Categorie

Alla periferia dell'impero. Il Regno di Napoli nel periodo spagnolo (secc. XVI-XVII)

Giuseppe Galasso

Editore: Einaudi
Anno edizione: 1994
Pagine: XII-438 p.
  • EAN: 9788806134563
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 28,53

€ 33,57

Risparmi € 5,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

29 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Per due secoli il Regno di Napoli appartenne ai sovrani spagnoli in rapporto complesso di unione personale, ma anche di dipendenza politica dal centro della loro potenza - i Regni di Aragona e Castiglia - che è tra i più esemplari per la fisonomia politica e giuridica dell'Europa moderna. Fu l'epoca culminante nella vicenda politica e civile della Spagna moderna, l'epoca del siglo de oro e della successiva decadenza. I sovrani spagnoli regnavano allora sul primo impero a scala mondiale che la storia ricordi, con effetti che durarono profondi a distanza di secoli ovunque la Spagna fu presente. Napoli fu una periferia di quell'impero, ma con una personalità storica inconfondibile e fortemente significativa per le influenze che subí e per le reazioni con cui vi rispose, manifestando e sviluppando un'autonomia di svolgimenti del tutto lontana da quella dipendenza semicoloniale che secondo una lunga tradizione storiografica contrassegnò il rapporto tra la Spagna e i domini italiani dei suoi re. Anche per la periferia dell'impero si modifica così quella "leggenda nera" per cui la Spagna baluardo della "reazione cattolica", di un "assolutismo" oppressivo e totalitario responsabile di dominazioni distruttive di popoli e paesi, assunse la fisionomia di un autentico impero del male, di cui l'"Inquisizione" fu il simbolo piú eloquente. Dopo due secoli di polemiche protestanti e illuministiche, liberali e democratiche, massoniche e umanitarie, la Spagna ritorna in queste pagine nella sua complessità di "grande monarchia" che contribuí fortemente, nei suoi modi, alla nascita del mondo moderno. E tutti i grandi temi della storia moderna d'Europa ricorrono, infatti, in quei due secoli di storia del Mezzogiorno d'Italia.

Prefazione. Parte prima. La Spagna imperiale e il Mezzogiorno. Momenti e problemi di storia napoletana nell'età di Carlo V. La feudalità nel secolo XVI. Società e filosofia nella cultura napoletana del tardo Rinascimento. Le riforme del conte di Lemos e le finanze napoletane nella prima metà del Seicento. Economia e finanze nel Mezzogiorno tra XVI e XVII secolo. Il Mezzogiorno nella "crisi generale" del Seicento. Una ipotesi di "blocco storico" oligarchico-borghese nella Napoli del Seicento: i "Seggi" di Camillo Tutini fra politica e storiografia. Masaniello. Ceti e classi alla fine del secolo XVII. Parte seconda. Milano spagnola nella prospettiva napoletana. Una capitale dell'impero. Il "lungo" Cinquecento e il mancato sviluppo calabrese. La "provincializzazione" del Regno e l'egemonia napoletana nel secolo XVI: il caso pugliese. Referenze bibliografiche. Indice dei nomi.