Categorie
Tutte le recensioni di Susi | Totali: 91 | Media:
    • Francesca Diotallevi
      Libri
      Ugo Mursia Editore
      2013
      Scrivi una recensione
      • 27/10/2013 11.11.34
      • Vittorio Fubini è un uomo freddo e razionale, eccelle nel suo lavoro grazie al suo essere metodico e preciso; la sua fedeltà al padrone è assoluta e dirige con pugno di ferro gli altri dipendenti dei quali non tollera il minimo errore. Vittorio vive nella scintillante Torino, capitale d'Italia, città in fermento dotata di una grandissima vitalità. Immaginate quindi il suo sgomento, l'infelicità e sì, la rabbia ben celata che prova quando lo zio, colui che l'ha mantenuto e aiutato la sua ascesa lavorativa, gli impone tramite testamento di andare nelle Langhe, in campagna, a servire i conti Flores. Immaginate il disappunto nel conosccere la padrona, Lucilla Flores, che viene metodicamente meno ai suoi doveri di consorte, non affiancando il marito durante le cene e prendendosi cura della figlioletta senza l'ausilio di un'istitutrice. E poi... e poi quella casa, quella grande magione di campagna piena di sussurri e misteriosi fenomeni... Ma Vittorio della razionalità e delle regole ha fatto la sua armatura e nè un'eccentrica padrona, nè quell'inquietante casa riusciranno a scalfirla... oppure no? Un libro davvero ottimo, uscito dalla mente di una giovane autrice, dove momenti di pura suspance e di tragedia imminente vengono mescolati con sapienza ad altri commoventi ed intensi. Un libro che rimarrà a lungo nel cuore e nella testa, grazie a personaggi molto vividi e intreggi gestiti con maestria. Assolutamente consigliato!

        Leggi di più Riduci
    • Stephen King
      Libri
      Sperling & Kupfer
      2008
      Scrivi una recensione
      • 13/12/2008 12.28.18
      • Non lo so...non mi ha davvero convinto...speravo in qualcosa di meglio. All'inizio è lento, la storia dell'arto fantasma non mi "prendeva", neanche la storia dei dipinti...pochi brividi, storia così così...mah...

        Leggi di più Riduci
    • Stephen King
      Libri
      Sperling & Kupfer
      2007
      Scrivi una recensione
      • 27/02/2008 13.56.26
      • Un buon libro, tutto sommato. Tristissimo, ma buono. La vicenda di Blaze che rapisce il bambino ricorda vagamente la vicenda di Baby Lindbergh... che sia stato ispirato da quella storia? Carini anche il racconto della donna che correva e l'anteprima di "Duma Key". Dovrebbe uscire ad aprile in Italia, non vedo l'ora.

        Leggi di più Riduci
    • Paolo Giordano
      Libri
      Mondadori
      2008
      Scrivi una recensione
      • 25/02/2008 10.54.53
      • Giudizio difficile su questo libro. L'ho acquistato intrigata dal riassunto, pensando più che altro che si svolgesse nell'infanzia e al limite nell'adolescenza dei protagonisti e colpita dalla lettura della prima pagina del romanzo. Attenzione a chi non ha letto, ci sono degli spoiler... A mio avviso la parte dell'infanzia è la migliore, come dice qualcuno, quella vale da sola l'acquisto del libro anche se, a parer mio, ci sono delle imperfezioni. Qui potrei sbagliare io, comunque nel 1983 si usava il casco?Mia sorella, che di anni ne aveva 8,andava a sciare nel 1994 e non lo portava. Nè lo portava quasi nessuno dei bambini che c'erano sulle piste.Credo non fosse richiesto, all'epoca.Figurarsi nel 1983... Un'altra cosa è la gemella di Mattia. Va bene che i genitori sono spesso ciechi davanti alle malattie dei figli come non so, l'autismo o il ritardo mentale e si convincono che il bimbo non sia ammalato, sia solo strano o un po' indietro perchè la realtà è dolorosa...ma in genere non fino a quasi 6 anni! Michela viene portata dalla logopedista a 5 anni e 1/2 quando è chiaro che non è della logopedista che ha bisogno, visto che la logopedista è di aiuto nei problemi di linguaggio non di ritardo mentale. Poi che possa essere di aiuto anche ad un bambino con un ritardo va bene, però forse non è il medico giusto a cui rivolgersi per il ritardo mentale in sè. Con questo non voglio dire che la parte infanzia non fosse buona, anzi, è quella che mi è piaciuta di più però ci sono state delle cose che mi hanno lasciata perplessa. Come non mi ha "preso" ugualmente il resto del libro. La parte di Alice è quella che mi è parsa più "reale" nel complesso mentre Mattia, che si ferisce per punirsi del suo gesto, è quello che poi si porta più lontano dalla realtà. Da bambino normale, sembra divenuto un adulto autistico ad alta funzionalità. Chiuso, solitario perso solo nei numeri. Nessun tipo di relazione sociale, volontariamente recluso. Numeri, numeri e basta nella sua vita. Fin dall'adolescenza. Sarà mai possibile?

        Leggi di più Riduci
    • J. K. Rowling
      Libri
      Salani
      2006
      Scrivi una recensione
      • 06/01/2008 12.43.12
      • Come tutti i libri della saga di Harry Potter, anche il principe mezzosangue mi è molto piaciuto. Ho solo un appunto da fare... l'autrice non mi sembra molto brava con le storie d'amore!!! A volte sembrano troppo"frettolose", di colpo BAM ecco che 2 sono innamorati persi... chi ha letto il libro saprà a chi mi riferisco...

        Leggi di più Riduci
    • Andrea Vitali
      Libri
      Garzanti Libri
      2006
      Scrivi una recensione
      • 04/01/2008 18.38.07
      • BELLISSIMO!!!Di Vitali avevo già letto altri libri che erano carini ma in definitiva non mi avevano neanche fatto impazzire, poi ho iniziato "Olive comprese"...fantastico!!!Lo stile dell'autore unito ad una storia intrigante con momenti molto divertenti, piena di trovate, vivace, frizzante. Un libro da leggere!!!

        Leggi di più Riduci
    • Andrea Vitali
      Libri
      Garzanti Libri
      2007
      Scrivi una recensione
      • 02/01/2008 13.40.54
      • Aderisco ai commenti sul prezzo del libro che è un po' tanto per così poche pagine. Per quanto riguarda la storia non è male, scorrevole e interessante anche se... da l'idea che "manchi qualcosa".

        Leggi di più Riduci
    • Andrea Vitali
      Libri
      Garzanti Libri
      2004
      Scrivi una recensione
      • 02/01/2008 13.38.36
      • Molto simpatico!!! Piccole storie di paese, con la zitella Iole colta ma sola, la sua collega Iride, piccola vipera, il segretario comunale con probemi di prostata, la zia Ortensia con le visite a sorpresa... Però certi racconti andrebbero riuniti in un'unica opera in modo da ammortizzare i costi... 116 pagine per più di 13 ero (26.000 lire) mi sembrano un po' tanti.

        Leggi di più Riduci
    • Stephen King
      Libri
      Sperling & Kupfer
      2002
      Scrivi una recensione
      • 22/12/2007 10.31.13
      • Una raccolta tutto sommato riuscita. Bellissimi "L'uomo vestito di nero" dove protagonista è un bambino che incontra il signore delle mosche, "Tutto è fatidico" dove un nerd inizia un'avventura particolare , "Il Virus della strada va a nord" racconto da brivido, "Pranzo al Gotham Cafè", che quasi quasi potrebbe essere successo davvero, "Quella sensazione che puoi dire soltanto in francese" decisamente terrificante, "1408" claustrofobico e angosciante e "Riding the bullet" da brivido!!! Per una volta, bella anche la copertina!!!

        Leggi di più Riduci
    • Cammie McGovern
      Libri
      Garzanti Libri
      2007
      Scrivi una recensione
      • 22/12/2007 10.19.26
      • Non mi ha convinto più di tanto. La storia in sè non era male però sia lo stile che la caratterizzazione di alcuni personaggi mi ha lasciata un po' perplessa. Per quanto riguarda lo stile: ogni tanto si passa dal tempo presente al passato al presente ancora senza un perchè...oppure...racconto in prima persona,poi in terza, una frase dopo ancora in prima... bo. Fastidioso... E i personaggi di Kevin e sua madre... un po' estremi. Non si capisce bene Kevin, pensi che sia una maniera, poi in un'altra, poi ancora come pensavi fosse all'inizio. Alla fine quando hai capito come lo giudica Cara, pensi che quindi lei assumerà un certo tipo di comportamento con lui mentre lei fa esattamente il contrario. Voto medio.

        Leggi di più Riduci
    • Andrea Vitali
      Libri
      Garzanti Libri
      2003
      Scrivi una recensione
      • 24/11/2007 10.51.28
      • così così...do un voto medio perchè è la somma dei momenti in cui ho detto "ma che noia!!!" e gli altri in cui ho detto "uhm...interessante!!!". Le parti che parlavano di partiti erano un po' pesanti a volte mentre le vicende della vita dei personaggi erano molto coinvolgenti. All'inizio credevo che non mi sarei raccapezzata con tutta quella gente, quelle vicende ecc. invece poi è stato tutto molto naturale e non ho avuto problemi.

        Leggi di più Riduci
Recensioni 1 - 20 di 91 recensioni presenti.