Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
I commenti di ant
Recensioni 1 - 20 di 662 recensioni presenti.  Media Voto: 2.85 / 5

(22-04-2015)
Libro - Numero zero - Eco Umberto
Il romanzo è ambientato a Milano nel 1992, anno di grossi cambiamenti in Italia, e parla della redazione di un giornale dai propositi ambiziosi, "Il Domani" che dovrà servire a condizionare il pensiero comune dei lettori. Si alternano pagine in cui Eco è abilissimo a descrivere le peculiarità sia dei giornalisti in redazione che dei luoghi caratteristici di Milano e soprattutto, oltre i capitoli di taglio psicologico e descrittivo , si parla uno dei misteri più intriganti d'Italia: la reale sorte del Duce alla fine della Seconda guerra mondiale. Questo giornale non sarà mai pubblicato, ma la preparazione e le riunioni di redazione per allestire l'ipotetico numero zero de "Il Domani" permettono a Eco di dimostrare, ancora una volta, tutta la sua arguzia e la capacità di incuriosire i lettori con argomentazioni di varia natura. Concludo estrapolando un passaggio dove uno dei giornalisti si confessa e spiega perché ha accettato di collaborare al giornale ...""Ero senza patria, ho vissuto in città diverse, ho corretto bozze per almeno tre case editrici, per una ho rivisto le voci di un'enciclopedia, tutti lavori in cui mi sono fatto quella che a un certo punto Paolo Villaggio ha chiamato una cultura mostruosa. I perdenti, come gli autodidatti, hanno sempre conoscenze più vaste dei vincenti, se vuoi vincere devi sapere una cosa sola e non perdere tempo a saperle tutte, il piacere dell'erudizione è riservato ai perdenti. Più cose uno sa, più le cose non gli sono andate per il verso giusto""" Intrigante
Voto: 3 / 5
(19-04-2015)
Libro - Stanotte il cielo ci appartiene - Popescu Adriana
Libro leggero e scorrevole, la storia d'amore narratta all'interno del romanzo, con protagonisti Layla e Tristan, cattura da subito l'attenzione del lettore. Testo che verte fondamentalmente sul tormento interiore di Layla, fotografa che vive a Stoccarda, la quale x caso immortala un giovane in una discoteca e da subito viene colpita da quello sguardo, il personaggio in questione è Tristan, anche lui di Stoccarda e autore di guide turistiche della città. I due si frequentano, ma Layla è già impegnata sentimentalmente e non vuole ammettere, in particolar modo a se stessa, che Tristan ormai è nei suoi pensieri e i dialoghi tra i due protagonisti sono come dei tiratissimi tira e molla, dove soprattutto Tristan cerca di far cadere le barriere e la resistenza di Layla , ma non è impresa facile. Rapidi colpi di scena e situazioni varie si susseguono in questo libro rendendolo vivo per tutta la durata dei capitoli e con finale particolare, interessante, a mio avviso, anche la parte descrittiva di Stoccarda e dei suoi angoli da visitare. Concludo estrapolando un passaggio che palesa il turbamento interiore di Layla: ...""Quando, esattamente, la mia vita è diventata così complicata? Quando mi sono accorta di volere di più? Di non essere più soddisfatta? Quando ho messo il mio cuore nelle mani di Tristan? Potrebbe farne quello che vuole, io non direi nulla comunque, cosa che mi terrorizza. Non ho mica tredici anni, dovrei essere uscita da un pezzo dall'età degli scombussolamenti emotivi e dei sogni a occhi aperti. Perché gli lascio carta bianca?""" Gradevole
Voto: 3 / 5
(19-04-2015)
Libro - La forza del destino - Vichi Marco
Un libro che esalta la voglia di starsene apparentemente defilati, il piacere di meditare e di riflettere passeggiando in luoghi magici come i boschi, un libro in cui, come dice il titolo, la giustizia e il regolamento di torti subiti avvengono naturalmente seguendo..la forza del destino. La trama: libro ambientato nella campagna fiorentina nella seconda metà degli anni '60, dopo l'alluvione a Firenze, un commissario di polizia decide di ritirarsi a vita privata in seguito ad angherie e delusioni subite a causa di indagini svolte a riguardo di un omicidio di un ragazzino. Il commissario nella sua nuova vita si occupa di cucina e di orto,ma il caso, o il destino che dir si voglia, fa sì che un'anziana contessa, sua vicina di casa, lo implori affinchè indaghi sul misterioso suicidio di suo figlio. Indagando sull'episodio delittuoso di cui sopra, arrivano anche input per dipanare matasse su avvenimenti del passato ed il libro è scorrevole ed interessante per l'altalenarsi di avvenimenti e situazioni sorprendenti. Estrapolo un dialogo che mi ha colpito, x concludere,tra il commissario e il suo amico Dante: ...""La compassione caro commissario...Altro che un imperativo categorico campato per aria...La compassione è la prima radice della morale...Nessuno come il simpatico Arthur(Schopenauer) ha saputo capirlo. Brindiamo alla compassione , l'unica forza capace di combattere l'egoismo umano"""
Voto: 3 / 5
(19-04-2015)
Libro - Questo viaggio chiamavamo amore - Pariani Laura
Un libro che è un omaggio alla sensibilità e all'estro letterario del grande poeta Dino Campana. L'autrice alterna pagine in cui si narra della permamenza in manicomio del protagonista, con altre in cui si descrive dei viaggi compiuti dal poeta dall'Uruguay all'Argentina e dei tanti e mille mestieri svolti da Campana. Un testo tutto ammantato di poesia e struggimento, in cui la scrittrice è brava far risaltare gli stati d'animo e le controversie interiori più significative dell'llustre rimatore. Concludo estrapolando un passaggio in cui Campana si chiede da dove scaturiscano le lacrime ...""essendo io completamente all'oscuro di questioni di fisiologia, non ho mai capito bene cosa smuova i sacchi lagrimali, né all'università mi avevano insegnato le differenze chimiche sostanziali tra lagrime di dolore e di felicità.Certo ci sono immagini che vanno più lontano delle altre, che arrivano alla regione del silenzio dove son gelosamente custoditi quei ricordi inquietanti che di solito una persona tiene a bada, che stanano memorie dubbiose e le fanno entrare magari in una poesia"".. Poetico
Voto: 3 / 5
(31-03-2015)
Libro - Risveglio a Parigi - Oggero Margherita
Tre amiche Silvia, Barbara e Mariangela sono le protagoniste di questo romanzo; sin dai tempi delle scuole medie sognavano di andare a Parigi, ora di anni ne hanno 32 e realizzano il desiderio, ma... c'è un piccolo contrattempo, Manuel figlio di 7 anni di Mariangela è al seguito e sarà proprio il bimbo a mettere in discussione tutto il vissuto delle 3 giovani donne. La penna graffiante e irriverente della Oggero fa la differenza, e i capitoli alternano le vicissitudini personali delle protagoniste e di altri personaggi di contorno, con quello che succede nella tanto agognata meta parigina. Estrapolo un passaggio in cui viene descritta la giornata tipo di Mariangela, segretaria in uno studio medico: .."""durante il lavoro vivo con la cornetta del cordless incastrata tra la spalla e l'orecchio sinistro, perché via una telefonata ne arriva un'altra. Chiamano i malati cronici per farsi preparare le ricette, chiamano quelli immaginari o quelli gravi per farsi visitare a casa; chiamano soprattutto le madri per aver un consulto telefonico "Il mio bambino/a sta male, mi passi il pediatra" "Non posso sta visitando" "Facco in un minuto" "Mi dispiace il dottore non vuole" Ma mio figlio ha la febbre a 40!(varianti: vomita da stanotte; non respira quasi et)" Allora è meglio che lo porti al pronto soccorso"""... Simpatico
Voto: 3 / 5
(28-02-2015)
Libro - Mi arrivi come da un sogno - Galdino Diego
Un libro scorrevole, magari leggero, comunque che si legge con semplicità ed attenzione dall'inizio alla fine. Una classica storia d'amore prima da favola e poi molto contrastata, nel mezzo tante situazioni e digressioni che rendono la lettura piacevole. Una ragazza di provincia siciliana, aspirante giornalista, fidanzata col classico ragazzo di buona famiglia, legatissima a sua nonna e attratta dalla natura dei suoi luoghi d'origine, si trasferisce a Roma e va lavorare per tre mesi nella redazione di un quotidiano capitolino, qui conosce un ragazzo statunitense(Clark), anche lui giornalista, e con lui scopre un mondo completamente nuovo. Come in tutte le storie d'amore romanzate che si rispettino però, gl'imprevisti son dietro l'angolo, e quando Lucia la protagonista, torna in Sicilia per mettere le cose in chiaro con l'ormai ex fidanzato e con tutti i suoi familiari le accade un incidente automobilistico che le fa perdere, guarda caso, la memoria proprio degli ultimi tre mesi di vita. Inizia così una fase molto intricata e simpatica del romanzo, in cui Clark si reca in Sicilia spacciandosi per un naturalista interessato alla nascita delle tartarughe, in realtà lo scopo è far tornare la memoria a Lucia. A proposito di natura ed avvenimenti particolari, concludo la recensione estrapolando un passaggio in cui ,Lucia e sua nonna, parlano della schiusa in contemporanea delle uova di tartaruga marina che avviene due volte l'anno sotto la finestra della loro casa: """Due volte l'anno le tartarughe marine approdano a Siculiana e sulle nostre spiagge depongono le uova. Ma il vero spettacolo inizia quando le uova si schiudono. Sono grandi come palline da ping-pong e si aprono tutte nello stesso momento. E' come se una mano invisibile sfiorasse la prima con la punta delle dita e propagasse il suo tocco a tutte le altre , in un effetto domino che finisce solo quando anche l'ultima tartarughina appena nata raggiunge il mare""" Rilassante
