Adagi e fughe da Bach - CD Audio di Wolfgang Amadeus Mozart

Adagi e fughe da Bach

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Harmonia Mundi
Data di pubblicazione: 31 marzo 2014
  • EAN: 3149020215920
Arrangiamenti di brani tratti dal Clavicembalo ben temperato: K 405/3/4/5 (da BWV 878, 877, 874), Adagio e Fuga da BWV 849, 867; Adagio cantabile e fuga da BWV 876, ...
Si è spesso dimenticato che nel periodo fra la morte di Bach e la riesumazione da parte di Mendelssohn della Passione secondo Matteo altri compositori hanno investigato il corpus delle opere dell’”antico maestro”. Fra questi Mozart fu uno dei più ferventi: grazie alle scoperte del barone van Swieten ebbe l’occasione di esplorare il Clavicembalo ben temperato e di estrarne degli arrangiamenti per archi, quelli proposti proprio da questa registrazione. Le composizioni, trasmesse sotto forma di manoscritto, lasciano aperte diverse possibilità di distribuzione strumentale: l’orchestra e il quartetto d’archi, le formazioni miste con strumenti a fiato o solo questi ultimi. Al di là dei brani originali mozartiani, tra i quali il celebre Adagio e Fuga in Do minore K 546, gli strumentisti della rinomata Akademie für Alte Musik propongono alcuni degli arrangiamenti utilizzando oboi, tromboni e fagotto.

La Akademie für alte Musik è una delle formazioni di strumenti originali più acclamate del mondo e nel corso della sua lunga attività ha realizzato numerose registrazioni dei capolavori del repertorio barocco oggi considerate di assoluto riferimento.
  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali