisci il tuo indirizzo e-mail e ti avviseremo quando il libro tornerà disponibile (Informativa sulla privacy)

Invia la prima recensione
Condividi 
FacebookTwitterTwitterTwitterTwitter
altri
Descrizione
Un forte investimento (culturale ed economico) in ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione: è questa l'ultima chance che, secondo gli autori, ha l'Italia per rimuovere la cause del declino, modificare la specializzazione produttiva del sistema paese, realizzare un ambiente adatto all'innovazione ed entrare nella società della conoscenza. Da quasi mezzo secolo l'Italia è l'unico paese a economia avanzata ad aver scelto un percorso di sviluppo senza ricerca; per molti anni la scelta ha premiato, ma oggi quel modello non regge più. La tecnologia a elevato valore di conoscenza è ormai il settore più dinamico dell'economia mondiale. I numeri non lasciano dubbi: negli ultimi anni sono stati triplicati gli investimenti in scienza e innovazione, sono aumentati gli scambi di prodotti ad alta tecnologia e paesi come Cina, India e Brasile stanno ridisegnando la mappa geopolitica della ricerca. Il mondo sta cambiando velocemente; l'Italia, in questo panorama in costante mutamento, non tiene il passo, perde posizioni nella classifica della competitività e quote nel mercato del commercio internazionale di beni ad alta tecnologia. Recuperare il terreno perduto, partecipare alla costruzione di una società della conoscenza più democratica, insomma andare "oltre il declino", significa innanzitutto modificare la propria specializzazione produttiva, e puntare su un modello di sviluppo fondato sulla ricerca.

La recensione de L'Indice
Recensione de L'indice
Una (modesta) proposta per un rilancio… Questo swiftiano (immodesto?!) saggio costituisce un generoso appello a guardare la realtà italiana con occhi liberi da pregiudizi e ad avere il coraggio di riconoscere il significativo declino del nostro paese nello scenario internazionale. La descrizione impietosa di questo declino, ben sostenuta da indicatori economici, occupa la prima parte del libro ed è tutto meno che un "piangersi addosso", ma piuttosto una documentata arringa. Gli italiani hanno perso fiducia e sono diventati poltiglia sociale, ma la situazione generale li legittima abbastanza in questa visione depressiva. Quello che manca oggi nel nostro paese è l'orgoglio e la speranza, attivamente praticata, di un cambiamento, di un "alzarsi in piedi" e dirigere il proprio destino.
Gli autori (un fisico, Settimo Termini, e un giornalista scientifico, chimico di formazione, Pietro Greco) pensano che occuparsi di ricchezza culturale – la loro professione – oggi voglia dire dare nuovo fiato allo sviluppo e all'economia generali. Innovazione, riqualificazione, creatività implicano una nuova alleanza fra economia e politica, da una parte, e ricerca scientifica, dall'altra. Su questi temi, di recente sono apparsi molti libri, a testimonianza di una nuova presa di coscienza degli intellettuali e dei ricercatori. Di particolare interesse è stata la riflessione del libro curato da Giuseppe Tognon (Una dote per il merito. Idee per la ricerca e l'università italiane, il Mulino, 2006; cfr. "L'Indice", 2006, n. 10), in cui è dato ampio rilievo alla cultura della valutazione: "Le logiche meritocratiche sono dure, ma razionali. Se pretendere di rifondare una società complessa come la nostra soltanto sul merito appare insensato, è ragionevole adoperarsi affinché vengano riaperti canali attraverso i quali far passare la linfa del merito e recuperare parte dell'antica cultura del dovere".
Fra le altre opere recenti, con toni e obiettivi diversi, ma sempre focalizzati sulla ricerca scientifica, si possono ricordare: La ricerca tradita. Analisi di una crisi e prospettive di rilancio, a cura di Tommaso Maccaro, Garzanti, 2007; L'università in cambiamento fra mercato e tradizione, a cura di Carmelo Mazza, Paolo Quattrone e Angelo Riccaboni, il Mulino, 2006; gli atti del Congresso mondiale per la liberta di ricerca scientifica, Roma, febbraio 2006, Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica (www.freedomofresearch.org/).
La proposta di Greco e Termine, a cui è dedicata la seconda parte di questo libro/appello, si condensa in un semplice concetto: "Modifichiamo la specializzazione produttiva del nostro paese. Iniziamo a produrre una quantità crescente di beni ad alto valore di conoscenza aggiunto. Riconosciamo il valore strategico della scienza e della tecnologia. Imbocchiamo una strada di sviluppo (sostenibile) fondato sulla ricerca. Entriamo da protagonisti (critici) nella società della conoscenza".
Non si può che condividere un appello di questo genere, ma certo i problemi in campo sono tantissimi e i recenti eventi politico-sociali, dalla tragedia nazionale dei "rifiuti" sino ai contradditori provvedimenti governativi su ricerca e università sono a dir poco scoraggianti. Basta leggere l'articolo di Salvatore Settis su "la Repubblica" del 9 gennaio 2008, dal lapidario titolo La fuga dei cervelli e un governo impotente, dedicato ai risultati dei progetti-giovani 2007 dell'European Research Council e alle (nuove?!) regole per il reclutamento universitario. Fra i problemi di fondo spiccano la lontananza – nei fatti, non nelle parole, che roboanti si sprecano – fra economia e politica, da una parte, e scienza e tecnologia innovativa, dall'altra. Rimane poi critico il modo con cui la scienza viene governata, tra le forche caudine di una tradizione di autoreferenzialità e un'ignoranza diffusa sulla cultura scientifica. Certo, qualche lampo di cambiamento (come la recente nomina del fisico Luciano Maiani alla presidenza del Cnr) fa ben sperare. Parafrasando il verso di una canzone di tempi lontani, di utopia e pacifismo, per favore, Give research a chance. Aldo Fasolo

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS