Categorie
Artisti: China Forbes
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Naive
Data di pubblicazione: 30 aprile 2008
  • EAN: 3298491451518
Disponibile anche in altri formati:

€ 24,90

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

Definita dal New York Times “una chanteuse raffinata dal timbroperfetto”, CHINA FORBES debutta come solista con ’78, un disco di cuiha scritto ciascuna canzone e sul quale suona diversi strumenti, dallachitarra al Wurlitzer. Appassionato, estremamente personale ed intimo, ildisco parla di amore, solitudine, amicizia ed alienazione, in una perfettamiscela di country, rock e folk. Registrato a Portland con il produttore diSheryl Crow, Gregg Williams, il risultato è un disco brillante ed originale,che riserva ai fan dei Pink Martini una piccola perla, “Hey Eugene” nellasua versione originale.

Disco 1
  • 1 When This is Over
  • 2 Lovely Day
  • 3 Everybody Nees Somebody
  • 4 One Less Word
  • 5 Gone
  • 6 '78
  • 7 Time on my Hands
  • 8 You Were I Was
  • 9 I'm Still Talking to You
  • 10 Can't Be Wrong
  • 11 Hey Eugene
  • 12 Easter Sunday

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mariano

    31/05/2009 22.06.55

    Chi conosce i Pink Martini è abituato ad una China Forbes che, nelle impeccabili vesti di una chanteuse d'altri tempi, che si esibisce con disinvoltura in esercizi vocali stravaganti e accompagnata dal jazz orchestrale tipico del gruppo. Stupisce non poco, dunque, trovare la stessa cantante in un progetto discografico completamente diverso, che, pur impegnandola decisamente meno a livello vocale, ne mette in luce tutte le capacità di cantautrice. Il risultato è un disco leggermente rock, melodico e duro quanto basta, mai sopra le righe e sempre e comunque emozionante. All'essenzialità dell'accompagnamento musicale, quasi sempre esclusiva della sola chitarra acustica, si sposano infatti testi altrettanto semplici, ma mai banali e assai poetici, che raccontano la vita della Forbes con una punta di ironia e di malinconia. Imperdibili la title track, che racconta come la vita si possa intarsiare alla musica, e la stupenda e triste You were/I was; chicca finale è poi la versione acustica di Hey Eugene, vecchia conoscenza dei fan dei Pink Martini che, priva degli orpelli orchestrali, diventa un'ironica e piacevole ballata rock.

Scrivi una recensione