Categorie

Paolo Maurensig

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2008
Pagine: 181 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804573746

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    carlo

    17/09/2009 13.19.20

    Trovo che Maurensig sia ormai lungo una china lungo la quale cerca supplire con lo stile all'assenza di ispirazione. In questo senso la crisi del protagonista mi pare tanto autobiografica. Ho letto tutti i suoi libri e penso persino che la Venere e l'Uomo scarlatto siano meglio riusciti dei più noti Variante e Canone. Un libro presuntuoso e vuoto. Un tranello teso ai suoi fedeli lettori.

  • User Icon

    antonella

    23/04/2009 13.54.16

    Testo gradevole che descrive discretamente gli alti e bassi dell'amicizia. Il perfezionamento della figura di Jacopo è lasciata, nel finale, al lettore sia riguardo alla personalità del personaggio, sia riguardo alle determinazioni del medesimo.

  • User Icon

    AGT

    14/02/2009 10.21.32

    Niente a che vedere con i romanzi che ho letto di Maurensig:né l'analisi psicologica,né l'intreccio della storia,né la caratterizzazione dei personaggi:che fine ha fatto lo scrittore di Canone inverso e de La variante di Luneburg?Rimane un'immagine negativa dei personaggi.Peccato.

  • User Icon

    Matteo

    19/01/2009 17.28.53

    Orrendo. Purtroppo non ho altri aggettivi per definire questo libro. Ringrazierò sempre Maurensig per aver scritto la "variante", uno dei libri più belli che abbia mai letto, ma stavolta proprio non ci siamo; anche l'ultimo "Vukovlad", sebbene puro esercizio di stile, era decisamente meglio di questo noioso, pretenzioso, intellettualoide accumulo di citazioni artistiche e letterarie che, unitamente ad una scrittura ricercata fine a se' stessa, fanno di quest'opera un qualcosa di cui non si sentiva assolutamente il bisogno. E poi, scusate, non ne ho proprio capito il senso. Se qualcuno l'ha capito, mi aiuti per favore

  • User Icon

    Massimo

    28/11/2008 12.08.09

    Un libro piacevole alla lettura, ma con una storia vuota che alla fine non lascia nulla. Sembra quasi che essa serva solo da pretesto al narcisismo stilistico dell'autore per mostrare la propria ricercata (fin troppo!)capacità narrativa.

  • User Icon

    elena

    26/11/2008 14.44.46

    ho scelto di leggere "Gli amanti fiamminghi "perche'conosco la notorieta' dello scrittore, perche' la trama era molto accattivante cosi'come la scelta della copertina .Purtroppo invece il libro e' una delusione ,niente da dire sullo stile ,sobrio ,caldo e profondo ma ancora mi chiedo quali fossero le intenzioni di Maurensing ,i personaggi hanno poco spessore e molto altro dovrei aggiungere....no non mi e' piaciuto

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione