Categorie
Tutte le recensioni di renny68 | Totali: 4 | Media:
    • Donato Carrisi
      Libri
      Longanesi
      2009
      Scrivi una recensione
      • 26/02/2009 10.13.09
      • Decisamente un gran bel libro. Scritto bene e come nella migliore tradizione americana, e in effetti per ricordarmi, ogni volta, che si trattave invece di un autore italiano dovevo fare mente locale sulla copertina. Personaggi ben tratteggiati, risvolti psicologici sviluppati, ritmo a tratti incalzante, dialoghi veloci: c’è tutto per piacere agli appassionati del genere. E che dire dei colpi di scena finali? Uno dietro l’altro, fino all’ultima pagina, che lascia il campo aperto a futuri sviluppi. Unica caduta di tono - per un super scettico come me - il ricorso alla medium... Ma tant’è, all’autore bisognerà pur concedere qualcosa di “eccessivo”... Lo consiglio sicuramente.

        Leggi di più Riduci
    • Paola Barbato
      Libri
      Rizzoli
      2008
      Scrivi una recensione
      • 04/02/2009 18.08.11
      • “Mani nude” è un libro che non lascia indifferenti. Di Paola Barbato avevo letto in precedenza solo le sceneggiature di Dylan Dog, e l’ho subito amata. Questo libro conferma quella mia impressione: scrive bene, e soprattutto non scrive nulla di scontato. “Mani nude” è un libro crudo, a tratti veramente violento, non per tutti. E i personaggi sono descritti con cura, fisica e psicologica, anche qui quasi dovesse suggerire a un disegnatore (o presto, speriamo, a un regista.... bello a questo proposito anche il booktrailer disponibile su youtube) come tratteggiarli. La storia è originale, non impossibile. La morale è che questo nostro mondo di morale non ne ha; o meglio, se ne costruisce una sua, di volta in volta, adatta allo scopo. E’ un libro che io non avrei mai potuto abbandonare, e che anzi, all’approssimarsi della fine, non avrei mai voluto si chiudesse.

        Leggi di più Riduci
    • Philip Kerr
      Libri
      Passigli
      2008
      Scrivi una recensione
      • 02/02/2009 11.37.58
      • La serie noir berlinese si conferma uno dei migliori prodotti gialli d’ambientazione degli ultimi anni. In questa “escursione” argentina, che indaga sui rapporti tra nazismo e peronismo e soprattutto sulla “grande fuga” dei gerarchi tedeschi verso il Sudamerica, dopo la guerra, Kerr centra ancora una volta la descrizione molto particolareggiata dei caratteri dei personaggi, e non si tira neppure indietro di fronte alla necessità di rendere sulla pagina le figure di Evita e di Peron, lasciando trasparire una feroce critica sull’Argentina di quegli anni, ma senza scadere nella caricatura. Come sempre indovinata, tra cinismo e ironia, la figura di Gunther, protagonista a tutto tondo. In sostanza un ottimo libro, davvero ben scritto e tradotto.

        Leggi di più Riduci
    • Stephen King
      Libri
      Sperling & Kupfer
      2008
      Scrivi una recensione
      • 29/01/2009 11.51.50
      • Ho continuato a comprare e a leggere i libri di Stephen King nonostante ormai da qualche anno il "Re" non mi convincesse più come un tempo. Con questo romanzo, invece, ho recuperato appieno la considerazione che avevo di lui. E' un romanzo finalmente di grande respiro, che recupera e aggiorna i temi dei suoi grandi classici del passato, sperimentando anche nuove strade. Ottima la caratterizzazione del protagonista e degli altri personaggi, originale la trama, di vero impatto emotivo alcune pagine e descrizioni. Grande.

        Leggi di più Riduci
  • 1
Recensioni 1 - 4 di 4 recensioni presenti.