Acrescita. Per una nuova economia

Mauro Gallegati

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 15 marzo 2016
Pagine: IX-117 p., Brossura
  • EAN: 9788806227098
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

A come Acrescita. Che rappresenta un'alternativa praticabile alla teoria economica dominante, inutile, incoerente e in profonda crisi d'identità.

La teoria economica dominante è in profonda crisi. Dai manifesti degli studenti, alla disaffezione di una parte sempre più consistente della professione, al perdurare di una crisi che la teoria non contempla, si manifestano sempre più numerosi i segnali di un collasso imminente. Ma soprattutto è in crisi perché è falsa, non rende conto dei fatti: prevede una crescita strutturale e una società basata sui consumi. Ma effettivamente, lo sviluppo della tecnologia a bassa intensità di manodopera e la crisi che ci attanaglia dal 2008 mostrano come la crescita non sia possibile e come il pianeta non sia in grado di tollerarla. Bisogna pensare a qualcosa di nuovo. Mauro Gallegati pensa al concetto di acrescita: dovremmo vivere in un mondo che contempli indicatori di benessere (la natura, i tempi e le forme di lavoro e di vita, le relazioni sociali) e dovremmo includere l'economia nella natura e nella società. A-crescere significa liberarsi dall'idea che il Pil misuri la qualità della nostra vita.

€ 12,00

€ 16,00

Risparmi € 4,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Indice

Premessa

I. L'economia assiomatica: il più grande paradigma morente
- Un orologio che segna sempre la stessa ora - I bambini e i matti immaginano la realtà. E le regine a loro volta pure - Pil vs benessere

II. La crisi dell'economia
- L'economia ad usum delphini, anche se siamo criceti - Sedimenti della storia e non falsificabilità - Applicare la teoria di Newton al movimento degli elettroni (e attribuirne il fallimento all'imperfezione della realtà) - L'economia è una scienza, gli Ufo ci spiano e i gatti abbaiano - I modelli con agenti eterogeni interagenti: una via di fuga dall'economia assiomatica

III. L'economia della crisi
- Politiche economiche possibile. Senza farsi guidare da due asini ciechi nel deserto alla ricerca di un'oasi - Riqualificazione della spesa pubblica - Recupero dell'evasione fiscale: come fosse normale consdierare un ladro chi evade o chi spreca i soldi della comunità - Azzereremo gli oneri finanziari - Monetizzare il debito pubblico - Il benessere dei popoli, dell'Europa e non solo - Inventare lavori sostenibili - Salvare le persone e non solo le banche: la redistribuzione dei redditi e delle risorse - Come fosse un terremoto: prevedere le crisi

IV. Per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?
- Un cambio di paradigma - La casa brucia, ma intanto con l'unico secchio d'acqua rimasto mi sdoccio - A mo' di conclusione

Bibliografia