Voto: 3 / 5
(19-02-2015)
Libro - Il libro dell'amore proibito - Desiati Mario
Un amore controverso ed eterno, nato nei banchi delle scuole medie tra Francesco, tredicenne detto Veleno, e la sua insegnante Donatella. L'autore è abile a fare un resoconto di quello che prova Veleno dai tempi delle medie fino all'età adulta, il tutto ambientato in Puglia, con riferimenti paesaggistici, linguistici e di usi e costumi locali molto belli. I due spasimanti vengono colti in "flagranza di reato" durante una pausa delle lezioni e sia che per Veleno,e soprattutto per Donatella, sono momenti molto duri, infatti x quest'ultima si spalancano addirittura le porte del carcere. Ma Francesco sa aspettare e ogni istante della sua vita, prima di reincontrare Donatella, è intriso di poesia e struggimento nei confronti della sua vecchia fiamma. Si alternano nelle pagine altri personaggi molto importanti in tutto il racconto, che non si possono tralasciare, come Nappi amico d'infanzia di Veleno, o Walter considerato il playboy del paese costretto sulla sedia a rotelle a causa di un incidente o Pippo l'assistente sociale sia di Veleno che di Walter. Concludo estrapolando un passaggio relativo ad un giorno in cui Francesco, detto veleno, sentiva forte il desiderio di esternare il suo legame x Donatella, e lo fa scrivendo sulla lavagna dell'aula delle scuole medie: ""Proibitemi di amarla e l'amerò per sempre Scrissi questa frase sulla lavagna pulita alla fine dell'ultima ora. Un gesto che non avevo meditato ed era arrivato da una zona incontrollabile di me. La lavagna è un buco nero, ho passato ore a guardarci dentro con l'attesa di esserne risucchiato. La mia vita è sempre stata l'osservazione di un abisso"" Bello
Voto: 3 / 5
(19-02-2015)
Libro - Tutta la luce del mondo. Il romanzo di San Francesco - Nove Aldo
Un libro che fondamentalmente è la storia di S.Francesco, ma quello che mi ha più colpito è la capacità dell'autore di narrare il contesto medioevale, in cui si svolge la trama, in un modo fluido, nuovo e innovativo. Il periodo medioevale ci è sempre stato raccontato come un momento storico buio, cupo, con ideali gretti e persone abbruttite; in questo libro però, così come dice il titolo, c'è una luce diversa che è quella della semplicità e dell'umiltà di Francesco, che avvolge tutto e rende la lettura gradevole e particolare. Innovativa anche la figura di Piccardo, nipote di Francesco, che si mette sulle tracce dello zio per incontarlo e poter dialogare; belle quindi anche le digressioni a riguardo della crescita interiore del nipote del Santo, che esalta la qualità di Francesco indirettamente. Per concludere un passaggio in cui Francesco dà la sua opinione...sul male: ""Il male è debole. Per quello, come un gatto spaventato da un cane, arruffa il pelo e si finge più grosso e soffia forte. Perché sa di essere piccolo. Ma proprio per questo è pericoloso. Perché non ha nulla da perdere. Ha già perso, da sempre. Ed è pronto ad attaccarti alla gola. E' pronto a uccidere. Ma può soltanto ferire e uccidere e poi a sua volta perire"".. Singolare
Voto: 3 / 5
(15-02-2015)
Libro - La gente felice legge e beve caffè - Martin-Lugand Agnès
Una storia intima e controversa che ha per protagonista Diane, giovane donna parigina, proprietaria di un caffè letterario che ha lo stesso nome del titolo del libro. Una mattina qualunque Colin e Clara, marito e figlia di 6 anni della protagonista , escono per una passeggiata fischiettando x le scale ..ma nn torneranno mai più a casa a causa di un incidente stradale che ne stronca l'esistenza. Da questo punto in poi Diane si chiude sempre più in se stessa, confortata solo da Felix,amico e collaboratore del caffè, fino al momento in cui decide di dare una svolta alla sua esistenza, partire x l'unico luogo che aveva sempre desiderato visitare con Colin, l'Irlanda. Arrivata nell'isola di Smeraldo, Diane si sistema in un cottage in riva al mare e inizia a far conoscenza con usi, costumi, abitudini e modi di