101 perché sulla storia dell'Abruzzo che non puoi non sapere - E. Tanzillo,Luisa Gasbarri - ebook

101 perché sulla storia dell'Abruzzo che non puoi non sapere

Luisa Gasbarri

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Newton Compton
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,26 MB
  • EAN: 9788854173583
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Situato al centro dell'Italia, in una posizione di confine, strategicamente delicata, l'Abruzzo è stato conteso da romani, goti, longobardi, saraceni, normanni, angioini, aragonesi, francesi, austriaci... Ci troviamo dunque davanti a una regione che ha molto da raccontare e ha già vinto la sfida più importante: riuscire a conservare una sua identità ben distinta, quell'abruzzesità del cuore mantenutasi immutata persino in quanti si sono allontanati da tempo dai loro luoghi d'origine. Epiche dinastie, eroici episodi di resistenza, mitiche gesta di santi e briganti, parabole artistiche, colpi di scena, creazioni culinarie da guinness, avvistamenti e contatti extraterrestri: emergono di continuo sorprese e rivelazioni seguendo dalla preistoria al postmoderno la lunga avventura di una terra le cui Provincie si rivelano ancora ai giorni nostri ben caratterizzate. Con un approccio lontano tanto da quello di un testo scolastico quanto da un'erudita monografia, questo libro prova a ripercorrerne la storia in un'innovativa modalità, affiancandola alla geografia, al folklore, al mito, all'antropologia, alle curiosità di un'attualità divenuta cosmopolita. Per dimostrare quanto l'Abruzzo di oggi sia ancora figlio dell'Abruzzo di ieri.
Note legali