Carrello Lista desideri Login Registrati Aiuto e FAQ Buoni regalo Spedizioni
Ricerca
Libri
I commenti di maurizio .mau. codogno
Recensioni 1 - 20 di 118 recensioni presenti.  Media Voto: 3.47 / 5

(11-03-2014)
Libro - Il falo delle novità. La creatività al tempo dei cellulari intelligenti - Bartezzaghi Stefano
Che cos'è la creatività? Bella domanda. Nel 2012 Stefano Bartezzaghi ha tenuto una conferenza sul tema al Festival della Creatività di Sarzana, e qualche tempo prima ha chiesto su Twitter di inviare la definizione preferita. Ne sono arrivate un paio di centinaia, che sono alla base di questo libro. Tutte le definizioni sono brevi per la natura stessa di Twitter, che si limita a 140 caratteri; la concisione in questo caso non è pertanto solamente una dote apprezzata, ma anche necessaria! Naturalmente detto così sarebbe troppo semplice. Bartezzaghi ha riunito le varie definizioni in gruppi più o meno omogenei e soprattutto le ha commentate una per una, andando per svariate tangenti in modo da cercare per quanto possibile di circoscrivere cosa la creatività non è. D'altro canto, lui lo dice subito, che secondo lui la parola "creatività" è abusata e che il concetto è in realtà ineffabile... non per nulla ne parla come di un mito, come spiega con maggior dovizia di particolari nella seconda parte del libro. Una lettura insomma godibile, che forse vi toglierà alcune certezze, ma lo farà per il vostro bene. Ah: mi dimenticavo di segnalare un'ottima iniziativa di Utet, che permette a chi ha comprato il libro cartaceo di avere gratuitamente l'ebook. Ufficialmente l'iniziativa scadeva il 31 dicembre 2013, ma io il libro l'ho comprato il 12 gennaio 2014 e l'ebook era ancora scaricabile... (post scriptum: la _mia_ definizione di creatività è "prendere i pezzi di un puzzle ed essere in grado di costruirne uno completamente diverso". Immagino che abbiate capito qual è la mia fonte!
Voto: 4 / 5
(08-01-2014)
Libro - Il matematico continua a curiosare. Dall'algebra della pizza alla formula del cacciavite - Filocamo Giovanni
Scegliere di parlare di quello che vediamo in giro tutti i giorni non è certo una novità, come sa chi ha letto i libri di Rob Eastaway e Jeremy Wyndham citati in bibliografia: ma nessuno dice che bisogna per forza inventare un nuovo approccio, e direi che l'accoppiata tra le situazioni comuni e il testo scritto in modo scanzonato è ottima. Chi ama prendersi ogni tanto una pausa e partire per la tangente può poi deliziarsi con i riquadri sparsi qua e là per il libro: ci sono enunciati di teoremi più o meno noti e importanti, curiosità matematiche sparse e quizzini (non preoccupatevi, di questi si trova la soluzione in appendice). Ho particolarmente apprezzato il capitolo sui metodi non standard di fare operazioni aritmetiche con le mani, soprattutto perché Filocamo ha giustamente evitato di spiegare *perché* tali tecniche funzionano in pratica: certo, se si conosce un poco d'algebra non ci vuole molto a comprendere il perché, ma a mio parere una spiegazione nel contesto del libro l'avrebbe semplicemente appesantito, senza dare alcun vantaggio al lettore che non dovrà essere interrogato da nessuno. Paradossalmente, invece, la parte che mi è sembrata meno chiara è proprio quella fisica della prima parte del capitolo 3, dalla delta di Dirac alle leve: la mia sensazione è che se non si conoscono già quegli argomenti sia piuttosto difficile seguire il filo logico del discorso. In definitiva, se avete qualche amico che è refrattario alla matematica potete provare a regalargli il libro per fargli vedere che non è che formule e teoremi calino dal cielo; attenzione però che rischiate di dovergli poi spiegare perché quelle cose non vengono insegnate a scuola!
Voto: 4 / 5
(05-01-2014)
Libro - La voce del padrone - Lem Stanislaw
Lem è etichettato come scrittore di fantascienza. Non sono mai riuscito a capire bene il perché: per quello che mi riguarda è uno scrittore, punto. Ad ogni modo questo suo libro lo si può definire "fantascienza" solo se prendiamo l'ipotesi alla base, che l'umanità ha scoperto uno strano segnale dallo spazio contenuto in un fascio di neutrini, e mettiamo i paraocchi. In realtà il testo è molto più legato alla nostra cara vecchia Terra e agli uomini, con una vena negativa (Lem ce l'ha contro tutti, dai politici ai filosofi, dalla religione alla scienza, e all'umanità tutta) ben rappresentata dall'impossibilità di trovare alcun senso compiuto ma solo piccoli frammenti che forse sono, o forse no, parti del "messaggio" inviato da non si sa bene chi. Sono due le cose che mi hanno stupito: che il libro non fosse stato tradotto in italiano se non nel 2010, e che sia così attuale anche oggi. La seconda cosa si spiega appunto con il fatto che non si parla di fantascienza in senso proprio: gli amici dei mostri e dei viaggi spaziali probabilmente non apprezzeranno questo libro. Per quanto riguarda la prima, forse il problema era la guerra fredda: uno scrittore del blocco dell'est (che naturalmente ha ambientato la storia negli USA, non credo che l'Unione Sovietica avrebbe apprezzato di fare una figura barbina...) faceva fatica a essere pubblicato in Occidente, nonostante il successo di _Solaris_. Gli unici dubbi che ho sono sulla traduzione di Vera Verdiani, che usa un registro molto pesante (ma non posso sapere se sia Lem stesso che abbia scelto questo registro, e quindi la traduzione sia corretta non solo formalmente ma anche praticamente...) e su un paio di marchiani errori matematici che mostrano che le bozze non sono state rilette accuratamente; però consiglio caldamente la lettura anche a chi non è un fan della sf.
Voto: 4 / 5
(05-01-2014)
Libro - Storia dei trasporti in Italia - Maggi Stefano
Sempre a causa del mio amore (teorico) per i trasporti, ho preso anche quest'altro libro di Stefano Maggi, che non si limita ai treni ma parla più in generale dei trasporti in Italia. Chi ha letto _Le Ferrovie_ può tranquillamente saltare il primo capitolo, che è fondamentalmente un riassunto dell'altro libro, il che di per sé ha senso. In compenso, la parte sulle strade e quella sulle vie d'acqua e d'aria sono molto interessanti, pur nella relativa stringatezza del testo: sia il rapporto con le altre nazioni europee che le differenze interne alla stessa Italia post-unitaria danno utili informazioni, e non credo di aver mai visto altrove informazioni su cosa avevamo fatto nelle colonie. Alcune di queste cose magari le sappiamo più o meno intuitivamente, ma le statistiche riportate aiutano molto. Quella che invece non mi è piaciuta affatto è l'analisi sociologica dell'ultimo capitolo, che oggettivamente non mi ha detto proprio nulla: anzi mi ha un po' scocciato, perché più che dare spunti di riflessione mi è sembrata essere la proposta di un piano di sviluppo, anche un po' velleitario. In definitiva un libro forse un po' costoso, ma che gli appassionati dovrebbero apprezzare.
Voto: 3 / 5
(05-01-2014)
Libro - Comics & science - Natalini Roberto; Plazzi Andrea
Non c'è più religione. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche si mette a produrre un albo a fumetti. Gli è che "Comics & Science" è un progetto che è nato già da un anno, e che prova appunto a parlare di scienza - nella fattispecie soprattutto di matematica - in maniera diversa dal solito. È stata così contattata una società esterna, Symmaceo Communications, e si è cooptato - non so quanto a forza - Leo Ortolani di fama ratmanesca, che ha preparato una storia a fumetti rappresentante una puntata tipica di Misterius, "Il programma che va dove abita la verità, suona il campanello e poi scappa". Potrete così leggere la biografia di Jean-Pierre Bagolot, un matematico francese piuttosto peculiare che tra le sue molte scoperte ha creato un nuovo numero intero, il "frazzo". Nell'albo potrete anche leggere un'intervista a Leo Ortolani, oltre ad alcune considerazioni ("Sulla Matemediatica") della "Lady Gaga della matematica", il matematico francese Cédric Villani. Consiglio vivamente di leggerla: è molto più seria di quanto ci si possa immaginare guardando come si veste :-) e soprattutto non parla direttamente di matematica, quindi non ci sono troppi problemi a comprenderla. E ricordatevi: "La scienza è anche un universo affascinante! - se vi piacciono gli uomini magrolini e con gli occhiali".
Voto: 4 / 5
(04-01-2014)
Libro - Matematica proverbiale. Concetti matematici nascosti tra le pieghe dei proverbi matematici - Peres Ennio; Bersani Riccardo
Che hanno a che fare i proverbi con la matematica? Beh, a prima vista poco: sì, ci sono detti come "fatto trenta, facciamo trentuno" oppure "non c'è due senza tre" che sono formalmente aritmetici, e ci sono proverbi per così dire logici come "chi non comincia non finisce". Ma Riccardo Bersani ed Ennio Peres non si sono fermati a queste banalità e ci hanno scritto un intero libro! Occhei, l'idea è quella di prendere i proverbi come spunto per parlare di matematica. Così da "Segreto di due, segreto di Dio; segreto di tre, lo sa pure il mondo" si parla di crittografia; "o tutto, o nulla" è una scusa per introdurre la notazione binaria; "chi conta sul futuro, sovente s'inganna" ci porta a parlare del problema di Monty Hall. La scelta degli autori, anche se a prima vista può sembrare balzana - e in effetti alcuni dei passaggi logici dal proverbio al tema matematico a me sembrano più che altro illogici - risulta però interessante, da un lato perché mostra come i proverbi abbiano una loro logica ancorché stringata, e dall'altro perché permettono al lettore di capire come la matematica in fin dei conti pervada il mondo, e basta una piccola scusa per ritrovarsela tra i piedi. E allora, non è meglio conoscerla che evitarla? La lettura è insomma divertente, forse più per coloro che di matematica non ne hanno mai fatta tanta. Nel peggiore dei casi impareranno nuovi proverbi. Peccato che gli autori non siano piemontesi, perché avrebbero avuto a disposizione un bellissimo proverbio di Usseglio, paese di adozione della mia mamma, situato ai piedi del monte Lera: "Se la Lera a l'ha 'l capel, ò ch'el fa brut ò ch'el fa bel". Tradotto nel linguaggio della logica matematica, X AUT (NOT X) = VERO. Visto che tutto torna?
Voto: 4 / 5
(08-10-2013)
Libro - Storia naturale dei giganti - Cavazzoni Ermanno
Di Ermanno Cavazzoni sapevo poche cose: che esisteva, e che scriveva libri. Ho provato a prendere questo suo libro di alcuni anni fa e a posteriori devo dire che ho fatto davvero bene. Lo stile di Cavazzoni, visto molto da lontano, mi potrebbe far pensare a Paolo Nori: ma mentre quest'ultimo non è proprio nelle mie corde, il primo mi ha fatto sorridere con le sue descrizioni stralunate. (ATTENZIONE: SPOILER!). La storia naturale dei giganti (nella letteratura cavalleresca) c'è eccome, con una dovizia di particolari che mi fa pensare a una via di mezzo tra una persona affetta dalla sindrome di Asperger e la storia confidenziale della letteratura italiana del buonanima di Giampaolo Dossena; ma con lo scorrere delle pagine si capisce che l'io narrante è completamente pazzo, tratto del resto comune a tutta la sua famiglia a quanto pare, e la sua mente vaga verso le idee più assurde... abbastanza simili a quelle che associa ai "suoi" giganti, anche se avrei dei dubbi sulla verginità di Monica Guastavillani, la sua Beatrice che non si capisce bene cosa (non) faccia con lui. L'arrivo di sedicenti extraterrestri fa terminare piuttosto brutalmente la vicenda, anche se quella che pareva una crisi definitiva si stempera in un ritorno al punto iniziale del romanzo. In definitiva, il libro va bene se volete sapere tutto sui giganti, ma anche se vi divertono le storie strampalate ma ben scritte!
Voto: 5 / 5
(08-10-2013)
Libro - Cronaca di un suicidio - Biondillo Gianni
Ritorna l'ispettore Ferraro. Sempre milanese, anche se il giallo inizia a Roma, dove era andato in vacanza con la figlia per qualche giorno. Ferraro sente la mezza età che ormai incombe, sente che la figlia Giulia ormai sta per crescere davvero, ma soprattutto si sente uno sbirro dentro, anche sfortunato tra l'altro; a chi capita di trovare in mare una barca con effetti personali di una persona e una lettera in cui costui afferma di stare per suicidarsi? Il libro alterna il punto di vista di Ferraro con quello delle ultime settimane di Giovanni Tolusso, sceneggiatore che come tante, troppe persone si è rimprovvisamente ritrovato fagocitato dalla crisi di questi anni. E biisogna dire che Biondillo ci va giù sul pesante, non sono pagine da leggere così a cuor leggero. Si vede Tolusso perdere rapidamente tutto, anche la propria dignità, fino ad arrivare a un suo gesto estremo. Come dicevo, sono pagine scritte molto bene, direi meglio di quelle con protagonista l'ispettore. Però una cosa da dire c'è: questo libro mi ha ricordato i tempi in cui scrivevo le mie tesi, o se preferite i romanzi di Andrea Vitali. Più che un romanzo è un racconto lungo: e per allungare il numero di pagine si è ricorsi ai vecchi trucchetti di fare tanti capitoletti brevi che finiscono all'inizio di una nuova pagina, per non parlare delle sezioni che lasciano anche una pagina bianca. Su, siamo ormai tutti grandi... P.S.: quando postai questa recensione sul mio blog, Biondillo commentò affermando che lui scrive ciascun libro nella lunghezza che a suo parere è quella giusta. Non ho problemi a credergli: resta il fatto che io sono uno di quelli che avrebbe preferito che il libro (con lo stesso testo) fosse di 140 pagine e non di 180.
Voto: 4 / 5
(08-10-2013)
Libro - Da zero a infinito. Fascino e storia dei numeri - Reid Constance
Carramba che sorpresa! Io mica lo sapevo che Constance Reid fosse la sorella di Julia Robinson... (ovviamente nessuno dei due era il loro *vero* cognome. Erano entrambe nate Bowman, ma negli USA ancora adesso la moglie diventa proprietà cognominale nel marito). L'edizione che ho letto è quella "del cinquantenario", nel senso che il libro è stato scritto da una Reid trentottenne e rivisto poi da una Reid ottantottenne. Constance Reid non era una matematica, anche se naturalmente in caso di dubbi poteva sempre chiedere a sua sorella; era una scrittrice che si è specializzata in libri di divulgazione sulla matematica e sui matematici. Questo libro nacque per caso, dopo che scrisse un articolo sullo Scientific American a proposito della scoperta di due nuovi numeri perfetti (da parte di suo cognato... e la storia è molto divertente). Il libro ha dodici capitoli, sui numeri naturali da 0 a 9 oltre che al numero di Nepero e, che come tutti sanno è alla base dei numeri naturali e all'infinito che è la fine di tutti i numeri naturali. Già da qui dovrebbe essere chiaro che i numeri sono solo un pretesto per raccontare varie storie matematiche, spesso già note per altre vie ma sicuramente raccontate molto bene grazie anche alla traduzione fresca di Domenico Minunni. Credo insomma che il testo sia molto adatto per avvicinare non tanto alla matematica come materia quanto come modo di pensare i lettori: caldamente consigliato.
Voto: 4 / 5
(08-10-2013)
Libro - Le ferrovie - Maggi Stefano
Una decina di anni fa avevo letto la prima edizione di questo libro, e il mio unico cruccio era che il testo era tirato via piuttosto in fretta per quanto riguardava la storia a partire dal secondo dopoguerra. Beh, in questa terza edizione sono stato accontentato :-), probabilmente perché non ero il solo a essere rimasto un po' deluso. Ora che quanche cartina in più c'è - ma è anche vero che per le linee ferroviarie Wikipedia è la vostra amica - è più chiaro notare come la scelta di sussidiare il trasporto su gomma in sostituzione, e non in completamento, di quello su ferro sia stata deleteria; e che la "liberalizzazione" ferroviaria dell'ultimo decennio è stata sostanzialmente un fallimento perché il costo del materiale rotabile è troppo elevato per fare entrare nuovi partner in un mercato in perdita strutturale (altra cosa sono le linee ad alta velocità). Tornando al passato, la parte relativa alle ferrovie preunitarie è pure importante, perché fa capire come certi percorsi fossero nati per caso (e male, vedi la Porrettana: d'accordo che passare gli Appennini non era banale, ma una ferrovia a quote troppo elevate era preoccupante. Maggi continua ad amare il treno: forse fin troppo, perché ha un po' glissato sui costi dell'Alta velocità. Però ha la capacità di mostrare le cose in modo non standard, permettendo di vedere le ferrovie nel più ampio quadro della storia italiana; la lettura è caldamente consigliata, insomma.
Voto: 5 / 5
(07-10-2013)
Libro - Simon's Cat contro tutti - Tofield Simon
Questa nuova raccolta di vignette di Simon Tofield vede come in passato il gatto più visualizzato su YouTube fare tutti i danni possibili e immaginabili, almeno quando non dorme; come sempre accompagnato da una caterva di personaggi secondari, dal micino ai porcospini, dal suo povero padrone allo gnomo da giardino che essendo di gesso può essere messo in una serie di posizioni incongrue ma plausibili. Io continuo a pensare che siano più divertenti i video, perché non è possibile riprendere bene un gatto con immagini statiche; in questo caso, però, c'è un valore aggiunto dato sia dal colore che vivacizza sicuramente le grandi tavole che dallo stile di riempimento delle pagine che è completamente diverso (e ci credo, visto che Tofield non deve fare dieci frame per secondo). Aggiungo che i miei gemelli quasiquattrenni hanno apprezzato anche loro "il libro coi gatti"... tanto ci sono solo delle didascalie, quindi possono goderselo anche da soli.
