Almarina - Valeria Parrella - copertina

Almarina

Valeria Parrella

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 2 aprile 2019
Pagine: 136 p., Rilegato
  • EAN: 9788806230616

41° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 677 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Almarina

Valeria Parrella

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Almarina

Valeria Parrella

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Almarina

Valeria Parrella

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (14 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Finalista Premio Napoli 2020, sezione Narrativa - Finalista al Premio Strega 2020 - Finalista al premio Lattes Grinzane 2020 - Finalista al Premio Asti d'Appello 2020

Questo romanzo limpido e intenso forse è una piccola storia d'amore, forse una grande lezione sulla possibilità di non fermarsi. Di espiare, dimenticare, ricominciare. «Vederli andare via è la cosa piú difficile, perché: dove andranno. Sono ancora cosí piccoli, e torneranno da dove sono venuti, e dove sono venuti è il motivo per cui stanno qui».

«Penso che Almarina si possa definire letteratura civile ma non ne sono sicuro; e quando non si è sicuri, vuol dire che nel caso in questione la parola "letteratura" è più grande della parola "civile" - che è l'unica letteratura civile degna di questo nome» - Francesco Piccolo, La Lettura

«Tutto ciò che scegliamo si rivelerà sbagliato se saremo tristi, e giusto se saremo felici».

Può una prigione rendere libero chi vi entra? Elisabetta insegna matematica nel carcere minorile di Nisida. Ogni mattina la sbarra si alza, la borsa finisce in un armadietto chiuso a chiave insieme a tutti i pensieri e inizia un tempo sospeso, un'isola nell'isola dove le colpe possono finalmente sciogliersi e sparire. Almarina è un'allieva nuova, ce la mette tutta ma i conti non le tornano: in quell'aula, se alzi gli occhi vedi l'orizzonte ma dalla porta non ti lasciano uscire. La libertà di due solitudini raccontata da una voce calda, intima, politica, capace di schiudere la testa e il cuore. Esiste un'isola nel Mediterraneo dove i ragazzi non scendono mai a mare. Ormeggiata come un vascello, Nisida è un carcere sull'acqua, ed è lí che Elisabetta Maiorano insegna matematica a un gruppo di giovani detenuti. Ha cinquant'anni, vive sola, e ogni giorno una guardia le apre il cancello chiudendo Napoli alle spalle: in quella piccola aula senza sbarre lei prova a imbastire il futuro. Ma in classe un giorno arriva Almarina, allora la luce cambia e illumina un nuovo orizzonte. Il labirinto inestricabile della burocrazia, i lutti inaspettati, le notti insonni, rivelano l'altra loro possibilità: essere un punto di partenza. Nella speranza che un giorno, quando questi ragazzi avranno scontato la loro pena, ci siano nuove pagine da riempire, bianche «come il bucato steso alle terrazze».

Proposto per il Premio Strega 2020 da Nicola Lagioia: «Nella storia del rapporto, in un carcere minorile, tra una professoressa di matematica e la sua nuova allieva si nasconde una vicenda che ci riguarda tutti. Quanto siamo disposti a metterci in gioco davanti agli altri? Il dolore ci accomuna, la paura trae costantemente il peggio da noi, il senso del dovere può diventare una scusa per andare sempre in giro con la guardia alta. Fino a quando la vita non ci obbliga a scegliere. Almarina racconta tutto questo con un'intensità e una misura ammirevoli, e una forza linguistica rara, segnando una tappa importante nella letteratura italiana di questi anni.»

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,04
di 5
Totale 220
5
74
4
93
3
42
2
10
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mauro

    25/11/2020 09:53:50

    Un romanzo breve ma intenso, una ricerca di affetti perduti e di lotte contro la solitudine che uccide. Triste la descrizione del carcere minorile di Nisida, triste i pensieri che hai guardando questi ragazzi dal futuro incerto. Bello il rapporto tra insegnanti di Nisida ed i loro piccoli carcerati. Bello il rapporto che nasce tra un insegnante e Almarina una delle tante prigioniere, una insegnante sola, vedova, ed una ragazza straniera sfuggita dal proprio paese, rapporto che diventa affetto, quel sentimento che hanno perso entrambe. Un romanzo interessante, pieno di sentimenti, ma l'ho trovato difficile nella prosa talvolta difficile da comprendere, poco fluida e non immediata.

  • User Icon

    Maria

    14/11/2020 12:15:27

    Scrivo da fan della prima ora arrivata a una certezza: i primi libri della Parrella, "Mosca piú balena" e "Per grazia ricevuta" restano ancora insuperati. Lo stile di "Almarina" mi risulta a tratti troppo forzato, con metafore eccessivamente ardite che talvolta non si capiscono e potevano essere "sciolte". Tuttavia è sempre apprezzabile lo sforzo linguistico dell'autrice, mai disposta a concedere una lettura facile e scacciapensieri come molti vorrebbero; risultano infatti incomprensibili certi pareri secondo cui il libro sia poco riuscito a causa della "complessità della sintassi" o dell' "originalità della punteggiatura"e, infine, della mancanza di dettagli nella trama: a meno che non si pretenda, sempre e comunque, il classico tomo da 400 pagine cucito con frasi paratattiche mordi e fuggi in stile post da social...

  • User Icon

    Francesco

    05/11/2020 15:48:08

    Le aspettative erano molto alte vista la carriera editoriale di quest'opera, arrivata ad un passo dal vincere lo Strega ma purtroppo sono qui a scrivere di un amore mai sbocciato con questo libro di Valeria Parrella. Lo stile volutamente ricercato ed una punteggiatura fuori dagli schemi sono a parer mio un malus in quanto la consequenzialità della narrazione ne esce malconcia. Mi dispiace perché dal background in particolare del personaggio di Almarina se ne sarebbe potuta trarre un'ottima storia ma non è stato questo il caso. Lascio 2 stelle, ma insomma...

  • User Icon

    Erica

    27/10/2020 19:53:47

    Lo si legge in un paio d'ore e rimane in testa per giorni e giorni. Profondo e scritto benissimo. Pieno dell'umanità e del buon senso di cui abbiamo bisogno ora più che mai. Consigliatissimo.

  • User Icon

    angie

    13/09/2020 22:31:03

    Per quanto la storia possa essere coinvolgente, avere parecchi spunti di riflessione e qualche frase ad effetto, la narrazione è così particolare, densa, contratta, spesso contorta, macchinosa, con una punteggiatura inconsueta e irritante, da risultare fastidiosa. Sicuramente tutto questo costituisce la cifra stilistica della scrittrice, ma a mio avviso ne rappresenta anche il suo limite principale. In questo modo, la storia non arriva al lettore come dovrebbe. Peccato.

  • User Icon

    MAr

    11/09/2020 17:27:29

    Candidata al premio Strega, l'opera narra l'intreccio di due storie...Scritta in maniera impeccabile, lascia a chi legge molti insegnamenti e valori

  • User Icon

    R

    07/09/2020 10:29:28

    La storia in sé è molto bella ma il metodo di scrittura rende difficile il pieno coinvolgimento. Ho apprezzato l'eccesso di intimismo, l'accurata ricerca e cura del senso delle parole. Tuttavia, non mi è piaciuto lo stile, il quadro narrativo non preciso, i periodi tronchi. Ho la sensazione di aver letto qualcosa di incompleto. Avrei approfondito di più. Ma forse la volontà dell'autrice era proprio quella di essere profonda ma essenziale, senza dettagliare, lasciare alcuni aspetti alla libera immaginazione del lettore. In ogni caso, è una lettura che consiglio, magari aspettando la versione economica.

  • User Icon

    Anto

    30/08/2020 17:49:35

    La protagonista di questo romanzo è la professoressa Maiorano, insegnante di matematica presso un penitenziario minorile della Campania. Leggendo il breve testo viene fuori un suo ritratto abbastanza completo: è una donna che ha trovato l'amore in età adulta, che ha desiderato fortemente che la felicità coniugale fosse suggellata da un figlio, ma ormai è vedova da tre anni e l'unica cosa che le resta è il proprio lavoro. Ed è proprio all'interno del penitenziario che incontra Almarina, ragazzina romena fuggita dal proprio paese, e dal padre violento, insieme al fratello più piccolo. Almarina colpisce e conquista la professoressa e questo incontro aiuta quest'ultima a risalire la china. In realtà "Almarina" non è il tipico romanzo che ci si aspetta di leggere e lo si capisce fin dalle prime pagine; si tratta di una sorta di monologo intimistico in cui i pensieri seguono il proprio corso con poca linearità ed è costellato da frasi brevi e pochi dialoghi. Lo stile è particolarmente ostile al lettore in alcuni punti e, subito dopo aver letto le prime pagine, il primo pensiero che mi è passato per la mente è: "questo è un libro di nicchia". È innegabile che si debba avere una preferenza per questo tipo di scrittura per amare pienamente il libro, ma, nonostante ciò, forse mi sono man mano abituata, è un libro che ho apprezzato. La sua forza è rappresentata dalla scelta di rappresentare e comunicare sentimenti potenti, penso che la trama, in fin dei conti, sia del tutto secondaria.

  • User Icon

    Fabiana

    27/08/2020 16:20:04

    Libro da 10 e lode. A mio avviso meritava di vincere il primo posto del Premio Strega. La scrittura è sempre impeccabile, anche in alcuni passaggi dove lo slang campano penetra nel testo. Avendo esperienza lavorativa nel mondo delle carceri, mi sono ritrovata perfettamente nelle descrizioni dei luoghi, delle sensazioni e dei rapporti che, in un'istituzione del genere, inevitabilmente si instaurano. Il libro, per come è scritto, è una perfetta sceneggiatura per la trasposizione cinematografica.

  • User Icon

    Elena

    27/08/2020 07:20:17

    Romanzo e scrittura molto interessanti. In particolare la storia è dominata dai pensieri della protagonista, pensieri concitati così come nascono nella mente di ognuno di noi. Mi è piaciuto molto questo aspetto, permette di conoscere il personaggio nella sua essenza, con i suoi punti di forza e le sue fragilità. Consiglio la lettura.

  • User Icon

    Mirko

    22/08/2020 15:49:25

    Romanzo che non presenta un quadro narrativo preciso e consequenziale, dominato dai pensieri della protagonista, la professoressa Elisabetta, che non trovano uno sfogo ed una suggestiva descrizione. Il rapporto tra Elisabetta e la giovane Almarina è del tutto trascurato nella sua essenzialità. Il lettore può solo immaginare in che modo queste due anime si sono trovate o ritrovate, può solo intuire il dolore e la successiva liberazione dal male che affligge queste due donne, da un lato la morte di un marito dall'altro la violenza di un padre ed il dramma della fuga e la perdita di un fratello. Il punto di vista dell'autrice si annulla e si appiattisce sul disagio di Elisabetta la quale però appare incompiuta e del tutto sganciata dal tempo in cui vive. Inoltre, a parere mio, non viene fuori il desiderio di Elisabetta di salvare Almarina, non viene fuori lo strazio vissuto dalla ragazza. Una trama narrativa piatta e non incline a suggestionare il lettore. Libro poco interessante.

  • User Icon

    elena

    19/08/2020 13:51:33

    Mi aspettavo qualcosa di molto più coinvolgente. La storia è molto bella ma il metodo di scrittura mi ha fatto perdere spesso il filo del discorso.

  • User Icon

    Maria Teresa

    04/08/2020 08:46:12

    A Nisida, piccola isola di fronte Napoli, i turisti non sono ammessi. Perché? Perché non c’è niente di bello da vedere, forse. L’Isola ospita l’Istituto Penale Minorile. Bisognerebbe capirli quei ragazzi, che se conoscono così da subito il disprezzo è perché sono stati da subito disprezzati. La rieducazione, in questo posto bellissimo, dovrebbe essere l’unico motivo di vita. L’insegnante di matematica Elisabetta Maiorano ci prova: non riesce a smettere mai di sperare. Solo che per sperare ci vuole tanto coraggio e per fortuna c’è Almarina che la paura se la mette sotto le scarpe sfondate. Il direttore pensa sempre che ce la possono fare tutti. Il marito dell’insegnante era un uomo vero, cioè un uomo che si fa guidare solo dalla libertà e dell’amore. Tra i ragazzi che si trovano in carcere e tutto il resto del mondo, il confine non esiste. Se nuoti fino al limite del mare, ti accorgi che il confine non esiste mai.

  • User Icon

    Erika

    01/08/2020 21:28:05

    La scrittura non è scorrevole, la crudezza e la veridicità delle immagini evocate si perde in un linguaggio manierista. La storia però è splendida e i personaggi molto ben tratteggiati. Un romanzo breve al quale si perdona qualche pecca. Consigliato.

  • User Icon

    virginio

    22/07/2020 09:03:06

    Storia bella che dà emozioni ma scritta con un ritmo pesante e contorto e conseguentemente trovo la lettura poco scorrevole ed avvincente. Il libro non mi è piaciuto.

  • User Icon

    Nadia

    19/07/2020 11:13:08

    Lo stream of consciousness della prof è spesso pesante, non tanto per il ritmo della narrazione ma perché restituisce un'interiorita' opprimente, triste, priva di qualsiasi bagliore. Tanti personaggi dei libri non sono allegri, ma questa, non so perché, l'ho trovata meno digeribile della media. Nel finale si riscatta un po', cominciano a emergere il desiderio, la speranza, la possibilità. Lo stile mi è piaciuto, personale senza essere eccessivo.

  • User Icon

    Jane Eyre

    16/07/2020 12:23:59

    Il romanzo è scritto in modo impeccabile, commovente, saggio. Almarina è un mezzo che permette a Elisabetta di riappropriarsi della sua vita, di dare a questa una seconda possibilità; l'amore che lenisce e guarisce. Ciononostante, è come se il libro fosse una bozza, come se non fosse stato sviluppato del tutto. Manca la parte più pratica, più quotidiana di questo rapporto, mentre abbondano i flussi di coscienza di Elisabetta, che alla lunga mi hanno stancata.

  • User Icon

    Guerrino

    15/07/2020 17:43:34

    Prima di scrivere la mia recensione che è negativa, ho letto diverse recensioni meravigliandomi degli elogi. A me il libro non è proprio piaciuto. Trovo la storia bella ed emozionante, ma raccontata in una forma "barbara". Gruppi di bellissime parole accostate a grappoli, molto spesso senza una connessione logica. Sono rimasto molto deluso. La scrittrice sarà anche brava, ma non gode del mio modestissimo apprezzamento. Forse ho sbagliato a leggerlo dopo aver letto l'ultimo romanzo di Carofiglio, ovviamente Gianrico.

  • User Icon

    Leonardo de Chanaz

    15/07/2020 13:36:53

    Mi sarebbe piaciuto sostare molto più a lungo sulla vita di Almarina con i suoi profumi, che sulla vita confusa della sua prof. Bella la scrittura un pò torrentizia. Non meritava lo Strega, non è ancora al livello.

  • User Icon

    Valentina

    07/07/2020 16:52:20

    Il romanzo che tutti dovremmo leggere per crescere e capire la letteratura e la vita.

Vedi tutte le 220 recensioni cliente

Almarina” edito da Rizzoli è il solo romanzo scritto da una donna nella sestina dei finalisti del Premio Strega 2020Valeria Parrella, scrittrice ed autrice anche teatrale, ci conduce con l’abile maestria di un flusso di coscienza magistralmente gestito, all’interno della vita di Elisabetta Maiorano. Elisabetta è una donna comune, una delle migliaia di persone che attraversano ogni giorno la caotica e contradditoria Napoli, per recarsi a lavoro. Una donna comune, con un impiego comune: Elisabetta è insegnante di matematica. Lo straordinario nella sua vita è proprio il luogo in cui esercita la professione: il carcere minorile di Nisida. In questo luogo in cui la libertà viene negata, Elisabetta, imprigionata nella propria vita fatta di perdite (l’aborto in giovane età, l’improvvisa morte del marito, la perdita di senso di una quotidianità di coppia che non è più tale) si sente libera. La prigione è dentro di lei, la prigione è la sua vita fuori da Nisida. Tra le mura del carcere, nella sicura routine dei controlli e delle firme, Elisabetta si sente al sicuro: dentro Nisida sa di esistere, fuori ci sono attacchi d’ansia, notti insonni e un letto ormai freddo e vuoto.

Queste certezze si sgretolano quando Elisabetta Maiorano incontra l’altro da sé, il diverso, la sofferenza di una violenza subita che può essere camuffata ma mai dimenticata: Almarina. La ragazza, scappata dalla Romania per salvarsi dalle violenze e dagli stupri a cui il padre la sottopone e per salvare il fratello minore, incontra una donna apparentemente diversa da lei ma più simile di quanto non creda. Il legame insegnante- alunno a Nisida è diverso per forza di cose: Nisida non è la scuola, ma la scuola dentro Nisida è quanto di più simile ad una parvenza di normalità che questi ragazzi possano avere. Elisabetta Maiorano andrà oltre il proprio ruolo con Almarina e si scontrerà per questo con muri burocratici, barriere sociali e politiche. Per Almarina imparare la matematica significa reimparare a vivere, trovare una seconda chance, con la sicurezza che solo i numeri possono dare, in una società che non tratta i propri figli secondo quei principi di uguaglianza che troviamo scritti ormai in tutte le Costituzioni e nella Carta dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino. Allo stesso tempo, Elisabetta Maiorano, salvando Almarina da un destino che è stato già scritto per lei da altri, tenta di salvare se stessa.

Valeria Parrella pone di nuovo l’accento sulle nostre responsabilità individuali, sulla bontà delle nostre azioni e dei nostri atti altruistici.

Durante la lettura di questo romanzo, che ho apprezzato per lo stile e la profondità dei contenuti trattati, ho pensato spesso a ciò che Levi scrisse nel romanzo “I sommersi e i salvati”: pare che la scrittrice abbai intercettato i movimenti delle protagoniste principali in quella che Levi chiama la “zona grigia” “[…] dai contorni mal definiti, che insieme separa e congiunge i due campi dei padroni e dei servi. Possiede una struttura interna incredibilmente complicata, e alberga in sé quanto basta per confondere il nostro potere di giudicare […]”.

In una società che genera i propri “mostri” ci si salva solo nel riconoscimento della sofferenza e della difficoltà altrui, come sottintende la Parella, come diceva John Donne “no man is an island”.

 

C’è una specie di stortura quando ci si ritrova a leggere di qualcosa di estremamente lontano da noi: qualcosa che sappiamo esistere ma che non riconosciamo perché è sempre stata nascosta, invisibile alla nostra esperienza quotidiana. Poi questa cosa ci viene spiattellata in faccia – in un romanzo, in tal caso – e la stortura si percepisce forte. Perché ne sentiamo parlare, o anche, perché ne sentiamo parlare solo adesso, e per di più in modo così delicato e naturale, come fosse una cosa sempre esistita? La risposta è semplice: perché è sempre esistita.

Sentir parlare di detenzione minorile, su di me, ha fatto questo effetto. Nisida è a poco più di un’ora di macchina da casa mia (vivo nella stessa città che è stata anche la città della gioventù della Parrella), eppure il mio pensiero non vola mai verso quella parte del mare. Vado a Napoli e quello che vedo è la maestosità della città e della sua capacità di essere una donna bella e deturpata, ma non penso mai a Nisida. Non credo ci sia qualcuno che, pensando a Napoli, pensi a Nisida in prima istanza. Forse solo chi ha lasciato un pezzo di sè lì dentro, o chi ha ancora qualcosa a che spartire con quel luogo non-luogo.

La Parrella ci mette davanti all’evidenza che, però, Nisida è un posto dove vivono ragazzi, dove ci sono esseri umani in divenire e che – come tutti – respirano e pensano. Elisabetta Maiorano è la testimone che ci mette davanti alle vite di questi altri: quei ragazzi che non vengono mai in mente, ma che ci sono: delinquono fuori dal carcere e poi scompaiono, non sappiamo che fine fanno. Vanno a Nisida, o qualsiasi altra Nisida nel mondo.

Elisabetta Maiorano è una donna con una tragedia alle spalle che non sembra aver ancora del tutto perdonato, non ha abbandonato quel cordone ombelicale che la lega al passato. E così, cercando di sopravvivere allo sbalzo emotivo enorme che le causa il suo lavoro di maestra, cerca di fare della sua quotidianità un simbolo di ciò che è stato.

In questo romanzo, il quotidiano è la chiave interpretativa di una vita intera: attraverso gesti ricorrenti, degli orecchini in oro, un letto a due piazze e le porte del bagno sempre aperte, Elisabetta Maiorano ripercorre il suo dolore e gli conferisce dignità, grazie alla ricorsività degli eventi e alla sua incapacità di lasciare andare il dolore e far restare solo l’amore.

Almarina è una degli “altri”, una di quelle ragazze distrutte ancor prima di poter diventare donne: ha sofferto, e probabilmente soffrirà per sempre. Ma nella sua sofferenza, Elisabetta trova una somiglianza con quella ragazza interrotta, e se ne fa carico. La sua voglia di maternità, anch’essa interrotta ancor che fosse tempo, rifiorisce in questo legame così estemporaneo e forte.

Questo romanzo porta con sè non solo una bellezza estetica della parola scritta, ma anche un carico emotivo quasi palpabile: sembra di poter sentire il dolore e la speranza, di poter toccare il desiderio di maternità di Elisabetta e la purezza di Almarina. Il romanzo riesce a far capire come la maternità non si identifichi con una gravidanza e neanche con l’età anagrafica, nè con i legami di sangue: una mamma è mamma perchè sceglie l’amore, così come un padre è tale perchè sceglie l’amore.

Più di tutto, penso che questo romanzo mi abbia fatto sentire fortunata. Ripercorrendo il romanzo, ho avuto come l’istinto di fare un bilancio generale dei miei legami, delle mie fortune e delle mie sfortune. E sono arrivata alla conclusione che, probabilmente, affacciare lo sguardo verso Nisida non solo mi ha fatto ricordare che ci sono “altri” oltre le persone che vedo e che amo, ma che – dopotutto – nell’esistenza è importante solo l’amore, il resto è un accessorio di lusso.

Clelia Attanasio

I vincitori del concorso "Caccia allo Strega" 2020

Alessandra Annunzi – Recensione stregata scelta da Valeria Parrella

“Mi chiamo Elisabetta Maiorano, e non è che me lo stia chiedendo qualcuno: sono io che me lo ripeto in testa…”. L’insegnante di matematica del carcere minorile di Nisida è una cinquantenne rimasta sola dopo aver perso il marito dal quale non era riuscita ad avere figli. Compie ogni giorno il rito di passaggio tra il dentro e il fuori di un mondo chiuso, con le sue regole, i suoi personaggi, i suoi ritmi: un’isola, una zattera su cui sono stati stipati i ragazzi che la città ha respinto. Elisabetta è il pontile, la gomena che tiene la realtà del carcere legata a Napoli e alla società, che contamina i due spazi chiusi; è un Caronte umano, che traghetta la giovanissima detenuta Almarina in un percorso al contrario, dalla pena alla vita. Valeria Parrella racconta Elisabetta, la sua mezza età solitaria, l’umanissima elaborazione del lutto, senza niente di eroico, senza atti di coraggio, il superamento del torpore emotivo, l’attrazione per il capitano, l’amore per Almarina. Allo stile diretto e pulito di Valeria Parrella bastano meno di cento pagine per dire tutto questo, perché quando il lessico è sicuro ogni parola richiama un intero grappolo di concetti, una realtà precisa e inconfondibile. In copertina al centro di un mare azzurro, come l’isola di Nisida, galleggia una donna con un abito fucsia: è Elisabetta? è Almarina che da lei lo ha ricevuto in dono? sono entrambe, contemporaneamente l’immagine ciascuna della propria solitudine, ma anche di un’empatia, di una solitudine che aspetta di incontrarne un’altra per cominciare una vita non nuova, ma diversa. COPERTINA: 4, STORIA: 4, STILE: 4

Melina

Almarina è una naufraga che sta là in mezzo al mare, nel carcere minorile di Nisida dove incontra un’altra naufraga, una vedova alla deriva che nel carcere insegna: Elisabetta Maiorano dissolta nel suo grigiore e attaccata alla vita solo dalla materia che insegna. Si prendono per mano, anzi si prendono per sguardi in questo che è un racconto lungo più che un romanzo. È questo contatto a infondere speranza nella professoressa, a lenire il dolore della perdita del marito, della mancata maternità senza aspettarsi grandi cose e altrettanto avviene per Almarina che assapora la gioia della normalità a casa di Elisabetta, lei che non ha vissuto nessuna infanzia, ma solo violenza. Due gusci di noce in balia delle onde della sofferenza che trovano la cifra giusta per farsi coraggio a vicenda nel mare di dolore che le accomuna. Elisabetta insegna ai ragazzi che hanno già visto cose che tanti adulti non sono in grado di sopportare, ragazzi che apparentemente sono duri e freddi come monoliti, che hanno ristretto la loro esistenza allo sguardo, occhi che non concedono facilmente perché è il loro tallone d’Achille, la porta per arrivare alla loro anima e questo la professoressa Maiorano lo sa. Quando però succede che lo sguardo si specchia nello sguardo ecco accendersi la speranza di potersi riscattare, di poter tendere un salvagente. Lo stile di Valeria Parrella è funzionale alla storia, asciutto da ogni indugio, stringato e tagliente, supporto efficacissimo ai silenzi percepiti tra le righe, al clangore dei cancelli e chiavistelli, alla risacca o al rumoreggiare del mare. Senza questa scrittura, questa cifra stilistica, la vicenda narrata, di per sé prevedibile, non avrebbe lo stesso risalto: un magnifico castone per una pietra dura. Copertina voto 3 Storia voto 2 Stile voto 5

Antonietta Mirra

Eleonora è un’insegnante, una donna che ha perso il marito e che lavora nel carcere di Nisida. La sua vita, prima e dopo Nisida, è un insieme di colori grigi, tenui, opachi, come la sua anima, perduta in una quotidianità quasi priva di significato dopo la morte di Antonio. Eleonora vive ma non ci convince. Quella quotidianità iniziale, quei gesti così banali, comuni, ripetuti, di cui abbiamo letto nelle prime pagine del libro, e che ci davano l’illusione che tutto sommato la protagonista avesse una vita felice, all’improvviso mostrano il loro vero volto, la cruda verità. Eleonora non indossa una maschera. Eleonora è quella maschera, perché ha smesso di guardarsi allo specchio, stanca di vedere i suoi fallimenti, i suoi vuoti, le sue voragini. Tutto quello che è e che fa, è solo il risultato di un meccanismo che le ha ispessito l’anima, privandola della sua luce. Eleonora non brilla. Non brilla più. Fino a quando non vede Almarina. Una giovanissima romena rinchiusa nel carcere di Nisida. Una ragazzina che ha subito sfavori e dolori dalla vita, maltrattata e abusata, in fuga dal proprio paese per venire in Italia. Il loro rapporto non è fatto solo di insegnamenti perché Eleonora non riesce a non andare oltre, a non vedere dietro la scorza della vita, un cuore fragile, il cuore di una donna-bambina. Almarina è la figlia che Eleonora non ha mai avuto. È l’affetto, è quella solitudine che non è più abbandono, ma solidarietà, comprensione, condivisione. La penna dell’autrice è delicata ma intensa. Piena di umanità e capace di coinvolgerti così tanto da essere realmente felice, provare sulla tua pelle di lettore estraneo, la felicità di Eleonora e di Almarina, come se fosse la tua. Io lo devo dire: sono felice per loro. E spero che da qualche parte, una Eleonora e un’Almarina possano stare insieme per sempre unite da quell’amore – unico – che merita cura perché amore eterno. Copertina: 4. Storia: 5 Stile: 5.

