Adolescenti senza tempo - Massimo Ammaniti - ebook

Adolescenti senza tempo

Massimo Ammaniti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,16 MB
Pagine della versione a stampa: 218 p.
  • EAN: 9788832850840
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il modello di adolescenza elaborato dalla psicologia e dalla psicoanalisi a partire dal primo Novecento sembra oggi inadeguato a descrivere il periodo della transizione dall’infanzia all’età adulta. La fisionomia dell’adolescente appare mutata. In particolare, le profonde trasformazioni sociali e culturali che hanno segnato gli ultimi settant’anni, la rivoluzione digitale anzitutto, hanno rimodellato via via le caratteristiche delle generazioni che si sono succedute. Nel nostro tempo, l’adolescenza si estende ben oltre i vent’anni, a volte sembra non terminare mai. Occorre chiedersi se l’adolescenza dei trattati di psicologia esista ancora o non si debba invece ridefinire questa età attraverso i molteplici comportamenti che esprime. Con il supporto di esempi concreti ed evocative citazioni tratte dal mondo dell’arte, Massimo Ammaniti descrive i diversi percorsi di ragazze e ragazzi per i quali il tempo della crescita si congela. E i genitori? Di fronte alla difficoltà del compito, oscillano spaesati tra complicità e assenza, consapevoli di dover ridefinire il proprio rapporto con i figli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Egome

    04/03/2019 16:15:34

    Già nella introduzione si percepisce l’importanza dell’argomento trattato e la sua attuale complessità. L’adolescenza di oggi è qualcosa di completamente diverso da quella di ieri. La crisi puberale è più precoce (l’endocrinologia ha sottolineato il ruolo ‘trigger’ del gene GPR54), ma il raggiungimento di una maturazione biologica in campo psico-sociale è più tardiva, anche sino ai 30 anni di età e oltre. Le neuroscienze ci aiutano a capire questi cambiamenti (rapporto disarmonico fra sistema limbico iperattivo nell’adolescente e corteccia frontale-prefrontale, ancora in consolidamento); ma anche i mutamenti sociali ( come è cambiata oggi la famiglia in una società ‘fluida’; l’evaporazione’ del padre, secondo Lacan …), tecnologici ( internet, social, cyberbullismo …), etici, ambientali rivestono un ruolo preminente. Esistono percorsi variabili dell’ adolescenza ( di tipo continuo, accelerato, tumultuoso), ma tutti caratterizzati da una dilatazione dell’identità individuale: l’ Ego freudiano - cosi presente nell’infanzia - tende a venir meno e a trasformarsi in un ‘We – go’, cioè in una identità di gruppo, nel quale l’adolescente riesce ad identificarsi. Non più i riti di passaggio (maturità, sevizio militare, matrimonio), ma i rituali del gruppo cui si vuole appartenere ( vestiario, capigliatura. scelte musicali e socio-culturali condivise …) per soddisfare il narcisismo, che subentra come difesa per compensare la perdita delle identificazioni infantili . E’ evidente la difficoltà di interpretare, capire e consigliare questi giovani , giunti a ‘ metà del guado’ fra infanzia ed età adulta. Smarriti e incerti i giovani, disorientati e spesso frustrati i genitori che non riescono a capire quale sia il loro nuovo ruolo ( ‘amici’ o educatori autorevoli dei figli ?) e soprattutto come comunicare in maniera costruttiva col figlio/a così diverso/a da quel bambino/a che conoscevano poco tempo prima.

  • Massimo Ammaniti Cover

    Professore universitario italiano, Massimo Ammaniti insegna Psicopatologia dello Sviluppo all'Università di Roma. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Manuale di psicopatologia dell'infanzia (Raffaello Cortina 2001), Pensare per due. Nella mente delle madri (Laterza 2008), Noi. Perché due sono meglio di uno (Il Mulino, 2014), La nascita dell'intersoggettività. Lo sviluppo del sé tra psicodinamica e neurobiologia (Raffaello Cortina 2014), La famiglia adolescente (Laterza 2015), La curiosità non invecchia (Mondadori, 2017). Approfondisci
Note legali