Andare a piedi. Filosofia del camminare

Frédéric Gros

Traduttore: F. Bruno
Editore: Garzanti Libri
Collana: Saggi
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 15 maggio 2013
Pagine: 227 p., Brossura
  • EAN: 9788811684893

25° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Filosofia popolare

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,64
Descrizione

Camminare è sicuramente una delle azioni più comuni delle nostre vite. Ma Frédéric Gros ci fa riscoprire la bellezza e la profondità di questo semplice gesto e il senso di libertà, di crescita interiore e di scoperta che esso può riuscire a suscitare in ciascuno di noi. Attraverso la riflessione e il racconto magistrale delle vite di grandi camminatori del passato - da Nietzsche a Rousseau, da Proust a Gandhi che in questo modo hanno costruito e perfezionato i propri pensieri - "Andare a piedi" propone un percorso ricco di curiosità, capace di far pensare e appassionare. Nella visione limpida ed entusiasta di Gros, camminare in città, in un viaggio, in pellegrinaggio o durante un'escursione, diventa un'esperienza universale che ci restituisce alla dimensione del tempo e ci consente di guardare dentro noi stessi. Perché camminare non è uno sport, ma l'opportunità di tornare a godere dell'intensità del cielo e della forza del paesaggio.

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    grant

    03/06/2015 23:20:31

    Frèdèric Gros è un filosofo francese appartenente alla corrente delle pratiche filosofiche, poichè la filosofia è sempre in cammino alla ricerca di verità nascoste. Il camminare a piedi, di corsa oppure scegliendo l'ambito della passeggiata autoriflessiva e autocomprensiva è uno dei modi del filosofare pratico, in quanto, camminare a piedi è una pratica filosofica risalente alla filosofia pre socratica e socratica.

  • User Icon

    luciano

    01/03/2015 21:14:41

    1879-1889. Alta Engadina. Nietzsche " cammina, cammina da solo fino a otto ore al giorno, e scrive " Il viandante e la sua ombra"". Rimbaud. " Per Verlaine era " l'uomo dalle suole di vento". Lui stesso, giovanissimo, aveva dato di sé questo giudizio: " Non sono altro che un pedone". Rimbaud camminò per tutta la vita. Ostinatamente, con rabbia." Rousseau. " Afferma di non poter pensare veramente, comporre, creare, ispirarsi se non camminando." Thoreau: "... nel tempo che rimane si possono fare lunghissime passeggiate (tre-quattro ore al giorno) che appagano il corpo, e si può godere senza limiti degli spettacoli gratuiti della natura ( animali, giochi di luce nei boschi, profondità azzurre nello stagno)." Kant, detto "l'orologio di Konigsberg". "...quando lo si vedeva uscire da casa, si poteva star certi che erano le otto spaccate."... Nel bel libro c'è ancora tanto altro da leggere e da imparare.

  • User Icon

    Stefano Masetti

    22/12/2013 15:42:16

    Ho letto molti libri sull'argomento ma questo mi sembra il più completo, alcuni capitoli non sono soltanto filosofici ma anche estremamente poetici. Bellissimi i riferimenti ad alcuni camminatori famosi come Rimbaud. Da leggere assolutamente.

Scrivi una recensione