Voto: 3 / 5
(07-10-2013)
Libro - La filosofia di Topolino - Giorello Giulio; Cozzaglio Ilaria
Avete presente quei libri che prendete solo perché il titolo vi fa pensare a chissà quale goduria? Ecco. Inutile dire che in questo caso la goduria era per il nome di Topolino, mentre la parola "filosofia", che generalmente mi fa scappare, in questo caso mi faceva sperare di riuscire per una volta a imparare qualcosa di più. Peccato che non ci sia riuscito. Probabilmente il libro funziona alla rovescia, nel senso che chi di filosofia ne sa potrà imparare molte cose sulle origini di Mickey Mouse, o perlomeno delle storie che Floyd Gottfredson disegnò e sceneggiò negli anni 1930 e 1940 e contribuirono a rendere Topolino un vero personaggio. In appendice, in effetti, ci sono degli approfondimenti filosofici: ma il testo sembra quasi una parodia dei bignamini che mettono etichette sui vari comportamenti del topo (o degli altri personaggi, come Pippo il "fool" e tutti i poliziotti irlandesi da Basettoni a Manetta). Il risultato è una lettura leggera e piacevole, ma che però non lascia molto. Una curiosità: cosa vuol dire esattamente quando un libro è indicato come scritto da "XY con ZW"? XY mette il nome e XW fa il lavoro sporco? Queste cose le ho viste in genere con sportivi attori e tronisti, ma Giorello è sicuramente in grado di scrivere un bel libro. Mah: sono i piccoli misteri dell'editoria che continuano a sfuggirmi.
Voto: 3 / 5
(13-06-2013)
Libro - La matematica della democrazia. Voti, seggi e parlamenti da Platone ai giorni nostri - Szpiro George G.
Forse avete sentito parlare del teorema di Arrow, che dimostra matematicamente come - se vogliamo scegliere dei rappresentanti secondo un certo numero di regole assolutamente sensate - l'unica opzione possibile è avere un dittatore. Magari avete anche sentito parlare del paradosso dell'Alabama: suddividendo per stato in modo proporzionale i rappresentanti degli stati USA al Congresso e aumentando il numero di rappresentanti totali, era possibile che uno stato *perdesse* un seggio. Ma ci sono molte altre cose da sapere, e George Szpiro ce ne racconta davvero tante in questo libro. Si può scoprire per esempio come anche Lewis Carroll abbia cercato di risolvere il problema del voto, che il primo a pensarci seriamente è stato nientemeno che Platone e che anche Plinio il Giovane aveva tentato di fare qualcosa al riguardo, e che negli USA ci sono almeno cinque modi leggermente diversi di decidere come dividere i seggi al Congresso per stato, e le scelte sono spesso molto più politiche che matematiche. Naturalmente viene spiegato cosa dice esattamente il teorema di Arrow, e in più si aggiunge il teorema di Gibbard-Satterthwaite che dimostra sempre matematicamente come le elezioni possano essere manipolate. La matematica presente nel libro consiste al più di divisioni, quindi anche i matematofobi possono leggerlo; avendo letto io l'edizione originale, del resto molto scorrevole, non posso però dare un giudizio sulla traduzione.
Voto: 5 / 5
(06-05-2013)
Libro - Lavoro, dunque scrivo! Creare testi che funzionano per carta e schermi. Con aggiornamento online - Carrada Luisa
Scrivere non è semplice. No, non è vero: scrivere è semplice, basta vedere quanto tutti noi scriviamo, dagli sms ai twit agli aggiornamenti su Facebook, per tacere di chi ha un blog o pubblica un libro. Diciamolo allora meglio: scrivere bene non è semplice. Per "bene" non si intende essere Nobel per la letteratura, ma molto più terra terra riuscire a far passare al lettore i concetti che si vuole comunicare in modo semplice ed efficace. Luisa Carrada lo sa bene, visto che spiegare queste cose è il suo lavoro e da molti anni ha anche un sito e un blog sul tema, Il mestiere di scrivere. Con questo suo libro Carrada si occupa di testi di comunicazione standard: sia pubblicitari che aziendali, sia cartacei che elettronici. Il suo punto di vista è semplice: indubbiamente c'è una bella differenza, però i principi di base sono gli stessi e c'è anche una certa osmosi, perciò tanto vale studiarli assieme. La struttura del libro è molto sminuzzata; non solo i capitoli possono essere letti indipendentemente, ma anche all'interno del capitolo i concetti sono presentati in pillole, con dovizia di esempi "così non va bene / così è meglio". Ogni capitolo termina con una ricapitolazione rapida dei temi trattati e con una sezione bonus con link di approfondimento; molte nozioni sono di puro buon senso - il che non significa che non sia bene averle nero (e rosso) su bianco! - altre sono meno immediate. Una volta abituatisi alle pagine che terminano a metà - la scelta di Carrada è stata evitare per quanto possibile di spezzare le unità di base del testo - la lettura è piacevole e comoda; inoltre acquistando il libro è possibile scaricare dal sito Zanichelli l'ePub da portarsi sempre dietro. Ottima idea!
Voto: 5 / 5
(06-05-2013)
Libro - Abbasso Euclide! Il grande racconto della geometria contemporanea - Odifreddi Piergiorgio
Con questo suo libro Odifreddi termina la sua trilogia della "storia della geometria passando per l'arte", dedicandosi a quanto capitato negli ultimi 130 anni o poco più. Devo dire che ho trovato la prima parte del libro, dove si parla di politopi, superfici e teoria dei nodi, inferiore a quello a cui Odifreddi ci aveva abituato negli altri due volumi: la matematica forse è più difficile da visualizzare, e sicuramente la geometria non è il mio forte, ma mi è parso che nemmeno l'autore fosse completamente convinto di quello che stava scrivendo. (Il "completamente" serve a chi spiega per rigirare le cose in un modo totalmente diverso da quello di partenza, per la cronaca). Fortunatamente però il matematico cuneese si riscatta alla grande con la seconda parte, a partire dalle dimensioni frattali per arrivare alle geometrie finite e alla descrizione hilbertiana dei fondamenti della geometria; questi ultimi soprattutto sono presentati in una maniera assolutamente chiara e didattica, senza limitarsi a dire perché ci vogliono tutti quei postulati ma mostrando dove e come Euclide aveva fatto delle supposizioni senza accorgersene e quindi indicarle. Continuo ad avere dei dubbi sull'idea di avvicinare la geometria per mezzo dell'arte, anche se devo ammettere che i vari tipi di prospettiva "sbagliata" abbinati alle trasformazioni affini sono stati un tocco da maestro; come commento finale diciamo che secondo me non è un libro "facile", anche se è molto colorato, ma che può comunque dare delle soddisfazioni a chi è incuriosito dalla geometria e vuole mettersi un po' in gioco. Leggete però prima gli altri due volumi!
Voto: 4 / 5
(30-03-2013)
Libro - Kierkegaard. La verità eterna che nasce nel tempo - Penzo Giorgio
Io ci ho anche provato. Ricordavo perfettamente come al liceo io e la filosofia non siamo mai andati d'accordo; però mi sono detto "magari ora sono vecchio e saggio, e le cose vanno meglio". Così ho recuperato dai recessi della mia libreria questo volumetto e mi sono più o meno coscienziosamente messo a leggerlo. Risultato: zero. Ho capito che secondo l'autore Kierkegaard ha molti punti in contatto con Nietzsche, il che mi pare strano considerando che quest'ultimo è un nichilista mentre il danese vede tutto con la lente del suo cristianesimo. Ho anche capito che dovrebbe anche avere qualcosa a che fare con Meister Eckhar, che però non so assolutamente chi sia: non pretendete troppo da me! A dire il vero credo di avere capito qualcosa qua e là: il paradosso, la distinzione tra la fede "esistenziale" e quindi vera e la fede "dottrinale" / "scientifica" che è invece falsa, l'"abbassamento" di Gesù. Però rimangono punti sparsi in un grande spazio vuoto: capisco che l'impostazione della collana a cui questo libro appartiene mette maggiormente l'enfasi sul rapporto tra filosofia e teologia, ma sono convinto che aggiungere un capitolo introduttivo con un rapido ripasso di "esistenzialismo for dummies", oltre che spiegare la diatriba tra Kierkegaard e i vescovi danesi, sarebbe stato di grande aiuto. Vabbè, mi sa che prima di ritornare sulla filosofia passerà ancora un bel po' di tempo.
Voto: 2 / 5
(03-03-2013)
Libro - I ragazzi di Anansi - Gaiman Neil
Gaiman ha un problema, quando scrive i suoi libri fantasy. Per le prime 150 pagine o giù di lì il protagonista è sfigato oltre che imbranato, e gliene capitano di tutti i colori. Anche in questo libro la situazione è la stessa, e la cosa inizia a scocciarmi un po'. Poi Gaiman scrive sempre bene, tradotto scorrevolmente da Katia Bagnoli (che però avrebbe potuto verificare cos'è una novelty song, e ricordarsi che un weasel è una donnola solo letteralmente, e nonostante le pagine finali del libro parlare di "faina" sarebbe stato meglio) e uno si diverte a vedere come le storie dell'inizio del mondo vengono declinate nel ventunesimo secolo, con il povero Charlie "Ciccio" Nancy che sembra tanto l'equivalente del bozzettiano Minivip: il figlio del dio Anansi che però non ha preso nulla della sua divinità, a differenza del fratello Ragno. (Ma è proprio un fratello? lo si vedrà alla fine del libro) Come sempre, i vari personaggi sono da un lato completamente improbabili, e dall'altro ci si aspetterebbe di vederli passare per strada, magari facendoci cambiare strada per evitarli.
Voto: 3 / 5
(03-03-2013)
Libro - Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore - Bartezzaghi Stefano
Nella prefazione a questo libro Stefano Bartezzaghi spiega come il suo "lavoro", permettetemi di chiamarlo così, sia cambiato in questi tre decenni. Una volta i giocatori scrivevano lettere a mano o al più dattiloscritte (ne ho inviate parecchie anch'io...) e l'Autore salvava man mano gli spunti per usarli nelle rubriche; ora basta un hashtag e Twitter permette di avere uno scambio immediato non solo con l'Autore ma anche tra i giocatori, semplificando la creazione ma lasciando all'Autore il compito forse ancora più arduo di riorganizzare tutto il materiale e dargli una parvenza d'ordine. Ecco cosa troverete, insomma: venti capitoli con venti tipi di giochi con le parole, descritti prima tassonomicamente poi con esempi - generalmente dieci per volta: Bartezzaghi deve trovare significativo il numero 10. Il guaio di un libro come questo è che non lo si può leggere sequenzialmente, a meno che non si decida di dedicarsi a una pagina per volta, magari con carta e penna sottomano - computer e tablet in questo caso sono subottimali - per provare a cimentarsi nei vari giochi. Infatti la trippa strippia, pardon, il troppo stroppia! Molto meglio a questo punto considerarlo un'opera di riferimento, utile per andare a cercare se e quando il gioco di parole che ci è venuto in mente è stato giocato. Un Vero Tassonomista come me avrebbe aggiunto un po' di tabelle riassuntive in appendice, ma mi sa che sarebbe stato chiedere troppo... che gioco sarebbe, altrimenti?
Voto: 3 / 5
(28-01-2013)
Libro - La cattedrale di Turing. Le origini dell'universo digitale - Dyson George
Attenzione! questo libro parla di Turing solo nel capitolo 13, oltre che in alcuni incisi che sembrano essere stati inseriti a forza dall'autore - il figlio del famoso fisico Freeman Dyson - per sfruttare il battage del centenario della sua nascita. La colpa non è dell'editore italiano, ma proprio dell'autore. Avrebbero dovuto chiamarlo La cattedrale di Von Neumann, visto che il libro parla della storia dei primi calcolatori elettronici intrecciata con quella del loro uso per creare le bombe a fissione e fusione, e in entrambi i casi "Johnny" è stata una figura prominente. Passando alla recensione vera e propriato; l'editing invece, soprattutto nelle prime cento pagine, lascia un po' a desiderare con alcuni spazi interparola che sono spariti, il testo è molto americano come stile, privilegiando le testimonianze per quanto possibile dirette e costruendo quindi la storia sulle persone più che sugli avvenimenti: molto utile il glossario iniziale con l'elenco delle persone stesse e una loro lapidaria biografia. L'apparato di note è enorme, ma è più che altro un insieme di riferimenti ad altri libri: insomma può essere tranquillamente saltato. La storia è molto dettagliata, con fatti ignoti almeno a me e che possono gettare una luce anche sulla vita statunitense negli anni 1940 - mica me lo aspettavo che ancora dopo la fine della guerra ci fossero restrizioni per gli acquisti negli USA! - ma purtroppo non dà grandissime informazioni sul software dei primi computer, limitandosi a considerazioni sull'hardware. Verso il fondo Dyson sterza verso la filosofia, con una curiosa interpretazione simbiotica del rapporto tra umani e computer unita a una visione neo-analogica del Web 2.0 che dal mio punto di vista è sconcertante ma comunque interessante. La traduzione di Stefania De Franco e Gaia Seller è generalmente scorrevole, tranne per alcuni punti dove non mi sono raccapezzato molto; l'editing invece lascia a desiderare.
Voto: 3 / 5
Recensioni 1 - 20 Recensioni 21 - 40 Recensioni 41 - 60 Recensioni 61 - 80
 
  Recensioni 81 - 100 Recensioni 101 - 118
 
 

Ricerca Ricerca avanzata
Libri
Libri in italiano
Libri in inglese
Outlet -50%
Libri scolastici
eBook
eBook
eReader
Mobile App
Musica
CD musicali
Vinili
MP3
DVD musicali
Blu-ray musicali
Film e video
DVD
Blu-ray
Giochi
Videogiochi
Giocattoli
Cartoleria e scuola
Sport e svago
Sport
Gadget e accessori
Librerie
Bergamo
Bologna
Ferrara
Firenze
Lecco
Mantova
Novara
Padova
Roma
Treviso
Il mio IBS
I miei dati
IBS Premium
I miei ordini
Lista dei desideri
Le mie preferenze
IBS consiglia
Stampa la tua card

 

Informazioni utili:
Spese e tempi di spedizione
Punti di ritiro
Invio regali
Buoni acquisto (Happy Card)
FAQ
Condizioni generali di vendita
Informativa sulla privacy
PuntiNectar

Pagamenti:
Carte di credito
Carta di credito accettate
PayPal
Paypal
Contrassegno

Come contattarci:
Invio messaggi al servizio di Assistenza Clienti
Tutti i contatti

• Seguici su  Facebook Twitter

Servizi per i clienti:
Password dimenticata
Controllo e modifica dei propri dati
Verifica degli ordini effettuati

Opportunità per aziende e enti:
Servizi per le biblioteche
Programma di affiliazione (Informazioni generali)
Accesso alla sezione riservata Partnership Programme IBS
Accesso alla sezione riservata TradeDoubler

Concessionaria di pubblicità:



Con la collaborazione di Argento vivo per il settore editoria libraria

Ufficio stampa: Daniela Ravanetti

Altri siti del network IBS:
Libraccio.it
MYmovies.it
Wuz.it
Librerie Ubik
IBS

Internet Bookshop Italia S.r.l.
Sede Legale Via Giuseppe Verdi n.8 - 20090 Assago MI
Reg. Imprese di Milano 12252360156n
R.E.A. Milano 1542508
P.IVA 12252360156
Capitale sociale € 1.054.852 i.v.
IBS è una società soggetta a direzione e coordinamento di Emmelibri srl

Copyright © 1998-2014 Internet Bookshop Italia, tutti i diritti riservati

Licenza SIAE n. 229/I/05-359.


Funzione di ricerca basata su FACT®Finder di OMIKRON

 


IBS