Un altro da uccidere

Federico Axat

Traduttore: E. Rolla
Editore: TEA
Collana: Tea più
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
Pagine: 425 p., Brossura
  • EAN: 9788850249732
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Ted McKay ha una vita apparentemente perfetta: è ricco, ha una moglie che lo ama e due figlie adorabili. Ed è a un solo passo dalla morte. Seduto alla scrivania dello studio, Ted ha in mano una pistola. Il coraggio di un attimo e tutto sarà finito. Ma proprio quando sta per premere il grilletto viene interrotto da un insistente scampanellio alla porta di casa. Nessuno sa che si trova lì, nessuno sa cosa sta per fare. Eppure, adesso che apre gli occhi e abbassa lo sguardo, vede un biglietto sul tavolo. Una nota scritta da lui stesso, ma della quale non si ricorda affatto. Poche parole: "Apri la porta, è la tua ultima via d'uscita". Ted appoggia la pistola sul tavolo. Va ad aprire. E inizia l'immersione nell'incubo. L'uomo alla porta si chiama Justin Lynch e sembra sapere un sacco di cose sul suo conto, sa addirittura cosa stava per fare. Anzi, è proprio quello il motivo per cui è lì: ha una soluzione per lui. Invece di suicidarsi, con tutto il carico di dolore che rimarrebbe a gravare sulla sua famiglia, Ted deve compiere un assassinio. E qualcun altro, a tempo debito, farà di lui la vittima di un omicidio e non un suicida. È così che Ted McKay diventa un altro da uccidere... Ma è così, anche, che inizia un gioco macabro, fatto di illusioni e di manipolazioni, in un vortice che trascina Ted sempre più nel cuore dell'abisso...

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuly

    15/07/2018 09:27:03

    All'inizio ero perplessa, ma mi sono dovuta ricredere. Immaginazione, realtà, incubo, allucinazione: tutto si fonde alla perfezione in un insieme complesso e avvolgente che mi ha in un certo qual modo rimandata al geniale Sebastian Fitzek ed in particolare a "Il sonnambulo" (che però mi era piaciuto meno di questo). Fantastico!

  • User Icon

    Pupottina

    16/10/2016 11:52:06

    è un ottimo romanzo: geniale ed avvincente dalla prima all'ultima pagina. Chi è Ted McKay? È un personaggio che piace decisamente. È un mistero incastrato in un altro, un dubbio indispensabile a sciogliere un enigma ed aprire "una porta" verso la verità ...

Scrivi una recensione