L' amore coniugale

Alberto Moravia

Editore: Bompiani
Edizione: 4
Anno edizione: 2000
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 ottobre 2000
Pagine: 122 p.
  • EAN: 9788845245398
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"L'amore coniugale" è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale.

€ 5,95

€ 7,00

Risparmi € 1,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Questo articolo potrebbe non essere consegnato entro Natale
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo Mazza

    19/03/2014 19:45:33

    Mi do una decina di righe per giustificare il voto alto attribuito a questo libro. Silvio e Leda sono marito e moglie, protagonisti assoluti del romanzo vecchio di oltre sessanta anni, ma attualissimo. La trama e' fondata sulla vita coniugale dei due e pare banale ma Moravia e' maestro nel tener viva l'attenzione giocando sull'altalenarsi di razionalita' e istintivita'. La prima incarnata da Silvio, marito fallito e malato di sesso, cela tutte le sue debolezze e rivela infine la sua impotenza; la seconda permea Leda, moglie fedifraga, e la conduce sulla via del tradimento prima e dell'amore compassionevole per il marito poi. La cruda realta' del fallimento globale di un uomo e' il nucleo del romanzo che vive di definizioni memorabili e introspezioni psicologiche di chirurgica precisione.

  • User Icon

    giuly

    24/09/2006 13:21:17

    Sicuramente il ritmo è più lento rispetto agli scrittori attuali e l'ambientazione è desueta... ma nulla tolgono al piacere della lettura ed agli spunti di riflessione che ne nascono! Ad esempio: e se non fosse un fallimento, ma una crescita? Dall'adolescenziale illusione dell'assoluto alla matura consapevolezza dei limiti, propri, altrui, della vita?

  • User Icon

    Fabio Ballabio

    05/04/2004 09:21:11

    “Amare, oltre a molte altre cose, vuol dire trarre diletto dal guardare e osservare la persona amata. E non soltanto trarre questo diletto dalla contemplazione delle sue bellezze ma anche da quella delle sue bruttezze, poche o molte che siano”. Si apre così il romanzo di Alberto Moravia, al secolo il romano Alberto Pincherle, “L’amore coniugale” (1949). Protagonisti sono Silvio, voce narrante, e Leda, sua moglie, detta anche Dina. La sua è una bellezza sfuggente che Silvio riesce a far sua già nel loro primo incontro. Leda manifestò subito l’intenzione di rifarsi una vita dopo la fine del suo primo matrimonio. Silvio, desideroso di amare e di scrivere e incapace dell’una e dell’altra cosa, coglie al volo l’opportunità. Leda è a tratti misteriosa: “Strano a dirsi, ma talvolta, guardandola, mi veniva fatto di pensare a lei come ad una persona di lineamenti e di forme classiche, senza difetti, tutta armonia, serenità, simmetria. A tal punto quella bellezza che in mancanza di altre parole bisogna chiamar per forza spirituale, mi traeva in inganno e mi seduceva. Ma c’erano dei momenti in cui quel velo dorato si lacerava e non soltanto mi si rivelavano le numerose irregolarità ma anche assistevo ad una trasformazione penosa di tutta la sua persona… una smorfia grossa e muta in cui parevano esprimersi paura, angoscia, ritrosia e al tempo stesso una schifata attrazione, contraeva tutto il viso di mia moglie… queste contrazioni si accompagnavano sempre con il silenzio più profondo: un silenzio sospeso e che pareva tuttavia più simile a un grido represso che ad un calmo mutismo. Infine smorfia e contrazione sembravano sempre nascere dal timore di un avvenimento imprevisto, repentino, fulmineo”. Leda e Silvio decidono di lasciare la riviera ligure per la Toscana e si recano in una grande villa immersa nel verde. Sono ricchi e possono permettersi di vivere di rendita. Ogni sera si amano ma la mattina Silvio si sente svuotato. Per ritrovare

Scrivi una recensione