Categorie
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 189 p., Brossura
  • EAN: 9788807882876

30° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Reportage e raccolte giornalistiche

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enrico

    31/12/2016 12.45.27

    Chi vuole aggiungere ancora un piccolo tassello per la conoscenza dei disgraziati abitanti del nostro splendido (geograficamente) paese, è bene che legga anche questo breve racconto. Non dà risposte ma offrre il suo contributo per immaginare uno dei motivi per il quale i nativi di questa Italia non riescono ad avere un idea univoca, almeno al 70%, dei fatti che li interessano e sui comportamenti da tenere. Deve pur esserci un motivo perché siamo divisi con idee opposte circa al 50%, praticamente su tutto e con tutte le conseguenti sfumature tendenti su una delle due parti . Popoli molto più giovani del nostro, dal punto di vista della civiltà, riescono ad avere comportamenti quasi univoci almeno per i concetti di vita fondamentali. Insomma questo libro dovrebbe essere letto nelle scuole ed assolutamente fino all'ultima sua pagina dove secondo me si possono formulare complete conclusioni sui suoi contenuti.

  • User Icon

    enza

    10/10/2016 13.43.53

    Una grande delusione; solo un susseguirsi di nomi di località, di fiumi, di paesi, per la maggior parte a noi sconosciuti e senza mai entrare nel personaggio di Annibile. Non è un libro storico non è una biografia, e allora cos'è?????

  • User Icon

    boc59

    15/07/2016 18.36.46

    A me è piaciuto. Escursionismo storico sulle tracce di eventi di oltre 2200 anni fa. Come base di partenza i labili reportages di Polibio. Rumiz ripercorre vecchie vie di comunicazione alla ricerca di un fantasma. Nel frattempo, da buon escursionista, sosta in locande e ostelli assaporando cibi, annusando odori, ammirando colori. Riflette sulla portata degli eventi della spedizione di Annibale e su ciò che ne è rimasto. Conosce luoghi e persone. Un diario di viaggio. Certo, la realtà è sempre troppo cruda: probabilmente Annibale era molto peggio di Hitler. Ma apprezzo la poesia di Rumiz. Anche se gli eventi di cui segue le tracce sono in pratica delle tremende carneficine a noi che viviamo in momenti pacifici (sperando che durino) viene da osservarli con sbigottimento rimanendone anche ammaliati.

  • User Icon

    alida airaghi

    07/09/2014 10.17.29

    Paolo Rumiz non è solo un ottimo giornalista, indagatore di luoghi e di storie, e di storie che si intrecciano a luoghi: ma è anche un bravo, intrigante scrittore, e un abilissimo affabulatore. Con queste qualità ha saputo comporre un affresco descrittivo sul condottiero cartaginese Annibale, sfruttando fonti classiche (Polibio in primis) e profonde conoscenze geografiche, mitologiche, sociologiche, animato da un'indomabile passione per la ricerca e la ricostruzione di avvenimenti e personaggi pubblici e privati. Così è riuscito a seguire tutto il tragitto che nel 218 a.C. Annibale percorse, con novantamila uomini, dodicimila cavalli e decine di elefanti, per arrivare in Italia. "Cerco di immaginare questa massa in movimento, il polverone che solleva, l'odore che lascia, il rumore che fa. I bagagli, le scarpe, i vestiti, il foraggio". E noi lettori immaginiamo con l'autore, riflettendo sulle sue considerazioni, sui paralleli che suggerisce tra l'attualità e il passato remoto, reso infine più vicino e familiare. Nel maggio del 2007 Rumiz rimane folgorato da questo temerario e avventuroso progetto: cimentarsi con il mito di Annibale, ripercorrendo le stesse strade tortuose, attraverso montagne, corsi d'acqua e paludi; cercando di recuperare tracce ormai inesistenti, interrogando chiunque incontri (archeologi, contadini, osti, ricercatori dilettanti, professori universitari...). Parte quindi da Cartagena, in Spagna, munito di uno zaino e qualche mappa. Attraversa la Francia meridionale, varca le Alpi, visita i luoghi delle battaglie più cruente e vittoriose del generale cartaginese, scopre che in duemila anni città e fiumi si sono spostati o sono stati cancellati, che la carneficina di Canne forse non è stata combattuta a Canne, che Annibale non è stato solo storia, ma mito, leggenda, epos, meteora incendiaria polverizzata dal suo stesso odio contro il potere imperialista e corrotto di Roma. Ci coinvolge e appassiona, insegnandoci tante cose.

  • User Icon

    susanna

    10/05/2014 00.35.28

    Bellissimo, coinvolgente e molto attuale. Un viaggio nella memoria di un nostro passato solo apparentemente lontano, un racconto di un Mediterraneo crocevia di culture e scoperte, ripercorso dall'autore sulle tracce di un grande viaggiatore del passato da cui provengono tante delle nostre radici.

  • User Icon

    dublino80

    03/02/2013 19.29.50

    Un libro semplicimente meraviglioso. Onirico sensuale bellissimo. Mi ha fatto tanto riflettere su luoghi un tempo cosi belli, ombelico del mondo ed ora desolati ed abbandonati. Amo i libri di viaggi, rumiz come terzani mi fa viaggiare leggendo, grande emozione sentiti complimenti all'autore. frase: Forse Annibale è solo una scusa per ascoltare l'imperativo categorico scolpito nel nostro dna di nomadi repressi: Viaggiare.

  • User Icon

    Michele

    11/10/2011 11.00.32

    Gran bel libro...come tutti i libri di Rumiz! Un viaggio...forse Il Viaggio! Un grande condottiero e il suo viaggio lungo una vita, un superbo stratega...forse un visionario, raccontato in maniera efficace, semplice ma esaustiva, rispettando il personaggio e la sua grandezza...semplicemente straordinario!

  • User Icon

    ivano

    21/02/2010 15.15.14

    I libri di Rumiz sono sempre un condensato di sapienza, intelligenza, umorismo e soprattutto ti aprono la mente come solo un viaggio nel tempo e nello spazio ti sanno dare. Da leggere e meditare.

  • User Icon

    pasquale

    26/06/2009 01.14.39

    Decisamente un buon libro anche se mi aspettavo piu' un saggio storico che un reportage di viaggio. La figura di Annibale e' affascinantissima e penso che non mi fermero' a questo libro. Voto 4-

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    19/05/2009 12.40.13

    Uno spunto di riflessione lanciato da queste pagine: come mai, a distanza di millenni, il ricordo di Annibale e del suo passaggio è ancora così presente nella memoria, nella toponomastica come nelle tradizioni, ben più di quello di Scipione? Scipione è stato il John Connor, cresciuto ed addestrato per sconfiggere questo invincibile Terminator africano.....ma la saga che ne è nata è legata al nome ed alle imprese del Cartaginese, non a quello del Romano. Uno dei compagni di viaggio di Rumiz è il professor Giovanni Brizzi, "l'uomo che voleva essere Annibale"; (la bibliografia di Brizzi è eloquente, nel merito di questa sua passione!). Ma esiste un uomo "che voglia essere Scipione"?

  • User Icon

    benedetto

    28/02/2009 08.18.05

    Luigi, grazie. "[...] perche' negli italiani di oggi non e' rimasto nulla della romanita'? Perche' la piu' grande classe dirigente del mondo antico e' scomparsa nel nulla senza lasciare eredi? Che cosa ha cancellato quell'ineguagliabile senso della res publica che segno' Roma ai tempi di Annibale?" l'autore s'imbarca in un viaggio alla ricerca di annibale. partendo dalla spagna, luogo di sbarco in europa, seguendo il lungo lento cammino fino alle mura di roma, e poi indietro per difendere cartagine da scipione e infine gli ultimi anni. questo e' un libro di correzione della storia ufficiale e scolastica di ispirazione fascista che tutti abbiamo un po' subito. annibale e' uno dei casi piu' gravi di manipolazione, che in realta' gia' inizia ai tempi dei romani stessi, gia' allora la propaganda era fondamentale ma poi diventa vero crimine storico all'epoca fascista, quando si fa di annibale un nero africano che osa attaccare roma e paga per questo. questo libro cerca in modo meticoloso e paziente, km dopo km, visto che e' comunque anche un libro di viaggio, di raccontare la vera storia, trovare la vera Canne, ricordarci che l'impero romano era basato sulla tolleranza, sulla accoglienza, le divinita' dei vinti erano accettate tra i mani romani, e non membri delle popolazioni sottomesse potevano divenire persino senatori ecc. ci sono 2 passaggi un po' fastidiosi e ambigui dove si cita l'iraq, e l'autore sembra dire: se fossero stati i romani a invadere l'iraq le cose non sarebbero andare cosi' come sono andate. "La leadership era fatta solo di legioni, ma di strade, ponti, sicurezza e la sua auctoritas mai avrebbe consentito anarchie di tipo iracheno dopo una vittoria militare" quest'affermazione e' veramente scollegata dal resto del libro e non se ne vede il ruolo nel contesto; si vede che l'autore sentiva il bisogno di fare quest'affermazione che ci lascia veramente basiti a grattarci la testa con il pensiero "ma ke k...???" cosa c'entra l'iraq? cos'e' un consiglio strategico per obama?

  • User Icon

    boristene

    26/01/2009 21.38.20

    Gran bel libro! Rumiz ci trascina in questo mitico viaggio, tra le regioni del Mediterraneo, in compagnia di un grande mito e ci fa scoprire aspetti poco noti e poco scolastici del grande condottiero.L'ho letto in un giorno ed alcuni passi li ho anche riletti. Il viaggio è sogno e Rumiz ci fa sognare. Era da molto tempo che non mi capitava di farmi catturare e di riconoscermi così a fondo nella sensibilità e nei giudizi di chi scrive. Alcune intuizioni sono particolarmente felici. Mi vien da dire che non c'è da stupirsi della grandezza di Roma antica sapendo che si è forgiata contro sifatti nemici.

  • User Icon

    Deb

    21/01/2009 14.22.25

    Bellissima idea...raccontare il Mediterraneo di oggi seguendo le tracce di un'impresa antica. Annibale diventa il protagonista di tante storie, del passato e dell'Italia di oggi, dell'Europa e dell'Africa che si guardano, ora come allora, del nostro Sud...da incanto della natura a terra depredata. Non un libro di Storia, ma un libro sulla Storia e sugli uomini, sui viaggi, sulla curiosità di sapere. Rumiz segue le tracce di Annibale, dalla Spagna a Istanbul...e il racconto del suo viaggio e delle sue scoperte si legge d'un fiato, diventa sempre più appassionante, ci lascia con un gran desiderio di ripercorrerlo. E con un pò di nostalgia per il mondo antico.

  • User Icon

    Davide85

    18/10/2008 12.03.35

    un ottimo libro:coniuga perfettamente la storia con l'attualità. Viene voglia di ripercorrere le tappe del viaggio di Annibale...

  • User Icon

    manuela

    28/09/2008 16.41.01

    Mi è piaciuto moltissimo,veramente un libro di alto livello.Sono splendide le descrizioni dei paesaggi mediterranei.Ottima l'idea di concepire un tale viaggio. Viene voglia di farlo!

  • User Icon

    gianluca guidomei

    14/09/2008 00.53.52

    "Radici cristiane dell' Occidente? Prima delle radici cristiane ci furono le radici greche e romane, fondamento di un concetto di governo basato sul concetto di ius e sulla responsabilità che parte dal basso. Un' idea che fu semmai scardinata dal Cristianesimo, portatore di un' idea teocratica orientale che smantellava i legami trasversali fra élite e gettava i presupposti del culto della personalità, trasformando i capi supremi in unti dal signore". Mi ricorda qualcuno...Al di là di questo triste rimando alla attualità, Rumiz ha scritto un altro libro memorabile, dopo il bellissimo "La leggenda dei monti naviganti": un viaggio attraverso l' Europa e l' Africa mediterranea sulle tracce di quel grande condottiero che con la sua abilità osò sfidare Roma, vincendo le battaglie, ma perdendo la guerra. Pensate che Annibale fu l' uomo che mostrò ai romani quanto fosse forte e coeso il controllo sul loro territorio, come i vari popoli cosiddetti italici non si sollevassero contro il potere centrale e da questa "scoperta" nacque l' avventura dell' Impero Romano. Il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge...

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione