Andare per l'Italia longobarda - Claudio Azzara - copertina

Andare per l'Italia longobarda

Claudio Azzara

Scrivi una recensione
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2019
Pagine: 138 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788815271211
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L’incontro fra mondo «barbaro» e mondo romano

Antica tribù armata venuta dal nord, i longobardi hanno lasciato nella penisola, fra il 568 e il 774 d.C., straordinarie testimonianze artistiche, architettoniche, politiche e religiose, nelle quali vediamo integrarsi cultura germanica, tradizione romana, spiritualità cristiana, influenze bizantine. Andando alla scoperta di questa ricca pagina della nostra storia ci imbatteremo in prodigiose fortezze, antiche chiese e affascinanti monasteri. Dal primo ducato di Cividale nel Friuli – attraverso il Veneto e l’Emilia-Romagna – giungeremo al cuore del Regno, la Lombardia, e alla sua capitale Pavia. Memorie di questa presenza vigorosa si ritrovano poi in Piemonte, Liguria, e nelle terre di Toscana, con il mirabile Ducato di Spoleto. Toccheremo infine le propaggini meridionali, le più longeve dei domini longobardi, come Benevento, Salerno e Capua.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Claudio

    31/01/2019 20:24:22

    I Longobardi, provenienti dall'attuale Ungheria e sospinti come altri popoli barbari prima di loro da altri barbari provenienti da est, arrivano in Italia a metà del VI secolo e in poco tempo la occupano per gran parte. Non sono coesi, sono anzi molto divisi tra loro, tra duchi, conti, principi, che spesso cambiano anche alleanze. Omicidi anche fra fratelli, conversione al cristianesimo, fondazione di basiliche, anche se poco è rimasto segnarono un gran momento per l'Italia per circa duecento anni, fino all'arrivo dei franchi di Carlo Magno.

I longobardi ritrovati

1. Friuli, Veneto, Emilia: il lungo confine con Bisanzio
La sede primigenia: il Friuli.
«Venetia» longobarda e «Venetia» bizantina.
Emilia e Romagna: il confine con l’esarcato.

2. Lombardia, cuore del regno, e le regioni occidentali
Le città regie di Lombardia: Pavia, Monza, Milano, Brescia.
Castelseprio.
L’Occidente del regno: Piemonte e Liguria.

3. La Tuscia longobarda e il ducato di Spoleto
Per le terre di Toscana.
Il ducato di Spoleto.
Tesori umbri.

4. La «Langobardia» meridionale
Dal ducato ai principati: Benevento, Salerno, Capua.
Benevento cristiana e pagana.
Santi e monasteri.

Nota bibliografica
  • Claudio Azzara Cover

    Insegna Storia medievale nell’Università di Salerno. Con il Mulino ha pubblicato «Le invasioni barbariche» (20123), «L’Italia dei barbari» (2002), «Le civiltà del Medioevo» (20132), «Il papato nel Medioevo» (2007), «La Chiesa nel Medioevo» (con A.M. Rapetti, 2009), «Teoderico» (2013), «I longobardi» (2015). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali