L' 8. Poesie molto impegnate a fare altro

Alessandro Barbaglia

Editore: Edizioni Effedì
Anno edizione: 2015
Pagine: 114 p.
  • EAN: 9788898913206
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,50

€ 10,00

Risparmi € 0,50 (5%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    La copertina non mi piace, lo scrivo subito così non ci pensiamo più: non ho dimestichezza con il pugilato, anche perché l'8 già tutti i santi giorni con i numeri. È un libro di poesie, così, da leggersi in leggerezza, tra un romanzo e un saggio. Qualche numero: 10 (il costo di copertina in euro), 110 (le pagine), 1 (l'introduzione dello stesso autore), 38 (le poesie offerte al lettore), 16 (le parolacce contate). L'autore vive in un mondo (il suo) complicato o sbaglio? Racconta fatti di vita vissuta, quotidiana, gioca con le parole, le fa girare come biglie dell'8 nell'urna, ogni tanto gli scappano i cinque minuti. Negli scritti c'è del personale, gli oggetti casa, le cose misurate, una storia d'amore. Immaginiamo l'autore che, alla Hemingway, prende colazione in un barettino. Talune poesie hanno una fisicità, anzi una carnalitá. Scusi Barbaglia: s'abbandona al sonno senza togliersi gli occhiali? È innamorato? Che rapporto ha con la notte, con il barbiere, di cosa si appassiona? Cos'è per lei la felicità, cosa pensa del matrimonio? Si sente più poeta o cantastorie? No, così, tanto per domandare, visto che scomoda il Vangelo e la parabola delle nozze di Cana (in cui l’acqua venne tramutata in vino) per poi approdare alla carta, ma quella igienica. Forse che il caffè la innervosisca troppo, facendola saltare dal gatto al calcio, a interrogativi sull'esistenza? Mi consente una domanda: chi sono Isotta (dal nome molto wagneriano) e Sara (che fa tanto compagnia assicurativa)?

Scrivi una recensione