L' affittacamere - Valerio Varesi - copertina

L' affittacamere

Valerio Varesi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Frassinelli
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 4 maggio 2004
Pagine: 270 p., Brossura
  • EAN: 9788876847813
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 7,83

€ 14,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ghitta, l'anziana titolare di una pensione nel centro storico di Parma, viene trovata assassinata nel suo appartamento. Il commissario Soneri, incaricato del caso, inizia senza troppo entusiasmo un'indagine che lo spinge a ripercorrere una parte dolorosa del suo passato. Proprio da Ghitta aveva conosciuto la moglie Ada, persa prematuramente. L'inchiesta apre uno squarcio sulla vita della vecchia che, ricchissima, non aveva solo trasformato la pensione in un albergo a ore frequentato dai notabili della città, ma si era arricchita praticando aborti clandestini e con un'attività di "medicona" con cui aveva raggirato molti sprovveduti. E la stessa Ada aveva avuto rapporti con lei...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,57
di 5
Totale 7
5
1
4
4
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Massimo F.

    12/04/2017 19:53:24

    Il solito, ottimo Varesi con i suoi thriller alla Maigret (guarda caso Simenon ha scritto un “Maigret e l’affittacamere”..) Questa volta con una trama più articolata ed intrigante rispetto ad altri casi del Commissario Soneri, impreziosita da un velo di malinconia tanto struggente quanto affascinante. Forse il finale meritava qualche pagina in più…

  • User Icon

    Greta

    24/04/2007 22:43:09

    Ho letto L’AFFITTACAMERE, e dopo poche pagine ho provato un senso di tristezza, dopo molte pagine ho provato malinconia e alla fine mi sono pure commossa. Il libro è un thriller-noir, imperniato sulle vicende personali e lavorative del Commissario Soneri, è il primo libro in assoluto che leggo di Varesi e della saga di Soneri e perciò penso che la mia idea sia poco completa, non avendo letto i libri in sequenza e essendomi persa un po’ nella discussione del forum. Appunto per questo mi sono ritrovata una fidanzata, Angela, che appare e scompare nel libro e che mi risulta all’impatto molto simpatica e degna di nota, ma che (per colpa mia, non avendo letto i libri precedenti) me la sono trovata già lì senza conoscere le premesse. Dopo tutte queste precisazioni vorrei APPUNTO precisare due cose: LO STILE mi è piaciuto moltissimo. Poche volte mi è capitato di rileggere le frasi e di sottolinearle, poche volte ho pensato che certe considerazioni sono vere e proprie perle di saggezza. E’ davvero una scrittura mirabile proprio per la sua complessità resa semplice nella descrizione e nell’impatto verso il lettore; mi sono ritrovata a Parma alla vigilia di Natale, e non è semplice fare sentire al lettore la stessa atmosfera, anche perché il lettore (io) stava prendendo il sole in terrazza. Il Commissario Soneri mi piace, proprio per il suo modo di porsi e per la sua aria burbera ma in fondo uomo onesto e buono. LA VICENDA in se mi è piaciuta meno, probabilmente non posso dire dove non è entrata in sintonia con me o dove (per me) ha peccato in qualcosa. La descrizione dei vari personaggi è stata accurata solo fino ad un certo punto e con intermittenze non sempre facili da seguire. Forse i vari protagonisti mi sembravano sempre uguali, sempre così disillusi e davvero freddi nel rivolgersi al futuro e alla speranza. Il messaggio è chiaro e Varesi scrive davvero con perizia, è l’amarezza di fondo con la nebbia che l’accompagna che non mi piace troppo.

  • User Icon

    Andrea72

    15/11/2006 22:39:29

    L'AFFITTACAMERE è uno dei romanzi più belli che ho letto dall’inizio dell’anno, un libro pieno, completo, in grado di soddisfare anche i palati più raffinati grazie ad ogni elemento che lo contraddistingue: la prosa di Varesi, come più volte sottolineato, è elegante ma semplice, incisiva ed efficace, capace di tratteggi poetici, sensibile e profonda nell’evidenziare l’emotività dei personaggi, cinica e realistica quando sfida la società odierna evidenziandone i contrasti e i compromessi a cui deve scendere per mantenere la sua patina di perbenismo, malinconica ma senza pietismo nel scoperchiare un passato immancabilmente colluso con il presente, empatica e figurativa nel rendere le atmosfere dentro cui la trama si sposta. In poche parole, perfetta per quello che racconta. L’abito poliziesco di cui si veste la storia è un cappotto comodo e accogliente, un capo vistoso e griffato sotto cui si celano le parti più interessanti e che danno le maggiori soddisfazioni di lettura: sottovesti aderenti che nascondono la parte più vulnerabile della struttura, l’ultimo baluardo di cui si spoglia l’anima del protagonista per mettere a nudo la sua sensibilità e i suoi conflitti interiori. Tra i meandri di una città tratteggiata intimamente ma senza retorica, in cui la lotta armata e gli ideali che l’alimentavano si sono lentamente accomodatati sulle poltrone degli intrallazzi politici e istituzionali, dentro una Parma vissuta di notte, in mezzo ai suoi vicoli e alla sua nebbia, il romanzo di Varesi offre lucidi spunti di denuncia sociale, vita quotidiana e profonde riflessioni; l'autore, dalla penna sempre elegante e intelligente, usa i suoi occhi per osservare un presente che cambia alla velocità della luce, fagocitando nel suo ritmo incessante ogni ricordo e ogni piacevole nostalgia del tempo passato. Di buon livello è anche la parte mistery,ben articolata e coerente, ottimo espediente narrativo per affondare il coltello in una realtà dalla patina luccicante ma che contiene al suo interno i tratti distintivi della società.

  • User Icon

    Emiliano

    29/08/2006 18:19:11

    Il bel libro di Varesi è un giallo diverso dagli altri, più celebrale e meno azione, accompagna il lettore in una passeggiata lenta ma inesorabile nei meandri del proprio passato. E' un libro che riesce a far scavare proprio in quel passato che ci eravamo buttati alle spalle, obbligandoci a guardarlo in faccia con la soluzione finale che, in fondo, il passato non fa poi così paura... Compilemti a Varesi!

  • User Icon

    MB

    10/03/2005 07:03:21

    L'autore crea delle splendide atmosfere, con le sue descrizioni della "bassa", nebbia e culatello. Una trama avvincente, dei personaggi VERI e crudi, un bellissimo giallo.

  • User Icon

    Alessandra

    14/12/2004 12:47:25

    Purtroppo non sono neanche riuscita a finirlo.. io sono un appassionata di gialli, ma questo non mi ha trasmesso assolutamente nulla, neanche un filo di suspence che ti porta a divorare i libri. Per leggere un giallo di questo tipo, sicuramente meglio Agatha Christie..

  • User Icon

    Maura Zambianchi

    07/11/2004 17:05:26

    Se il Montalbano di Camilleri si ricarica con una bella nuotata nel mare siciliano o un'abbondante porzione di sarde a beccafico, il commissario Soneri è perfettamente a proprio agio nella nebbia dei paesaggi padani o seduto di fronte ad un fumante piatto di anolini in brodo. Dopo "Il fiume delle nebbie" un altro centro per il bravo Valerio Varesi... tra le viuzze del centro storico di Parma si dipana una coinvolgente indagine che costringerà Soneri a fare i conti con il proprio passato e i propri affetti. Consigliato a chi ama le atmosfere noir alla Simenon!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Valerio Varesi Cover

    Valerio Varesi, nato a Torino nel 1959, vive a Parma e lavora nella redazione de «La Repubblica» di Bologna. Romanziere eclettico, è il creatore del commissario Soneri, protagonista dei polizieschi che hanno ispirato le tre serie televisive Nebbie e delitti con Luca Barbareschi. I romanzi del commissario Soneri sono stati tradotti in tutto il mondo. Varesi ha inoltre pubblicato per Frassinelli La presenza e Il rivoluzionario, con cui ha iniziato una propria personale ricognizione della Storia. Lo stato di ebbrezza conclude questo percorso, arrivando fino ai giorni nostri. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali