9º reggimento paracadutisti «Col Moschin». Forze speciali e corpi d'elite. Vol. 1 - Silvestri - Angioni - Lombardi - ebook

9º reggimento paracadutisti «Col Moschin». Forze speciali e corpi d'elite. Vol. 1

Silvestri - Angioni - Lombardi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: REI (Rifreddo)
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,27 MB
  • EAN: 9782372972109
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 3,99

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Della Folgore l'impeto". È il motto nel nono reggimento paracadutisti d'assalto "Col Moschin", reparto ad altissima specializzazione. Il 9º reggimento d'assalto paracadutisti incursori "Col Moschin" (FS - TIER 1), comunemente chiamato "il nono", è l'unico reparto di forze speciali dell'esercito italiano, una unità ad altissima specializzazione, composta fin dalla ricostituzione del dopoguerra, da ufficiali, sottufficiali e volontari in servizio permanente o in ferma breve/prefissata addestrati e selezionati mediante un iter formativo della durata di circa due anni; tale durata è ridotta a 5 mesi per i VFB (Volontari in Ferma Breve) e per i VFP4 (Volontari in Ferma Prolungata per 4 anni). Unico nel suo genere, il reggimento recluta personale attraverso selezioni fisiche condotte da appositi nuclei presso le scuole e i reggimenti addestramento volontari. Il reggimento "Col Moschin" è inquadrato nella Brigata Paracadutisti Folgore e tiene in custodia la bandiera del X reggimento Arditi, del quale ha ereditato l'anno di costituzione (1918) e le mostrine (fiamme nere), riadottate nel 2006. Il reggimento prende il nome dalla "collina Moschin", luogo ove, durante la Grande Guerra, gli Arditi furono protagonisti di uno dei più eccezionali esempi di coraggio del primo conflitto mondiale, difendendo strenuamente le proprie posizioni sotto gli incalzanti assalti dell' invasore austriaco. Dal 1995, nel quadro di ristrutturazione dell'esercito italiano, è passato da battaglione a reggimento. La base centrale del reggimento è a Livorno presso la caserma "Vannucci".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali