Curatore: T. Cremisi
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 3
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 settembre 2008
Pagine: XXIV-125 p., Brossura
  • EAN: 9788811362272
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Composto di getto alla fine del 1806 ma rimasto a lungo inedito, "Adolphe" è un romanzo di straordinaria modernità, che nulla concede al gusto romantico dei tempi. Gli elementi della narrazione sono ridotti ai minimi termini - due soli i personaggi, Adolphe, seduttore incapace di amare e condannato al rimorso e alla solitudine, e Ellénore, vittima incolpevole della passione -, l'intreccio è volutamente scarno e la penna dell'autore, che tanto della sua vita riversa in queste pagine, procede brillante e crudele nel dare forma a un'opera di geometrico nitore, illuminata da una luce uniforme e implacabilmente fredda.

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Greta

    01/05/2006 17:02:23

    Adolphe non è un romanzo d'amore, ma una dichiarazione d'odio, scrive Stendhal. E’ quello che ho pensato anche io, perché in questo romanzo l’amore da parte del protagonista è fittizio. Anzi, oltre ad abbandonare subito dopo la conquista (in senso sentimentale) la donna che amava, le resta vicino giocando sull’eterno gioco del dovere-amore. Questo breve e amarissimo romanzo rispecchia solo l’impossibilità del sentimento perfetto, della comunione che è quasi irreale quando finisce il corteggiamento e diventa tangibile e corrisposta. C’è sempre qualcuno che ama di più, e curiosamente è quello che ama meno che soffre maggiormente. Ellènore vive per lui, si nutre di questo amore e con dignità e coraggio mette tutta la propria vita in discussione per Adolphe. Lui la segue solo per dovere e perché troppo debole per scrollarsi di dosso il sentimento assoluto di lei. Quest’uomo è mille cose in una: commuove quasi per la sua vigliaccheria e il suo mentire prima di tutto a se stesso. Irrita la sua voglia di adagiarsi e di rimandare il problema ad un giorno ancora da stabilire. E’ un uomo con le sue debolezze e per questo normale nella sua indecisione e debolezza. E’ da compatire in fondo, perché è stato il suo desiderio di amare a fargli credere di amare veramente Ellènore all’inizio. Chi stabilisce il limite tra sentimento e desiderio di quel sentimento? Alla fine non è il soggetto che si ama ma solo il bisogno di amare qualsiasi soggetto. In questo caso Adolphe era pronto ad una storia, e la povera donna che gli ha attraversato la strada ne ha pagato le conseguenze. Amore=danno.

Scrivi una recensione