Amatissima - Toni Morrison - copertina

Amatissima

Toni Morrison

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Giuseppe Natale
Curatore: Franca Cavagnoli
Collana: Pickwick
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 ottobre 2013
Pagine: 410 p., Brossura
  • EAN: 9788868360931
Salvato in 506 liste dei desideri

€ 10,36

€ 10,90
(-5%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

Solo una copia disponibile

+ 3,85 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 10,36

€ 10,90
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Scelto da IBS per la Libreria ideale per scoprire la letteratura afroamericana attraverso le pagine della sua più alta esponente, capace di opporsi dialetticamente tanto alla cultura dominante bianca quanto al potere maschile, anche all'interno della comunità nera.

Vincitore del Premio Pulitzer per la narrativa 1988

«Sorprendente... Magico... Un romanzo straordinario»The New York Times

Un romanzo maestoso, di straordinaria intensità, che racconta la storia di Sethe, indomabile donna di colore che, negli anni precedenti alla Guerra Civile americana, si ribella al proprio destino e fugge al Nord, verso la libertà. Un percorso drammatico attraverso l'orrore della schiavitù, la forza dell'amore materno e il peso di un indicibile segreto. Intrecciando mito e storia, leggenda e realtà, Toni Morrison ci regala un indimenticabile capolavoro della letteratura americana, vicitore del Premio Pulitzer per la narrativa.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,25
di 5
Totale 12
5
6
4
3
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    valy

    18/10/2020 14:59:39

    Sicuramente originale come viene trattato un tema così importante e doloroso ma il modo in cui viene fatta la narrazione rende davvero troppo faticoso riuscire a seguire il racconto e si rischia anzi di perdere interi tratti per la confusione. Per le prime 80 pagine circa infatti la confusione è tutto ciò che rimane, solo dopo si comincia a capire la storia, che comunque rimane sempre molto complessa da seguire. Non il mio genere

  • User Icon

    giulia

    13/05/2020 07:27:09

    Davvero una piacevole sorpresa! Una ghost story complessa, intricata, in cui i fantasmi del passato si mescolano alla sofferenza di un intero popolo. Ho amato molto la figura di Beloved, lo spettro incarnato della piccola uccisa da Sethe, con tutto il suo disperato carico di odio-amore verso la madre, e ho amato Sethe, la cui figura è ispirata a quella di Margaret Garner. Da non perdere.

  • User Icon

    Benedetta

    11/05/2020 18:21:17

    Un vero capolavoro!

  • User Icon

    Silvia

    29/04/2020 15:21:04

    Difficile e commovente sono le prime parole che mi vengono in mente dopo aver letto questo libro. Rappresenta una pietra miliare nella storia della letteratura e per questo deve essere assolutamente letto (ma armati di pazienza e pronti ad inorridire e a piangere). La scrittura di per sé non è complicata, ma a tratti si fa difficoltosa, rendendo così la lettura più lenta (il Pulitzer è comunque meritato). Consigliatissimo a chiunque voglia conoscere una storia un po' noir sulla schiavitù.

  • User Icon

    valeria71

    05/03/2020 10:46:05

    Superate le prime cinquanta pagine, nelle quali ci si sente smarriti - persi in un labirinto del quale sembra avere il filo la sola Morrison - ci si trova davanti ad un libro potente, intimo e allo stesso tempo epico. Con uno stile, in cui ogni singola parola sembra dar vita ad un bosco fitto di simboli e significati nascosti, la Morrison narra un’epica degli ultimi e cosa meglio del dolore di una madre può rappresentare il dolore universale degli ultimi della terra? Come ieri, nelle piantagioni di cotone, anche oggi nelle guerre!

  • User Icon

    Letizia

    06/11/2019 08:52:13

    Un libro molto particolare, ho ritrovato l'atmosfera di Faulkner e la magia di Marquez. Non riuscivo a smettere di leggere. Libro doloroso che deve essere letto.

  • User Icon

    Marius95

    20/09/2019 16:25:44

    Ho scelto questo libro dopo aver letto decine di recensioni entusiastiche, ma ho fatto una grande fatica. Proverò a distinguere i piani, perché l'unica cosa certa è che ci troviamo davanti ad un grande libro. Il racconto non è lineare, bensì si svolge su piani temporali diversi, e non è facile seguire la trama e collocare i fatti. La scrittura è poetica e suggestiva. Le parole sono utilizzate in modo musicale ed evocativo, e, anche se non posso che definire meraviglioso il linguaggio utilizzato, è stata per me una grande fatica seguire il racconto e comprendere fino in fondo i fatti. Il libro è una continua metafora, e va letto provando a comprendere il messaggio nascosto dietro il racconto, il valore simbolico dei vari personaggi, che rappresentano ognuno una parte di quello che la schiavitù è stata per chi l'ha subita. Ci sono libri che entrano nella storia, perché portano testimonianze e messaggi universali. Questo è uno di quei libri.

  • User Icon

    Nella

    20/09/2019 08:58:19

    Il libro è dedicato ai milioni di schiavi di colore trasportati in catene dall'Africa all'America, costretti a terribili sofferenze e uccisi dall'uomo bianco. La protagonista è Sethe, che è nata schiava e adesso vive da donna libera insieme alla figlia Denver. Sethe porta ancora sul suo corpo e nella sua mente i segni di un passato terribile, un passato in cui ha subito violenze e soprusi, ma ha anche commesso un gesto incomprensibile, che l'ha cambiata per sempre. Il suo passato torna a tormentarla sotto le sembianze di una giovane donna, Beloved (Amatissima), che sarà il suo tormento e il suo tentativo di redenzione. L'argomento trattato è doloroso, una macchia indelebile nella storia dell'umanità.: le orribili sofferenze causate agli uomini di colore dall' uomo bianco, in nome di una presunta superiorità della razza che li considerava alla stregua di oggetti, da possedere, usare e sottomettere in ogni modo. Il dolore avvolge tutto il libro, e viene svelato a poco a poco, attraverso le memorie di Sethe e degli altri personaggi. Il racconto non è lineare, bensì si svolge su piani temporali diversi, e non è facile seguire la trama e collocare i fatti. La scrittura è poetica e suggestiva. Le parole sono utilizzate in modo musicale ed evocativo, e, anche se non posso che definire meraviglioso il linguaggio utilizzato, è stata per me una grande fatica seguire il racconto e comprendere fino in fondo i fatti. Non mi sono innamorata di questo libro, purtroppo. La lettura è stata per me molto difficile, a causa del linguaggio complesso, dell'uso particolarissimo delle parole, e dei numerosi messaggi nascosti in esse. Non è certo un libro che si possa leggere in modo superficiale, magari pensando ad altro. È un testo che richiede impegno. Ma sono contenta di averlo letto, perché mi ha mostrato ancora una volta la potenza della letteratura di valore, che è capace di tramandare la storia e di arricchire la mente e l'anima di chi ha in sé il desiderio di comprendere.

  • User Icon

    olga carlini

    24/05/2019 15:11:37

    Una lettura difficile ma importante. Le pagine di questo libro sono abitate dal fantasma in “carne e ossa” della schiavitù, appena abolita quando il racconto ha inizio, nell’America di fine ‘800. È una storia di donne, madri, figlie, che fanno quello che possono, loro sole, nel bene e nel male, per fare i conti con quel che resta di vite schiacciate, sopraffatte, cancellate. Le parti critiche a fine testo offrono importanti chiavi di lettura, da non tralasciare

  • User Icon

    Manuela

    24/04/2016 13:09:26

    Scrittura troppo ampollosa. Avrei preferito meno lirismo e più concretezza,visto che le vicende narrate (di cui non è,spesso,semplice riannodare il filo) offrono spunti di interesse e riflessione.

  • User Icon

    Ilaria

    08/08/2015 20:57:04

    Sicuramente un libro difficile da dimenticare un tema importante fatti inauditi e crudeli raccontati con estremo rispetto e sensibilità . Molto originale la scelta stilistica anche se molto poco coinvolgente e fantastica l'idea di introdurre il personaggio di Beloved

  • User Icon

    leon

    01/03/2014 12:41:18

    Una lettura difficile ma di grande suggestione. Un libro pieno di liricita', dove la carne e lo spirito si inseguono e si contrappongono. Non e' semplicemente un storia sulla schiavitu' americana; non ha una struttura lineare, e seguirlo, puo 'risultare un po faticoso. Un libro in cui il protagonista e' un fantasma puo' essere travisato. Il fantasma in se e' un concetto; e' il mezzo cui Toni Morrison cerca di spiegare cosa significa essere uomini e schiavi. E' il senso di colpa di essere schiavi ma uomini nello stesso tempo, e di non riuscire a vivere quindi una condizione di piena liberta' umana.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Toni Morrison Cover

    Scrittrice statunitense. Ex attrice, ex ballerina, ha scoperto e fatto pubblicare come redattrice della Random House le opere di maggior successo della recente letteratura afro-americana. Tema centrale dei suoi romanzi, in cui si segnala lo spessore metaforico della scrittura, è la perdita d’identità dei neri, analizzata nei momenti della storia americana in cui il loro patrimonio culturale è stato più minacciato. In L’occhio più azzurro (The bluest eye, 1970), storia di una bambina nera e del suo disperato desiderio di possedere un paio di occhi alla Shirley Temple, e in Sula (1973), ritratto di due donne, una ribelle e una conformista, e della loro crescita opposta e parallela, la M. coglie le metamorfosi delle comunità nere scosse dalle... Approfondisci
Note legali