Angeli Bianchi... Angeli Neri (Colonna Sonora)

Compositore: Piero Umiliani
Supporto: Vinile LP + CD Audio
Numero dischi: 2
Etichetta: BTF
Data di pubblicazione: 30 giugno 2015
Colonna sonora
  • EAN: 8018344129211

€ 28,50

Venduto e spedito da IBS

29 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Angeli bianchi… Angeli neri è uno dei migliori frutti della collaborazione di Piero Umiliani con Luigi Scattini, regista di parecchie pellicole nel campo del cinema di genere. Girato in Brasile e noto anche come “Witchcraft 70”, il film è uno dei Mondo movies più classici e apprezzati, teso a documentare – anche con forzature evidenti, come spesso succedeva all’epoca – il mondo della magia nera, delle sette sataniche e dei rituali pagani. Nel corso degli anni ha raggiunto lo status di film di culto, finendo per diventare uno dei titoli più apprezzati assieme a classici come “Mondo cane” e “Africa addio”. Merito di questo successo va certamente a una delle più belle colonne sonore composte da Umiliani, registrata in parte proprio in Brasile con musicisti e strumenti locali e in parte a Roma, con l’apporto del talento di Edda Dell’Orso, Nora Orlandi e di Alessandro Alessandroni e dei suoi Cantori Moderni. La musica risente delle influenze di samba e bossa, ma mette in evidenza l’abilità del compositore nell’orchestrare l’insieme e renderlo inedito e personale. Impossibile non citare l’incredibile e psichedelica “Streghe a convegno”, che pare uscita da qualche capolavoro tropicalista dell’epoca, “La foresta incantata”, con una superba prova vocale della Orlandi, la percussiva “Macumba” (e qui tocca alla Dell’Orso) e, infine “Toccata e samba”, ardito e riuscito mix tra Bach e la samba, appunto. Come ricorda lo stesso Scattini in un’intervista: «Credo in assoluto sia tra le più belle musiche scritte da Piero. Un misto di musica d’ambiente, bossa e samba, non per sottolineare o accompagnare le scene, a volte crude e violente, ma per portare lo spettatore a vivere le stesse sensazioni o emozioni che avevo provato io nel girarle».