Amici, amanti, cioccolato

Alexander McCall Smith

Traduttore: G. Garbellini
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 gennaio 2008
Pagine: 262 p., Brossura
  • EAN: 9788850215423
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,59

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ST360

    04/09/2016 22:51:45

    Se cercate un buon libro giallo, questo non lo è. È un romanzetto leggero e spesso insulso. Ho letto che la protagonista Isabel è stata paragonata al celebre personaggio di Miss Marple. Purtroppo devo dissentire da tale giudizio. Il libro non è neanche lontanamente un giallo, un noir o un thriller e non offre alcun riferimento a possibili casi da risolvere con l'aiuto di detective seppure dilettanti. È un racconto semplice con rare riflessioni filosofiche spesso sull'etica che purtroppo non vengono però sviluppate ed approfondite in modo adeguato. Credo sia un libro orientato più verso un pubblico di giovani che per quello degli adulti. I protagonisti sono scialbi e spesso antipatici. Soprattutto la protagonista. Inoltre sia in questo libro che nel precedente l'autore fa dei riferimenti poco simpatici e piacevoli verso l'Italia e i suoi usi e costumi. Scrivendo dei soliti clichè. Che tristezza dover leggere queste cose così stereotipate da un rinomato esperto di diritto applicato alla medicina e alla bioetica qual è McCall Smith!

  • User Icon

    Sweetbetbet

    23/06/2013 22:50:34

    Sinceramente uno dei libri più brutti che abbia letto!sono rimasta completamente disarmata da questa storia così banale e mi chiedo se forse sbaglio io a non capire dato le recensioni precedenti tutte positive.... Poi ,l inserimento di qualche riga di filosofia spicciola che arriva nel mezzo di discorsi che non centrano nulla non mi è' proprio piaciuto... Ad un certo punto quando quest'enigma stava per risolversi non volevo credere a quello che leggevo!e queste indagini poi dove sono?recuperare un quotidiano o chiamare un amico per avere delle informazioni,anche queste sono cose che non hanno dato personalità alla storia e che riuscirebbe a fare anche mia nonna!

  • User Icon

    Dunda

    04/09/2012 18:36:54

    Delizioso!

  • User Icon

    delia

    02/02/2010 17:36:32

    Salve. Devo dire che è il primo libro di McCall Smith che leggo e quando l'ho comprato pensavo che avrei letto un giallo ma di giallo ne ha ben poco.Comunque mi è piaciuto molto e ne acquisterò altri.

  • User Icon

    serena*

    27/07/2009 18:58:24

    sto seguendo tutta la vita di isabel..non si può non resisterle.. delizioso e consigliatissimo, soprattutto in estate

  • User Icon

    Daniela

    07/01/2009 15:15:13

    Adoro Isabel e questo autore che rilassa e fa riflettere sulle piccole grandi cose della vita. Un giudizio favorevole sull'edizione Tea che trovo molto piacevole nello stile e nei colori rspetto a quella della Guanda, vale la pena aspettare l'edizione economica non solo per il prezzo! Consiglio a tutti comunque la lettura di questo romanzo.

  • User Icon

    Roberta

    29/10/2008 10:09:21

    Una piacevole lettura, l'ho apprezzato piu' del primo. Una trama senza troppe pretese dove spicca il personaggio di Grace,la governante di Isabel, che ama filosofeggiare su argomenti di etica professionale. Devo pero' discordare su quello che scrive Irene Bignardi sul retro della copertina, che paragona Isabel a Miss Marple.

  • User Icon

    laura

    07/02/2008 22:00:33

    piacevole, rilassante e scorrevole...come gli altri della saga...forse sono un po' di parte visto che ho vissuto per molti mesi a edimburgo e questo scrittore mi fa tornare in mente quella splendida e magica città...

  • User Icon

    Maunakea

    15/07/2007 16:18:24

    Friends, Lovers, Chocolate è il secondo libro della serie The Sunday Philosophy Club, anche io sono tiepida nel giudizio di questa serie che non riesce ad incantarmi con quella della Ladies' Detective Agency ossia di Mrs. Ramotswe. Edimburgo è bella ma non coinvolge, le digressioni pseudo-filosofiche sulle domande retorihe quotidiane che la vita ci pone di fronte sono un po' troppe, non mi annovero fra i lettori cercatori-di-trama e di giallo a tutti i costi, dico solo che il tratteggio al contorno storia che è poi il fulcro del libro (come per il precendente, non certo la trama) è poco coinvolgente, i presonaggi della storia scozzese, e finanche il patriottismo scozzese che posso leggere e da brava italiana non comprendere ... fanno sorridere gli inevitabili luoghi comuni sull'italia, come quando l'autore dice che se uno potesse scegliere dove nascere l'Italia sarebbe gettonatissima... certo dagli inglesi probabilmente.. credo siano pochi quelli della mia generazione che rinaescerebbero volentieri italiani, io e gli amici che mi circondano no di certo, potendo scegliere. Continuerò a comprare McCall Smith anche a scatola chiusa, cercando qualche barlume di Mrs. Ramotswe ovunque, ma questa serie la trovo parecchio noiosa. (Meglio questo del precedente, credo, ma forse il giudizio è inficiato dal fatto che dal primo libro di questa serie mi aspettavo di più, mentre per questo avevo già idea di non aspettarmi granchè, è proprio l'impianto narrativo ad essere noiosetto)

  • User Icon

    Fanny

    05/04/2007 12:29:31

    Trovo che le critiche precedenti siano troppo tiepide. A me invece è piaciuto molto. Forse il filo giallo è davvero un po’ troppo esile ma cosa importa ? E’ solo un pretesto. Tutto il resto non solo è di buon spessore ma è anche molto fresco e gradevole. La quotidianità della protagonista è davvero coinvolgente e le descrizioni di Edimburgo sono affascinanti. Come si fa a dire che non decolla, non si alza da terra, ecc.. ? Non tutti i libri sono paragonabili a dei jet. Né vogliono esserlo.

  • User Icon

    Fra

    02/04/2007 11:53:46

    Indubbiamente scritto bene e, per questo, di piacevole lettura ma concordo con i commenti prcedenti: la trama non decolla. è un peccato che quei rari momenti di intrigo e "suspance" che offere si dissolvano sempre in una bolla di sapone. Indefiibile come genere, a metà strada tra giallo (tentato e per nulla riuscito) e romanzetto rosa.

  • User Icon

    Alecs

    07/03/2007 20:20:44

    Un romanzo gradevole e scritto davvero bene. Trama un po' sottile e civettuola che si dipana aspettando di decollare ma che pagina dopo pagina non si alza mai da terra. Peccato.

  • User Icon

    Livia

    12/02/2007 09:18:13

    Ho letto dello stesso autore sia "Le lacrime delal giraffa" che "Morale e belle ragazze". Mi sarei aspettata qualcosa in più riguardo al contenuto.Comunque un libro ben scritto.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione