Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 27 liste dei desideri
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
9 settimane e 1/2
9,99 €
DVD
Venditore: Vecosell
9,99 €
disp. in 4 gg lavorativi disp. in 4 gg lavorativi (Solo 1 prodotto)
+ 4,10 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
9,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Vecosell
9,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
9,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
9,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
9 settimane e 1/2 di Adrian Lyne - DVD
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Quando Elizabeth incontra John è una donna alla moda e sofisticata, col pieno controllo della propria vita. La personalità intrigante e il distacco di John la fanno sprofondare in una relazione tanto sensuale quanto avventata. Una relazione che rapidamente si trasforma in un incubo erotico di fantasie e dominazione. Il film ha avuto un seguito nel 1997.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Nine 1/2 Weeks
Stati Uniti
1986
DVD
Vietato ai minori di 14 anni
8010312031106

Informazioni aggiuntive

20th Century Fox Home Entertainment, 2002
The Walt Disney Company Italia
109 min
Inglese (Dolby Surround);Francese (Dolby Surround);Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
Italiano; Inglese; Greco; Francese
1,78:1 Wide Screen
trailers

Valutazioni e recensioni

3,44/5
Recensioni: 3/5
(9)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(0)
2
(4)
1
(0)
John
Recensioni: 4/5

9 settimane e ½ è un film che, alla sua uscita (siamo nel 1986, in piena era reaganiana), fu troppo frettolosamente liquidato come una sorta di carosello gonfiato alla lunghezza di due ore e nulla più. Invece non solo è esteticamente raffinatissimo e lancia nel mito i due attori protagonisti ma, come ogni buon film, sembra che racconti una storia ma in realtà, sotto sotto, ne racconta un'altra. Perché i veri protagonisti del film non sono John ed Elizabeth, bensì ciò che essi rappresentano. John è il capitalismo finanziario fuori controllo e senza regole, basato sui miti del successo a tutti i costi, dello yuppismo, e dell'edonismo reaganiano. Elizabeth rappresenta invece la società di massa. E il film si trasforma in una estenuante ed affascinante azione di seduzione che la prima opera nei confronti della seconda. E quali armi usa? Quelle stesse che John usa nei confronti di Elizabeth. Ti promette soldi a volontà, e non importa se nel farlo devi strisciare per terra calpestando la tua dignità; ti ingozza di cibo di ogni tipo, a ricordarti che viviamo in una società opulenta, ma ti invita allo stesso tempo a chiudere gli occhi per non vedere da dove arriva questa opulenza; ti insegna che per provare davvero l'ebbrezza del piacere spogliarsi diventa necessario, non solo degli abiti ma soprattutto della propria moralità. Ti promette tutto questo a patto però che tu non ficchi troppo il naso nelle sue cose altrimenti rischi di venire punita o peggio di essere violentata. E alla fine non basta che John ricordi ad Elizabeth che le loro matrici culturali e sociali sono le stesse ("come vedi, anche io ho una famiglia" dice John). Ormai è troppo tardi, la società ritrova l'amor proprio e ritorna laddove era partita, ovvero nel posto più democratico che esiste sulla faccia della terra: i marciapiedi affollatissimi di New York. E la triste fine della storia tra John ed Elizabeth si trasforma in happy ending. Per me, un film ancora da (ri)valutare.

Leggi di più Leggi di meno
FFortunato
Recensioni: 2/5

L'ho visto recentemente per la prima volta in DVD. Prima di allora lo conoscevo solo per la famosa scena dello spogliarello. Che dire: bellissimi sia lo strepitoso Rourke che la appariscente Basinger, ma è un film senza una storia ben narrata, farraginoso e dispersivo in più punti. Capisco la sua fortuna dovuta alla forte provocazione per l'epoca, tuttavia lo trovo assai sopravvalutato.

Leggi di più Leggi di meno
chiara
Recensioni: 5/5

Non c'è niente di più bello di Mickey Rourke in questo film...

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,44/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(0)
2
(4)
1
(0)

Conosci l'autore

Kim Basinger

1953, Athens, Georgia

Nome d'arte di Kimila Ann B., attrice statunitense. Famosa fotomodella, dopo aver studiato recitazione a New York debutta in televisione nel 1978, interpretando alcuni sceneggiati. Esordisce nel cinema nel 1981 con Paese selvaggio di D. Greene (è la fidanzata del protagonista), ma il successo arriva solo alcuni anni dopo con il torbido Nove settimane e mezzo (1986) di A. Lyne, che la lancia come sex-symbol grazie a una suggestiva scena di spogliarello. Attrice di notevole bellezza e sensualità, per molti anni rimane costretta nel cliché della pellicola che le ha dato popolarità: Bond-girl in Mai dire mai (1983) di I. Kershner, procace ma timida ragazza che non tollera l'alcol in Appuntamento al buio (1987) di B. Edwards, seducente giornalista in Batman (1989) di T. Burton, icona sessuale,...

Mickey Rourke

1957, Schenectady, New York

"Nome d'arte di Philip Andre R. jr., attore statunitense. Dopo una fugace apparizione in 1941 - Allarme a Hollywood (1979) di S. Spielberg, il vero e proprio esordio è in I cancelli del cielo (1980) di M. Cimino. Ancora comprimario in originali opere prime (Brivido caldo, 1981, di L. Kasdan; A cena con gli amici, 1982, di B. Levinson), il personaggio dell'outsider spirituale e martire «Motorcycle Boy» di Rusty il selvaggio (1983) di F.F. Coppola, lo lancia in una girandola di ruoli da protagonista, a cominciare dalla coppia istrionica con E. Roberts di Il Papa di Greenwich Village (1984) di S. Rosenberg e dalla tragicità solitaria e violenta di L'anno del Dragone (1985) di M. Cimino. Il successo dell'erotismo patinato di Nove settimane e mezzo (1986) di A. Lyne, malamente ripreso in Orchidea...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore