L' altare bilingue. Immigrati orientali e religioni nella Roma imperiale

Nicole Belayche

Traduttore: F. Massa
Editore: EDB
Collana: Lapislazzuli
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 giugno 2014
Pagine: 56 p., Brossura
  • EAN: 9788810558188
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Tra il II secolo a.C. e l'inizio dell'Impero la popolazione emigrata a Roma proveniva, per lo più, dalla parte orientale del Mediterraneo, conquistata dalle legioni romane, e anche le divinità straniere avevano la medesima origine. La natura aperta e politeistica del sistema religioso consentiva nuovi culti, che venivano "naturalizzati" in modo completo quando lo Stato decideva di aggiungerli al calendario pubblico, eventualmente conservando il rituale originario. Anche se la società romana dell'Impero classico era aperta e inclusiva, una xenofobia latente colpiva, in particolare, gli orientali per il loro presunto esotismo variopinto ed eccessivo; la tradizione letteraria latina, non senza forzature, si compiaceva di descrivere le loro cerimonie esotiche, caratterizzate dall'uso di lingue barbare e di musiche stordenti, celebrate da sacerdoti abbigliati con vesti eccentriche e dai costumi depravati.

€ 5,52

€ 6,50

Risparmi € 0,98 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità: