Angeli di desolazione

Jack Kerouac

Traduttore: M. De Cristofaro
Editore: Mondadori
Edizione: 8
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 416 p.
  • EAN: 9788804450993
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    pavel

    11/07/2013 15:31:49

    IL SUONO DEL SILENZIO E'TUTTO L'INSEGNAMENTO CHE AVRAI. Una delle tante poesie che si trovano nella prima parte del libro .A mio giudizio la piu' significativa ! Un altro capolavoro scritto e vissuto in prima persona..

  • User Icon

    francesco pancanti

    12/12/2011 05:24:08

    Angeli di desolazione è un capolavoro

  • User Icon

    Carmine

    03/06/2010 11:58:56

    dp i precedenti di sulla strada, i vagabondi del dharma e i sotterranei, ke mi sn piaciuti tanto (un pò meno i vagabondi dd),angeli di desolazione è un a vera e prp desolazione! l'ho iniziato da poko e, per quanto possa amare kerouac e il suo genere,ho finito la prima parte con la voglia perenne di chiudere il libro. Pesante, solite cose e profondità che sfocia nella banalità..2 per fiducia nel continuo!

  • User Icon

    domenico

    30/01/2008 17:06:54

    Geniale nella parte iniziale, come geniale è stata la vita di Kerouac. Per il resto l'ho trovato un po' pesante, talvolta ermetico. Non è certamente a livello di Sulla strada o Vagabondi del Dharma. Il suo maggior difetto è quello di non dire nulla di nuovo.

  • User Icon

    sandro landonio

    14/07/2007 22:29:01

    Vi sono raccontate le vicende della miriade di amici beat che ruotano intorno al protagonista, ormai avviato verso una depressione cronica, nonostante la sua immensa voglia di vivere. L'esperienza di solitudine per due mesi in montagna sembra aver catalizzato qualcosa; nel libro di Carolyn Cassady si legge: "ma come può Jack andare in montagna? E' il tipo di persona capace di sentirsi sola in una folla". Ed infatti rientra nella sua vita sociale e sceglie l'autodistruzione con l'alcool e la droga. I viaggi in Europa ed Africa sono un pallido tentativo di svincolarsi dalla morsa della melanconia. Ormai gli é chiaro la scelta buddista non dà nella pratica di vita, tutte quelle positività, tutto quel distacco dalle cose che Kerouac si aspettava. Troppo prolisso per piacervi se é la vostra prima lettura del nostro.

  • User Icon

    Nioski

    22/06/2006 20:05:34

    Non fraintendetemi: Kerouac è tra i miei preferiti di ogni tempo, ma questo libro è davvero troppo pesante. Può interessare solo (in alcuni brani) chi è già amante dell'autore e/o del "genere" ""beat"".

  • User Icon

    luca bidoli

    01/06/2006 00:39:05

    Il titolo, il titolo è spendido, un voto massimo, totale, assoluto e assolutorio. Il libro l'ho avuto tra le mani, parecchie volte, l'ho annusato, come un cane, gli ho accarezzato il pelo, l'ho visto scodinzolarmi di piacere e di desiderio. Ma,lette alcune pagine, in caratteri piccolissimi, oscar modadori anni settanta o sù di lì, l'impressione era quella di una desolazione troppo desolata che non raggiungeva che una ristretta zona epidermica. Poca polenta, insomma, come era solito dire ( e scrivere) Bobi Bazlen. Ma è chiaro, si tratta di una mia difficoltà, di una mia reticenza, mica di Jack.

  • User Icon

    Andrea

    04/02/2006 02:29:45

    Uno dei piu' bei libri in assoluto del grandissimo Jack. Purtroppo o per fortuna si presta poco come primo approccio all'opera di questo straordinario scrittore. Personalmente ho letto questo libro avendo alle spalle una buona conoscenza dei lavori di Kerouac (dopo sulla strada, vagabondi del dharma, sotterranei, big sur ad altri, in tutto una decina) e una volta letto Angeli e' diventato uno dei miei preferiti. Quindi non abbiate fretta di buttarvi a capofitto tra queste meravigliose pagine ma sappiate che vale davvero la pena avere il libro sempre a portata di mano. "VIVIAMO PER DESIDERARE - ALLORA IO DESIDERERO'- E SCENDERO' BALZELLONI DA QUESTA MONTAGNA SAPENDO TUTTO A MENADITO O NON SAPENDO NULLA A MENADITO - PIENO DI SPLENDIDA IGNORANZA - PROTESO VERSO ALTRI LUCCICHII ALTROVE..."

  • User Icon

    Mario

    28/10/2005 01:04:28

    Pesantezza???ma nn c avete capito niente del grande Jack...ANGELI DI DESOLAZIONE è un grande capolavoro,fatto d1forte analisi intropsettiva di se stesso e della natura incontaminata che lo circonda...è inoltre stupenda la descrizione del suo periodo di totale solitudine sul picco della montagna come guardiaboschi!!!E'un libro solo per veri intenditori!!!

  • User Icon

    Manouche

    12/12/2004 20:39:25

    Sono d'accordo con Chiara, un libro di una pesantezza pazzesca, assolutamente poco originale. Ho letto anche altri libri di Kerouac (I vagabondi del Dharma, i sotterranei ecc..), ma di questo ne salvo solo la prima parte sulla montagna. E' un libro per chi è già allenato, se volete conoscere Kerouac, non cominciate con questo....

  • User Icon

    Chiara

    23/07/2004 21:29:30

    Purtroppo, caro Andrea, questo è stato il primo libro di Kerouac da me letto. E di sicuro anche l'ultimo. L'ho trovato terrificante. Un testo di rara pesantezza, che non esprime niente di niente. Come ha fatto Salvatores a rendergli omaggio in MARRAKECH EXPRESS, proprio non lo so... Esperienza da non ripetere.

  • User Icon

    ANDREA

    09/04/2004 22:58:43

    In assoluto, secondo il mio modesto parere, il miglior libro del grande Jack, da andare però a scoprire avendo alle spalle una buona conoscenza delle altre opere dell'autore.. (vedi I SOTTERRANEI, BIG SUR, I VAGABONDI DEL DHARMA, ovviamente SULLA STRADA) Attimi di assoluta poesia nelle riflessioni zen sulla montagna, ma anche nella 2a parte del "ritorno alla civilta'"... NON PERDETEVELO!!!!

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione