Collana: OroArgento
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 1 luglio 2017
Pagine: 104 p., Brossura
  • EAN: 9788867933167
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefano Nocentini

    08/09/2017 11:18:04

    Marco Felici ci racconta un lungo sogno, o meglio una serie di sogni. Ognuno col suo significato, che il lettore può cogliere a diversi livelli, secondo la sua preparazione letteraria e culturale. Il racconto suscita fin dall’inizio interesse, e una curiosità che non viene mai completamente appagata, fino alla fine. Lui, il protagonista, passa attraverso una serie di scenari onirici, oscuri, maligni. Sono scenari che racchiudono ossessioni: l’ossessione della ricchezza, l’ossessione dell’odio, l’ossessione del tempo, l’ossessione del potere, l’ossessione della felicità, l’ossessione dell’informazione televisiva. Lungo questo percorso di purificazione, Lui fa una serie di incontri significativi, fra cui una bambina cui i genitori hanno istillato una capovolta gerarchia di valori, spaventata dal mondo; uomini ossessionati dal controllo del tempo, spaventati dalla limitatezza della vita; un tiranno inebriato dal potere assoluto, spaventato dalla democrazia. Il libro di Marco Felici è lontano da ogni forma di realismo. La fantasia spazia incontrastata, la scrittura si adatta a un suggestivo perenne simbolismo. Il linguaggio è adeguato alla materia: non è quello che usiamo abitualmente per descrivere il reale, è un linguaggio onirico adatto a descrivere sogni (o incubi). Marco Felici si muove con disinvoltura nel solco inaugurato da Lewis Carrol nel 1865 con Alice's Adventures in Wonderland, e ancor più con Through the Looking Glass and What Alice Found There, con esiti altrettanto brillanti; qui, a confrontare il proprio solido buon senso con un rutilante mondo onirico e altamente simbolico, non è la bambina Alice, ma un Lui adulto e disincantato, che transita attraverso queste esperienze restando, appunto, “adamantino”. Un libro suggestivo e artistico, da leggere e gustare con calma; un antidoto al profluvio di pseudo-letteratura allineata al basso, che sta uccidendo nella gente il gusto della lettura intelligente.

  • User Icon

    Ersilia Guarnieri

    04/09/2017 08:56:10

    “Adamantino” di Marco Felici è un condensato di sensazioni , un viaggio di introspezione attraverso i vari mondi che ci abitano e ciascun mondo rappresenta un ideale diverso. Vi dimorano le forti emozioni, i conflitti, le sfide, gli affanni, la ricerca della verità, la morte, la felicità. Durante la lettura ci si ritrova avvolti in scenari complessi e bellissimi, sono e immagini che Marco Felici ha saputo dare alle emozioni: paesaggi sereni, scogliere, precipizi e cieli azzurri. Ogni mondo ha una coscienza, una voce interiore che ci guida attraverso i fragili percorsi che vanno dalla mente al cuore e anche le voci hanno un volto metafisico, tenebroso, umano, divertente, sono personaggi a cui ti affezioni perché sono sorprendenti e brillanti come veri compagni d’avventura. Ersilia Guarnieri

Scrivi una recensione