L' altipiano delle meraviglie

Mario Rigoni Stern,Roberto Costa

Editore: Magnus
Anno edizione: 2004
Pagine: 160 p., ill.
  • EAN: 9788870571837
Usato su Libraccio.it - € 27,00

€ 27,00

€ 50,00

27 punti Premium

€ 47,50

€ 50,00

Risparmi € 2,50 (5%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniel

    30/09/2009 22:51:21

    Libro con molte foto e poche pagine scritte, ma molto ricche di notizie. Foto incredibilmente belle e uniche , con primi piani dettagliati, un libro che vale molto di più del suo prezzo. Lo consiglio anche come regalo.

Scrivi una recensione

Il grande scrittore asiaghese accompagna le splendide immagini di Roberto Costa, evocative della poesia delle stagioni e del misterioso svolgersi della vita della natura, con la memoria dei propri ricordi di vita vissuta, osservando attentamente e con profondo affetto i cicli naturali che ogni anno si ripetono nell'incantato paesaggio dei boschi. Come è noto, Rigoni Stern, ha sempre guardato all'Altipiano di Asiago, sua terra natale, come a rifugio, patria e luogo di ispirazione letteraria. Lo scrittore, di cui Mondadori ha pubblicato l'opera omnia nella collana I Meridiani, tratteggia nel volume un altipiano non in guerra, sereno e reso splendido dalla forza vivificante della natura.
Roberto Costa, fotografo nativo di Asiago, ha scattato le immagini che illustrano il libro nel corso di lunghi anni di appassionata ricerca, esplorando i recessi più lontani e inaccessibili del territorio dell'Altipiano. Dalle sue fotografie nasce un invito a rispettarne il delicato habitat naturale, per consegnarlo integro alle future generazioni.I testi di Mario Rigoni Stern, ritmati dal tempo e dalle stagioni, seguono il filo conduttore dei suoi pensieri e si aprono con l'inverno, momento in cui sembra che ogni cosa muoia ed il cui arrivo è segnalato da sempre dallo scricciolo che si avvicina alle case degli uomini e con il suo richiamo chiama la neve. La vita però continua, in forme diverse e più sotterranee, nell'attesa di manifestarsi apertamente a primavera. Una primavera non più ormai annunciata dalle allodole, che non arrivano più, ma dai fringuelli, che risvegliano il tasso che annusa l'aria per sentire cosa c'è di cambiato. E se la neve dell'inverno è un invito al raccoglimento , "la prima pioggia d'aprile che senti battere sul tetto ti dà ristoro e distensione, ritrovi un amabile sonno e poi, al mattino, il desiderio di andare, di uscire fuori a camminare in libertà e senza una meta perché la primavera non ha confini". E arriva l'estate, con la nascita dei piccoli (di capriolo "nascosti tra l'erba restano immobili e invisibili", di cervo, di camoscio) e con i nuovi profumi dei fiori e dei frutti di bosco. Infine l'autunno, quando "i larici incominciano a prendere il colore dell'oro vecchio...`.