Categorie

Carla Vangelista

Editore: Feltrinelli
Collana: I canguri
Anno edizione: 2009
Pagine: 262 p. , Brossura
  • EAN: 9788807702044

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Py

    11/03/2011 21.56.29

    Uno dei pochi casi in cui il film è meglio. Monotono, estremamente monotono. Il libro in poche parole racconta di un "figlio di papà", di un peter pan con compagna esattamente come lui che scopre di avere un fratello in Africa che poi incontrerà e porterà in Italia facendo cambiare completamente sia a lui che a lei vita e facendoli crescere. Questo è lo scheletro della storia. L'anima è costituita da: sesso, droga, sesso, droga, sesso, sesso...potrei anche proseguire indovinate con cosa? Insomma ogni scusa è buona per infilare nella trama una scena passata o presente di accoppiamento. Non c'è solo quello nella vita! Eppure il libro parla di un giovane peter pan che scopre di avere un fratello di colore che lo fa "maturare"... I sentimenti quasi non ci sono. Anche se i protagonisti riescono solo alla fine ad esprimere i loro sentimenti, ci manca il percorso in mezzo che non c'è!!!! O non si capisce! Almeno io non l'ho capito... Poi ci sono troppi feedback che partono all'improvviso e che anche così finiscono. Eppure Parlami d'amore mi era piaciuto...

  • User Icon

    Manu

    21/01/2011 10.10.25

    Decisamente un bellissimo libro...emozionante..la figura di Charlie è tenerissima e quello che riesce a fare nel cuore di Andrea e Livia fà riflettere...veramente un bel libro..letto in due giorni..che fà pensare...

  • User Icon

    Remo

    07/01/2011 11.09.32

    Il libro potrebbe avere una storia interessante se fosse sviluppata in modo adeguato. Qualità letteraria inesistente, i contenuti sono inutilmente infarciti di minuziose descrizioni di consumo di droga e di sesso che vorrebbero far figurare il libro più "vero" ma nascondono in realtà una mancanza di contenuti che andavano sviluppati. I personaggi non sono credibili e le storie non reggono. I cambiamenti interiori dei personaggi nel loro modo di vivere e nei rapporti interpersonali e sentimentali sono risolti in modo assai riduttiva e semplicistica.Il libro più brutto che ho letto nel 2010.

  • User Icon

    DONATELLA.64

    27/11/2010 22.49.44

    Bellissimo libro, potrebbe essere un'ottima sceneggiatura per un film. Complimenti alla scrittrice.

  • User Icon

    Marco

    24/09/2009 13.42.19

    la mia scrittrice preferita, libro semplicemente bellissimo

  • User Icon

    Mirco Ficola - Perugia

    28/07/2009 19.36.46

    Davvero un bel libro, dallo stile asciutto e diretto come le esistenze vissute dai personaggi. Ad un mondo fatto di vacuità, personalismi, egoismi e autodistruzione l'Autrice riesce a sostituire piano piano un'esistenza fatta di obiettivi concreti, che abbracciano l'amore e l'essere umano nella sua interezza. Le ricchezze materiali, il fascino della bellezza da ottenere a tutti i costi, le ipocrisie perbeniste sono erose tenacemente dalla presenza di un bambino accompagnato dai suoi pianti, dalle sue enuresi notturne, dal suo desiderio di amore genitoriale che la vita gli ha negato. Ed a questo punto un nuovo mondo si concretizza: una vita da spendere per e con gli altri. Un libro ottimo nella sua semplicità.

  • User Icon

    Massimo F.

    25/07/2009 11.05.33

    Le forzature delle vicende narrate e lo stile talvolta un po’ ridondante (per il mio personale gusto) sono più che compensati dal valore della storia, dal suo significato. Una catarsi dolorosa, molto emozionante che porta veramente il lettore ad immaginare che un altro mondo, un’altra vita sono possibili. Splendido il titolo, perfetti i personaggi che impersonano (enfatizzati) le manie e gli eccessi di “questo” mondo. Da leggere, senza dubbio.

  • User Icon

    Michi

    08/07/2009 20.54.12

    All'inizio ero un pò scettica, lo stile mi sembrava forzato nel cercare di essere giovanile, a tutti i costi.. ma superato lo scoglio iniziale devo ammettere di essermi emozionata.. questo libro emoziona ed è realistico nell'esprimere i sentimenti, i dubbi, le paure.. dice le cose come stanno senza troppi giri di parole.. molto bello, consigliatissimo!!!

  • User Icon

    Davide

    09/06/2009 10.40.56

    Carla Vangelista dopo l'ottima prova di "Parlami d'amore", romanzo scritto a quattro mani con Silvio Muccino, firma da sola un romanzo che parla ancora di sentimenti. La scoperta di un giovane annoiato della borghesia contemporanea di avere un fratellastro, figlio di un padre che lo ha abbandonato da bambino è superba. Le prime 60 pagine servono per descrivere la situazione e i personaggi, ma dal viaggio in Africa in poi il romanzo prende quota e diventa eccezionale. Andrea, Livia e Charlie sono tre personaggi stupendi, che ci emozionano con le loro vite, i loro sentimenti, le loro immani sofferenze. La scrittura è sicura e scorrevole, l'autrice non perde mai di vista nemmeno un pezzo del suo puzzle perfetto e alla fine tutto torna senza buonismo, senza cadute nel patetico o nel già visto. Bravissima Carla, compratelo!!!

  • User Icon

    Cristiana

    29/05/2009 17.30.44

    Un libro meraviglioso.La vita che cambia solo perche' si spera in qualcosa,perche si "crede"in qualcosa.Qualcosa che dara' un senso alla vita stessa.Perche' la vita senza un senso non e' vita.Carla Vangelista ha il potere di lanciarti nelle emozioni e nei sentimenti umani,quelli che appartengono a tutti e che spesso ignoriamo. Grazie a lei per poter leggere un libro cosi' bello.

  • User Icon

    Enrico

    28/04/2009 18.48.14

    Be', a me solitamente non fanno impazzire i libri scritti dalle donne. Questo l'ho cominciato a leggere perché l'ha comprato mia sorella. E mia sorella l'ha comprato perché aveva letto già un libro di questa scrittrice, Parlami d'amore. Ho cominciato a sfogliarlo e devo dire la verità con l'intento di prendere in giro mia sorella. Poi però sono rimasto fregato, e adesso è mia sorella che piglia in giro me. Ci ho messo un pomeriggio soltanto a leggerlo. Mi sono immedesimato un casino in Andrea, il personaggio principale (anche se magari fossi così ricco!). E' pazzesco come mi sono sentito uguale. E per la prima volta non ho avuto paura di guardarmi allo specchio con tutte le mie debolezze e la mia rabbia. Ne ho anche parlato alla mia ragazza, che da due giorni non mi parla perché adesso lo sta leggendo lei. Davvero impressionante. Ma come fa questa scrittrice a sapere così bene cosa proviamo noi giovani? Per me questo libro sarà come una specie di lezione, ogni tanto me lo andrò a rileggere, quando penso di aver perso l'orientamento. Mi ha dato fiducia e forza. Veramente bellissimo. Se ci facessero leggere questi libri a scuola penso che noi giovani leggeremmo molto di più. E magari i professori imparerebbero pure loro qualcosa...

  • User Icon

    LinaGuardì

    25/04/2009 12.07.39

    Mi è piaciuto tantissimo. Ho adorato i personaggi, tutti. Il piccolo Charlie è bellissimo, tenero e divertente, nonostante la sua situazione non proprio rosea, diciamo. Andrea l'ho adorato. E' così duro e rabbioso, all'inizio, che poi il suo percorso mi ha fatto davvero commuovere. La cosa che mi è piaciuta moltissimo è che si tratta di una persona reale, con le sue miserie e debolezze, e non di un personaggio da libro, come spesso succede agli uomini scritti dalle donne, o troppo idealizzati o troppo criticati. E infine Livia. Ecco, questo personaggio sì che poteva essere scritto solo da una donna. Ha tutte le sfumature di una sofferenza e un disagio vero, anche lei. Ma la cosa più bella del romanzo è che non è cupo. C'è speranza senza buonismo. Consigliatissimo!!!

  • User Icon

    Maria

    29/03/2009 13.25.43

    Forte e delicato insieme. Emozionante e commovente. Intelligente e spiritoso. Brava Vangelista. Confesso di essermi avvicinata con un po' di resistenze, non so, forse perché su Vanity Fair ho letto che è soprattutto una sceneggiatrice. Ma mi aveva intrigato il rapporto con i genitori. E non mi ha delusa. Anzi, al contrario. Credo che solo una donna potesse riuscire a descrivere così bene il rapporto amoroso, sia con la donna amata che con un fratello acquisito. Le dò il voto massimo perché è una scrittrice, non una sceneggiatrice. Pensavo di trovarmi di fronte a una sceneggiatura, appunto, invece è un romanzo. Brava, ha descritto proprio un altro mondo che sarebbe ritrovare nel nostro quotidiano.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione