L' amore, la sfida, il destino. Il tavolo dove si gioca il senso della vita

Eugenio Scalfari

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 25 ottobre 2013
Pagine: 134 p., Rilegato
  • EAN: 9788806218508
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Eugenio Scalfari compone il capitolo forse piú narrativo e appassionato della sua lunga ricerca attorno al senso dell’esperienza, e dunque della vita.

Al tavolo dove si gioca la nostra sorte, siedono Eros, signore dei desideri; Narciso, simbolo dell’amore che ciascuno ha per se stesso; il Destino, la fatalità contro cui niente possiamo; Edipo, la trasgressione. E infine la Morte, al nostro fianco da sempre, anche se non sappiamo quando e come verrà. Concludendo un percorso cominciato nel 1994 con Incontro con Io e proseguito fino a L’uomo che non credeva in Dio, Per l’alto mare aperto e Scuote l’anima mia Eros, Eugenio Scalfari mette ora al centro della sua riflessione la partita della vita, e le regole complesse con cui si alternano al gioco gli istinti, i sentimenti, la coscienza ragionante, la nostra identità. I momenti autobiografici, le narrazioni, gli incontri, i ricordi, sono sempre sorretti da un’inesauribile tensione intellettuale e filosofica ma capaci di aprirsi, ora piú che mai, anche alle passioni e agli slanci, persino alla malinconia. L’amore, la sfida, il destino è un viaggio dentro e fuori di noi, alla scoperta del sé e dell’altro, guidati da un Io che è l’unico possibile testimone diretto dell’esperienza.

€ 13,12

€ 17,50

Risparmi € 4,38 (25%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maurino

    19/01/2014 21:30:54

    Quanta retorica, ripetere concetti filosofici di vita non è mai una perdita de tempo, ma forse tutto ha un limite..

  • User Icon

    camabi

    21/12/2013 17:12:46

    Un libro che si può tranquillamente non leggere. Attraversato da un ego esorbitante e da affermazioni incredibili come quella che lui non avrebbe mai avuto il complesso di Edipo.

Scrivi una recensione