Alkamar. La mia vita in carcere da innocente

Nicola Biondo, Giuseppe Gulotta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,06 MB
  • EAN: 9788861904705
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 5,49

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una storia vera e incredibile, che si legge come un giallo. A diciotto anni Giuseppe Gulotta, giovane muratore con una vita come tante, viene arrestato e costretto a confessare l’omicidio di due carabinieri ad “Alkamar”, una piccola caserma in provincia di Trapani. Il delitto nasconde un mistero indicibile: servizi segreti e uomini dello Stato che trattano con gruppi neofascisti, traffici di armi e droga. Per far calare il silenzio serve un capro espiatorio, uno qualsiasi. Gulotta ha vissuto ventidue anni in carcere da innocente e trentasei anni di calvario con la giustizia. Non è mai fuggito. Ha lottato a testa alta e in questo libro racconta tutto per la prima volta: l’arresto, le torture, i processi (ben nove), la prigione, l’amore per Michela, che ha conosciuto mentre attendeva la sentenza definitiva (cioè l’ergastolo), per il figlio William, che ha visto crescere dall’altra parte del vetro divisorio, durante i colloqui settimanali, la verità su Alkamar. Oggi Gulotta è un uomo libero, la sua storia è finita su tutti i giornali e in tv. È stato ospite di Fabio Fazio a QUELLO CHE (NON) HO, la trasmissione con Roberto Saviano. In molti lo fermano per strada manifestandogli stima e ammirazione. Dalle istituzioni e dall’Arma dei carabinieri nemmeno un comunicato di scuse.
4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    claudio

    02/09/2013 22:20:15

    La lettura è scorrevole e, allo stesso tempo, crea e rivive emozioni molto forti. Quello che mi ha colpito di più è la forza interiore dell'autore vittima di una barbarie incredibile. Credo che, a vario titolo, sia una lettura da consigliare a coloro che hanno vissuto un'ingiustizia o la stanno vivendo, ed anche a coloro, che per la loro posizione di autorità, possono essere responsabili di ingiustizie. Dopo questa lettura mi sento in debito con l'autore, e in dovere di dirgli grazie.

  • User Icon

    daniel

    07/05/2013 15:01:01

    Libro che sicuramente emoziona, una storia vera, da brividi....

  • Nicola Biondo Cover

    Nicola Biondo, giornalista freelance, scrive per l’Unità. È stato consulente di diverse procure. Ha lavorato nella redazione di "Blu notte" di Carlo Lucarelli.Si è occupato della vicenda Moro in Una primavera rosso sangue. L'affaire Moro, i documenti ufficiali, gli attori, i protagonisti, le fazioni ancora in lotta (Edizioni Memoria 1998) e Il falsario di Stato. Uno spaccato noir della Roma degli anni di piombo, scritto con Massimo Veneziani (Cooper, 2008).Con Sigfrido Ranucci ha scritto Il patto. Da Ciancimino a Dell'Utri. La trattativa Stato e Mafia nel racconto inedito di un infiltrato (Chiarelettere, 2010). Tra gli altri suoi libri ricordiamo Alkamar. La mia vita in carcere da innocente, scritto con Giuseppe Gulotta (Chiarelettere, 2013), Supernova, scritto... Approfondisci
Note legali