fare dei locali. Mi è piaciuta molto la parte del romanzo dove i vicini di casa spiegano a Diane le consuetudini del luogo ....Abby mi descrisse ogni batteria di pentole in cucina, poi passò ai canali via cavo, agli orari delle maree, e infine a quelli delle messe. "Non penso che ne avrò bisogno, non vado d'accordo con la Chiesa" "Allora siamo nei guai, Diane. Avresti dovuto informarti meglio prima di venire qui. Ci siamo battuti per la nostra indipendenza e la nostra religione. Ora vivi tra irlandesi cattolici e orgogliosi di esserlo" Cominciavamo bene... "Abby , mi spiace, io..." Lei scoppiò a ridere. Rilassati , per l'amor del cielo! Stavo scherzando. Mica sei obligata ad accompagnarmi in chiesa...ti do un piccolo consiglio: ricordati sempre che non siamo inglesi"" L'umanità e il calore irlandese gioveranno molto a Diane e soprattutto l'incontro col suo vicino dal carattere spigoloso Edward Bel romanzo scorrevole con un finale non scontato, bellissime anche le descrizioni dell'Irlanda , soprattutto delle Isole Aran
Voto: 3 / 5
(15-02-2015)
Libro - I nostri giovedì al parco - Boyd Hilary
Jeanie sessantenne londinese in perfetta forma, titolare di un negozio di alimentari che si dedica con passione alla nipotina Ellie e la porta volentieri , quando può, al parco, viene travolta, non proprio nel bel mezzo del cammin della sua vita ma molto più avanti negli anni, da una passione amorosa che le terremoterà la vita, stravolgendogliela. Ed è proprio questo crescente "terremoto interiore" di Jeanie il succo del romanzo e anche la peculiarità , secondo me, gradevole e interessante di tutta la storia. Brava l'autrice a mettere in risalto, con eleganza e senza scadimenti in volgarità o manierismi eccessivi, la capacità e la sensibilità della protagonista di mettersi in gioco e di far luce sulla propria esistenza. Gli incontri casuali al parco tra Jeanie e Ray, e rispettivi nipotini, fanno da apripista ad una storia, che coinvolgerà non solo i protagonisti, ma anche i familiari degli stessi che saranno costretti per forza di cose a prenderne atto e a maturare pensieri e sensazioni particolari. Estrapolo un passaggio a mio avviso emblematico, la novantenne zia di Jeane, Norma, che si rivolge così alla nipote: "Sessanta è il paradiso. Il mondo ha chiuso con te, diventi invisibile a tutti gli effetti, soprattutto se sei donna. Mi piace pensarla come una terza vita. C'è l'infanzia, poi la conformità dell'età adulta, lavoro, famiglia, responsabilità, infine, proprio quando la gente dà per scontato che sia tutto finito e che tu sia un inutile mucchio di rottami, ecco comparire la libertà! Finalmente puoi essere quella che sei davvero, non quella che la società vuole che tu sia, non quella che tu pensi di dover essere" Gradevole e scorrevole
Voto: 3 / 5
(15-02-2015)
Libro - Splendore - Mazzantini Margaret
Un amore senza fine tra due ragazzi, Guido e Costantino, che stravolge tutti i cliché dei libri romantici a cui siamo generalmente abituati. I due protagonisti abitano nello stesso palazzo,a Roma negli anni 70, in condizioni sociali inizialmente non paritarie, Guido figlio di medio-borghesi, Costantino figlio del portiere vive nel semi-interrato. La storia si sviluppa all'inizio con attrazioni e repulsioni continue tra i due ragazzi, poi complice una gita nell'ultimo anno di liceo, i due si legano e anche se fondamentalmente la frequentazione sarà scarsa, mentalmente e con l'animo non si lasceranno mai più. La forza del romanzo sta proprio, a mio avviso, nel ricordo continuo di uno nei confronti dell'altro dei due protagonisti; le vite di entrambi si divideranno, Guido andrà a vivere a Londra e si sposerà con una orientale, Costantino resta in Italia e andrà avanti soprattutto in funzione dell'accudienza dell'ultimo suo figlio che ha dei problemi. Nonostante la distanza e tutte le vicissitudini che i protagonisti vivranno, il loro legame sarà profondissimo. La distanza e i legami forti come dicevo sono il leit motiv di questo libro, estrapolo un passaggio che mi ha molto colpito e riguarda l'osservare , da parte di Guido, le domestiche africane del suo palazzo ...imparai che l'asse da stiro è il regno magico di queste vite, il calore unito all'iterazione del gesto consente loro astensioni totali dal reale, riagganciano il destino interrotto,una palafitta, un lurido mercato di semi e capre. A volte mi mostravano le fotografie dei loro figli, io guardavo quei musi messi in posa, incalliti di povertà... Particolare.
Voto: 3 / 5
(16-12-2014)
Libro - I nostri giovedì al parco - Boyd Hilary
Jeanie sessantenne londinese in perfetta forma, titolare di un negozio di alimentari che si dedica con passione alla nipotina Ellie e la porta volentieri , quando può, al parco, viene travolta, non proprio nel bel mezzo del cammin della sua vita ma molto più avanti negli anni, da una passione amorosa che le terremoterà la vita, stravolgendogliela. Ed è proprio questo crescente "terremoto interiore" di Jeanie il succo del romanzo e anche la peculiarità , secondo me, gradevole e interessante di tutta la storia. Brava l'autrice a mettere in risalto, con eleganza e senza scadimenti in volgarità o manierismi eccessivi, la capacità e la sensibilità della protagonista di mettersi in gioco e di far luce sulla propria esistenza. Gli incontri casuali al parco tra Jeanie e Ray, e rispettivi nipotini, fanno da apripista ad una storia, che coinvolgerà non solo i protagonisti, ma anche i familiari degli stessi che saranno costretti per forza di cose a prenderne atto e a maturare pensieri e sensazioni particolari. Estrapolo un passaggio a mio avviso emblematico, la novantenne zia di Jeane, Norma, che si rivolge così alla nipote: """Sessanta è il paradiso. Il mondo ha chiuso con te, diventi invisibile a tutti gli effetti, soprattutto se sei donna. Mi piace pensarla come una terza vita. C'è l'infanzia, poi la conformità dell'età adulta, lavoro, famiglia, responsabilità, infine, proprio quando la gente dà per scontato che sia tutto finito e che tu sia un inutile mucchio di rottami, ecco comparire la libertà! Finalmente puoi essere quella che sei davvero, non quella che la società vuole che tu sia, non quella che tu pensi di dover essere""" Gradevole e scorrevole
Voto: 3 / 5
(01-12-2014)
Libro - Né potere né gloria - Parazzoli Ferruccio
Fantasiosa trama e intrigante romanzo: uno scrittore di Roma Antica , Valerio Massimo, si reca in Terra Santa e cerca di capire il perché Gesù sia stato abbandonato quasi da tutto il suo popolo, dopo che aveva compiuto non solo miracoli e prodigi, ma soprattutto aveva svelato e parlato di un nuovo modo di vivere e di interiorizzare le cose. Il primo incontro è con Pilato che si conferma distaccato e poco incline ad interessarsi di una popolazione, gli ebrei, e delle credenze e usanze di questi ultimi; il governatore però sentiti i propositi di Valerio Massimo gli suggerisce di portarsi con sé un ragazzetto sveglio e arguto, Iosef, che si rivelerà figura importante x entrare in relazione con tanti personaggi biblici famosi. Il libro si sviluppa con un pensiero dominante forte e centrale: l'incredulità ; l'io narrante, cioè lo scrittore Valerio Massimo, incontro dopo incontro non si capacità di come alcune persone possano aver assistito ad episodi incredibili come la resurrezione e nonostante tutto non abbian creduto fino in fondo a Gesù. Tra i tanti e noti personaggi biblici che V.Massimo incontra(il cieco nato, Lazzaro, Giuseppe d'Arimatea, Simeone, Zaccheo etc) risaltano, a mio avviso, le pagine in cui il protagonista parla di Maria e dell'unica risposta che lei le dà dopo un fuoco di fila di domande: "Io sono la porta"; e soprattutto spicca la parte del romanzo in cui il narratore incontra l'unica estranea ad aver creduto fino in fondo a Gesù: Maria di Magdala. Ps: non è un libro con intenti convertitori, ma solo un testo in cui l'autore, secondo me, pone e si pone sensate domande, con un finale particolare Singolare
Voto: 3 / 5
(01-12-2014)
Libro - La gente felice legge e beve caffè - Martin-Lugand Agnès
Una storia intima e controversa che ha per protagonista Diane, giovane donna parigina, proprietaria di un caffè letterario che ha lo stesso nome del titolo del libro. Una mattina qualunque Colin e Clara, marito e figlia di 6 anni della protagonista , escono per una passeggiata fischiettando x le scale ..ma nn torneranno mai più a casa a causa di un incidente stradale che ne stronca l'esistenza. Da questo punto in poi Diane si chiude sempre più in se stessa, confortata solo da Felix,amico e collaboratore del caffè, fino al momento in cui decide di dare una svolta alla sua esistenza, partire x l'unico luogo che aveva sempre desiderato visitare con Colin, l'Irlanda. Arrivata nell'isola di Smeraldo, Diane si sistema in un cottage in riva al mare e inizia a far conoscenza con usi, costumi, abitudini e modi di fare dei locali. Mi è piaciuta molto la parte del romanzo dove i vicini di casa spiegano a Diane le consuetudini del luogo ....Abby mi descrisse ogni batteria di pentole in cucina, poi passò ai canali via cavo, agli orari delle maree, e infine a quelli delle messe. "Non penso che ne avrò bisogno, non vado d'accordo con la Chiesa" "Allora siamo nei guai, Diane. Avresti dovuto informarti meglio prima di venire qui. Ci siamo battuti per la nostra indipendenza e la nostra religione. Ora vivi tra irlandesi cattolici e orgogliosi di esserlo" Cominciavamo bene... "Abby , mi spiace, io..." Lei scoppiò a ridere. Rilassati , per l'amor del cielo! Stavo scherzando. Mica sei obligata ad accompagnarmi in chiesa...ti do un piccolo consiglio: ricordati sempre che non siamo inglesi L'umanità e il calore irlandese gioveranno molto a Diane e soprattutto l'incontro col suo vicino dal carattere spigoloso Edward. Bel romanzo scorrevole con un finale non scontato, bellissime anche le descrizioni dell'Irlanda , soprattutto delle Isole Aran
Voto: 3 / 5
(01-12-2014)
Libro - Il confine di Bonetti - Floris Giovanni
Un bello spaccato degli anni 80/90 questo esordio nella letteratura per il noto conduttore di Ballarò, un'analisi di quel periodo sicuramente soggettiva, ma molto gradevole a mio avviso. Il tutto è ambientato a Roma, dove due ormai quasi cinquantenni(un regista ed un notaio) si ritrovano per una rimpatriata , ma la festa degenera e vengono addirittura arrestati, ed è questo l'avvenimento che scatena un mare di ricordi nel protagonista del romanzo, un facoltoso notaio romano(Ranò), che non solo si apre in una confessione fiume sui fatti che l'hanno portato alle reclusione, ma soprattutto narra del suo passato e del suo gruppo di amici che l'hanno seguito dai tempi delle scuole medie fino all'Università. In questo romanzo, per chi ha vissuto gli anni 80/90, ci sono segmenti e ricordi indelebili sotto ogni punto di vista: musica, cinema, televisione, sport, politica, costume, vacanze etc; quello che colpisce di più, a mio avviso, è la disamina dei comportamenti dei sogni e delle speranze dei giovani di quella generazione, esaminati con l'occhio di chi li ha vissuti ed apparentemente "cavalcati" con successo(il notaio famoso), ingabbiato però per sciocchezze non consone al suo rango... e forse per il suo livello di maturità(un cinquantenne troppo ragazzino). Estrapolo qualche passaggio che mi ha colpito: ...Tangentopoli mischiava le carte, cancellava il quadro politico, i volti dei potenti, i volti dei vincenti e dei perdenti. Scomparivano i partiti chiesa, comparivano i partiti azienda, comunità di migliaia di persone mascheravano i propri simboli e venivano travolte dalla durezza della realtà.I comunisti avevano sbagliato? Scomparivano. I socialisti avevano rubato? Scomparivano. I democristiani non avevano compreso la modernità? Scomparivano pure loro che sembravano indelebili...
Voto: 3 / 5
(17-11-2014)
Libro - La vita è un viaggio - Severgnini Beppe
Viaggiare rende umili,scrive Severgnini, viaggiare vuol dire allungarsi la vita, riempiendo il passato di ricordi e il futuro di progetti. Una frase che condivido in pieno, ma il libro non è un diario di cose viste né un reportage di viaggi inteso nel senso classico del termine, cioe descrizione di luoghi e narrazione dei posti; bensì è un excursus dell'Italia di oggi con tutte le sue traversìe, collegando la realtà con gli avvenimenti del passato. Ci sono una ventina di parole chiave, che a detta dell'autore, dovrebbero accompagnare "l'esploratore" nel viaggio della vita, e questi vocaboli vengon ben analizzati nei capitoli contenuti nel romanzo. Tanto per fare un es, una delle parole di cui sopra è "brevità" .."La bella brevità è onesta, utile e generosa: non garantisce soltanto chiarezza ed efficacia, ma regala tempo a chi legge"..o "resilienza" ..."La consapevolezza di saper resistere deve diventare un motivo d'orgoglio.La resilienza rinforza il carattere e produce personalità. Tra i sentimenti è forse il più letterario, dopo l'amore?. Pensate a un personaggio classico e scoprirete che il suo fascino nasce dalla capacità di affrontare le avversità" Voglio concludere la recensione invece estrapolando un passaggio che mi ha molto colpito e che riguarda la semplicità, Cesare Pavese e Bruce Springsteen: Tutti sanno vedere l'eccezionalità dei luoghi eccezionali-le Dolomiti al tramonto, Roma in primavera, la baia di Halong dal mare etc-Pochi sanno cogliere la magia dei luoghi normali. E solo un artista sa comunicarla. Così facendo , ci offre un regalo. Perché è nei luoghi normali che passa la nostra vita, e bisogna spolverarli dall'abitudine. C. Pavese e B.Springsteen mi hanno fatto questo regalo. Insieme nello stesso periodo, anni 70, mi hanno spiegato che i luoghi quotidiani erano magici: bastava guardare..... Le colline piemontesi sono incantevoli, ma C.Pavese ha saputo raccontarne la profondità, il fascino, la varietà. Senza aggiungere, appesantire,complicare
