A cosa serve Michelangelo?

Tomaso Montanari

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2011
Pagine: 130 p., Brossura
  • EAN: 9788806207052

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Arte, architettura e fotografia - Argomenti d'interesse generale - Contraffazione, falsificazione e furto delle opere d'arte

Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Furio Cappelli

    23/02/2012 12:13:54

    Libro eccellente, di altissimo livello, che abbina una grande forza argomentativa a uno stile espositivo elegante, serrato e coinvolgente. Si tratta di una lettura proficua e costruttiva che va dritta al nocciolo dei problemi rimettendo in primo piano il nodo della formazione scolastica e universitaria, laddove le continue corse al rinnovamento, lo spreco delle risorse e lo sdoganamento dell'approssimazione, della superficialità e dell'ignoranza hanno determinato una pseudocultura "di massa" più vicina all'avanspettacolo che alle scienze umane.

  • User Icon

    luca bidoli

    02/09/2011 18:19:16

    In breve: un libro necessario, per restituire dignità e senso alla ricerca scientifica nel nostro paese sul versante della storia dell'arte. Necessario perchè, partendo da un dato ormai dimenticato, le vicende relative all'acquisizone da parte dello Stato ( nonostante tutto siamo ancora dalla parte, minoritaria, di coloro che scrivono questa parola in maiuscolo)di un "presunto" crocifisso ligeo frettolosamente attribuito a Muchelangelo, offre al lettore uno spaccato avvilente ma reale sulle commistioni e i compromessi tra mondo accademico e politico, con il pavido cinismo di molti autorevoli esperti d'arte e funzionari delle soprintendenze e le gerarchie ecclesiastiche, sempre pronte a trarre vantaggi e strumentalizzare qualsiasi forma si manifestazione culturale si adatti al suo sempre riemergente dogmatismo. Il tutto con una scrittura sapida e piena: si divora e muove allo sdegno, nel senso più civile ed etico del termine.

Scrivi una recensione