Serespat

Almarina. È la storia di un amore. Di un amore particolare che nasce tra le mura di un carcere minorile. Anche questo singolare perché si erge in mezzo al mare, a Nisida, un'isola con le spalle a Napoli e lo sguardo rivolto a Capri. La bellezza di questo luogo sta nel fatto che la definitività delle pene che qui vengono scontante non lo rende un punto di arrivo, ma semplicemente un luogo di passaggio, di transito per poi ricollocarsi nel mondo. Perciò non hanno importanza i crimini commessi dai detenuti, ma i sogni che i ragazzi sperano di realizzare una volta riacquistata la libertà. Sogni che li rendono uguali a tutti i giovani della loro età. Che creano un ponte sulla striscia di mare che li separa dalla vita. Almarina è anche la storia del difficile equilibrio (di antigoniana memoria) tra il sentimento e il dovere sociale, tra ciò che desideriamo di fare e ciò che la legge ci impone di fare. "L'amore non riconosce autorità" confessa, quasi sotto voce, al lettore la protagonista. Questa tensione però, a mio avviso, non è lasciata irrisolta, al contrario la matassa si dipana con l'approdo ad un'importante verità: “che è falso ciò a cui abbiamo sempre creduto, ossia che si diventa professori, o condannati, o artisti, o giudici perché siamo diversi dentro; perché, invece, è proprio lì dentro che siamo uguali.” Il tutto condito con l'enorme bravura di una scrittrice che sa sperimentare con il linguaggio, attribuendo alla forma un ruolo centrale nella narrazione. Insomma un libro che il premio Strega lo merita tutto. Copertina:5 Storia:4 Stile:5

Ilenia

“Leggenda vuole che Posillipo, il ragazzo più corteggiato del quartiere si innamorò senza essere ricambiato di Nisida, tanto bella quanto malvagia. Dopo mesi di amore non corrisposto e per mettere fine alle sue pene d’amore Posillipo decise di gettarsi in mare. Il Fato non potendo accettare quella fine crudele decise di intervenire trasformando Posillipo in un promontorio nel golfo di Napoli e punì Nisida trasformandola in una piccola isola che giace proprio di fronte Posillipo: non vi siete amati in vita, ma starete uno di fronte all’altro in eterno.” Nisida ora è un carcere minorile,dove i ragazzi non possono scendere al mare, ed è proprio qui che Elisabetta Maiorano insegna matematica. “Almarina” è un libro diverso rispetto agli altri ,ci parla di qualcosa molto vicino a noi ma allo stesso tempo immaginario, e Maiorano, in pochissime pagine, riesce a narrare la sua vita grigia, i suoi sentimenti e le speranze future. Almarina è una ragazza romena di sedici anni arrivata a Nisida per scontare la sua pena, e quando Elisabetta la incontra capisce che hanno tantissime cose in comune. Entrambe sono forti, coraggiose , hanno alle spalle una solitudine entrambe sono orfane e sole . Elisabetta ha perso il marito e vive la delusione di non poter diventare madre; Almarina, invece, è scappata da una vita di abusi e violenza, oltre a essere stata costretta a separarsi dal fratello; due vite che si rialzano e si reinventano, anche se a tentoni, insieme. il romanzo è molto bello ed innovativo, è molto originale ,non è un libro come altri. I personaggi sono molto caratterizzanti, anche se non ha un vero e proprio finale, non finisce in un certo senso. È un libro che lascia con il fiato sospeso, sembra quasi che l’autrice ci lasci libera scelta, ognuno può scegliere e immaginare cosa potrà succedere. lo stile è asciutto, semplice, la narrazione è densa e molto sorprendente. COPERTINA:5 STORIA:5 STILE:5

  • Valeria Parrella Cover

    Scrittrice italiana, si è laureata in Lettere Moderne all'Università di Napoli con una tesi in glottologia. In seguito si è specializzata come interprete della Lingua Italiana dei Segni e ha lavorato all'E.N.S. di Napoli, dove vive.Ha esordito nel 2003 con una raccolta di sei racconti intitolati Mosca più balena edita dalla casa editrice Minimum Fax con la quale ha vinto il Premio Campiello Opera Prima. Diversi racconti della giovane autrice sono apparsi nell'antologia Pensa alla salute pubblicata da l'ancora del mediterraneo nel 2004. Sempre nel 2004 ha pubblicato nell'antologia La qualità dell'aria il suo racconto Verissimo e nel 2005 un'altra raccolta di racconti, Per grazia ricevuta, libro arrivato tra i cinque finalisti al Premio Strega dello stesso... Approfondisci
Note legali