12 Sinfonie di concerto grosso - CD Audio di Alessandro Scarlatti,Capella Tiberina

12 Sinfonie di concerto grosso

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Alessandro Scarlatti
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 31 marzo 2015
  • EAN: 5028421946580
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Deliziosi concerti barocchi, pieni di energia e di gusto italiano, le Sinfonie di Concerto Grosso sono opere concertanti che, grazie all’inventiva di Alessandro Scarlatti che supera i confini tra i generi, propongono sia una varietà di strumenti solisti sia il solo flauto dolce con gli archi. Corina Marti, solista che si è distinta nella registrazione dei concerti di Mancini (BRIL 94324) è supportata dal gruppo di strumenti storici Capella Tiberina.

Direttrice dell'ensemble di strumenti originali La Morra, Corina Marti è una delle interpreti più autorevoli delle opere per flauto a becco del Medioevo, del Rinascimento e del Barocco e si dedica anche con passione agli strumenti a tastiera storici.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alessandro Scarlatti Cover

    Compositore.La vita. Una tradizione non convalidata da documenti vuole che sia stato allievo di Carissimi a Roma, dove si era trasferito giovanissimo con alcuni membri della famiglia. Iniziò l'attività di compositore, a quanto risulta, nel 1679 (vale a dire l'anno dopo il matrimonio, dal quale, oltre al grande Domenico, nacquero altri nove figli), facendo rappresentare a Roma la sua prima opera, Gli equivoci nel sembiante. Seguì un'attività prodigiosa e senza soste; dopo esser stato al servizio di Cristina di Svezia, nel 1684 si stabilì a Napoli come maestro di cappella reale. A Napoli fu attivo sino al 1702, producendo ben 35 melodrammi e un'infinità di brani d'occasione. Fu poi, col già più che promettente figlio Domenico, a Firenze, dove contava di entrare al servizio del granduca Ferdinando... Approfondisci
Note legali