Voto: 3 / 5
(17-11-2014)
Libro - La sposa silenziosa - A. S. A. Harrison
Anche se il titolo potrebbe far presupporre che la protagonista del romanzo sia soprattutto femminile, la struttura del testo invece prevede un'alternanza paritaria tra capitoli intitolati "lei" e altrettanti "lui". Il libro è incentrato sul tormentato rapporto tra Jodi e Todd , ma il "tormento" viene fuori pagina leggendo perché apparentemente si tratta della classica coppia "bene statunitense" , con tanto di status symbol raggiunti e stabilizzati(lavori eccellenti, psichiatra una e imprenditore l'altro,bella casa, vacanze in posti esotici, shopping in negozi di alta moda, cane di lusso etc). L'autrice è abile a scandagliare il vissuto di entrambi i coniugi , evidenziando problematiche relative all'infanzia, sogni realizzati, progetti e soprattutto tanto non detto e molti sotterfugi che sfociano in un apparente benessere, ma che nascondono baratri di incomprensioni. Effettivamente il passo decisivo verso la rottura lo compie Todd e quindi le elucubrazioni mentali di Jodi su quello che sarà la sua vita , stando al titolo, diventano il cardine della narrazione, ma i pensieri e gli arrovellamenti di Todd una volta che la separazione è partita, a mio avviso, non sono da meno in intensità e drammaticità. Chiudo estrapolando un passaggio che descrive i caratteri dei protagonisti: ...""la dote più grande di Jodi è il silenzio, ed è una cosa che lui ha sempre amato di lei: lei sa farsi gli affari propri , tenersi le cose per sé, ma questo atteggiamento è anche la sua arma più letale....Todd se ne intende di sofferenza, ha ricevuto un'educazione cattolica, sa che la sofferenza fa parte della vita, sa che è impossibile che non ci sia, perché nella vita c'è tutto. La vita è un mosaico i cui contorni non sono definiti. Nel mosaico della vita le parti si sovrappongono, perché nulla è solo in un modo""... Finale drammatico in un thriller psicologico, secondo me, accattivante
Voto: 3 / 5
(10-10-2014)
Libro - Il sale rosa dell'Himalaya - Baresani Camilla
Una discesa agli inferi, partendo da situazioni banali e molto comuni. Il romanzo inizia in una fredda sera di metà febbraio, a Milano, una ragazza in carriera, Giada, ha come ospite a cena a casa sua un rampante uomo d'affari e per dare un tocco esotico ai suoi piatti esce x comprare sale rosa himalayano. Mentre Giada attraversa i giardinetti pubblici, le si avvicina un mendicante x chiedere soldi, l'alito cattivo di quest'ultimo, la faccia deturpata, l'insistenza, scatenano in Giada un senso di repulsione che la portano a scacciare via il seccatore con insofferenza e brutalità. Yon, il nome del diseredato, a questo punto toccato nel vivo blocca Giada e la trascina dietro un albero e da lì in poi la discesa agli inferi di Giada ha inizio. La ragazza viene portata in una baracca, alla periferia di Milano, in balia di Yon e del suo compare Dimitru. L'autrice è abilissima a tracciare il quadro psicologico, comportamentale e sociale della protagonista, descrivendone le ambizioni sfrenate di carriera e il contesto in cui abitualmente lavora , allo stesso tempo vengono dettagliatamente sviscerati usi, costumi e abitudini molto provinciali e da parrucconi dei familiari, vicini di casa, amiche e amici etc. In una situazione drammatica come un sequestro maldestro di persona, tipo quello descritto sopra, invece di far emergere immediatamente angoscia e preoccupazione nelle persona vicine a Giada, paradossalmente è fonte di critiche sfrenate e maldicenze sulla malcapitata e prima che le indagini partano con decisione , passano parecchi giorni e la povera Giada sopravvive di stenti e privazioni a due passi da una delle città più moderne d'Europa. Un presa di coscienza, da parte di Giada, che la sua vita, fino al rapimento, sia stata vissuta circondata da gente a dir poco inutile, d'altro canto sia i colleghi che i familiari di Giada, se apparentemente si mostrano ai mass media preoccupati e in ansia x le sorti della rapita, in cuor loro sono più che infastiditi.Particolare
Voto: 4 / 5
(10-10-2014)
Libro - Morte di un uomo felice - Fontana Giorgio
Testo molto interessante, in cui a far da protagonisti sono la Milano dei primi anni '80 e soprattutto le indagini di un magistrato, che non solo vuol rendere giustizia alle vittime dei terroristi, ma allo stesso tempo è curioso e vuole capire il perchè tanti giovani abbian intrapreso una strada così cruenta e violenta da arrivare ad agire così. Si intervallano nella narrazione non solo le vicissitudini riguardanti il protagonista, cioè il magistrato Giacomo Colnaghi, ma anche il vissuto del padre di quest'ultimo, Ernesto, attivo esponente della Resistenza negli anni '40, e spaccati piacevoli su Milano. Riporto dei pensieri di Colnaghi, elucubrazioni che evidenziano la voglia di capire il perchè di certe azioni e metodologie dei terroristi ..."" il problema del terrorismo è che rivela uno stato di adolescenza all'interno del vecchio corpo italiano. La Repubblica non ha gli anticorpi e dunque perde di credibilità.(Obiez. semplice e radicale : come fidarsi di chi ha messo in campo la strategia della tensione? Non si può. Quindi lotta a oltranza; quindi, rivoluzione)"""... Questa invece è un'estrapolata di un dialogo in un interrogatorio tra Colnaghi e un terrorista ...."""il terrorista: "E quindi il problema come si risolve? Colnaghi alzò le braccia: "Parlando. Trovandoci a metà strada nei bar, nelle chiese, nelle piazze. Così finalmente ci si conosce, tutti insieme, e si capisce che siam in tanti a volere un'altra Italia. ..il terrorista: "Io penso che se il sistema è spietato, ho il diritto sacrosanto di esserlo anch'io; e colpendone i simboli posso indebolirlo fino a spezzarlo:Fine del discorso. ..Colnaghi: "So che la ns democrazia è piena di ombre, di errori spaventosi. Ma con tutte le sue ombre , se non altro può migliorare: può fermare l'onda dell'odio, può farla finita con i violenti, può combattere il male che porta dentro. Invece l'omicidio -di un uomo inerme, di un uomo colpito alle spalle - non si corregge; e non serve a nulla . Lascia solo sofferenza"
Voto: 4 / 5
(02-10-2014)
Libro - Manna e miele, ferro e fuoco - Torregrossa Giuseppina
Un libro in cui si esaltà la libertà di poter seguire i propri istinti senza condizionamenti, e la cosa non è semplice assolutamente, in più quello che ho trovato veramente eccezionale all'interno di queste pagine è la descrizione dell'antica professione dei raccoglitori di manna dagli alberi di frassino, siccome il libro è ambientato in Sicilia, dei "mannaluori". La trama: il libro si sviluppa descrivendo parallelamente la vita dei due personaggi principali Romilda e Francesco, che sono proprio all'opposto sia per caratteristiche comportamentali che di pensiero; manna e miele la prima, capace di entrare in sintonia sia con persone che con animali e piante, ferro e fuoco l'altro, sospettoso, calcolatore e avido di potere. Gli avvenimenti del romanzo riguardano la Sicilia di fine Ottocento, ed essendo barone Francesco, diciamo che il matrimonio con Romilda non è proprio d'amore, ma imposto. I due all'inizio si studiano, si confrontano, cercano di mescolarsi, ma quello che ne vien fuori è un incredibile crescendo di pensieri su quello che potrà accadere o che poteva essere , un arrovellarsi continuo di congetture da entrambe le parti.La parte più bella del libro, a mio avviso, è quella in cui il papà di Romilda descrive tutte le peculiarità dei raccoglitori di manna e allo stesso tempo narra situazioni, esperienze, aneddoti etc relativi all'antica professione dei "mannaluori" Concludo la recensione proprio estrapolando un passaggio in cui Alfonso, papà di Romilda, parla a sua figlia degli alberi di frassino e della manna:"ci vuole equilibrio e armonia nel bosco, perciò devi fare attenzione a quello che cresce sotto le piante. La giusta proporzione tra fave, cardi,grano è molto importante, controlla e strappa quelllo che è in più. Privilegia l'origano il suo profumo diminuisce quando aumenta l'umidità, perciò è un prezioso indicatore di pioggia....Talìa(guarda) il muddìo(il frassino) a primavera s'innamora e i suoi rami prendon le sembianze dell'oggetto del suo amore
Voto: 3 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
 
  Recensioni 81 - 100 Recensioni 101 - 120 Recensioni 121 - 140 Recensioni 141 - 160
 
  Recensioni 161 - 180 Recensioni 181 - 200 Recensioni 201 - 220 Recensioni 221 - 240
 
  Recensioni 241 - 260 Recensioni 261 - 280 Recensioni 281 - 300 Recensioni 301 - 320
 
  Recensioni 321 - 340 Recensioni 341 - 360 Recensioni 361 - 380 Recensioni 381 - 400
 
  Recensioni 401 - 420 Recensioni 421 - 440 Recensioni 441 - 460 Recensioni 461 - 480
 
  Recensioni 481 - 500 Recensioni 501 - 520 Recensioni 521 - 540 Recensioni 541 - 560
 
  Recensioni 561 - 580 Recensioni 581 - 600 Recensioni 601 - 620 Recensioni 621 - 640
 
  Recensioni 641 - 660 Recensioni 661 - 662
 
 

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di consegna
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
• Telefono: +39 02 91435230
• Fax: +39 02 91435290
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2015 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS