Anche le parole sono nomadi. I vinti e futuri vincitori cantati da Fabrizio De André - Fondazione Fabrizio De André Onlus - ebook

Anche le parole sono nomadi. I vinti e futuri vincitori cantati da Fabrizio De André

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Formato: PDF con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 835,87 KB
Pagine della versione a stampa: 204 p.
  • EAN: 9788832961515

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Fabrizio De André
I testi delle canzoni e i suoi interventi in pubblico

Con una testimonianza di Dori Ghezzi


“Ieri cantavo i vinti, oggi canto i futuri vincitori: i nomadi, le infinite prinçese, chiunque coltivi le proprie diversità con dignità e coraggio, attraversando i disagi dell’emarginazione con l’unico intento di rassomigliare a se stesso, è già di per sé un vincente.”
Fabrizio De André

Fabrizio De André si è espresso artisticamente attraverso i brani che ha inciso nei suoi album e cantato durante i suoi concerti. Questo libro nasce dal desiderio di leggere, insieme e di nuovo, quei testi, scritti da Fabrizio De André o insieme ai suoi preziosi collaboratori, per riflettere sui contenuti che ha posto alla sua e nostra attenzione: gli ultimi, gli emarginati, il potere, la libertà, l’anarchia, la guerra, solo per citarne alcuni.
In queste pagine sono raccolti più di quaranta brani che si sviluppano seguendo un nuovo percorso, curato dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus, in cui le storie, i volti e i sentimenti cantati da Fabrizio De André non ci parlano solo di vite negate e di vite subite, ma anche di riscatto. Ad accompagnare i testi delle canzoni, le introduzioni e le riflessioni con cui De André presentava i brani in scaletta durante i concerti, alcune delle quali inedite o mai proposte in volume.
Un libro non solo per gli appassionati del cantautore genovese ma anche per chi, come i più giovani, desidera scoprirlo. Da leggere nel proprio privato o in gruppo, per ascoltarne insieme le parole, come accade dagli anni Sessanta con i suoi dischi.

 
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco

    18/11/2019 08:30:55

    Un crescendo di emozioni parola dopo parola, pagina dopo pagina, sembra di sentire la voce del grande Fabrizio canticchiarne i versi. Poesia allo stato puro.

  • User Icon

    Mario

    08/03/2019 11:02:40

    "Anche le parole sono nomadi", a cura della Fondazione Fabrizio De André Onlus, è a tutti gli effetti, il libro di Faber. Lo si legge ed è come se fosse lui a parlare e cantare con la sua voce così maschile, confidenziale e pregnante di significato, perfettamente avvolgente di suoni e parole, forte ed accorata che poteva sciogliersi in note dolcissime. Lo si avverte vicino, scontroso, consumato dal fumo e dal whisky, ma tuttavia uno di cui ci si può ancora fidare. In una folla soggetta all'imbroglio, anche la presenza di uno solo che non si lasci imbrogliare può fornire già un vantaggio, un appoggio. Questo libro è per chi si è innamorato dei suoi eroi malvisti, derelitti, risplendenti di solitudine ma anche per chi lo conosce solo attraverso le canzoni più note, quelle più orecchiabili canticchiate spesso senza pensarci su.

  • User Icon

    Demmao

    05/03/2019 16:28:52

    de Andrè ha scritto poesie e poi cantate

Note legali