L' abbazia dei cento inganni

Marcello Simoni

Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2016
Pagine: 345 p., Rilegato
  • EAN: 9788854191310

20° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Gialli storici

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    01/11/2017 08:07:12

    Ultimo libro della saga ...sempre coinvolgente

  • User Icon

    Agostino G.

    11/09/2016 18:13:47

    Bravissimo Marcello Simoni. Ormai conosciamo tutti l'estro di questo autore, le sue pagine hanno il potere di proiettarci nei secoli bui del medioevo. Eccezionale nelle descrizione dei luoghi, estremamente ricercato nel modo di scrivere, ma mai noioso e incomprensibile, Simoni coglie nel segno con un intrigo di potere e onore. Prende a cuore tutte le classi sociali dell'epoca e non disdegna di dare un peso importante al gentil sesso. Lo consiglio a tutti gli amanti del genere storico, ma non prima di aver letto i primi due libri della trilogia.

  • User Icon

    Carlo

    01/09/2016 12:56:28

    Degno finale della trilogia. Vorrei sottolineare il modo di scrivere di Simoni. I capitoli brevi, a volte brevissimi, sono come scene cinematografiche che scorrono via incalzanti. Questa caratteristica accomunata ad una scrittura piacevolissima, fanno si che il libro si trasformi in un film. Per chi avesse approcciato lo scrittore solo con questi romanzi, consiglio anche la precedente trilogia del mercante di reliquie, altrettanto godibile.

  • User Icon

    zan

    01/09/2016 08:33:10

    E qua si completa la trilogia dell'abbazia di Pomposa (da visitare, lo merita ...) Che dire? Simoni si conferma scrittore scorrevole e stuzzicante, con la sua prosa curata e i rimandi storici sempre accattivanti. Un po' diluito il finale, ma in complesso leggibilissimo.

  • User Icon

    paola

    25/08/2016 11:33:48

    Mi è piaciuto, porta a compimento la trilogia e offre begli scorci su mondi e tempi lontani che a me personalmente piacciono tantissimo. Certo Simoni non è il Ken Follett italiano ma i suoi romanzi sono sempre ben impostati e con solide basi storiche e artistiche, un piacere leggerli.

  • User Icon

    Enrico

    05/08/2016 10:29:27

    Bello fino alla fine. Una storia davvero avvincente costruita su 3 libri ben scritti davvero.

  • User Icon

    Roberto

    02/08/2016 16:22:30

    Simoni non si smentisce, la lettura scorre veloce e sempre avvincente sino all'epilogo finale, anche se in questo terzo ed ultimo volume della saga, mi aspettavo qualcosa di più, soprattutto nella parte finale. In ogni caso una buona lettura in linea con i migliori autori del genere...

  • User Icon

    Alberto

    31/07/2016 12:25:16

    Bello fino alla fine

  • User Icon

    Carlo

    18/07/2016 13:30:27

    Bellissima questa trilogia di Marcello Simoni,una sorta de "Il nome della rosa" scritta,a mio personale parere,in un italiano assolutamente più comprensibile,in cui s'intrecciano intrighi,storie d'amore e di vita quotidiana,misteri e molto altro a Ferrara intorno al 1350. A me è piaciuta moltissimo,la consiglio fortemente. Bravissimo Marcello Simoni,mi auguro che continui a regalarci nuove storie altrettanto belle.

  • User Icon

    Federico87

    17/07/2016 15:45:56

    Degna conclusione della trilogia in cui Simoni come sempre non delude tra ottima ricostruzione storica, intrighi, personaggi ben caratterizzati. Tuttavia in questo ultimo capitolo ho avuto l'impressione che abbia voluto un po' strafare inserendo troppe storie parallele senza valore aggiunto alla trama: ecco perché non gli ho dato il massimo. Nel complesso resta comunque un libro godibilissimo.

  • User Icon

    Avventure, mistero, combattimenti, amore, inganni, una lotta continua contro il male, e non c'è da dimenticarsi che tutto ciò prende vita nell'antica Italia medievale, dove corse folli a cavallo si alternano a ingiustizie e pesti mietitrici. Un testo impregnato di intrighi dall'accento latino, i cui personaggi si schiereranno su un campo destinato ad ospitare morti e vittoriosi. Una lettura che metterà in moto la vostra mente e che vi distrarrà dalla calura estiva. Quest'estate passatela tra affreschi, monaci e segreti. Se come me non potete andare in vacanza, almeno viaggerete con la mente!

  • User Icon

    rosetta

    12/07/2016 10:45:43

    Concordo con D'Orrico: anche io mi diverto molto con i romanzi di Simoni. Pieni di colpi di scena e di avventure, ricostruiscono un mondo senza essere pedanti e raccontano storie semplicemente piacevoli, appassionanti e, appunto, divertenti!

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

“Aldobrandino fece un passo tremante, la candela protesa in avanti nella speranza di scorgere la sagoma della madre che emergeva dalle profondita’ dell’averno. Dal buio, invece, usci’ una zampa irsuta, grossa quanto quella di un orso.’’ (p.154)

L’incombente minaccia sulla casata degli Este porta il vescovo a coinvolgere messer Maynard de Rocheblanche nelle indagini: spaventose visioni apocalittiche si stanno diffondendo tra il volgo e lo stesso messaggio di morte arriva fino alle stanze dei nobili.

‘’Già da novizio aveva smesso di provare impressione per i segni delle torture inflitte ai sospettati di eresia, eppure riconoscere quegli stessi segni sulla pelle di un uomo che reputava amico era stato un duro colpo.’’ (p.235)

Ma una trama oscura tende una feroce trappola al coraggioso cavaliere: la brama di conoscere il nascondiglio del lapis exili portera’ Maynard in catene davanti alla Santa Inquisizione. Storie di intrighi e di amore coinvolgono Eudeline, la sorella del cavaliere, e il giovane Gualtiero con l’amata Isabeau. I segreti verranno svelati e le ombre oscure del passato dovranno essere alla fine affrontate dagli impavidi protagonisti, in un turbine di eventi e di rivelazioni che terranno il lettore ‘incollato’ alle pagine.

‘’Il quarto cavaliere siete voi. E insieme alla morte, recate il messaggio piu’ prezioso. Le reliquie perdute del Cristo.’’ (p. 323)

L’ambientazione medioevale di Simoni e’ una splendida scenografia per il racconto, abilmente descritta e magistralmente costruita. Le forze del bene e del male si affrontano svelando la vera natura del cuore degli uomini, tra una Chiesa bramosa di potere e la follia dei nobili, alle quali si contrappone lo spirito puro e fiero dei protagonisti. La precisione nei dettagli storici e nella descrizione dell’ambientazione rendono il racconto reale, mentre il la trama trasporta il lettore negli abissi della malvagita’ umana, della sete di potere e della follia, dai quali l’autore riesce a salvarci con un brillante finale.

‘'Fu poi colto dal rimpianto per le cose perdute, per gli amici lontani e per il mistero che mai, pur serbandone memoria, avrebbe del tutto compreso.’’ (p. 337)

Recensione di Arianna Minoretti