Gli amici silenziosi

Laura Purcell

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Ada Arduini
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 705,14 KB
Pagine della versione a stampa: 382 p.
  • EAN: 9788851167356
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ogni casa ha i suoi segreti. Ogni cuore le sue ombre. Inghilterra, 1865. Rimasta vedova e incinta del primo figlio, la giovane e inquieta Elsie parte alla volta della tenuta del marito insieme alla zitellissima cugina di lui, Sarah. Ma in quell’angolo di campagna inglese remoto e inospitale, l’opportunità di trascorrere in pace il periodo del lutto diventa qualcosa di molto più simile a una prigionia: un esilio opprimente in attesa che l’amato fratello Jolyon giunga da Londra a salvare Elsie dall’isolamento e dalla noia. A distrarre lei e Sarah dalla cupa atmosfera in cui sono sprofondate, solo l’intrigante diario di un’antenata dei Bainbridge, Anna, vissuta e tragicamente morta più di duecento anni prima; e la stanza in cui giacciono ammassate decine di figure di legno dalle sembianze realistiche e straordinariamente inquietanti. Quegli “amici silenziosi” che Anna si procurò allo scopo di deliziare ospiti illustri, presto costretti a ripartire in circostanze mai del tutto chiarite. A lungo in testa alle classifiche inglesi, acclamato tanto dai lettori quanto dai critici, Gli amici silenziosi è un piccolo gioiello nel solco di intramontabili classici quali Giro di vite e Rebecca la prima moglie. Un noir dalle sfumature gotiche modernissimo e sapiente nell’evocare psicologie e atmosfere. «La lettura perfetta per una notte d’inverno.» - The Guardian «Conturbante e irresistibile.» - The Times
4
di 5
Totale 5
5
3
4
0
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Consuelo

    13/07/2019 14:55:59

    Innanzitutto devo ammettere che sono stata attratta dalla splendida copertina, e qui è doveroso il ringraziamento alla casa editrice che ha mantenuto la grafica inglese. Ma veniamo alla trama.. Protagonista del romanzo è Elsie, giovane donna rimasta vedova, che sola e impossibilitata, è costretta a trasferirsi a The Bridge, residenza in campagna. Lontana dalla città e annoiata, Elsie inizia l’esplorazione della villa e nel vecchio solaio ritrova dei dipinti/sculture quasi umane. Attraverso dei salti temporali veniamo a conoscenza della storia degli “amici silenziosi” che hanno creato in passato molto sgomento e terrore. Ho trovato la scrittura della Purcell molto intrigante e scorrevole, una volta individuato i personaggi e le dinamiche, mi sono appassionata a questa storia gotica e misteriosa. I momenti di suspense e terrificanti non mancano, ma posso tranquillizzarvi nel dirvi che io (una super fifona) non ho preso paura e che l’ho letto tutto d’un fiato. Consiglio quindi questo libro agli amanti delle atmosfere cupe e misteriosamente terrificanti.

  • User Icon

    Agosto

    04/05/2019 09:27:20

    Adatto agli amanti del paranormale, incentrato su di una trama sicuramente intrecciata, che però alla fine, non lascia nulla di sorprendente. Lo stile è gotico e di lettura scorrevole, tuttavia non mi ha entusiasmato.

  • User Icon

    Jodie

    14/04/2019 12:44:54

    Terminato ora e sono perplessa, non so bene come giudicarlo. Sono partita entusiasta anche perché adoro sia la campagna britannica sia le storie (reali o presunte) di streghe, ma con il passare delle pagine e soprattutto verso la fine non mi ha convinta al 100 %. Libro accattivante per quanto all'ambientazione, perfetto per gli amanti del gotico inglese, che però non pretendono troppo. L'illustrazione dentro la copertina, il ritratto che fissa il lettore con quella cupezza tipica di quei tempi, è inquietante. Il libro si legge d'un fiato fino a circa due terzi, ti risucchia nella storia e scoprire la verità diventa impellente. Tuttavia il continuo susseguirsi di morti dopo un po', a mio parere, comincia a diventare pesante, ripetitivo e di poco impatto, perdendo di pathos e sostanza verso la parte finale, che non è scritta con grande maestria. Il finale in sé, poi, è forse uno dei peggiori della storia letteraria. A differenza del commento precedente non trovo affatto che lasci nulla al caso, anzi di dubbi ne restano pochi, ma veniamo sospinti in una dimensione ingiusta e tagliente che fa restar male. Il paranormale è il fulcro centrale di questo racconto che vuole approfondire anche sulla malattia mentale, i due aspetti si fondono e si confondono continuamente, come l'eterna lotta fra il male e il bene, ma alla fine solo uno dei due sarà reale. Il lettore lo scoprirà soltanto all'ultimissima pagina.

  • User Icon

    Roberta

    21/01/2019 15:42:55

    La mia predilezione smisurata per il cartaceo a discapito del formato elettronico trova con questo libro un esempio calzante: la bellezza della copertina, con la serratura passante che lascia sbirciare il dipinto della pagina sottostante è una particolarità impossibile da ottenere con la lettura digitale! Al di là dell'aspetto grafico, ho trovato in questo romanzo tutti i miei elementi preferiti: le atmosfere gotiche date dall'antica dimora decadente, i lunghi e freddi corridoi pieni di polvere, i sussurri in piena notte... e poi loro, gli amici silenziosi!! Antiche sagome a grandezza naturale che compaiono misteriosamente nelle varie stanze di "The Bridge" e che sembrano seguire la protagonista Elsie in tutti i suoi spostamenti. La vicenda si svolge in tre piani temporali diversi: quello più recente presso l'ospedale di St. Joseph, il 1635 con la storia dell'antenata Anna e infine il 1865, fulcro della storia di Elsie e Sarah. Le tre narrazioni si alternano con grande maestria, stuzzicando il lettore e portandolo pagina dopo pagina a ricostruire una storia fatta di stregoneria, superstizioni ed elementi soprannaturali. Al di là delle apparenze però non ci troviamo di fronte a un horror, ogni avvenimento può infatti avere diverse spiegazioni e punti di vista, e anche nel finale non avremo la certezza di cosa sia realmente successo a "The Bridge", ma continuerà ad aleggiare il dubbio della sanità mentale della protagonista. Amo molto queste letture dai risvolti psicologici, dove nulla è scontato e l'autrice ci mette di fronte a molteplici chiavi di lettura ed interpretazioni. Sarebbe proprio bello vedere un film tratto da questo romanzo!!

  • User Icon

    Laura

    03/01/2019 19:57:24

    Libro che inizia un po' in sordina. Quando leggi sulla sinossi gli elementi che hanno ispirato L'autrice (Giro di vite, Rebecca la prima moglie..) ti viene da storcere il naso per la grandezza delle opere citate. Quando poi ti addentri nella trama, ti rendi conto che questi motivi ci sono tutti e che l'opera di Laura Purcell è davvero notevole: gotica, psicologica e horror, con quel senso di smarrimento che non ti abbandona mai; ingredienti fondamentali per un libro dalla copertina accattivante che non delude affatto le aspettative.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali