Amleto e Edipo. Seguito da «Amleto e Freud» di Jean Starobinski

Ernest Jones

Curatore: P. Caruso
Editore: SE
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 5 aprile 2018
Pagine: 166 p., Brossura
  • EAN: 9788867233601
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 20,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    eudosso

    22/06/2009 16:53:32

    Nessuno è mai riuscito a comprendere la ragione per cui Amleto indugi a compiere il proprio destino di vendetta nei confronti dello zio, reo, secondo il Principe di Danimarca, di avere ucciso il di lui padre e di avere approfittato dei favori della di lui madre. Come tutti sanno, Amleto viene a sapere dell’orrendo delitto dello zio, dal fantasma del padre. Dopo fiumi d’inchiostro, ora si giunge finalmente ad una svolta in grado di spiegare l’arcano: psicanalizzare Amleto. Jones arriva dunque sul palco con il lettino, il taccuino e la penna e psicanalizza il Principe di Danimarca come fosse un paziente in carne ed ossa e non un personaggio della fantasia di Shakespeare: il risultato non lascia adito a dubbi: Amleto è un nevrotico che non ha superato la fase edipica (amore per la madre, odio per il padre, quale rivale rispetto alla madre). La tesi è sconcertante, quanto affascinante. Devo confessare, da profano della psicoanalisi quale sono che ho sempre ritenuto che chi vede uno spettro che gli chiede di ammazzare un proprio parente, possa avere un qualche tentennamento prima di compiere l’atroce misfatto. Nel mondo reale, pensavo, nessuno che compia omicidi avendo come mandante uno spettro, sarebbe considerato sano di mente. Ma questa è la bellezza del teatro ed anche lo psicoanalista, evidentemente, deve fare i conti con il mondo fantastico della creazione letteraria: Amleto non è pazzo perché dà retta a uno spettro e commette un omicidio, ma è semplicemente nevrotico perché tentenna rispetto alle richieste dello spettro, a causa di una sindrome edipica. Nel caso abbiate commesso omicidio, vi consiglio di confessare di avere agito su ordine di uno spettro: la pazzia vi garantirà il ricovero in un ospedale psichiatrico e la non punibilità, molto meglio della tesi del conflitto edipico. Libro affascinante.

Scrivi una recensione